Filmografia. Sguardi sul tema della disabilità.

Inauguriamo questa nuova rubrica con una raccolta di opere che in modo diverso e a vario titolo aprono uno squarcio sul mondo della disabilità e di chi la vive.

Una raccolta di film, in ordine di età consigliata per la visione, per renderne più semplice la fruizione. 

Come vedrete non sono film per bambini piccoli, anche quando portano rating "T" (ovvero "per tutti" secondo la classificazione italiana) sia per la complessità dei temi trattati, sia per le modalità di narrazione: la maggior parte di questi titoli è consigliata per un pubblico adolescente e comunque sempre per una visione accompagnata, che è poi lo spirito che anima le proposte contenute nelle Filmografie dell'Officina. 

In fondo, nella sezione "anteprime", troverete dei titoli in uscita in questi giorni al Cinema.


Rating T

AAA Achille
Regia: Giovanni Albanese. Interpreti: Sergio Rubini, Paolo Bonacelli, Loris Pazienza, Hélène Sevaux, Giusi Cataldo, Lucia Vasini - Italia, 2001 - Commedia, 88'
Rating: T 
Achille è un bambino pugliese, orfano di padre, afflitto da una grave forma di balbuzie. La famiglia tenta ogni strada per risolvere il fastidioso problema, senza alcun esito. Un giorno lo zio Ciro, medico e figura di spicco della famiglia, lo porta a 'Villa Agorà', una clinica estiva diretta dal dottor Aglieri, un furfante che, tuttavia, ha inventato un suo metodo che sembra avere successo: quello del canto-parlato che consiste nel far parlare i pazienti modulando la voce a mo' di cantilena. Vincitore del Grifone d'Oro al Giffoni Film Festival 2003.

Amy (Amy on the Lips)
Regia di Vincent McEveety. Interpreti: Jenny Agutter, Margaret O'Brien, Barry Newman – USA, 1981 – Drammatico, 100' 
Rating: T
Siamo agli inizi del XX secolo, la protagonista è una signora che alla morte del figlio, affetto da sordità, lascia la sua comoda posizione di agiata casalinga per mettersi a insegnare in una scuola di bambini disabili (che all'epoca erano molto rare). Basato su fatti autentici. 

Come ogni giorno
Regia: Pietro Porro. Interpreti: Elena Pietroni, Andrea Coppolino, Cristian Marson – Italia, 2008 – Documentario, 50'
Rating: T
Prodotto da Briantea84 e vincitore della Guirlande d'Honneur, ovvero il primo premio, del Festival Internazionale del cinema sportivo "Sport movies & tv 2008" per la categoria Reportage questo documentario affronta un tema molto sensibile come la disabilità. Ma lo fa in maniera non retorica, attraverso la lente dello sport che facilita l'incontro, lo scambio e insegna a capire e conoscere l'altro, la sua quotidianità, la vita che scorre indipendentemente da ogni barriera.

Il giardino segreto (The Secret Garden)
Regia: Agnieszka Holland. Interpreti: Maggie Smith, Kate Maberly, Heydon Prowse, Andrew Knott, John Lynch – USA, 1993 – Drammatico, 101' 
Rating: T
Figlia di inglesi residenti in India, Mary viene ospitata, dopo la morte dei genitori, nel maniero di uno zio. Questi, vedovo, ha un figlio infermo che vive recluso nella propria stanza. Mary scopre un giardino segreto e, con l'aiuto di un contadinello, riesce a coinvolgere nelle sue scorribande in questo giardino il cuginetto, che così guarisce dalla sua malattia.

Il piccolo grande mago dei videogames (The Wizard)
Regia Todd Holland. Interpreti: Christian Slater, Fred Savage, Jenny Lewis, Beau Bridges, Luke Edwards - USA ,1989 – Commedia, 94' 
Rating: T
Jimmy e Corey sono due fratelli di nove e tredici anni. Dopo la separazione dei genitori Jimmy fugge da casa. Corey parte alla sua ricerca ricordandosi che il fratello pronunciava sempre la parola California. Sulla strada incontra Haley, un ragazzo che lo aiuta a superare alcune difficoltà. Ritrovato Jimmy, scoprono che è un asso dei videogiochi. Insieme partono per Los Angeles dove si tiene il campionato nazionale. 

