Bibliografia. Donne nella scienza

La storia, così come la letteratura per ragazzi, è tradizionalmente piena di racconti con protagonisti maschili, esempi di grandi uomini in cui i nostri bambini possono identificarsi, riconoscendo una parte di sé, un'aspirazione per il futuro, eroi sulle cui storie possono fantasticare. 

Ma le bambine? È meno scontato, frequente e facile trovare storie di grandi donne o di ragazze speciali del passato, del presente o della fantasia, soprattutto in ambito scientifico.

Per secoli le donne che potevano avere accesso all'istruzione erano quelle rinchiuse nei conventi, dove intraprendevano studi umanistici: non potendo frequentare le università venivano escluse automaticamente dall'educazione scientifica. Malgrado le difficoltà che incontravano, non sono poche le scienziate che hanno portato importanti contributi allo sviluppo della scienza, molto spesso non riconosciuti, come ad esempio Rosalind Franklin che morì di cancro nello scoprire il DNA, ma non vinse il premio Nobel: le ricerche furono sue ma il Nobel lo vinsero i suoi colleghi maschi Watson, Crick e Wilkins.

Officina Genitori propone una bibliografia di testi al femminile, di donne che hanno dato un grande contributo alla scienza, in cui le bambine di tutte le età potranno riconoscersi e a cui potranno ispirarsi, imparando che la Storia e le storie sono piene di donne in gamba che un tempo sono state bambine proprio come loro. 


Età di lettura: da 8 anni

 

F. Cavallo, E. Favilli “Storie della buonanotte per bambine ribelli. 100 vite di donne straordinarie” Ed. Mondadori, 2017

100 esempi di forza e coraggio al femminile, per tutte le donne, grandi e piccole, che puntano sempre in alto. 100 donne straordinarie che hanno cambiato il mondo, 100 favole per sognare in grande!

Alle bambine ribelli di tutto il mondo: sognate più in grande, puntate più in alto, lottate con più energia. E, nel dubbio, ricordate: avete ragione voi. C’era una volta una bambina che amava le macchine e amava volare; c’era una volta una bambina che scoprì la metamorfosi delle farfalle... Da Serena Williams a Malala Yousafzai, da Rita Levi Montalcini a Frida Kalo, da Margherita Hack a Michelle Obama, sono 100 le donne raccontate in queste pagine e illustrate da 60 illustratrici provenienti da tutto il mondo.

 

S. Manfrè “Regine della Scienza” Ed. Anicia, 2013
Due sono i fili conduttori del libro: da un lato l'indiscutibile importanza della scoperta scientifica nella storia dell'umanità; dall'altro un'energia tutta femminile che emerge con forza - a tratti facendosi pure portavoce della difesa dei diritti delle donne - dalle caratterialità delle protagoniste laddove alla determinazione e alla creatività di Maria Montessori si affiancano la volontà ferrea e la genialità di Rita Levi Montalcini, la costanza e l'abnegazione di Caroline Herschel, la passione sconfinata per la ricerca della verità di Ipazia e infine l'umiltà e l'amore ispiratore di Suor Celeste nei confronti di suo padre, Galileo Galilei. Tutto ciò raccontato, oltre che nero su bianco, anche attraverso la xilografia, antica tecnica di stampa artiginale con cui sono state realizzate le illustrazioni da Amalia Caratozzolo.


L. Novelli “Marie Curie e i segreti atomici svelati” Ed. Editoriale Scienza, 2011
La straordinaria vita di Marie Sklodowska Curie, l'unica scienziata a vincere due premi Nobel diversi: uno per la fisica e uno per la chimica. Ci racconta tutto in prima persona: gli anni da ragazzina nella sua amata Polonia, le tragedie familiari e la passione per gli studi, fino all'avventurosa fuga in Francia, dove incontra un giovane fisico parigino. Comincia così l'amore con Pierre Curie, uniti dalla passione per la ricerca. Passione portata avanti per molti anni affrontando ostacoli, pregiudizi e povertà, fino alla scoperta di due nuovi elementi radioattivi: prima il polonio e poi il radio, scoperte che porteranno finalmente premi e celebrità e soprattutto finanziamenti. Infine l'ultima scoperta, tragica, a proprie spese: la radiottività è pericolosa. Anche la figlia Irene sarà premio Nobel per la fisica, per la scoperta della radioattività, questa volta quella artificiale! La storia toccante di una famiglia unica e di una delle figure più grandi della scienza moderna. 

