APP per bambini

Un'App per bambini è un gioco interattivo con svariate funzionalità, ricco di animazioni e interazioni fluide, intuitive e funzionali all’evolversi della storia o del gioco. Più è alto il tasso di interattività, più piacciono. È però molto importante saper scegliere fra le tante proposte che si trovano in commercio.

A questo proposito abbiamo rivolto alcune domande a Roberta Franceschetti fondatrice di Mamamò.it, un sito web che vuole essere una guida nell'universo dei media digitali rivolti ai bambini. Una guida per genitori, ma anche per professionisti, editori, bibliotecari e insegnanti in un mondo in cui la tecnologia gioca un ruolo sempre più importante.

Cosa significa per i genitori, imparare a conoscere il mondo delle App?

Significa poter sfruttare al meglio tutte le opportunità di apprendimento e di intrattenimento che i nuovi dispositivi digitali offrono ai nostri figli. Ma significa anche conoscere i potenziali pericoli, dall'accesso a internet, alla raccolta di informazioni sensibili. Telefonini e smartphone hanno portato a misura di bambino e ampliato notevolmente una serie di contenuti e di servizi digitali che prima erano confinati su un pc e riservati agli adulti. Questo rappresenta una grossa opportunità che occorre affrontare consapevolmente e responsabilmente.

Come si sviluppa un’App per bambini?

Dire App per bambini vuol dire tutto o niente, perché esistono molte tipologie di applicazioni riservate ai più piccoli, con una ricchezza particolare per la fascia prescolare. Ci sono giochi, libri, App per l'apprendimento delle lingue o della matematica, App creative, App per guardare i cartoni animati in ambiente sicuro... Se vogliamo trovare un minimo comun denominatore, direi che in una buona App per bambini contano molto l'usabilità, la grafica e l'illustrazione, il design delle interazioni, la storia, la sicurezza. Ci deve essere un'interfaccia intuitiva, un design delle interazioni curato, una grafica vivace, tarata sull'età di riferimento, una buona storia con personaggi ben costruiti (anche quando si tratta di un gioco) e attenzione alla sicurezza online e alla privacy.

Come può un genitore o un insegnante far convivere la lettura della pagina di un libro con l’uso di un’App?

Non percependole come due attività alternative, come se una escludesse l'altra. Sono attività diverse e complementari, perché la lettura a schermo è di fatto un'esperienza di lettura diversa rispetto a quella fatta su un libro di carta, è meno immersiva, più frammentata, ma può avere delle componenti di coinvolgimento maggiore a causa della interattività e della multimedialità. I bambini non smettono di leggere libri perché usano i tablet, ma devono essere educati a fare entrambe le cose al meglio, scegliendo i contenuti migliori. Il ruolo degli adulti è proprio educare i bambini a scegliere. Uno dei modi migliori per farlo è attraverso l'esempio e le regole condivise.

Come scegliere e come usare le App?

Mamamò ha pubblicato un decalogo rivolto ai genitori in cui abbiamo cercato di riassumere i 10 criteri con cui selezionare le applicazioni migliori. La cosa più importante comunque è non utilizzare tablet e telefonini solo come baby sitter digitali, ma sfruttarli anche come strumenti di apprendimento, oltre che di intrattenimento, attraverso la pratica del gioco e della lettura condivisa. Giocare o leggere insieme, anche sui dispositivi mobili, permette a bambini e genitori di vivere quello davanti allo schermo come un momento di crescita in cui tutti imparano qualcosa di nuovo. I bambini sono decisamente più veloci di noi nello scoprire tutte le funzioni del cellulare, ma devono essere guidati a scoprire le proprie emozioni, anche davanti ad uno schermo.

Segnaliamo il decalogo stilato da  Mamamò per i genitori, per l’uso consapevole e sicuro delle App.

Abbiamo selezionato per voi alcune App didattiche interessanti, eccole:

“10 Dita” di Marbotic

Ideale per bambini fino a 5 anni

Lingua: Italiano

Questa applicazione offre al bambino un gioco intuitivo per imparare a contare con le dita, inoltre può iniziare a divertirsi con le addizioni. Link

“Labo Pebble Arte” di Labo Lado Inc.

Ideale per bambini fino a 5 anni

Lingua: Inglese

Grazie a questa applicazione i bambini possono imparare a utilizzare sassolini per fare animali, insetti, fiori e persone. Link

“Star Walk Kids - Astronomy for Children”di Vito Technology Inc. (in italiano)

Ideale per bambini di 6-8 anni

Lingua: Italiano

Questa App è un innovativo strumento didattico che conduce i bambini nel fantastico mondo dell'astronomia, alla scoperta del sistema solare, delle stelle e delle costellazioni. Link

“Questo è il mio Corpo - L'anatomia per i bambini” di Urbn; Pockets

Ideale per bambini di 6-8 anni

Lingua: Italiano

Attraverso dei divertenti giochi, i bambini impereranno come funziona il loro corpo. Link

 “Il mio primo orologio - Impara a leggere l'ora” di Ravensburger Digital GmbH

Ideale per bambini di 6-8 anni

Lingua: Italiano

App educativa e interattiva per insegnare l'ora ai bambini. Link

 “Pili Pop - Corso di inglese per bambini” di Pili Pop Labs

Ideale per bambini di 6-8 anni

Lingua: Italiano

Pili Pop aiuta i bambini a diventare bilingue esercitando le proprie abilità orali in lingua inglese ogni giorno! Link

Pin It
Accedi per commentare

Una sorellina per Paolino

Presto mamma coniglio avrà un piccolo e tutti sono felici...

Tutti tranne Paolino. Il suo amico Robi l'ha avvertito: i neonati sono una vera catastrofe e Paolino, a dire il vero, preferirebbe avere un criceto, piuttosto che un bebè.

Ma, quando nasce la sorellina, cambia tutto...

Una storia piena di umorismo e tenerezza che parla dei dubbi e delle paure di tutti i bambini, quando arriva a casa un fratellino.

Età consigliata: dai 3 anni.

 

autore: Brigitte Weninger, Éve Tharlet (traduzione di L. Battistutta)

editore: Nord-Sud

Io mangio come voi

63 ricette gustose per mangiare bene da 6 mesi a 99 anni

Dai 6 mesi i bimbi iniziano ad assaggiare il cibo dei grandi, ma con omogeneizzati e minestrine non sempre lo fanno con piacere. Perché non iniziare subito a proporre loro dei cibi sani, semplici da preparare, ma allo stesso tempo gustosi e adatti a tutta la famiglia?

Leggi tutto...

Dov'é la mia mamma?

"Ho perso la mamma!" esclama la scimmietta che si è perduta nella foresta.

"Dai, piccolino, su con la vita" dice alla scimmia la farfalla Rita. "Ti aiuto a cercarla...".

Ma Rita continua a sbagliarsi e - chissà perché - invece di mamma scimmia trova elefanti, rane, pappagalli, serpenti...

La storia, rilassante, è tutta in rima ed è divertente, oltre che didattico, scoprire che la Rita continua a sbagliarsi perchè non sapeva di dover cercare un animale somigliante alla scimmietta... dopotutto i suoi bambini, i bruchi, non sono uguali a lei, una farfalla!
Dolcissimi l'ultimo errore di Rita (trova il papà) e il ritrovo della mamma.

Per bambini di 2-5 anni.

autore: Julia Donaldson, Alex Scheffler

editore: Emme Edizioni