Le chiavi di casa
Regia: Gianni Amelio. Interpreti: Kim Rossi Stuart, Charlotte Rampling, Alla Faerovich, Pierfrancesco Favino, Manuel Katzy - Italia, Francia, Germania, 2004 – Drammatico, 105' 
Rating: T
Gianni, un uomo giovane, un uomo come tanti, dopo anni di rifiuto, incontra per la prima volta, su un treno che va a Berlino, suo figlio Paolo, quindicenne con gravi problemi, ma generoso, allegro, esuberante. Il film è la storia di una felicità inaspettata e fragile: conoscersi e scoprirsi lontani da casa. Il loro soggiorno in Germania e poi un imprevisto viaggio in Norvegia fanno nascere tra i due un rapporto fatto di scontri, di scoperte, di misteri, di allegria.

Perdiamoci di vista!
Regia di Carlo Verdone. Interpreti: Carlo Verdone, Asia Argento, Aldo Maccione, Angelo Bernabucci, Mariangela Giordano – Italia, 1994 – Commedia, 113' 
Rating: T
Gepy Fuxas conduce una trasmissione televisiva basata sul racconto in diretta, da parte dei protagonisti, delle loro sventure esistenziali. Un giorno una ragazza handicappata, ospite della trasmissione, lo accusa in diretta di strumentalizzare le disgrazie altrui. Il programma precipita e Gepy perde il posto. Proprio la ragazza lo va a cercare e con la sua amicizia ne risveglia l'umanità.

Rosso come il cielo 
Regia: Cristiano Bortone. Interpreti: Luca Capriotti, Paolo Sassanelli, Marco Cocci, Simone Colombari, Rosanna Gentili - Italia, 2005 - Drammatico, 96' 
Rating: T
Il film si ispira alla vita di Mirco Mencacci, non vedente, grande tecnico del suono del cinema italiano. La storia ha inizio nel 1970 in un piccolo paese della Toscana. Qui vive Mirco, un bambino di 10 anni intelligente e vivace, appassionato di cinema che, in seguito ad un incidente domestico, perde la vista. Mirco ha difficoltà nell'accettare la sua nuova condizione. Per lui si apre uno spiraglio solo quando trova in un armadio un vecchio registratore a bobine. 


Rating PG

Elling
Regia: Petter Naess. Interpreti: Christian Ellefsen, Sven Nordin, Marit Pia Jacobsen, Jørgen Langhelle – Norvegia, 2001 – Commedia, 89'
Rating: PG
Dopo due anni di clinica psichiatrica, Elling e Kjell si ritrovano a condividere l'esperienza di tornare al mondo reale; viene loro assegnato un piccolo appartamento e un assistente sociale, e da quel momento devono imparare a fare quelle cose normali che tutte le persone normali fanno: telefonare, uscire, incontrare gente, fare la spesa. Ma per loro è tutto nuovo, tutto difficile, ogni gesto banale è una sfida e un ostacolo da superare. Con volontà e coraggio, tra impacci e insicurezze, a volte aiutandosi a volte bisticciando, riusciranno a tornare nel mondo reale.

Gaby, una storia vera (Gaby a True Story)
Regia: Luis Mandoki. Interpreti: Robert Loggia, Liv Ullmann, Norma Aleandro, Rachel Levin, Robert Beltran - USA, Messico 1987 – Drammatico, 110'
Rating: PG
Siamo a Città del Messico. Il film racconta la storia vera di Gaby Brimmer. Gaby nasce affetta da una paralisi cerebrale che le causa un grave handicap fisico: non può parlare, né camminare, né muovere le mani. Comunica muovendo soltanto il piede sinistro. Eppure, a dispetto di tutto, nel 1979 Gaby diventa un caso letterario, scrivendo un libro su una macchina da scrivere elettrica col solo aiuto del piede sinistro.

Il valore di esistere
Regia: Umberto Lucarelli. – Italia, 2010 – Documentario, 30'
Rating: PG
Il valore di esistere lo abbiamo costruito poco per volta, partendo dalle interviste ai genitori dei ragazzi disabili. I materiali erano i loro racconti, e sul piano visivo i loro volti. Colpisce il rapporto di trasparenza tra le loro storie e i loro sguardi. L'intelligenza e la profondità, con le quali hanno saputo affrontare e narrare ciò che per altri sarebbe stata una "disgrazia", si sono depositate sui loro volti.

