Impacchettare per ri-scoprire

Tema: sapervedere 

Attività: lo scrigno dei momenti speciali 

Età: per tutti (i piccoli avranno bisogno della mediazione dei genitori) 

Opera: Statua di Vittorio Emanuele a Cavallo impacchettata  - Milano-

 Autore:   

Mancano pochi giorni a Natale e mi interrogavo su cosa poter scrivere... una riflessione che fosse in qualche modo legata ai valori di questo particolare periodo dell’anno, ma senza scadere nella banalitá o in considerazioni moralistiche e scontate. E allora ho pensato ai doni nell’arte e mi è venuto in mente il lavoro di una coppia di artisti che si presta molto bene a  questo discorso.

Christo e Jeanne-Claude sono partner nella vita e nel lavoro e sono noti per la loro passione per “impacchettare” monumenti famosi. In decenni di attivitá hanno impacchettato il Ponte Nuovo a Parigi, il Reichstag a Berlino, la statua di Vittorio Emanuele a cavallo in piazza del Duomo a Milano, ma anche scogliere, alberi, fontane ed isole...

La loro idea di base è che impacchettando le cose si creano nuove aspettative e si donano nuovi significati agli oggetti. L’atto stesso di impacchettarli permette poi di scoprirli di nuovo, sia letteralmente che in senso figurativo, ri-scoprendo il piacere di vederli. Monumenti ed elementi dell’ambiente vanno infatti spesso a fondersi e confondersi con l’ambiente stesso, perdendo la loro identitá e finendo con il venir ignorati per la maggior parte del tempo.

L’intento di Christo e Jeanne-Claude è proprio quello di offrire alle persone la possibilitá di notare nuovamente questi oggetti, vederli con nuovi occhi e poterli apprezzare appieno. Un processo estremamente semplice, ma geniale proprio nel suo essere cosí basilare. I due artisti sono stati frequentemente etichettati come “gli impacchettatori”, ma, come spesso succede nel rapporto tra critica ed artisti, questi ultimi trovano la definizione alquanto riduttiva.

I loro intenti si spingono ben oltre il semplice impacchettare. Christo e Jeanne-Claude cercano infatti di impregnare ogni loro atto artistico di un certo non so che di amore e tenerezza, come speciale qualità estetica aggiuntiva. Il fatto che le loro opere siano in una certa misura effimere e che siano piú vicine ad un concetto di performance ed happenings piú che non sculture nel senso tradizionale del termine, le rende speciali, scatenando nelle persone l’urgenza di vederle, di prendere parte all’evento insolito.

Un bell’esempio pratico di questa idea é offerto da Jeanne-Claude stessa nel comparare il proprio lavoro ad un arcobaleno. Il carattere speciale e magico dell’evento, nonché il suo essere transitorio e passeggero, spinge le persone  a voler assistere, partecipare, ed a farlo subito, poiché aspettare significherebbe perdere un’occcasione. Concentrare la propria attenzione sul qui e ora, focalizzndosi sul momento presente. Ritengo questa idea estremamente azzeccata parlando di genitorialità in clima natalizio. In quanto genitori consapevoli, non vogliamo certo perdere nessuna occasione, nella nostra vita di tutti i giorni, per apprezzare il carattere speciale e prezioso di ogni momento con i nostri figli. Cose che normalmente sembrerebbero normali e perfino banali devono in realtá essere riscoperte (scartate come piccoli doni) in quanto momenti magici e particolari.

E allora dobbiamo imparare a giocare con la realtá un pó come fanno Christo e Jeanne-Claude, imparare ad impacchettare mentalmente un po' tutto, per il gusto poi di scartare e scoprire ció che si nasconde all’interno, con la meraviglia, lo stupore e l’entusiasmo che hanno i nostri figli la mattina di Natale mentre aprono i pacchetti sotto l’albero.

Per l’ennesima volta mi trovo a suggerire di cercare di avere nuovi occhi, filtri speciali attraverso cui vedere le cose da prospettive inedite.