 

Età di lettura: da 10 anni

M. Marelli “La fisica delle ragazze. La scienza in discoteca, al supermercato e allo specchio” Editoriale Scienza, 2011
E se un giorno apparisse la Fisica in persona nelle vesti di un'elegantissima signora e ti proponesse delle lezioni di fisica per illustrare i principi fisici di un correttore per brufoli, di uno scintillante smalto per unghie e delle luci stroboscopiche in discoteca? È ciò che accade a Silvia, una quattordicenne con il pallino di diventare una famosa stilista. Lo Spirito della Fisica ha un unico scopo: far piacere l'odiata materia a Silvia, la quale scoprirà che la fisica non è solo formule aride e teorie incomprensibili, bensì una fonte inesauribile di spiegazioni alla portata di tutte le ragazze curiose di conoscere la realtà che le circonda. Lezioni di fisica per illustrare i principi fisici nella vita di un adolescente.


R. Levi Montalcini; G. Tripodi “Rita Levi Montalcini racconta la scuola ai ragazzi” Ed. Fabbri, 2007
Rita Levi-Montalcini narra in prima persona i suoi primi anni di scuola, le scelte importanti, i maestri che ha incontrato, gli ostacoli che ha affrontato quando studiare e fare ricerca per una donna era quantomeno insolito. E poi racconta l'importanza della cultura come libertà e indipendenza, e il suo impegno nel Terzo Mondo per garantire un futuro alle bambine.


Età di lettura: da 11 anni

 

C. Paul “Hero girl. Il coraggio è la nuova bellezza. Spunti e dritte per ragazze alla conquista del mondo” Ed. Giunti Editore, 2017

Chi dice che le ragazze sono meno avventurose dei ragazzi? Anche loro possono tuffarsi da una scogliera, scalare una montagna o sfidare le rapide di un fiume in piena. Un racconto autobiografico fresco e divertente, che offre consigli e suggerimenti utili per vincere le paure, acquistare sicurezza e tuffarsi nella vita con grinta e spensieratezza. E, soprattutto, che ricorda alle ragazze che per cambiare il mondo bisogna essere coraggiose, non perfette.

 

B. Masi “Siate gentili con le mucche” Editoriale Scienza, 2015
Una bambina chiusa in se stessa, una ragazzina ostinata, una studiosa conosciuta in tutto il mondo per le sue ricerche sugli animali allevati per nutrirci. Beatrice Masini racconta la storia di Temple Grandin, professoressa di Scienze animali all'università del Colorado e tra le più note personalità affette da autismo. La storia di una donna che è riuscita a fare della sua vita quello che voleva proprio per quello che è.


S. Cerrato, M. Hack “L' universo di Margherita” Editoriale Scienza, 2015
Una serie dedicata al racconto della vita di donne che hanno dato un grande contributo alla scienza. Ritratti complessi e appassionanti, uno stimolo e un modello in cui riconoscersi. La storia della più nota astrofisica italiana raccontata ai giovani con la spontaneità, la passione e l'impegno che hanno caratterizzato tutte le sue scelte.

 
V. De Marchi “La trottola di Sofia. Sofia Kovalevskaja si racconta” Editoriale Scienza, 2014
Donna straordinaria, Sofia Kovalevskaja non fu soltanto una grande matematica, la prima ad ottenere una cattedra universitaria in Europa, ma anche una scrittrice piena di talento e un'appassionata sostenitrice dell'emancipazione femminile. Vissuta nella seconda metà dell''800, Sofia dovette lottare contro i pregiudizi e l'intolleranza di una società patriarcale che impediva alle donne l'accesso alle università e alla carriera scientifica.