L'ottavo giorno (Le huitième jour)
Regia: Pascal Van Dormael. Interpreti: Miou-Miou, Daniel Auteuil, Pascal Duquenne - Francia, 1996 - Drammatico, 118' 
Rating: PG 
Il film racconta la storia dell'incontro tra Georges, un ragazzo down da un cuore grande pieno di bontà, recluso nel suo istituto senza ricevere la visita di un parente o di un amico decide di fuggire per riabbracciare la madre avendo dimenticato in realtà che lei è morta già da quattro anni, ed Harry, un manager stressato e divorziato. Le loro strade si incroceranno ed entrambi diventeranno fantastici amici e Georges farà capire ad Harry il senso della vita e le meraviglie del mondo. L'incontro cambierà le loro vite, ma ad un caro prezzo. Premio per la migliore interpretazione maschile al 49° Festival di Cannes ai due attori protagonisti Daniel Auteuil e Pascal Duquenne.

Marianna Ucria
Regia: Roberto Faenza. Interpreti: Emmanuelle Laborit, Laura Morante, Roberto Herlitzka, Philippe Noiret – Italia, 1997 – Drammatico, 108'
Rating: PG
Una famiglia palermitana, gli Ucría, è depositaria di un orribile segreto. Sordomuta sin dalla più tenera età, Marianna Ucría è chiusa nel suo universo ricco di emozioni, tensioni, intelligenza. La famiglia, troppo repressiva le ha negato la gioia dell'amore. Contando solo su se stessa, Marianna riuscirà a rompere quello che sembrava un ineluttabile destino di sottomissione. Scoprirà da sola la terribile verità che le avevano taciuto sin dall'infanzia. Dal romanzo La lunga vita di Marianna Ucrìa (1990) di Dacia Maraini. Vincitore di 3 David di Donatello.

Pauline & Paulette
Regia: Livien Bebrauwer. Interpreti: Dora van der Groen, Ann Petersen, Rosemarie Bergmans, Julienne De Bruyn, Idwig Stéphane - Belgio, Francia 2001 – Drammatico, 78' 
Rating: PG
Pauline è una bambina di 66 anni. Non sa né leggere né scrivere e parla con qualche incertezza. Vive in un paesino belga. È Martha, la sorella maggiore, che si prende cura di lei dopo la morte dei genitori. Un giorno Martha muore e lascia una disposizione testamentaria: il ricavato della vendita della sua abitazione e la sua eredità andranno a quella delle due sorelle rimaste che si occuperà di Pauline.

Quasi amici (Intouchables)
Regia: Olivier Nakache, Eric Toledano. Interpreti: François Cluzet, Omar Sy, Anne Le Ny, Clotilde Mollet, Audrey Fleurot – Francia, 2011 - Commedia, 112' 
Rating: PG 
La vita derelitta di Driss, tra carcere, ricerca di sussidi statali e un rapporto non facile con la famiglia, subisce un'impennata quando, a sorpresa, il miliardario paraplegico Philippe lo sceglie come proprio aiutante personale. Incaricato di stargli sempre accanto per spostarlo, lavarlo, aiutarlo nella fisioterapia e via dicendo Driss non tiene a freno la sua personalità poco austera e contenuta. Diventa così l'elemento perturbatore in un ordine alto borghese fatto di regole e paletti, un portatore sano di vitalità e scurrilità che stringe un legame di sincera amicizia con il suo superiore, cambiandogli in meglio la vita. Il film è ispirato alla vera storia del tetraplegico Philippe Pozzo di Borgo (autore di Le Second Souffle) e del suo aiutante domestico Yasmin Abdel Sellou.

Rain Main
Regia: Barry Levinson. Interpreti: Tom Cruise, Dustin Hoffman, Valeria Golino, Gerald R. Molen, Michael D. Roberts - USA, 1988 - Drammatico, 140' 
Rating: PG
Charlie, un giovane commerciante di auto di lusso, apprende con la morte di suo padre, che l'unico erede dell'immenso patrimonio familiare è suo fratello maggiore Raymond, un uomo affetto da autismo di cui ignorava l'esistenza. Oscar al miglior film, miglior regia a Barry Levinson, miglior attore protagonista a Dustin Hoffman, miglior sceneggiatura originale.

