Le tradizioni degli altri

L'Epifania tutte le feste si porta via. Così si dice in Italia.

Qui in Belgio, invece, la scuola è ricominciata il 5 e il 6 è un giorno come tutti gli altri, a parte qualche studente o professore fortunato che ha trovato la fève nella sua galette des rois e che se ne va in giro con la corona in testa. Paese che vai, tradizioni che trovi.

Quello che è passato è stato il nostro terzo Natale qui. Io non sono cattolica, ma, per me, il Natale è sempre stato importante: da bambina amavo trovare i regali, c'era tutto un rituale che, una volta diventata madre, ho ricostruito con i miei figli. Anche la Befana era una bella festa, con le calze piene di dolci e l'ultimo giorno di vacanza.

Qui in Belgio le tradizioni sono diverse: i regali e i dolci li porta Saint Nicolas e la Befana è qualche cosa di esotico, che appartiene al di là delle Alpi. Si pongono inoltre problemi tecnici di regali che devono essere trasportati in aereo, dato che le feste di Natale le si passano in famiglia, in Italia.

Abbiamo quindi deciso di adottare Saint Nicolas, il suo asino e il suo aiutante Père Fouettard per la consegna di regali e dolci. La sera del 5 dicembre abbiamo messo vicino alla porta della birra, dei biscotti su un vassoio e delle carote dentro delle scarpe. La mattina dopo sono comparsi i regali, mentre carote, birra e biscotti erano stati mangiati!!

Saint Nicolas passa anche dalle scuole, nelle aziende un po' grosse organizzano le giornate per i figli dei dipendenti con foto e consegna regali, e così ci siamo adeguati.

Babbo Natale poi è arrivato lo stesso, in Italia, da nonni e zii, regali piccoli e aerotrasportabili.

La Befana invece non è più arrivata, non ce la fa a superare le Alpi con la scopa… In compenso il 6 gennaio ci siamo mangiati una galette des rois, un dolce tipico della festa dei Re Magi, dentro il quale viene nascosta una fève, tradizionalmente una fava secca, oggi in genere una statuina del presepe, in ceramica. Chi ha la fetta con la fève diventa il re o regina e si prende la corona, sempre fornita con la torta. Quest'anno mio figlio minore ha trovato un asinello.

A volte mi domando quanto sia importante mantenere le vecchie tradizioni per non perdere le proprie radici, ma poi mi dico che in fondo quello che conta è il momento magico, passare dei bei momenti in famiglia o con gli amici e in fin dei conti un po' di sincretismo non nuoce a nessuno, favorisce l'integrazione e migliora l'accettazione e la tolleranza nei confronti di ciò che è “diverso”.

Pin It
Accedi per commentare

Parla con me. Comunicare con i nostri figli è difficile? Consigli, situazioni, soluzioni per un dialogo sereno

Non si può non comunicare e come genitori dobbiamo sempre pensare agli effetti che la nostra comunicazione avrà sui destinatari dei nostri messaggi, cioè i nostri figli. Non esiste solo una comunicazione verbale atta a trasmettere concetti e significati, esiste anche una comunicazione implicita, non verbale, caratterizzata da comportamenti e da atteggiamenti attraverso i quali i bambini percepiscono cosa i genitori pensano di loro e sono il veicolo di emozioni e sentimenti.

 

Leggi tutto...

Rosi e Moussa

Rosi si è appena trasferita in città con la sua mamma, in un grande palazzo, molto alto, pieno di scale e di vicini che sembrano scontrosi. Non si farà mai degli amici, lo sa già!

E invece arriva Moussa: grande giacca, cappello sempre in testa, tanti fratelli, e un cane che in realtà è... un gatto. Il loro incontro nasce con una sfida: salire sul tetto proibito per guardare tutta la città dall'alto – in barba al bisbetico vicino signor Tak.

E dalle sfide, si sa, nascono le migliori amicizie e le avventure più belle.

Una delicata storia di amicizia e multiculturalità, scritta con naturalezza e senza ipocrisie.

Romanzo perfetto per le prime letture.

Autore: Michael de Cock e Judith Vanistandael

Editore: Il Castoro

Rinoceronte

Scimmia si è svegliata male stamattina e dà un calcio a Uccello che cade in una pozzanghera.

Uccello diventa furioso a sua volta e se la prende con Rospo che lì sta facendo il bagno.

Rospo si agita e schizza Coccodrillo; anche quest'ultimo si arrabbia e colpisce Tartaruga con la coda.

Tartaruga è già pronta a bisticciare anche lei quando vede Rinoceronte... molto grande, molto forte, ma oggi Rinoceronte è soprattutto molto contento.

Ed ecco, come per contagio, che Tartaruga si calma e così a catena si calmano anche gli altri animali e tutto finisce in una grande risata, dove nessuno ricorda più i motivi dei litigi.

La forza, la tranquillità e la gioia di Rinoceronte sono servite per ritrovare la pace e la felicità.

Può capitare di svegliarsi malcontento, di cattivo umore, contagiando così il prossimo; litigio chiama litigio. E' bello vedere come la gentilezza e la gioia siano altrettanto contagiose e capaci di ristabilire l'armonia. Evviva i "rinoceronti" della vita quotidiana!

Per bambini in età prescolare.

autore: Lucia Scuderi

editore: Bohem Press Italia