Un Abete colorato “Educativo” per le feste.

Per ogni famiglia, ho immaginato, in questo Natale, un abete di tante palline e addobbi.

Ci sono tanti colori a definire una relazione educativa in queste festività oramai alle porte.

Una pallina colorata per l’ESEMPIO EDUCATIVO: ogni genitore insegna ciò che è e ciò che fa, più di ciò che dice.

 

Su di un ramo, più in là, ce n' è un‘altra a ricordare il valore della PRESENZA nel rapporto con i figli, sia emotiva che cognitiva. Non solo stimoli ma anche coccole e gesti del cuore.

Esiste poi, la sfera della costanza, della perseveranza, dei GESTI QUOTIDIANI che generano appartenenza. Parla del significato dei ricordi, racconti, radici, del riconoscimento di valori trasmessi di generazione in generazione.

La pallina colorata del DIALOGO e della MEDIAZIONE ha mille sfumature e muta a  seconda di ogni età del bambino. È fatta di parole, di consapevolezza e  calore.

Di materiale solido è  la sfera delle REGOLE non solo da stabilire ma anche da fare rispettare con costanza, nella convinzione che ogni paletto possa essere un’utile protezione e non solo un limite. Ogni no detto da un adulto “grande” aiuta  a crescere, porta sollievo a un bambino che  si sente “piccolo” e manifesta cosi la sua essenza vera.

Coloratissima, e di stoffa, è la pallina della CREATIVITÀ,  dell' immaginazione, della manualità, della capacità di costruire ed inventare.

Di forma strana è l’addobbo del GIOCO, indispensabile area intermedia per piccini e adulti, palestra di esperienza emozionale.

Di colori decisi, resta splendente sull’abete, la sfera del riconoscimento delle proprie EMOZIONI, da condividere e di cui parlare con parole semplici e comprensibili, diventando, come genitori, utile specchio emotivo.

Di due lati sono il pendaglio della “GENITORIALITÀ ”e della “coppia”, due facce di una stessa medaglia ma che hanno connotazioni e caratteristiche diverse da riconoscere. La genitorialità è  presente nel cuore di ogni bambino, punto di riferimento e di stabilità anche se la coppia si separa. Va rispettata e riconosciuta come seme di vita.

Di forma strana è la palla della CREATIVITÀ, curiosità e stupore da esplorare nella relazione genitori e figli nella natura, nella lettura, etc.

Di soffice piuma o peluche è l’orsetto piccolo appeso all’abete: Ricorda,  ai “grandi” che le CAREZZE e il CONTATTO FISICO  fanno scoprire al più “piccolo” il suo valore e significato di essere al mondo; lo riconducono al primo attaccamento e gli insegnano il  suo confine prezioso tra dentro e fuori.

Una campanella speciale rappresenta le nuove tecnologie, da utilizzare “insieme ai genitori”, con moderazione e modi e tempi da stabilire in famiglia, pur  riconoscendone il significato evolutivo e comunicativo.  

 

E poi, ci sono tanti addobbi variopinti ognuno  per le infinite POTENZIALITÀ di ogni genitore e figlio.

Buon Natale e feste a voi tutti, sotto al personale abete, ogni anno diverso, perché cresce con voi e i vostri figli!

 

Auguri, anche, alla preziosa redazione di Officina Genitori con cui collaboro da alcuni anni. 

Pin It
Accedi per commentare

Genitori fatti ad arte. Prepararsi all'arrivo di un bambino

Questo libro è un diario, una storia, un prezioso scrigno di suggerimenti, idee, proposte, esercizi, riflessioni che accompagnano e si intrecciano al percorso che ogni donna e ogni uomo fanno nelle 40 settimane di attesa.

Dalla scoperta dell'esistenza di una nuova vita all'emozione del primo vagito.

Leggi tutto...

Basta studiare! Da due prof il metodo collaudato per uscire dall’ansia di compiti, insufficienze e debiti ad uso di genitori e studenti.

Due insegnanti e papà trentenni invitano i genitori dei ragazzi che cominciano a frequentare i 5 anni delle scuole superiori a non abbandonare il loro ruolo attivo ed educativo pensando che i propri figli siano ormai cresciuti abbastanza per correre con le proprie gambe. E no…non bisogna darsi per vinti davanti a questi adolescenti annoiati, borbottanti, insoddisfatti, apatici, sdraiati sui divani o paralizzati davanti a Facebook e WhatsApp. Brutti voti, week end riempiti di compiti, angosce per interrogazioni, bugie, litigi, discussioni sono tutte rappresentazioni di una certa quotidianità e fanno della scuola una vera e propria emergenza educativa per numerose famiglie. Grazie al metodo BiEsse (Bramati e Sanna) è possibile restituire tempo al dialogo, all’ascolto, alla programmazione insieme ai figli.

Leggi tutto...

La città dei bambini

La rivoluzione proposta in questo libro è ripensare alle nostre città a partire dai bambini: una città fatta per i bambini è garanzia di una vita migliore per tutti.

Francesco Tonucci è un ricercatore del CNR che ha avviato con il comune di Fano il progetto "La città dei bambini".

Questo libro rivede tutte le priorità della vita di città, dove sono le macchine a farla da padrone. I bambini sono prigionieri delle case, non possono uscire a giocare da soli, non possono andare a scuola da soli. Non vivono la città, perché in realtà le città non sono più vivibili.

Ma considerando il punto di vista dei bambini, contemporaneamente si rispettano anche le altre categorie più deboli: gli anziani, i disabili. Una città pensata per i bambini è in realtà una città per tutti, e il libro ci mostra come e perché. La soluzione potrà sembrare utopica, forse, ma per l'autore è molto più utopico e folle procedere nel cammino senza futuro che le nostre città hanno imboccato. Quella dei bambini è un'utopia concreta, un'utopia sostenibile.

La prefazione è di Bobbio.
L'autore è anche disegnatore, con lo pseudonimo di FRATO.

autoreFrancesco Tonucci

editore: Laterza