Mangiare è un gioco!

L'obesità e il sovrappeso sono una vera epidemia tra i bambini. L'eccesso di peso nei piccoli è un grave fattore di rischio in l'adolescenza e in età adulta, per le malattie correlate che possono intervenire in modo subdolo, invasivo e cronico. Numerosi studi epidemiologici dimostrano che l'effetto dell'alimentazione dei primi anni si ripercuote sulla salute di tutta la vita: i comportamenti appresi sono infatti molto difficili da eliminare o anche da modificare successivamente. 
I bambini e gli adolescenti di oggi tendono a mangiare poca frutta, verdura, legumi, pane integrale, abbondano invece con bevande dolcificate, patatine fritte, formaggi grassi, succhi di frutta zuccherati. Preferiscono stare davanti alla televisione o ai videogiochi piuttosto che uscire a giocare all'aria aperta o dedicarsi ad uno sport. 


Modificare lo stile di vita, educando i bimbi all'atto alimentare prevede l'intervento di diverse variabili. Al di là di fattori biologici, l'educazione alimentare è condizionata culturalmente e declinata in famiglia. Ciò è inevitabile, infatti gli adulti somministrano determinati cibi ai piccoli più volte al giorno, condizionando gli atteggiamenti futuri dei figli.
Per questo l'atteggiamento genitoriale dovrebbe prevedere un'armoniosa integrazione tra bisogni nutritivi e piacere sensoriale dato dagli alimenti. Mangiare è un bisogno e un piacere, imparare a mangiare può diventare un gioco. 

Possiamo divertirci con i bambini e trasmettere loro informazioni, sensazioni, atteggiamenti corretti, attraverso l'utilizzo di un adeguato linguaggio, che fornisca la chiave d'accesso per comunicare con loro nel modo migliore. Attraverso il gioco, il piccolo conosce tutto ciò che lo circonda. E così avviene anche con il cibo: se presentato in modo divertente, rispettando i tempi e i gusti del bambino, verrà accettato con entusiasmo e stimolerà la voglia di fare nuove conoscenze nel campo dell'alimentazione.

Le occasioni per affinare i sensi giocando, sono innumerevoli:

- Proporre giochi che mettano alla prova abilità di cuoco, con tante ricette da preparare in compagnia di un adulto. Sarà divertentissimo far stendere al proprio bambino la pasta della pizza col mattarello e comporre insieme forme di personaggi decorati poi con verdura, formaggio e pomodoro. Oppure preparare torte e biscotti fatti in casa da dividere con amici e fratellini.
Il bambino, oltre a divertirsi, imparerà ad apprezzare meglio la cucina e sarà orgogliosissimo di fare assaggiare, anche agli altri, i suoi manicaretti. 

- Organizzare semplici attività che prevedano ed utilizzino il senso del gusto, provando ad esempio a riconoscere il dolce, il salato, l'acido e l'amaro nei diversi alimenti, mettendo in atto vere e proprie gare con gli amici, sfidandoli a riconoscere dove si nasconde la goccia di limone in più, oppure dove è stato aggiunto lo zucchero.

- Scegliere testi, favole e disegni a tema da completare o colorare, specie per i più piccini.

- Proporre link che contengano giochi interattivi e curiosità dal mondo web. 

Di seguito due progetti dedicati sia al gruppo scuola che ai singoli ragazzi: 

http://www.cibolando.it: per accedere al sito bisogna registrarsi. All'interno si trovano tantissimi giochi con cui sfidare gli amici, un diario e tante storie a fumetti;

http://www.giochiamoaconoscereilcibo.it: nell'area dedicata ai giochi se ne trovano di magnifici, realizzati da un team di esperti pedagogisti, un simpatico ed efficace strumento da utilizzare per rafforzare valori e contenuti sul tema in questione.


Segnaliamo la bibliografia di libri per bambini dedicata all'alimentazione.

Pin It
Accedi per commentare

Flicts

Flicts è un colore triste e solitario perché nessuna cosa intorno ha quel colore e nessuno vuole giocare con lui. Flicts non è rosso, non è giallo, non è verde, non è blu. Il sole è giallo, il cielo è azzurro, i fiori sono rossi, arancioni, rosa. Ma niente è flicts. Nessun colore lo invita a fare il girotondo, tutti hanno da fare quando lui li cerca. Finché non scopre che .... la luna è flicts. Pochi hanno visto il vero colore del suolo lunare, ma Armstrong, il primo astronauta che ha messo piede sul nostro satellite, garantisce che la luna ha quel colore, con tanto di autografo. 

Un librino bello, colorato. Flicts in realtà è una specie di ocra, colore forse "normale" per noi, ma ogni bimbo in realtà si sente un po' flicts, a volte. Vorrebbe essere uguale agli altri e invece è diverso. Le chiavi di lettura sono tante e secondo me ha una poeticità semplice ma commovente.

Alves Pinto Ziraldo è tra i più conosciuti autori per l'infanzia in lingua portoghese.

Consigliato per l'età prescolare. 

autore: Alves Pinto Ziraldo

editore: Editori Riuniti

I figli che aspettano. Testimonianze e normative sull'adozione.

Il mondo è pieno di figli che aspettano di essere figli. Ma essere adottati non è facile, perché non è facile adottare. Eppure si fa, si deve poter fare. Carla Forcolin esplora il territorio in cui si muovono i figli che aspettano, analizza il macroscopico divario che esiste fra la disponibilità ad adottare e le adozioni attuate, scandaglia gli effetti delle nuove leggi, lascia emergere le contraddizioni che ne ostacolano o comunque ne rendono faticosa l’esecuzione.

Leggi tutto...

Ti mangio!

Mentre si avventura in bici per i boschi, insieme alla sorella Sara, il piccolo Leo viene inghiottito all’improvviso da un grande e pelosissimo mostro: il temibile INGHIOTTONE dei BOSCHI!

Sara, senza perdersi d’animo, si lancia all’impazzata sulla sua bicicletta in un’operazione di soccorso ma proprio mentre sta per raggiungerlo, quel tondo mostro vorace viene inghiottito a sua volta da un mostro ancora più grande: un enorme GNAMMETE ALATO! Sara non si dà per vinta, accelera sulla sua bicicletta, ma mentre sta per raggiungere lo Gnammete Alato, un gigante ACCHIAPPONE MARINO balza fuori dal mare e se lo pappa in un sol boccone!

Ma non può immaginare che un mostro ancora più grande, il celebre SLURPANTE SPINATO, abbia già messo gli occhi su quell’enorme e prelibato... ehm... bocconcino marino!

Come farà Sara a tirar fuori Leo da tutte quelle voraci fauci?! E sembra non esserci mai fine, perché ecco balzar fuori perfino un immenso e affamatissimo ZOMPONE DAI DENTI A SCIABOLA!

Ora basta! Bisogna intervenire! E con astuzia e intraprendenza i due fratellini riusciranno a trovare una soluzione davvero geniale! I mostri, anche quelli più grandi, sono avvisati: mai sottovalutare l’intelligenza, la fantasia e la furbizia dei bambini!

Il libro, TI MANGIO! di John Fardell, edito in Italia dal Castoro, ha vinto come Miglior libro nella sezione “Crescere con i libri” nell’ambito della 4^edizione del premio Nazionale Nati per Leggere (Miglior libro per bambini tra i 3 e i 6 anni, relativo al tema "Il coraggio"), con la seguente motivazione:

Per la scintillante inventiva che dimostra come chi ha coraggio sa tenere gli occhi ben aperti sulla realtà senza chiudere quelli della fantasia.

 

autore: John Fardell

editore: Il Castoro