Sarahsarà
Regia: Renzo Martinelli. Interpreti: Giulio Brogi, Lucio Allocca, Kim Engelbrecht, Ciro Esposito, Denise Newman – Italia, 1994 – Commedia, 110'
Rating: PG
Film ispirato alla storia della sudanese Gadalla Gubara, ma qui è Sarah la protagonista, ragazzina sudafricana con una malformazione alla gamba, spinta anche dai genitori, diventa un'abile nuotatrice. Aiutata anche dal suo allenatore si iscrive alla traversata Capri-Napoli, trentacinque chilometri a nuoto, dove Sarah arriva seconda.

Si può fare
Regia: Giulio Manfredonia. Interpreti : Claudio Bisio, Anita Caprioli, Giuseppe Battiston, Giorgio Colangeli, Bebo Storti – Italia, 2008 - Commedia, 111' 
Rating: PG
Milano, primi anni '80. Nello è un sindacalista dalle idee troppo avanzate per il suo tempo. Ritenuto scomodo all'interno del sindacato viene allontanato e "retrocesso" al ruolo di direttore della Cooperativa 180, un'associazione di malati di mente liberati dalla legge Basaglia e impegnati in (inutili) attività assistenziali. Trovandosi a stretto contatto con i suoi nuovi dipendenti e scovate in ognuno di loro delle potenzialità, decide di umanizzarli coinvolgendoli in un lavoro di squadra. Andando contro lo scetticismo del medico psichiatra che li ha in cura, Nello integra nel mercato i soci della Cooperativa con un'attività innovativa e produttiva. 

Temple Grandin. Una donna straordinaria 
Regia. Mick Jackson. Interpreti: Claire Danes, Catherine O'Hara, Julia Ormond, Stephanie Faracy, David Strathairn – USA, 2010 – Drammatico, 103' 
Rating: PG
Anni 60: Temple Grandin visita la fattoria della zia. La ragazza è affetta da autismo, ma la sua mente matematica trova immediatamente applicazioni pratiche nel ranch. Escogita inoltre una soluzione alla sua impossibilità di essere toccata: ispirandosi alle leve utilizzate per tenere fermi i bovini, costruisce una "macchina degli abbracci"…

Ti voglio bene Eugenio 
Regia di Francisco José Fernandez. Interpreti: Giuliana De Sio, Giancarlo Giannini, Jacques Perrin, Chiara De Bonis, Arnoldo Foà – Italia, 2002 – Drammatico, 100'
Rating: PG
Laura è coinvolta in un brutto incidente automobilistico. Entra in coma e ne esce con tutti i problemi relativi: grande trauma generale, nessuna voglia di impegnarsi nella rieducazione. In ospedale c'è un volontario molto particolare, Eugenio (Giannini). Particolare significa down. Entra in scena anche la madre della giovane Laura, Elena. Attraverso la storia di Eugenio, che viviamo nei dettagli con una serie di flashback, le due donne, che non avevano rapporti da tempo e quasi si detestano, torneranno a confrontarsi e forse ad essere madre e figlia. 

Un silenzio particolare
Regia: Stefano Rulli. Interpreti : Matteo Rulli, Stefano Rulli, Clara Sereni, Giorgio Arlorio, Monica Barranco –Italia, 2004 – Documentario, 75' 
Rating: PG
La storia di Matteo, ragazzo autistico, dei suoi genitori Clara e Stefano, e della loro decisione di creare "La città del Sole", un agriturismo dove ognuno trova la sua collocazione. Dalle immagini di Matteo piccolo, fino all'inaugurazione del progetto dei suoi genitori, il racconto di una difficile esperienza di vita, di bilanci, soddisfazioni e sofferenze. David di Donatello 2005, Miglior Documentario.


Rating: PG+13 

Adam 
Regia: Max Mayer. Interpreti: Hugh Dancy, Rose Byrne, Peter Gallagher, Amy Irving, Frankie Faison - USA, 2009 - Commedia, 99'
Rating: PG+13 
Adam è un ragazzo affetto dalla sindrome di Asperger, una particolare forma di autismo: benché ingegnere intelligentissimo e appassionato di astronomia, ha sempre vissuto un'esistenza da recluso. Tutto cambia quando conosce la nuova vicina di casa Beth, una giovane donna, scrittrice bella e vitale che non si è ancora ripresa da una relazione finita male e che lo trascina fuori dal suo mondo.