Visto che tra non molto si chiuderà anche l’anno, vi propongo un’attività da iniziare il primo gennaio e continuare per tutto il 2015, allenandosi a notare e ri-scoprire i momenti speciali. Istituite un barattolo dei momenti magici dell’anno. Un contenitore di vetro (piú o meno riciclato: un vasetto vuoto della marmellata andrà benissimo) con il coperchio potrá essere decorato insieme ai vostri bambini come piú vi piace, o anche semplicemente con l’aggiunta di un’etichetta adesiva o di un cartoncino ed un filo colorato, diventando uno scrigno dei momenti speciali. Ogni volta che vi imbattete in qualcosa di bello (un momento particolarmente piacevole in vacanza con i vostri bambini, una chiacchierata con un amico, lo sguardo di una persona incrociata al supermercato, o anche semplicemente un qualcosa della quotidianitá che siete riusciti a notare e ad apprezzare...) scrivete la data e quello che é successo su un foglietto di carta. Poi piegatelo in modo da farlo diventare piccolino e mettetelo nel barattolo. Continute cosí, accumulando bei pensieri. Invitate tutti i membri della famiglia a farlo. Alla fine dell’anno aprirete il barattolo e tutti i foglietti (un pó come scartare delle caramelle!), rileggendoli uno ad uno. Sará bello riscoprire, ricordare e condividere quello che durante l’anno ha lasciato il segno.

Spiegate ai vostri bambini il senso di questo gioco. Capiranno anche se sono piccoli e sapranno contribuire con entusiasmo, chiedendovi di scrivere i loro pensieri.

L’anno prenderá sicuramente una direzione molto positiva e consapevole, e sará un’imperdibile occasione per farvi a vicenda un dono speciale!

Consigli di approfondimento 

 Libri:

Thich Nhat Hanh "Quando bevi il té stai bevendo nuvole" Terra Nuova Edizioni

Thich Nhat Hanh "La pace é ogni passo" Astrolabio Edizioni

Thich Nhat Hanh "Semi di felicitá. Coltivare la consapevolezza insieme ai bambini" Terra Nuova Edizioni

Thich Nhat Hanh "Discorsi ai bambini" Astrolabio Edizioni

 

Vi invito inoltre a cercare informazioni circa pratiche di Mindfulness e suggerisco la Meditazione dei Sassolini, unoccasione per sperimentare con i vostri bambini la consapevolezza ed allenarsi a concentrarsi sul momento presente.

Pin It
Accedi per commentare

Il viaggio di Caden

“Quando tocchi il fondo puoi solo risalire”

 

“Il viaggio di Caden” è un romanzo commovente, ma anche divertente, un vero inno alla vita, che racconta la discesa negli abissi della mente del giovane protagonista, Caden, un ragazzo come tanti, affetto da schizofrenia.

Leggi tutto...

Le emozioni dei bambini

"Comprendere le emozioni dei bambini significa aiutarli a crescere felici. Traendo spunti ed esempi dal vivere quotidiano Isabelle Filliozat, psicopterapeuta di fama, aiuta a capire il significato di tanti comportamenti e a trovare le parole e i modi per risolver le situazioni che appaiono più difficili.

L'autrice non dà soluzione preconfezionate, ma analizza i problemi di tutti i giorni, che lei stessa mamma, di due bimbi di 2 e 4 anni all'epoca della stesura del libro, ha provato e soprattutto non trascende da quello che sono i genitori. Per capire il bambino che abbiamo davanti occorre ascoltare il bambino che siamo stati. Le emozioni dei nostri bambini allora hanno radici profonde, quello che non sopportiamo in loro tocca le corde più intime del nostro essere.

Oltre ad esaminare sotto nuovi aspetti le problematiche più comuni dei bambini e ad offrire spunti di riflessione, Filliozat descrive quali sono le emozioni più diffuse del vivere quotidiano per aiutare a cogliere quanto c'è di gioioso in ogni attimo della vita con i figli.

Questo libro potrebbe a prima vista rientrare nel filone dell'intelligenza emotiva introdotta da Goleman (Daniel Goleman, L'Intelligenza emotiva, ed. Rizzoli, 1996), ma a mio avviso ha qualcosa in più. Oltre a "partire dal basso", nel senso che si cala nei panni della mamma e del papà, è più vicino alla nostra sensibilità europea, a cui sta stretta il libro-manuale. L'autrice cita in bibliografia Alice Miller, la psicoterapeuta zurighese che ha descritto e documentato la sofferenza inespressa dei bambini e la difficoltà dei loro genitori a essere disponibili a capirla.

Questo libro si può non amare, si può non condividere in parte o del tutto, ma sicuramente colpisce il genitore che lo legge e, oserei dire, nella maggior parte dei casi fa scaturire delle emozioni che si credevano sepolte. Nel mio caso ha rivoluzionato il mio modo di essere madre."

autrice: Isabelle Filliozat

editore: Pickwick

Narciso innamorato. La fine dell'amore romantico nelle relazioni tra adolescenti

“La realizzazione del proprio Sé”. E’ questo l’obiettivo principale dei genitori di oggi, formare cioè dei figli consapevoli delle proprie capacità, dei propri desideri, fornendo stimoli per una loro crescita felice, autonoma, ricca di relazioni sociali, contatti ed esperienze diverse.

 

Leggi tutto...