Giornata Mondiale della Pace interiore

Il 21 marzo si celebra la Giornata mondiale della pace interiore, in inglese Inner Peace Day.

Il primo giorno di primavera simboleggia la rinascita ed è anche la data della nascita di Shri Mataji Nirmala Devi (1923-2011), figura di primo piano nella lotta di liberazione accanto a Gandhi, per la pace universale e la nonviolenza e fondatrice di Sahaja Yoga, un metodo di meditazione in grado di trasportare ogni essere umano in uno stato di pace interiore.

 

In un mondo sconvolto dalle guerre, dalla violenza sui soggetti più deboli, dal razzismo, dall’ostilità verso il diverso o verso coloro che arrivano da situazioni di povertà e di conflitti armati l’insegnamento principale per le generazioni future è quello che viene dal principio socratico “Conosci te stesso”. Solo attraverso la consapevolezza del sé e la scoperta del nostro mondo interiore è possibile allentare le tensioni, evitare i pensieri negativi e vivere in modo più equilibrato.

“Non ci sarà pace nel mondo finché non ci sarà pace dentro di noi” (Shri Mataji)

Questo metodo Yoga si rivolge principalmente ai giovani di tutto il mondo; si tratta di tecniche che permettono di rilassarsi evitando lo stress cui il mondo esterno, sempre più frenetico ed esigente, sottopone i ragazzi. Gli esercizi stimolano l’autostima, la fiducia in sé stessi, la capacità di ascoltare e di relazionarsi in modo equilibrato con gli altri.

Quasi 50 Paesi coinvolti, 300 scuole e 200.000 studenti sono i numeri dell’anno scorso che testimoniano il successo di questo Progetto.

Sono quattro le tappe fondamentali che lo Yoga prevede per raggiungere la Pace interiore: Meditazione, i Canali energetici, i Centri energetici, Meditare a casa. La prima tappa è l’incontro con l’energia sottile per il raggiungimento della dimensione chiamata “consapevolezza senza pensieri”; la seconda mette in funzione due canali, quello del raziocinio, rivolto al futuro, e quello delle emozioni, rivolte al passato, in un equilibrio con l’ambiente e i suoi elementi naturali; la terza è un lavoro sul nostro stato psico-fisico interno; la quarta è la condivisione del benessere interiore con gli altri anche nel nostro ambiente domestico.

Sono i bambini i veri protagonisti di questa iniziativa: europei, asiatici, americani, africani o australiani, di religione, classi e cultura diverse che si uniscono nella meditazione per convogliare ogni loro singola energia interiore nella grande armonia della Pace universale. Migliaia di studenti e centinaia di scuole in Italia partecipano; per aderire basta inviare la propria richiesta al numero telefonico o all’indirizzo email presenti sul sito. Expo 2015 ha accolto al proprio interno dei Laboratori di Sahaja Yoga dedicati ai bambini delle scuole dell’infanzia e primarie e ai ragazzi delle secondarie di primo e di secondo grado. Attraverso i disegni i bambini hanno lasciato le loro impressioni su questa esperienza; le parole attraverso cui la descrivono sono: felicità, tranquillità, pace, armonia, libertà. Parlano finalmente di emozioni positive, imparano a viverle e a sentirle dentro di loro.

Per l’edizione 2016 il progetto Inner Peace Day si affianca al progetto Meditate to Regenerate che si è occupato di diffondere il messaggio di pace nelle zone più critiche del mondo: campi profughi, zone devastate dalla guerra, territori occupati. Un immenso sforzo di volontariato che ha portato non solo speranza, ma aiuti concreti a bambini in situazioni profondamente critiche.

Per approfondire:

link al sito Inner Peace Day e alla pagina facebook 

Video Prima Lezione - Il sistema sottile e l'energia dentro di noi

Link al sito Meditate to Regenerate 

Pin It
Accedi per commentare

La musica in testa

Autobiografia del giovane pianista e compositore Giovanni Allevi che intervalla il racconto degli episodi che hanno contrassegnato la propria ascesa al successo con riflessioni filosofiche sulla vita e sull’importanza che l’arte musicale ha esercitato su di essa. Il libro inizia con il primo concerto di Napoli quando a 22 anni  era ancora agli inizi della propria carriera e a vederlo erano solo 5 spettatori e approda ai trionfi conquistati negli Stati Uniti.

 

Leggi tutto...

Il mago dei numeri

Un libro da leggere prima di addormentarsi, dedicato a chi ha paura della matematica.

Roberto è un bambino come tanti, che odia la matematica, soprattutto perché non la capisce e gli sembra noiosa. Ma una notte gli appare un mago che lo porta in un mondo affascinante e sconosciuto.

Pian piano Roberto prende familiarità con strumenti matematici che si rivelano divertenti e comincia ad apprezzare quel mondo matematico di cui prima aveva paura. Concetti matematici anche difficili spiegati ai bambini come delle favole.

La matematica è un mostro che fa un po' meno paura.

Per Enzensberger la matematica è un mondo immaginario che riserva continue sorprese ed è capace di colpirti con la sua genialità. Questo libro, scritto per una bambina di dieci anni ma destinato ai lettori di tutte le età, ne è la prova.

autore: Hans Magnus Enzensberger - Illustrazioni di Rotraut Susanne Berner

editore: Einaudi - collana Supercoralli

Un computer dal cuore saggio. Considerazioni educative sull’uso consapevole del computer e della rete

Scrivere una fiaba su sicurezza in internet e minori è stato un  percorso  condiviso con Mauro Ozenda esperto in materia e collaboratore  della associazione Mani colorate.

Si sono toccate tematiche delicate come la  potenzialità della rete, il rispetto e  il significato della “Netiquette”  ma anche rischi e pericoli quali la pedopornografia, cyberbullismo,  sexting, sicurezza, tutela della privacy, etc.

Leggi tutto...