Al di là del silenzio (Jenseits der Stille)
Regia: Caroline Link. Interpreti : Tatjana Trieb, Sylvie Testud, Howle Seago, Emmanuelle Laborit, Sibylle Canonica – Germania, 1996 – Commedia, 109' 
Ratings: PG+13  
Lara, otto anni, fa da tramite tra i suoi genitori sordomuti e il mondo. Pur contrastata dal padre, scopre la propria vocazione per la musica. Coinvolgente film sulla tematica dell'handicap, con la musica come contrappunto del silenzio, sereno nonostante le pieghe drammatiche, senza pietismo.

Anna dei miracoli (The Miracle Worker)
Regia: Arthur Penn. Interpreti: Anne Bancroft, Patty Duke, Victor Jory, Inga Swenson - USA, 1962 - Drammatico, 107'
Rating: PG+13
Helen Keller è una bimba cieca e sordomuta, figlia di benestanti degli Stati del Sud di inizio secolo che la affidano a una educatrice alla prima esperienza. Lei, Anne Sullivan, era stata a sua volta rieducata in un istituto speciale. La piccola è scostante, astiosa, e stabilire un contatto con lei risulta un'impresa. Premio Oscar alla miglior attrice protagonista Anne Bancroft e non protagonista Patty Duke. 

Basta guardare il cielo (The Mighty)
Regia: Peter Chelsom. Interpreti: Kieran Culkin, Sharon Stone, Harry Dean Stanton, Elden Henson - USA, 1998 - Commedia, 100' 
Rating: PG+13
Kevin è afflitto da una malformazione congenita che lo costringe a camminare con le stampelle. Maxwell, invece, è solo grasso ma assai impacciato e deriso dai suoi compagni di scuola. Maxwell porta sulle spalle Kevin per fronteggiare i "cattivi": i due ragazzi uniscono le forze e diventano un tutt'uno, un corpo solo, come quei cavalieri della Tavola Rotonda.

Ben X 
Regia: Nic Balthazar. Interpreti: Greg Timmermans, Marijke Pinoy, Laura Verlinden, Pol Goossen, Titus De Voogdt - Belgio, Paesi Bassi, 2007 – Drammatico, 93' 
Rating: PG+13
Ben parla poco, socializza poco e ride poco, in compenso studia molto, pensa tanto ed è molto intelligente. Ben ha la sindrome di Asperger, va al liceo, è maltrattato dai bulli di turno, sogna una vita migliore che rimane confinata nei suoi pensieri perché, appunto, parla poco e del resto ha anche pochi se non nessun amico. Ma Ben è anche Ben X nel mondo virtuale del MMORPG (massive multiplayer online role playing game) a cui gioca, nel quale è un guerriero con punteggio altissimo In quel mondo Ben X conosce Scarlite, ragazza con cui stabilisce un legame che potrebbe diventare anche reale visto che lei intuendo dei problemi decide di venirlo a trovare in treno. 

Buon compleanno, Mr. Grape (What's Eating Gilbert Grape)
Regia: Lasse Hallström. Interpreti: Juliette Lewis, Johnny Depp, Mary Steenburgen, Leonardo Di Caprio, Crispin Glover - USA, 1993 - Drammatico, 117' 
Rating: PG+13
Nella piccola città di Endora, nello Iowa, Gilbert Grape si occupa del fratellino Arnie quasi diciottenne il quale è mentalmente ritardato dalla nascita.

Figli di un dio minore (Children of a Lesser God)
Regia: Randa Haines. Interpreti: Piper Laurie, William Hurt, Marlee Matlin, Philip Bosco, Max Brown – USA, 1986 – Drammatico, 110'
Rating: PG+13
James Leeds, un giovane insegnante specializzato nel recupero di ragazzi sordomuti, arriva in un istituto gestito in maniera tradizionale. Sulle prime i suoi metodi piuttosto disinvolti sconcertano il preside, ma conquistano subito la simpatia dei ragazzi. Nell'istituto vive anche Sarah Norman, rimasta per vent'anni come donna delle pulizie, che sembra refrattaria a ogni disciplina di apprendimento. Sarah e James si innamorano, ma il loro rapporto non è facile. Tratto da un dramma teatrale di Mark Medoff, il film ha vinto l'Orso d'Argento a Berlino e per la Matlin, sordomuta anche nella vita, l'Oscar alla miglior attrice protagonista.

