Bambini e difficoltà scolastiche

Le difficoltà scolastiche rappresentano un indicatore importante, che esprime l’incapacità del bambino di fornire prestazioni scolastiche adeguate all’età e alla classe di frequenza, e non sempre possono essere ricondotte a cause specifiche.

Spesso sono il risultato di diversi fattori in sinergia fra loro quali errori di tipo pedagogico, contesto socio-culturale particolare e non adeguato, peculiarità individuali come scarsa autonomia e motivazione; tutti elementi che possono influenzare il rendimento scolastico.

Importanza dell’autostima

L'apprendimento mette lo studente di fronte ad una situazione di novità, al confronto con qualcosa che non conosce, che può produrre incertezza, disorientamento, paura di deludere i genitori o gli insegnanti, essere giudicato e confrontato con altri. Il bambino che va a scuola ha una immagine di sé che si è costruita nel tempo: alcuni piccoli hanno fiducia nelle loro capacità, altri, di fronte ad un impegno, sono sfiduciati e non si sentono all’altezza.

Importanza dell’ambiente scolastico 

Anche la scuola rappresenta un ambiente dove il bambino o il ragazzo può individuarsi come persona capace e stimabile o al contrario suscitare in lui sentimenti negativi, di svalutazione e di inadeguatezza. L'apprendimento mette sempre insieme il rapporto con la conoscenza e la relazione con un'altra persona: l'insegnante, dunque, influenza la capacità di imparare e la possibilità di aprirsi a nuove esperienze.

Importanza di crescere in un contesto sereno

Un bambino che soffre a causa di forti conflitti famigliari, maltrattamenti, separazioni, malattie, lutti, abbandoni, non può apprendere perché non ha la serenità per farlo. La mente è occupata altrove: tutte le energie servono non per studiare, ma per tenere a bada il dolore, la rabbia, la sofferenza.

Importanza del grado di maturazione globale

Sono moltissimi i bambini che vengono iscritti all'età di cinque anni alla scuola primaria, pur non essendo assolutamente pronti. Le iscrizioni fatte troppo presto, non adeguate al bimbo, possono provocare molte difficoltà future: oltre a vivere la realtà scolastica con disagio e non reggere il confronto con i compagni più grandi, vengono privati di un anno della scuola d’infanzia, occasione per crescere e sviluppare competenze sociali e cognitive.

Cosa può fare la famiglia?

Evitiamo innanzitutto di riversare eccessiva ansia sul bambino, peggiorando la situazione: spesso i problemi descritti non derivano da ritardi cognitivi e adeguati itinerari educativi possono facilitare i processi di apprendimento. Chiediamo all’insegnante di aiutarci a capire meglio il problema e di darci qualche suggerimento per seguire con più efficacia il bimbo nei compiti a casa.

L’apprendimento non riguarda solo ciò che si fa a scuola. Viviamo infatti immersi in un mondo di stimoli relativi ai numeri e alle parole scritte, basti pensare ai cartelli pubblicitari, alle insegne, ai numeri telefonici, etc.; aiutiamo quindi il piccolo ad essere più autonomo nella vita quotidiana.

Responsabilizziamo il bambino dimostrando di avere piena fiducia in lui; diamogli incarichi piacevoli, come fare l’elenco della spesa, oppure aiutarci a cucinare qualcosa, comunicando l’importanza di questi piccoli gesti per la famiglia.

Se le difficoltà sembrano essere particolarmente evidenti, non esitiamo a chiedere aiuto a professionisti seri e preparati.

Per esercitarsi a casa

Con l’aiuto di mamma e papà e grazie alle nuove tecnologie, ci si può esercitare in modo divertente usufruendo di alcuni siti che gratuitamente mettono a disposizione molte risorse didattiche:

www.mappe-scuola.com: un sito dedicato al mondo della scuola intesa come inclusiva e ai bisogni educativi speciali. Utile fonte di informazioni per insegnanti e genitori. Nel menu di navigazione, alla voce “Giochi didattici” troviamo software specifici per il potenziamento dei processi di apprendimento suddivisi per materia, sotto forma di videogioco; alla voce “Didattica facile”, si trovano varie schede didattiche, mappe e video.

sostegnobes: blog per facilitare i processi apprenditivi. Il menu di navigazione include mappe concettuali, schemi riassuntivi, sintesi e video. Alla voce “Didattica in gioco” troviamo una selezione di giochi educativi online, suddivisi per classi e per materie scolastiche.

Pin It
Accedi per commentare

Il volo di Sara

In un grigio pomeriggio autunnale la piccola Sara scende dal treno che la porta insieme a tanti altri verso le baracche di un campo di concentramento.

Leggi tutto...

Libri di Marcello Bernardi

Leggi tutto...

Guida al consumo critico

"Il consumo critico e grandi campagne di sensibilizzazione hanno indotto varie imprese a imboccare la strada della responsabilità sociale e ambientale. Ma ancora troppe continuano a violare i diritti umani, sfruttando i piccoli produttori del sud del mondo, volendo imporre gli organismi geneticamente modificati, sostenendo regimi oppressivi, finanziando guerre, rifornendo eserciti. Ecco la necessità di informarci per fare sentire alle imprese tutto il nostro peso di consumatori che dicono no a comportamenti irresponsabili. Questa guida aiuta a stabilire su quali prodotti far ricadere le scelte d’acquisto, per indurre le imprese a comportamenti migliori, perché il consumo ha su di esse potere di vita o di morte."

Autore: Centro Nuovo Modello di Sviluppo
Editore: EMI