C. Pulcinelli “Pannocchie da Nobel. Storia e storie di Barbara McClintock” Editoriale Scienza, 2012
Nel 1983 Barbara McClintock è la prima donna a vincere il Premio Nobel per la medicina senza dividerlo con un uomo. A farle ottenere l'ambito riconoscimento sono i suoi studi sulle pannocchie di mais. Nonostante le apparenze, Barbara è una donna forte che per trent'anni ha combattuto, sola, difendendo una scoperta cui gli altri scienziati non credevano. Com'è giunta fino a qui? È quello che racconta il libro, ripercorrendo la sua storia: dai primi anni di vita, agli anni della contrapposizione con la madre che la vuole sposa e madre, mentre lei desidera solo studiare. Dagli anni dell'università agli anni della maturità quando riesce a entrare dentro il vetrino del microscopio per passeggiare insieme ai cromosomi.


E. Accati “Fiori in famiglia. Storia e storie di Eva Mameli Calvino” Editoriale Scienza, 2011
La vita di Eva Mameli Calvino (madre dello scrittore Italo), personaggio anticonformista e di forte temperamento, è dominata fin da giovane da una grande passione per la botanica, della fisiologia e biologia vegetale e dall'impegno sociale e umanitario. La vita di Eva è piena di svolte e cambiamenti: dalla Sardegna, terra natale, a Pavia, determinata a realizzare se stessa attraverso lo studio; da Cuba dove assieme al marito insegna agli agricoltori locali a sfruttare al meglio la terra, a Sanremo, dove crea il laboratorio sperimentale di floricoltura destinato a diventare il più importante d'Italia e tra i primi in Europa


V. De Marchi “La mia vita tra i gorilla. Dian Fossey si racconta” Editoriale Scienza, 2011
Diciotto anni passati tra Ruanda, Uganda e Congo per studiare il comportamento dei gorilla di montagna, ma soprattutto per proteggere questa specie dall'estinzione. Un intenso romanzo biografico che racconta con passione la vita e il lavoro di Dian Fossey che, fin da ragazza, spinta da uno sconfinato amore per la natura, ha ben chiaro in mente di voler lavorare a stretto contatto con gli animali. Vichi de Marchi ci regala una storia che emoziona e fa riflettere sul diritto che questi animali hanno di vivere nel loro ambiente naturale, lontano dalla minaccia rappresentata dagli esseri umani.


S. Toksvig "Le ragazze sono meglio" Mondadori 2009
Chi ha inventato la carta? Chi ha ideato il gioco del Monopoli? Chi ha scoperto la radioattività? Le risposte potrebbero stupire alcuni di voi... soprattutto se siete maschi! Perché si parla quasi esclusivamente di "grandi uomini del passato"? Le donne sono forse una scoperta recente? Certo che no! Ma spesso la storia si dimentica di quanto siano grandi. Eppure nel corso dei secoli ci sono state gladiatrici, vichinghe, piratesse! E poi pittrici, astronaute e imperatrici... ma di loro si sa poco o nulla. Dimostreremo che le ragazze possono fare qualsiasi cosa salti loro in mente... e sfidiamo qualunque maschio a sostenere il contrario!


S. Poidomani "Numeri e poesia. Storia e storie di Ada Byron" Ed. Editoriale Scienza 2009
Cresciuta dalla madre nel timore che si appassionasse alla letteratura, proprio come il celebre e scapigliato padre, Ada Byron ricevette fin da bambina un'istruzione severa ma eccellente, prendendo lezioni da alcune tra le prime scienziate del tempo. Dotata di fantasia sfrenata e estrema sensibilità, diventerà una grande matematica in grado di esprimersi per immagini e metafore nuove. Così riuscirà a prefigurare ciò che ai tempi era inimmaginabile: un mondo di macchine intelligenti che lavorano per l'uomo, i nostri computer. L'amore per i gatti, la passione per il volo e le macchine volanti, quelle reali e quelle mai costruite... e ancora le cene mondane, il matrimonio e l'incontro con la macchina di Charles Babbage, "il gioiello di tutti i macchinari". Una vita intensa di grande ricerca e passione. 