Henri 
Regia: Yolande Moreau. Interpreti: Pippo Delbono, Candy Ming, Jackie Berroyer, Simon André, Gwen Berrou - Francia, 2013 – Drammatico, 107' 
Rating: PG+13
Henri è un ristoratore belga , che perde la moglie e si ritrova ad affrontare la solitudine e la routine di una vita dedicata al proprio ristorante. Gli avventori del bar ristorante cercano di aiutarlo a superare questo momento e la figlia gli trova un'aiutante che possa dargli una mano nella gestione del locale. Si tratta di una ragazza con dei problemi mentali e che, per questo, vive in una comunità protetta, assieme ad altre persone con problemi simili. Ma Rosette desidera una vita normale: la libertà, gli amici, l'amore e trova così in Henri un punto di riferimento.

Il mio piede sinistro (My Left Foot)
Regia: Jim Sheridan. Interpreti : Brenda Fricker, Daniel Day-Lewis, Ruth McCabe, Cyril Cusack, Hugh O'Connor - Irlanda, 1989 - Drammatico, 103' 
Rating: PG+13
L'incredibile storia di Christy Brown, nato spastico e tetraplegico in una grande e povera famiglia irlandese, e per anni creduto ritardato. Ma grazie al controllo del piede sinistro e alla dedizione della madre e di un'insegnante, Christy non solo impara a comunicare, ma riesce a diventare uno straordinario poeta e pittore. Premio Oscar come protagonista a Daniel Day-Lewis e come attrice non protagonista a Brenda Fricker.

La stanza di Marvin (Marvin's Room)
Regia: Jerry Zaks. Interpreti: Diane Keaton, Robert De Niro, Hume Cronyn, Leonardo Di Caprio, Meryl Streep – USA, 1996 – Drammatico, 98'
Rating: PG+13
Marvin (L. Di Caprio) è il figlio primogenito di Lee con un grave disturbo mentale. Sua madre ha una sorella anziana, Bessie, che cura con grande affetto il padre colpito da ictus e una zia rimbambita. Quando Bessie scopre di avere la leucemia nonostante siano passati venti anni dall'ultima volta che ha visto sua sorella, le si rivolge per un trapianto di midollo osseo. Ci sarà così un riavvicinamento tra le sorelle grazie soprattutto alla presenza di Marvin.

Mi chiamo Sam (I am Sam)
Regia: Jessie Nelson. Interpreti: Sean Penn, Michelle Pfeiffer, Dianne Wiest, Dakota Fanning, Laura Dern – USA, 2001 – Drammatico, 132'
Rating: PG+13 
La storia di Sam Dawson (Sean Penn), un ragazzo ritardato il cui unico amore ed orgoglio è la figlia di sette anni Lucy Diamond. Quando le autorità minacciano di portargliela via per affidarla ad una famiglia "normale", Sam farà di tutto per tenerla con sé. Ad aiutarlo l'avvocato di successo Rita Harrison Williams (Michelle Pfeiffer) che prenderà a cuore il caso di Sam e lo affiancherà nella sua battaglia imparando dalla sua semplicità a mostrare senza paura i propri sentimenti.

Un sapore di ruggine e ossa (De rouille et d'os)
Regia: Jacques Audiard. Interpreti: Marion Cotillard, Matthias Schoenaerts, Armand Verdure, Céline Sallette, Corinne Masiero - Belgio, Francia 2012 - Drammatico, 120' 
Rating: PG+13 
Nel nord della Francia, Ali si ritrova improvvisamente sulle spalle Sam, il figlio di cinque anni che conosce appena. Senza un tetto né un soldo, i due trovano accoglienza a sud, ad Antibes, in casa della sorella di Alì. Tutto sembra andare subito meglio. Il giovane padre trova un lavoro come buttafuori in una discoteca e, una sera, conosce Stephane, bella e sicura, animatrice di uno spettacolo di orche marine. Una tragedia, però, rovescia presto la loro condizione.


