Musica Maestro

Da diversi anni l'educazione musicale è entrata a pieno diritto anche nella scuola primaria. Materia che si è fatta strada a piccoli passi prima, diventata una delle attività più apprezzate poi.

Ovviamente non sono mancati i problemi. Spesso i docenti si sono ritrovati a dover insegnare una disciplina  della quale erano, didatticamente parlando, all' oscuro o per la quale non avevano la giusta preparazione.

 

Oggi, per fortuna, nelle scuole sono presenti esperti di educazione musicale o gli insegnanti sono tenuti a seguire dei corsi di aggiornamento.

La musica, è bene ricordarlo, è una forma d' arte che esprime libertà. È doveroso, quando si vuole organizzare una lezione, tener conto anche dei gusti degli alunni coinvolgendoli il più possibile nella scelta dei brani da ascoltare e delle attività da svolgere.

Renderli partecipi permette, infatti, ai bambini di sentirsi utili e importanti.

Sicuramente non bisogna considerare l' educazione musicale nella scuola primaria come una disciplina rigida, ma ogni attività, per quanto seria possa essere, deve avere sempre un aspetto ludico. I bambini devono vivere la musica non come l'ennesimo compito da svolgere, ma un momento di gioia, liberazione e condivisione con i compagni e il docente.

Da un punto di vista pedagogico-educativo, poi, questa disciplina permette anche a coloro che hanno problemi di timidezza o bassa autostima di “venir fuori”, di lasciarsi andare.

È un valido strumento d' aiuto per coloro che, invece, mostrano atteggiamenti aggressivi o poco collaborativi e fa acquisire maggior senso di autocontrollo ai più agitati.

Tanti sono, infatti, gli artisti di ieri e di oggi che hanno raccontato di disagi comportamentali superati per mezzo di questa meravigliosa arte.

Compito dell' insegnante dev'essere quello di trovare il giusto equilibrio tra ciò che impongono le programmazioni ministeriali e dare la possibilità alla classe di potersi esprimere apertamente coinvolgendo ogni alunno nella realizzazione di un progetto comune.

Un'attività utile potrebbe essere, per esempio, organizzare un musical: ciò aiuterebbe ciascun componente del gruppo a trovare il suo posto e darebbe la facoltà a chiunque di poter comunicare le proprie emozioni e il proprio saper fare attraverso altre forme d' arte come la danza, il disegno e la pittura per la realizzazione di coreografie e scenografie.

Assegnare un ruolo favorisce, quindi, l'apprendimento e la crescita culturale di ogni alunno oltre che sviluppare la creatività e la fantasia.

Tutti i bambini hanno il loro talento, l'importante è sempre evitare competizioni e paragoni. La buona riuscita di uno spettacolo, infatti, non dipenderà dalla perfezione di esso, ma dalla capacità di aver coinvolto ogni alunno attribuendogli importanza e consapevolezza.

 

Pin It
Accedi per commentare

Il libro di tutte le cose

Ho appena finito di leggere questo magnifico libro.

È ambientato in Olanda, il protagonista si chiama Thomas. Lui vive in un mondo tutto suo, si rifugia nella sua testa, perché non accetta la realtà. Lui però la realtà, in una parte della sua testa la conosce. Thomas sa che il padre fa cose sbagliate e che gli preferisce la sorella, che secondo lui ha un cervello di gallina, ma nel corso del romanzo avrà modo di fargli cambiare idea.

Leggi tutto...

Il sogno ostinato. Lettere dall'Africa

È la raccolta di lettere che l'autrice ha scritto a familiari e amici durante i suoi soggiorni in Africa come cooperante.

Un'analisi del problema Africa diversa dal solito, non permeata dal solito pietismo misto ad esaltazione che accompagna i racconti delle missioni umanitarie. Al contrario, il libro è molto lucido e critico ma contemporaneamente appassionato e empatico.

autore: Silvia Montevecchi

editore: Terre di Mezzo

Parla con me. Comunicare con i nostri figli è difficile? Consigli, situazioni, soluzioni per un dialogo sereno

Non si può non comunicare e come genitori dobbiamo sempre pensare agli effetti che la nostra comunicazione avrà sui destinatari dei nostri messaggi, cioè i nostri figli. Non esiste solo una comunicazione verbale atta a trasmettere concetti e significati, esiste anche una comunicazione implicita, non verbale, caratterizzata da comportamenti e da atteggiamenti attraverso i quali i bambini percepiscono cosa i genitori pensano di loro e sono il veicolo di emozioni e sentimenti.

 

Leggi tutto...