Associazione Racconti della Valle. Laboratori di alfabetizzazione emotiva.

Spazio alle emozioni - laboratori di alfabetizzazione emotiva per adulti e bambini.

Che differenza c'è tra ingiustizia e impotenza? Quand'è che si prova nostalgia, quando malinconia e quando tristezza? Quante emozioni si nascondono dietro la paura o la rabbia? Quanto sono in grado di coltivare la gioia della mia vita? 

Racconti della Valle è un'associazione culturale di Trieste fomata da Agnese Ujcich, Gestalt counselor, Martina Lanottte, insegnante scuola primaria e Luca Saetti, Gestalt counselor. Dall'incontro di queste diverse professionalità è emersa l'esigenza sociale di fornire gli strumenti necessari per la comprensione emotiva, sia agli adulti che ai bambini, in modo da rendere più sano e costruttivo il dialogo tra questi due mondi.

In particolare, Racconti della Valle, ritiene opportuno che in primis l'adoluto sia in grado di leggere le proprie emozioni per riuscire a comprendere meglio quelle dei bambini. Parallelamente assume una grande importanza anche la creazione di uno spazio sicuro in cui i bambini possano esprimere liberamente le loro emozioni ed al contempo essere accompagnati nella conoscenza di ciò che stanno provando.

I laboratori costituiscono un percorso formato da quattro incontri mensili, con cadenza settimanale, della durata di 1 ora e 30 ciascuno. Ogni incontro si sviluppa attorno ad una delle quattro emozioni primarie: rabbia, paura, tristezza e gioia. Bambini e adulti lavorano contemporaneamente in spazi diversi, i primi sono accompagnati da insegnanti della scuola primara, gli altri da Gestalt counsellor. I gruppi sono formati da un massimo di 10 partecipanti, in modo da offrire a ciascuno lo spazio e l'attenzione adeguati.

Adulti: il counsellor facilita l'espressione emotiva dei partecipanti mediante il dialogo collettico e approfondisce la conoscenza delle emozioni anche attraverso materiali didattici (schede, schemi).

Bambini: le insegnanti instroducono i temi attraverso la lettura di fiabe e facilitano l'espressione delle emozioni attraverso giochi di gruppo, attività artistiche (pittura, drammatizzazioni..) e l'uso di schede.

Al termine di ogni incontro, bambini e adulti si riuniscono in un unico spazio per condividere i frutti del lavoro svolto, con il fine di avvicinare questi due mondi appraentemente così distanti.

Per informazioni: https://raccontidellavalle.wordpress.com/

 

Pin It
Accedi per commentare

UN DUE TRE SCALA

"UN DUE TRE SCALA" è una nuova collana di libri illustrati per bambini, ideata da Tita e Teatro alla Scala, edita da Skira-Classica, che racconteranno ai più piccoli attraverso un linguaggio adatto a loro, il mondo della musica classica.

Il progetto nasce dall'incontro di testi e immagini ed è pensato per avvicinare i piccoli lettori al mondo della musica classica.

Ogni volume è realizzato con un'innovativa tecnica artigianale "a fisarmonica": leggibile da entrambi i lati, un formato originale, capace di trasformare il libro in un coloratissimo gioco interattivo. Una vera sfida ai supporti informatici ormai alla portata anche dei più piccoli

Libri dinamici e istruttivi (in edizione bilingue, italiano e inglese), che segnano la felice unione tra parole, arte illustrata e musica, grazie anche ai colorati disegni di navigati illustratori per l'infanzia.

Il primo volume "10 e più cose incredibili sulla Scala. Lampadine, uova e leggende a teatro" è illustrato da Brendan Wenzel e curato dal musicologo Marino Mora. Racconta un viaggio alla scoperta di tutti i segreti della Scala, davanti e dietro al sipario.

Il secondo volume "Giuseppino. Come il piccolo Verdi è diventato il grande Verdi" è dedicato all'infanzia di Giuseppe Verdi, nell'anno del bicentenario della sua nascita. Disegni di Gloria Pizzilli e testi di Marino Mora.
Tutti i volumi di "Un due tre Scala" sono in vendita in esclusiva presso La Scala Shop di Milano e sul sito internet www.lascalashop.it

In occasione della presentazione della nuova collana editoriale per bambini "123 Scala",
Skira Classica Srl e Tita, in collaborazione con l'Associazione L'ILOPERA, invitano le famiglie ad un
PERCORSO DIDATTICO al MUSEO TEATRALE ALLA SCALA DOMENICA 26 MAGGIO 2013

I partecipanti saranno condotti dai professionisti di L'ILOPERA attraverso le sale del Museo: alla visita guidata sarà affiancato un coinvolgente percorso didattico di approfondimento sull'opera lirica e sulle arti e i mestieri che la rendono probabilmente la forma di spettacolo più ricca e multidisciplinare che esista.

Potranno partecipare all'iniziativa le famiglie composte da almeno un genitore ed un bambino/ragazzo (fino a 18 anni) per un massimo di 80 persone.
Si potrà scegliere l'orario di ingresso fra i due seguenti (durata della visita 1 ora e mezza):
1. primo gruppo alle ore 9.30 (massimo 40 persone)
2. secondo gruppo alle ore 11.00 (massimo 40 persone)

Per prenotare la visita inviare un'e-mail a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.:
• indicando nell'oggetto "26 maggio"
• indicando nel testo il numero di adulti e di bambini/ragazzi partecipanti
• indicando nel testo l'orario scelto (9.30 o 11.00)

La prenotazione sarà confermata oppure sarà comunicato l'esaurimento dei posti disponibili.

Il mondo è tuo

Un albo illustrato per grandi e piccini, che insegna ai più piccoli, e ricorda ai più grandi che, si è liberi di essere e fare quello che si vuole, nonostante la strada non sarà priva di difficoltà che ci faranno crescere.

Leggi tutto...

Mi hanno ucciso le fiabe. Come spiegare la guerra e il terrorismo ai nostri figli.

Durante l'osservazione del comportamento di alcuni bambini del suo Centro giochi di Masal, l'autrice - nota psicoterapeuta, rimane impressionata dalla seguente conversazione: "Secondo me dovrebbero dare il permesso agli americani di usare la bomba atomica così ne sganciano una su Bagdad ed è finita la guerra". Un'altro bambino risponde "Io penso che sia sbagliato perchè se butti una bomba atomica su Bagdad uccidi tutta la gente e poi anche...come si chiama..Aladino. Così uccidono tutte le nostre fiabe e non ci sono più fiabe". Dialogo surreale che mette in evidenza un problema molto serio: guerre, massacri di innocenti, armi chimiche, attacchi kamikaze ed eventi naturali incontrollabili: le notizie dei disastri colpiscono grandi e piccini e nessun mass media riserva spazi a loro adeguati per aiutarli ad impadronirsi della realtà.

In questo libro Masal Pas Bagdadi ha intervistato bambini e fermato i loro pensieri e le loro emozioni ma soprattutto ci insegna a stare loro vicini, a rassicurarli e a decodificare le loro paure sui grandi temi della guerra e della distruzione. Ci dice come dirglielo e cosa dirgli, cosa fargli sapere e cosa non fargli vedere, ci mette in guardia contro le difficoltà che si possono incontrare e ci suggerisce come affrontarle.

Un libro per entrare in sintonia con i propri figli, per comprendere i loro ragionamenti e percepire le realtà che possono provvedere al loro fondamentale bisogno di sicurezza.

autore: Masal Pas Bagdadi

editore: Franco Angeli