Rating: VM.14

Lo scafandro e la farfalla (Le scaphandre et le papillon)
Regia: Julian Schnabel. Interpreti: Mathieu Amalric, Emmanuelle Seigner, Marie-Josée Croze, Anne Consigny, Patrick Chesnais - Francia, 2007 - Drammatico, 112' 
Rating: VM.14 
Jean-Dominique Bauby si risveglia dopo un lungo coma in un letto d'ospedale. È il caporedattore di 'Elle' e ha accusato un malore mentre era in auto con uno dei figli. Jean-Do scopre ora un'atroce verità: il suo cervello non ha più alcun collegamento con il sistema nervoso centrale. Il giornalista è totalmente paralizzato e ha perso l'uso della parola oltre a quello dell'occhio destro. Gli resta solo il sinistro per poter lentamente riprendere contatto con il mondo. Dinanzi a domande precise (ivi compresa la scelta delle lettere dell'alfabeto ordinate secondo un'apposita sequenza) potrà dire "sì" battendo una volta le ciglia oppure "no" battendole due volte. Con questo metodo riuscirà a dettare un libro che uscirà in Francia nel 1997 con il titolo che ora ha il film. Migliore regia a Julian Schnabel al Festival di Cannes.



Anteprime:

The Special Need
Regia: Carlo Zoratti. Interpreti: Alex Nazzi, Enea Gabino, Carlo Zoratti, Bruna Savorgnian, Carla Meneghin –
Germania, Italia, Austria 2013 – Commedia, 83'
Rating: PG+13
Enea ha trent'anni, un lavoro e una necessità speciale: fare (finalmente) l'amore. Un'impresa non facile per un ragazzo autistico, se non fosse che Enea ha anche due amici, Carlo e Alex, fermamente decisi ad aiutarlo. Basteranno un piccolo viaggio e una grande complicità tutta maschile per creare le giuste condizioni?


The Horse Boy
Regia: Michel O. Scott – USA, 2009 - Documentario, 93'
Rating: T
Michel Orion Scott racconta il viaggio compiuto da Rupert Isaacson e Kristin Neff, i genitori del piccolo Rowan, per curare il figlio. Un mese, nell'estate del 2007, insieme al loro bambino affetto da autismo, attraversando a cavallo tutta la Mongolia alla ricerca di un gruppo di sciamani, nella speranza che i loro riti e il contatto con la natura potessero aiutarlo a guarire da quella che oggi è una delle malattie più diffuse al mondo. E' il racconto di una "cura" cercata nel rapporto con gli animali e con la natura, fino in capo al mondo.


Pulce non c'è
Regia: Giuseppe Bonito. Interpreti: Pippo Delbono, Marina Massironi, Francesca Di Benedetto, Ludovica Falda, Piera Degli Esposti – Italia, 2012 – Drammatico, 97'
Rating: PG
Pulce ha nove anni, due occhioni accesi e ascolta solo il tango: non parla perché è autistica, ma questo non significa che non abbia niente da dire. Un giorno come tanti, viene portata via dalla sua famiglia senza troppe spiegazioni perché su suo padre grava un'accusa mostruosa. Attraverso lo sguardo divagante e trasognato della sorella Giovanna entriamo nella quotidianità di una famiglia anormale, con il suo lessico pensato per chi può solo parlare per immagini, il suo caos pieno di emergenza e amore. E senza retorica e senza patetismi esploriamo lo scontro tra mondo adulto e infanzia, tra malattia e normalità, tra rigidità delle istituzioni e legami affettivi.



Redazione Officina Genitori

Foto tratta dal film "Pulce non c'è"


Legenda "Rating"
T: il film è classificato come "per Tutti"
PG: si suggerisce una visione accompagnata dai genitori
PG + 13: si suggerisce visione accompagnata dai genitori, ad un pubblico sopra i 13 anni
VM 14: il fim è vietato ai minori di 14 anni 
Nell'attribuzione del rating della presente filmografia, si è tenuto conto del contenuto dei film cosí come della classificazione che gli stessi hanno ottenuto in Italia e all'estero.

Pin It
Accedi per commentare

Padri e Figlie istruzioni per l'uso

"[…] il cuore non deve appartenere al papà. Il cuore di una ragazza deve essere libero. Libero di diritto.
Guai a quei padri "idoli "che rendono impossibile un altro amore. Guai a quei padri così assillanti da impedire di vivere una vita propria. Guai infine a quei padri assenti che costringeranno la figlia a una ricerca lunga tutta una vita."

Leggi tutto...