S. Cerrato "Radioattività in famiglia La vera vita di Marie e Irène Curie" Ed. Editoriale Scienza 2008
La storia di Marie e Irène Curie, di due donne impegnate e appassionate, di eroiche ricerche e di incredibili scoperte, di grandi amori e terribili sciagure, di due vite vissute fino in fondo, con slancio, passione e pienezza. Dalla Varsavia di fine Ottocento alla Parigi del secondo dopoguerra, un racconto del Novecento in Europa, attraverso le vicende di due grandi scienziate. Una serie dedicata al racconto della vita di donne che hanno dato un grande contributo alla scienza. Ritratti complessi e appassionanti, uno stimolo e un modello in cui riconoscersi.


C. Pulcinelli "Alla ricerca del primo uomo" Ed. Editoriale Scienza 2008
Scavare, setacciare, raccogliere, ricomporre: il racconto della vita di Mary Leakey, la passione per l'archeologia e la paleontologia che diviene missione di vita, un mix di lavoro e famiglia, impegno e affetti. Quarant'anni vissuti sotto il sole dell'Africa, culla dei primi ominidi, con straordinari successi: dal ritrovamento del cranio del Proconsul, considerato allora l'anello mancante, la specie di passaggio tra le scimmie e l'uomo, alla straordinaria "camminata di Laetoli", una fila di impronte fossili lasciate da una famiglia vissuta 2 milioni di anni fa. 


E. Nava “Sulle orme di Gandhi. Storia e storie di Vandana Shiva” Editoriale Scienza, 2007
Vandana Shiva è una delle scienziate più famose al mondo. Nata nel 1952 a Dehra Dun, ai piedi dell'Himalaya, ha dedicato tutta la sua vita all'ecologia sociale. Dopo la laurea conseguita in fisica quantistica in Canada , torna a casa, in India, e scopre che l'antico legame del suo paese con la natura è andato distrutto. Decide così di abbandonare la fisica dei quanti e di abbracciare unicamente la causa ecologista. Emanuela Nava e Emanuela Bussolati ci restituiscono, l'una con le parole, l'altra con le illustrazioni, il ritratto di una donna forte, tenace e paziente che considera la Donna la custode di un sapere antichissimo e di un legame ancestrale con la Terra e la Natura, che la scienza moderna, maschilista e occidentale vorrebbe distruggere. Vediamo attraverso gli occhi della studentessa universitaria che prova una forte nostalgia della sua terra, della bambina che impara dalla famiglia i valori e le tradizioni millenarie della cultura indiana, della donna, scienziata e madre che deve affrontare la Corte Suprema sia per combattere contro l'installazioni di dighe e centrali idroelettriche in alcune regioni dell'India, sia per ottenere l'affidamento di suo figlio.


Età di lettura: da 13 anni

R. Levi-Montalcini , G. Ferri, G. Tripodi. "Le tue antenate. Donne pioniere nella società e nella scienza dall'antichità ai giorni nostri" Ed. Gallucci 2013
Marie Curie non poté studiare in patria, la Polonia, perché in quell'epoca l'università era preclusa alle donne. Per questo si trasferì in Francia dove si laureò e si dedicò alla ricerca con enorme successo, fino al Premio Nobel. E' solo uno dei tanti modelli femminili affascinanti, rigorosi, combattivi, mai banali, raccontati da Rita Levi-Montalcini. Storie straordinariamente esemplari per le adolescenti spaesate tra "velinismo" e paure. A loro, e ai loro fratelli e genitori, la più grande scienziata italiana racconta con passione i propri riferimenti personali: figure innovative, fiere e rivoluzionarie che hanno saputo affermarsi e trascinare con sé l'emancipazione della donna nella società occidentale, fino ai giorni nostri. 


