Il segreto della resistenza psichica

Quante volte ci siamo detti che sarebbe bello avere una corazza dell’anima, una difesa contro le pressioni lavorative, le forti richieste che arrivano dalla famiglia, dai figli, da questa vita che sembra diventare sempre più stressante. Sarebbe bello avere fiducia in se stessi, così da farci scivolare via le critiche che spesso sentiamo su di noi, oppure avere le risorse per superare le crisi, avere le energie necessarie per affrontare non solo i piccoli problemi quotidiani, ma le inevitabili grosse difficoltà che la vita ci pone davanti. Ci sono persone che hanno tutte queste caratteristiche:  sono le persone resilienti.

 

La resilienza è un termine prestato dalla scienza dei materiali, ed è la capacità di resistere agli stress, quella “forza” misteriosa che permette di far fronte alle pressioni dell’ambiente e di tornare a una vita piena e soddisfacente dopo degli eventi negativi.

La resilienza non è solo un tratto della personalità, ma anche una strategia per affrontare le difficoltà; tuttavia, non è una caratteristica statica, bensì dinamica, cambia nel corso della vita di una persona e viene continuamente messa alla prova, adattandosi in maniera flessibile alle varie circostanze.

"Il segreto della resistenza psichica" di Christina Berndt cerca di scoprire quali sono le caratteristiche che rendono le persone resilienti, qual è la componente ambientale e quale genetica. Non è che le persone resilienti sappiano necessariamente come superare una situazione, però dispongono di una varietà di modi cognitivi, sociali ed emotivi per adattarsi e affrontare le difficoltà. Si può imparare a fare affidamento su queste capacità, si può imparare a pensare "So che me la posso cavare”.  IO HO , IO SONO, IO  POSSO:  io HO persone che mi stanno a cuore e che mi aiutano, io SONO una persona gradevole e rispettosa nei confronti di me stesso e degli altri, io POSSO  trovare dei modi per risolvere i problemi e gestire me stesso.

Molti sono gli aspetti interessanti di questo libro, ma vorrei sottolineare soprattutto quella che è la preoccupazione di ogni genitore: cosa possiamo fare per rendere forti i nostri figli?

Innanzitutto tranquillizziamoci: non dipende tutto da noi, anche se abbiamo una gran parte nella formazione del carattere dei nostri bambini.

In primo luogo i bambini ricevono dai genitori non solo i geni bensì anche un ambiente. Anche l'ambiente dunque è ereditato.

In secondo luogo i bambini cercano nel loro ambiente quelle nicchie che corrispondono meglio alle loro condizioni innate, ai loro interessi: chi è aperto e curioso, si orienta attivamente verso nuove esperienze.

In terzo luogo genitori ed educatori reagiscono in modo diverso a seconda dei tratti della personalità che un bambino esibisce, in funzione della costituzione genetica: i geni fissano i confini, ma rimane un ampio spazio di manovra.

A seconda di come interviene l'ambiente, uno stesso gene può rendere vulnerabili oppure resilienti.

Se un bambino è molto sensibile, per esempio, in un conteso molto amorevole diventerà un bambino forte, viceversa condizioni difficili potrebbero renderlo vulnerabile. Il meccanismo è molto complesso, i ricercatori si focalizzano soprattutto su quei casi di bambini che nonostante un ambiente molto difficile manifestano notevoli capacità di resistenza psichica per capire "cosa" li renda forti.

Geni ed ambiente dunque hanno un’interazione molto complessa, e a tutt’oggi separare questi due aspetti è impossibile. Si è scoperto, infatti, che l’ambiente influenza la conformazione del DNA, pertanto una situazione ambientale può essere addirittura ereditata; i genitori tramandano la loro esperienza anche senza volerlo.

Cosa possiamo fare, dunque, per aumentare la nostra resilienza e quella dei nostri bambini?  Sappiamo tutti che non c'è una facile ricetta per la serenità, né per la capacità di resistere di fronte alle difficoltà della vita; bello e utile, per esempio,  il suggerimento di scrivere ogni sera tre cose positive che sono successe durante la giornata. Ma la cosa certa, e nel libro viene sottolineato più volte, è che La resilienza può crescere solo se si fanno continue esperienze, si superano crisi o si riescono a portare a termine compiti difficili. Si è più resilienti quante più relazioni si hanno, se si guarda con fiducia il futuro.

Possiamo essere d’aiuto ai nostri bambini, dunque, se sappiamo renderli autonomi abbastanza presto nelle loro piccole difficoltà, in rapporto all’età,  se lasciamo che prendano decisioni che li riguardano, se non offriamo facili risposte ma se li mettiamo alla prova, a costo di piccoli fallimenti.

 

Autore: Christina Berndt 
E
ditore: Feltrinelli 

Pin It
Accedi per commentare

La città dei bambini

La rivoluzione proposta in questo libro è ripensare alle nostre città a partire dai bambini: una città fatta per i bambini è garanzia di una vita migliore per tutti.

Francesco Tonucci è un ricercatore del CNR che ha avviato con il comune di Fano il progetto "La città dei bambini".

Questo libro rivede tutte le priorità della vita di città, dove sono le macchine a farla da padrone. I bambini sono prigionieri delle case, non possono uscire a giocare da soli, non possono andare a scuola da soli. Non vivono la città, perché in realtà le città non sono più vivibili.

Ma considerando il punto di vista dei bambini, contemporaneamente si rispettano anche le altre categorie più deboli: gli anziani, i disabili. Una città pensata per i bambini è in realtà una città per tutti, e il libro ci mostra come e perché. La soluzione potrà sembrare utopica, forse, ma per l'autore è molto più utopico e folle procedere nel cammino senza futuro che le nostre città hanno imboccato. Quella dei bambini è un'utopia concreta, un'utopia sostenibile.

La prefazione è di Bobbio.
L'autore è anche disegnatore, con lo pseudonimo di FRATO.

autoreFrancesco Tonucci

editore: Laterza

Bianco come Dio

Nicolò è un ragazzo italiano che a vent’anni non ha ancora finito il liceo. Insoddisfatto dalla vita, in perenne conflitto con il padre, è alla ricerca della sua strada

 

Leggi tutto...

Io sono Malala. La mia battaglia per la libertà e l'istruzione delle donne

Malala Yousafzai è una ragazza nata in Pakistan nella valle dello Swat. Nel libro descrive con orgoglio la bellezza della sua terra: la natura meravigliosa, la bellezza delle montagne e delle sue acque; racconta con sguardo attento anche la storia del suo paese e del suo popolo: i Pashtun, suddivisi in varie tribù sparse nel Pakistan e nell’Afghanistan dove l’ospitalità e l’onore sono i valori fondamentali. Malala ci racconta della sua famiglia, di suo padre e di sua madre che si sono sposati per amore e non attraverso un accordo stipulato dalle rispettive famiglie.

Il padre, in particolare, figlio di un Imam insegnante di teologia, è un padre diverso dagli altri che usano violenza contro le loro mogli. Suo padre condivide ogni scelta di vita con la propria moglie. Anche il nome Malala fu scelto da lui perché era il nome di un’eroina afghana che nel 1880 incitò le truppe del suo paese che stavano per essere sconfitte dall’esercito inglese: innalzò una bandiera afghana, venne uccisa, ma il suo coraggio servì a vincere una sanguinosa battaglia.

Leggi tutto...