Intrecciando legami e connessioni tra le persone

Tema: i legami tra i componenti della famiglia

Attività: rilegatoria personale

Età: per i genitori, ma modificabile ed adattabile anche per i bambini

Opera: Variazioni a quattro fori (foto di Luca Cisternino)

Autore: Luca Cisternino


La differenza tra un artigiano ed un artista può essere a volte molto aleatoria. Spesso i confini tra arte e artigianato sono molto difficili da definire e forse non ha nemmeno molto senso cercarli.


Luca Cisternino è un mio amico. Un attento e meticoloso artigiano ed anche un grande artista. Appassionato e maestro di rilegatoria Giapponese, trasforma, con l'abile lavoro delle sue mani esperte, accostamenti e legatorie di carte diverse in piccole delicate poesie.
Forse è il fascino intrinseco di questa tecnica giapponese o forse è semplicemente la passione di Luca che fa diventare questi taccuini, quaderni ed album così speciali e preziosi.

Mi sono innamorata a prima vista del lavoro di Luca. Non è solo un piacere per gli occhi, ma è qualcosa di meraviglioso per tutti i sensi. Niente è paragonabile all'incredibile sensazione che si prova facendo scivolare le dita sulle diverse superfici, godendo della varietà delle carte, dei loro spessori e delle diverse consistenze. Personalmente amo annusare e sentire l'odore della carta dei libri e non posso fare a meno di farlo anche con i taccuini! Senza parlare del delicato rumore sfogliando le pagine... Senza dubbio c'è qualcosa di sacro in tutto questo.

D'accordo, io sono probabilmente un po' troppo ossessionata da questo genere di cose, ma sono il tipo di persona che si emoziona comprando un quaderno, maneggiandolo con cura e rispetto, custodendolo e preservandolo per occasioni importanti, senza mai in realtà usarlo per non rovinarlo! Perfino un po' folle, lo ammetto. Comunque, tornando a noi ed alla rilegatoria giapponese, Luca padroneggia molte diverse tecniche ed è estremamente orgoglioso ed entusiasta nel mostrare tutte le possibili combinazoioni ed i risultati finali. Sono affascinata dalla rilegatoria fatta a mano in generale e tutto il processo mi fa pensare ai modi in cui i legami tra le persone si intrecciano e vengono a crearsi. Penso ai diversi risultati e alle combinazioni che si ottengono quando le persone si incontrano e condividono una parte delle loro vite.

Pensate alla vostra famiglia e alle persone che la compongono. Riflettete ora sul modo in cui i componenti della vostra famiglia sono collegati tra loro e il modo in cui vi relazionate uno con l'altro. Potete segnarvi qualche appunto e cercare di visualizzare questi legami graficamente: cercate di associare ad ogni persona della famiglia un diverso specifico tipo di carta (concentratevi sul colore, le caratteristiche materiche, lo spessore, la qualità, la superficie... e tutti quegli aspetti che pensate possano rappresentare meglio la persona che avete scelto).
Tu sarai la copertina del taccuino, abbracciando tutte le altre pagine della famiglia, scegli una carta particolare anche per te stesso!

Prendete in considerazione le relazioni con i singoli componenti della famiglia e concentratevi sul modo in cui potreste tradurle da un punto di vista visivo e 'legatorio'. Per esempio, ipotizziamo io abbia scelto una carta grezza, gialla e molto resistente per me stessa, e una delicata carta velina turchese per il mio bambino. Penso che al momento mio figlio sia estremamente dipendente da me e tra noi vi sia un forte attaccamento. Creerò quindi una forte e resistente legatura tra le due pagine, magari perfino incollandole una all'altra a simboleggiare questo forte attaccamento. O ancora, se voglio rendere la relazione particolare che ho con mia figlia, che a volte sembra distante nel suo diventare giorno dopo giorno sempre più adolescente, ma che in altri momenti è estremamente profonda e vibrante, potrei rappresentare il tutto cucendo insieme le nostre due pagine con un filo multicolore e con punti tratteggiati.

Si possono ottenere svariate altre possibilità espressive piegando la carta in molti modi diversi, o tagliando e delineando forme e fessure.
Se trovate la cosa divertente ed accattivante potete perfino creare un libretto per ogni singola persona e relazione tra i diversi componenti della famiglia. Alla fine avrete un'intera collezione di legami e ri-legature! 

Per concludere vorrei scusarmi con Luca e con tutti gli appassionati di legatoria artigianale. Mi rendo conto di aver forse estremamente semplificato il processo di rilegatura e proposto qualcosa che probabilmente non ha molto in comune con le tecniche reali di rilegatoria, ma questo fa parte del mio approccio: usare le opere d'arte come metafore, punti di partenza per una personale riflessione pedagogica!