A.Petricelli “Cattive ragazze. 15 storie di donne audaci e creative” Ed Sinnos, 2013
Una graphic novel per ragazze e ragazzi (ma non solo) dedicata a 15 biografie eccellenti: scrittrici, condottiere, scienziate, attiviste, filosofe, cantanti, pittrici. Autonome, coraggiose, anticonformiste: più o meno note, sono donne che – in periodi storici e luoghi diversi – hanno segnato la storia. Un libro che coniuga perfettamente la struttura narrativa del fumetto con i registri della biografia. Per una narrazione che, scegliendo di raccontare un universo femminile, va oltre stereotipi e questioni di genere e, con un approccio accattivante e incisivo, invita alla riflessione, emozionando e coinvolgendo.


ADULTI

E. Strickland “Scienziate d'Italia. Diciannove vite per la ricerca” Ed. Donzelli, 2011
Una sola donna nella storia italiana è stata insignita del premio Nobel in area scientifica: Rita Levi Montalcini. Tuttavia, un consistente numero di scienziate ha raggiunto negli ultimi centocinquant’anni risultati importanti. In occasione del compleanno italiano, una rinomata matematica racconta le storie di diciannove grandi donne che - dal 1861 ad oggi - hanno dedicato la loro vita alla ricerca, collaborando al progresso della scienza, nonostante il ritardo della nostra politica, nonostante le difficoltà oggettive, e in una condizione palese di assenza di pari opportunità rispetto ai loro colleghi maschi. Queste donne hanno lavorato spesso in condizioni difficili, in tempi di guerra, durante le persecuzioni razziali e scontrandosi con stereotipi di genere e pregiudizi, restandone a volte irreparabilmente colpite. Il libro di Elisabetta Strickland vuole raccontare le vicende di alcune di esse, scelte per la peculiarità complessiva delle loro vite, radiografando la società in cui si sono mosse e sottolineando l'originalità dei risultati raggiunti, senza dimenticare gli uomini che hanno creduto nel loro potenziale e le hanno incoraggiate. L'intento è duplice: rendere un tributo al lavoro caparbio delle scienziate italiane e alla loro straordinaria intelligenza, e riflettere sul ruolo della donna nella ricerca e sui principali ostacoli alla parità nel mondo scientifico.

Pin It
Accedi per commentare

Nazi Hunters. L'avventurosa cattura del criminale nazista Adolf Eichmann

Il Primo Ministro prese posizione dietro il podio. Nella stanza, tutti aspettavano in silenzio. In tono fermo e solenne annunciò: «Devo informare che recentemente i servizi segreti israeliani hanno catturato uno fra i maggiori criminali nazisti, Adolf Eichmann, responsabile insieme ad altri dirigenti nazisti di quello che essi stessi avevano definito "la soluzione finale del problema ebraico", cioè lo sterminio di sei milioni di ebrei europei. Adolf Eichmann si trova attualmente in carcere in Israele e presto sarà condotto in tribunale in conformità alla legge per i reati commessi dai nazisti e dai loro alleati». 

Neal Bascomb è giornalista, saggista e autore di molti bestseller per adulti, tra cui "Hunting Eichmann", dal quale è stata tratta la versione per ragazzi, intitolata appunto: "Nazi Hunters. L'avventurosa cattura del criminale nazista Adolf Eichmann."

Il libro descrive nei minimi dettagli e con dovizia di particolari quella che fu la cattura di Adolf Eichmann, capo del dipartimento IVB4, la divisione delle SS responsabile della "soluzione finale", che dopo la fine della seconda guerra mondiale partì dall'Italia per l'Argentina dove cominciò una nuova vita insieme alla sua famiglia.
Nonostante il suo tentativo di vivere una vita nell'anonimato per non farsi scoprire, verrà individuato, infatti, David Ben Gurion, primo ministro israeliano, decide di inviare in Argentina un gruppo scelto di spie del Mossad (servizi segreti israeliani) molte delle quali avevano perso familiari nei campi di concentramento, con il compito di catturare e trasportare a Gerusalemme, in assoluta segretezza, l'emblema dell'orrore dell'Olocausto. Lì sarà oggetto di uno dei più importanti e significativi processi contro i crimini perpetuati dai nazisti. 