Nazi Hunters. L'avventurosa cattura del criminale nazista Adolf Eichmann

Il Primo Ministro prese posizione dietro il podio. Nella stanza, tutti aspettavano in silenzio. In tono fermo e solenne annunciò: «Devo informare che recentemente i servizi segreti israeliani hanno catturato uno fra i maggiori criminali nazisti, Adolf Eichmann, responsabile insieme ad altri dirigenti nazisti di quello che essi stessi avevano definito "la soluzione finale del problema ebraico", cioè lo sterminio di sei milioni di ebrei europei. Adolf Eichmann si trova attualmente in carcere in Israele e presto sarà condotto in tribunale in conformità alla legge per i reati commessi dai nazisti e dai loro alleati». 

Neal Bascomb è giornalista, saggista e autore di molti bestseller per adulti, tra cui "Hunting Eichmann", dal quale è stata tratta la versione per ragazzi, intitolata appunto: "Nazi Hunters. L'avventurosa cattura del criminale nazista Adolf Eichmann."

Il libro descrive nei minimi dettagli e con dovizia di particolari quella che fu la cattura di Adolf Eichmann, capo del dipartimento IVB4, la divisione delle SS responsabile della "soluzione finale", che dopo la fine della seconda guerra mondiale partì dall'Italia per l'Argentina dove cominciò una nuova vita insieme alla sua famiglia.
Nonostante il suo tentativo di vivere una vita nell'anonimato per non farsi scoprire, verrà individuato, infatti, David Ben Gurion, primo ministro israeliano, decide di inviare in Argentina un gruppo scelto di spie del Mossad (servizi segreti israeliani) molte delle quali avevano perso familiari nei campi di concentramento, con il compito di catturare e trasportare a Gerusalemme, in assoluta segretezza, l'emblema dell'orrore dell'Olocausto. Lì sarà oggetto di uno dei più importanti e significativi processi contro i crimini perpetuati dai nazisti. 

Il 27 gennaio 1945 è la data in cui le truppe sovietiche arrivarono ad Auschwitz, scoprendo l'omonimo campo di concentramento, cinquantacinque anni dopo, nel 2000, è stata scelta questa data per commemorare ogni anno le vittime del nazismo.

Il libro di Bascomb mette in evidenza due aspetti che raramente vengono toccati quando si parla di antisemitismo ai ragazzi: il primo e alquanto intuitivo, è che la fine della seconda guerra mondiale non ha significato la fine dell'ideologia nazista che anzi ha continuato a serpeggiare sia tra chi aveva vissuto la guerra così come tra i giovani, nei paesi europei come in quelli oltre oceano.
Un esempio è l'Argentina: simpatizzante nazista che è uscita dalla sua neutralità politica e si è schierata con gli Alleati solo poco prima della fine della guerra, quando oramai era chiaro che le potenze dell'Asse sarebbero state sconfitte. Il suo appoggio agli Alleati è stata una scelta politica intelligente e durante gli anni dopo la fine della guerra ha aiutato diversi esponenti del partito nazista a nascondersi cambiando identità.
Per questo motivo, la cattura di Eichmann da parte del Mossad è stata un'operazione molto rischiosa da svolgere in completa segretezza.

Il secondo aspetto è l'importanza che ha avuto per il popolo ebraico e il neonato stato di Israele il processo a Eichmann. L'autore infatti scrive: "il processo si rivelò quasi più importante nel campo dell'educazione che in quello della giustizia" perché per la prima volta, dopo il processo di Norimberga, permise ai sopravvissuti di parlare apertamente delle loro esperienze. Fu un processo di educazione per i ragazzi che dovevano conoscere ciò che era stato fatto al popolo ebraico e contemporaneamente Israele legittimava così la nascita del paese, che assumeva quindi il vessillo del rifugio di tutte le vittime del genocidio che era stato commesso.

autore: Neal Bascomb

editore: Giunti editore

Io mangio come voi

63 ricette gustose per mangiare bene da 6 mesi a 99 anni

Dai 6 mesi i bimbi iniziano ad assaggiare il cibo dei grandi, ma con omogeneizzati e minestrine non sempre lo fanno con piacere. Perché non iniziare subito a proporre loro dei cibi sani, semplici da preparare, ma allo stesso tempo gustosi e adatti a tutta la famiglia?

Leggi tutto...