Per saperne di più sul lavoro di Luca Cisternino:

https://www.japanese-bookbinding.com
https://www.facebook.com/JapaneseBookbinding

Pin It
Accedi per commentare

La sottile linea scura

Lansdale Joe R. é un autore americano che spazia dal giallo al western, dall'horror al romanzo storico, dalla satira sociale al romanzo di formazione come 'La sottile linea scura'.

Ambientato nel Texas del 1958 è la storia del tredicenne Stanley, che lavora nel drive-in del padre e mette il naso in un segreto che doveva rimanere celato. In quell'estate avviene "la perdita dell'innocenza" di Stanley, il mondo per lui cambierà per sempre.

La 'sottile linea scura', che segna per lui la scoperta del male, del dolore e della morte insieme con l'esplosione del sesso e la consapevolezza del conflitto razziale, diventa il mezzo con cui l'autore ci fa immergere in quegli anni Cinquanta che sembrano così lontani.

Se avete letto con passione 'Il buio oltre la siepe' di Harper Lee questo è un libro che fa per voi.

Autore: Lansdale Joe R.

Editore: Einaudi

Il bambino arrabbiato. Favole per capire le rabbie infantili.

“Una rabbia infantile cela il più delle volte una situazione di conflitto e di sofferenza psicologica. Quando un genitore si trova di fronte a tali manifestazioni spesso si sente in un tunnel: vede che il piccolo sta male ma non riesce a individuare i reali motivi che si nascondono dietro il disagio e la sofferenza del proprio figlio.

Se riusciamo a capire che un bambino si arrabbia perché sta soffrendo per qualcosa che impedisce il suo naturale processo evolutivo, è più facile anche per noi adulti cercare dentro di noi delle strade diverse per aiutarlo a sciogliere i suoi nodi.

Attraverso l’uso di favole, che prendono spunto da storie reali, questo libro offre alcuni suggerimenti per aiutare gli adulti a comprendere meglio le rabbie infantili.” 

 

autore: Alba Marcoli

editore: Mondadori (collana Oscar saggi)

Pane e cioccolato

Nina e Susi sono amiche del cuore, stanno molto bene insieme e hanno molte cose in comune, tranne…il colore della pelle. A scuola tutte le chiamano pane e cioccolato.

Nina sogna una principessa color cioccolato, proprio come lei, ma ha paura di essersi sbagliata perché i suoi compagni dicono che è impossibile: non esiste qui una principessa così. E anche a casa, nel libro di fiabe della mamma, una principessa nera non si trova. Così mamma e papà, insieme alla sua amica Susi organizzano una caccia alla principessa color cioccolato, fanno una spedizione in biblioteca e scoprono che fra le pagine di un libro c'è Akira, una principessa africana, bella e anche coraggiosa.

Questa è l'incantevole storia di una bambina nera, che esprime il suo senso di estraneità in mezzo a gente dalla pelle "bianca come la panna".

Per affrontare un tema delicato come le diverse identità e le varie peculiarità somatiche, è molto utile la chiave di lettura per gli adulti a cura di Mariateresa Zattoni, inserita alla fine del libro, scritto da Lodovica Cima.

Età consigliata dai 6 agli 8 anni

Il libro è inserito all'interno della collana "Parole per dirlo" edita da San Paolo Edizioni, rivolta ai bambini di 6-8 anni. Non sempre è facile trovare le parole giuste per spiegare ai bambini alcuni eventi della vita, situazioni difficili che si incontrano in famiglia, a scuola o con gli amici. Il modo migliore è quello di raccontare loro una storia che gli aiuti a capire ed accettare la novità.

Lodovica Cima vive e lavora a Milano, dove si è laureata in Letteratura italiana comparata alla Letteratura inglese. Ha due figli. Da più di quindici anni lavora nell'editoria per ragazzi, dapprima come redattrice in case editrici librarie (Signorelli, Vita e Pensiero, Cetem, De Agostini, Giunti, PBM Editori) e poi, dal 1996 come autrice/progettista e consulente editoriale. Ha creato e diretto per nove anni la collana di narrativa per ragazzi "La giostra di carta" per Bruno Mondadori Editore. Insegna al Master per L'Editoria istituito dall'Università degli studi di Milano e dalla Fondazione Alberto e Arnoldo Mondadori. Partecipa a giurie di premi letterari riservati ai ragazzi e scrive, oltre a romanzi e fiabe che si trovano in libreria, anche testi scolastici e parascolastici.

Francesca Carabelli, autrice delle illustrazioni, è nata a Roma nel 1969. Ha iniziato la sua attività artistica nel campo dell'animazione e successivamente si è dedicata all'illustrazione per l'infanzia. Ha partecipato a diverse mostre e concorsi. Ha pubblicato i suoi lavori con varie case editrici.

Intervista all'autrice: Lodovica Cima

autore: Lodovica Cima - Illustrazioni Francesca Carabelli

editore: San Paolo Edizioni, 2009