Il 27 gennaio 1945 è la data in cui le truppe sovietiche arrivarono ad Auschwitz, scoprendo l'omonimo campo di concentramento, cinquantacinque anni dopo, nel 2000, è stata scelta questa data per commemorare ogni anno le vittime del nazismo.

Il libro di Bascomb mette in evidenza due aspetti che raramente vengono toccati quando si parla di antisemitismo ai ragazzi: il primo e alquanto intuitivo, è che la fine della seconda guerra mondiale non ha significato la fine dell'ideologia nazista che anzi ha continuato a serpeggiare sia tra chi aveva vissuto la guerra così come tra i giovani, nei paesi europei come in quelli oltre oceano.
Un esempio è l'Argentina: simpatizzante nazista che è uscita dalla sua neutralità politica e si è schierata con gli Alleati solo poco prima della fine della guerra, quando oramai era chiaro che le potenze dell'Asse sarebbero state sconfitte. Il suo appoggio agli Alleati è stata una scelta politica intelligente e durante gli anni dopo la fine della guerra ha aiutato diversi esponenti del partito nazista a nascondersi cambiando identità.
Per questo motivo, la cattura di Eichmann da parte del Mossad è stata un'operazione molto rischiosa da svolgere in completa segretezza.

Il secondo aspetto è l'importanza che ha avuto per il popolo ebraico e il neonato stato di Israele il processo a Eichmann. L'autore infatti scrive: "il processo si rivelò quasi più importante nel campo dell'educazione che in quello della giustizia" perché per la prima volta, dopo il processo di Norimberga, permise ai sopravvissuti di parlare apertamente delle loro esperienze. Fu un processo di educazione per i ragazzi che dovevano conoscere ciò che era stato fatto al popolo ebraico e contemporaneamente Israele legittimava così la nascita del paese, che assumeva quindi il vessillo del rifugio di tutte le vittime del genocidio che era stato commesso.

autore: Neal Bascomb

editore: Giunti editore

Il mare in fondo al bosco

…quella era un città buia fitta di misteri, una città piccola perché un bambino come lui, Paolo, potesse esplorarla e scoprirci dei segreti…

Trovò in terra dei libri, li guardò uno dopo l’altro e a poco a poco riuscì a leggerli. Intanto si accorgeva che quello che stava leggendo riusciva a vederlo anche se non c’erano le figure. “Forse - pensò - sto diventando anch’io un bambino inventato. Sarebbe divertente!”
A un tratto aprì un libro e dalle pagine si alzò una foresta: era un libro animato, di quelli da cui, quando si sfogliano, si vedono saltar fuori castelli, boschi, velieri, talmente belli che sembrano veri. Gli venne voglia di provare a entrarefra quegli alberi. Quella foresta poi era una giungla, certo zeppa di belve, di serpenti di insetti velenosissimi.
Be’ paura o non pauraaveva una gran smania divederla quella giungla, l’idea di passare dal buio di una città pericolosa, al buio di una foresta tropicale, adesso, lo tentava troppo.
Sentì delle voci e un gran correre: lontano nelle strade dei tipi loschi.

Il romanzo è una fantasticheria in cui, con ritmo crescente, compaiono città insidiose, giungle popolate di belve, mari in burrasca, magie luminose, grovigli di strade misteriose. I protagonisti sono bambini, bande criminali, mercanti di schiavi, maghi e mostri orrendi, pirati e scimmie, folletti e coccodrilli.

Età di lettura consigliata: da 4 anni.

autore: Pinin Carpi

editore: Einaudi Ragazzi

TANDEM, due storie che viaggiano insieme

Si dice spesso che il piacere di leggere cresce leggendo. All'inizio però non sempre le cose sono facili per i piccoli lettori alle prime armi. Diventa quindi fondamentale aiutare i bambini a non spaventarsi davanti ad un libro facendo in modo che invece ne siano attratti sentendo il desiderio di toccarlo, sfogliarlo, leggerlo. Impareranno così che i libri sono contenitori di emozioni che aiutano a fantasticare e noi saremo riusciti a trasmettere il desiderio e il piacere della lettura.

Leggi tutto...