Parla con me. Comunicare con i nostri figli è difficile? Consigli, situazioni, soluzioni per un dialogo sereno

Non si può non comunicare e come genitori dobbiamo sempre pensare agli effetti che la nostra comunicazione avrà sui destinatari dei nostri messaggi, cioè i nostri figli. Non esiste solo una comunicazione verbale atta a trasmettere concetti e significati, esiste anche una comunicazione implicita, non verbale, caratterizzata da comportamenti e da atteggiamenti attraverso i quali i bambini percepiscono cosa i genitori pensano di loro e sono il veicolo di emozioni e sentimenti.

 

In questo libro, di sole 80 pagine, Claudio Cecchi e Chiara Mercurio, due psicologi e psicoterapeuti, basandosi sulla propria esperienza clinica e personale, danno un quadro preciso su quelli che sono i più diffusi “errori” comunicativi che noi genitori, anche in perfetta “buona fede”, compiamo quando ci rapportiamo con i nostri bambini o ragazzi.  Imparando dagli errori svolgeremo al meglio anche il nostro compito: “educare”, che vuol dire essenzialmente rendere i nostri figli autonomi, responsabili e in grado soprattutto di conoscere se stessi e la propria interiorità e “dialogare” che vuol dire stabilire un contatto che sia costruttivo e funzionale alla relazione affettiva.  Ogni capitolo è dedicato ad una modalità comunicativa che i genitori adottano e che non sempre può rivelarsi positiva per il vissuto dei figli. Che risposte diamo agli atteggiamenti inadeguati dei nostri figli? Se le nostre aspettative saranno negative non faremo che rafforzare il comportamento problematico, mentre minimizzando daremo un messaggio di non comprensione del disagio. Spesso esageriamo a proteggerli e ad aiutarli per render loro la vita più facile e non ci accorgiamo che questo nostro comportamento provocherà insicurezza esistenziale anche in età adulta. Oppure siamo genitori perfezionisti, esigiamo standard alti a scuola facendo vivere a nostro figlio anche il più piccolo errore come un fallimento non accorgendoci che tutto ciò potrebbe scatenare stress , sbalzi d’umore, insoddisfazione, solitudine. E i sacrifici? Chi non ha mai detto. “Sei un ingrato! Dopo tutto quello che ho fatto per te!”  generando sensi di colpa che inibiscono lo sviluppo dell’identità personale. I rimproveri esagerati e reiterati nel tempo o l’obbligo tassativo del rispetto delle regole o lo stile genitoriale basato sulle prediche, causano spesso ribellione o al contrario sottomissione. Infine sappiamo gestire il dolore, la rabbia, l’ansia e il trauma? Cerchiamo di evitare di parlarne? Cerchiamo di razionalizzare le emozioni negative? Costruiamo grandi argini contro la rabbia distruttiva oppure la lasciamo defluire cercando di canalizzarla verso altri scopi?  Comunichiamo in modo efficace la nostra vicinanza anche e semplicemente stando in silenzio, lasciando ai nostri figli l’opportunità di esprimersi senza interrompere? Sappiamo ascoltare senza dover dare per forza delle risposte accettando così i nostri limiti? Alla fine di ogni capitolo i due studiosi ci propongono delle “psicosoluzioni” che non vogliono essere assolutamente indicazioni da “manuale del perfetto genitore”, ma consigli e suggerimenti per mettersi in discussione e instaurare un rapporto consapevole coi propri figli. Ogni genitore si riconoscerà in qualche “scambio” comunicativo e potrà correggere il “tiro”. 

 

 

autori: Claudio Cecchi-Chiara Mercurio

editore: A.G. Editions

Pin It
Accedi per commentare

I figli che aspettano. Testimonianze e normative sull'adozione.

Il mondo è pieno di figli che aspettano di essere figli. Ma essere adottati non è facile, perché non è facile adottare. Eppure si fa, si deve poter fare. Carla Forcolin esplora il territorio in cui si muovono i figli che aspettano, analizza il macroscopico divario che esiste fra la disponibilità ad adottare e le adozioni attuate, scandaglia gli effetti delle nuove leggi, lascia emergere le contraddizioni che ne ostacolano o comunque ne rendono faticosa l’esecuzione.

Leggi tutto...

Genitori fatti ad arte. Prepararsi all'arrivo di un bambino

Questo libro è un diario, una storia, un prezioso scrigno di suggerimenti, idee, proposte, esercizi, riflessioni che accompagnano e si intrecciano al percorso che ogni donna e ogni uomo fanno nelle 40 settimane di attesa.

Dalla scoperta dell'esistenza di una nuova vita all'emozione del primo vagito.

Leggi tutto...

UN DUE TRE SCALA

"UN DUE TRE SCALA" è una nuova collana di libri illustrati per bambini, ideata da Tita e Teatro alla Scala, edita da Skira-Classica, che racconteranno ai più piccoli attraverso un linguaggio adatto a loro, il mondo della musica classica.

Il progetto nasce dall'incontro di testi e immagini ed è pensato per avvicinare i piccoli lettori al mondo della musica classica.

Ogni volume è realizzato con un'innovativa tecnica artigianale "a fisarmonica": leggibile da entrambi i lati, un formato originale, capace di trasformare il libro in un coloratissimo gioco interattivo. Una vera sfida ai supporti informatici ormai alla portata anche dei più piccoli

Libri dinamici e istruttivi (in edizione bilingue, italiano e inglese), che segnano la felice unione tra parole, arte illustrata e musica, grazie anche ai colorati disegni di navigati illustratori per l'infanzia.

Il primo volume "10 e più cose incredibili sulla Scala. Lampadine, uova e leggende a teatro" è illustrato da Brendan Wenzel e curato dal musicologo Marino Mora. Racconta un viaggio alla scoperta di tutti i segreti della Scala, davanti e dietro al sipario.

Il secondo volume "Giuseppino. Come il piccolo Verdi è diventato il grande Verdi" è dedicato all'infanzia di Giuseppe Verdi, nell'anno del bicentenario della sua nascita. Disegni di Gloria Pizzilli e testi di Marino Mora.
Tutti i volumi di "Un due tre Scala" sono in vendita in esclusiva presso La Scala Shop di Milano e sul sito internet www.lascalashop.it

In occasione della presentazione della nuova collana editoriale per bambini "123 Scala",
Skira Classica Srl e Tita, in collaborazione con l'Associazione L'ILOPERA, invitano le famiglie ad un
PERCORSO DIDATTICO al MUSEO TEATRALE ALLA SCALA DOMENICA 26 MAGGIO 2013

I partecipanti saranno condotti dai professionisti di L'ILOPERA attraverso le sale del Museo: alla visita guidata sarà affiancato un coinvolgente percorso didattico di approfondimento sull'opera lirica e sulle arti e i mestieri che la rendono probabilmente la forma di spettacolo più ricca e multidisciplinare che esista.

Potranno partecipare all'iniziativa le famiglie composte da almeno un genitore ed un bambino/ragazzo (fino a 18 anni) per un massimo di 80 persone.
Si potrà scegliere l'orario di ingresso fra i due seguenti (durata della visita 1 ora e mezza):
1. primo gruppo alle ore 9.30 (massimo 40 persone)
2. secondo gruppo alle ore 11.00 (massimo 40 persone)

Per prenotare la visita inviare un'e-mail a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.:
• indicando nell'oggetto "26 maggio"
• indicando nel testo il numero di adulti e di bambini/ragazzi partecipanti
• indicando nel testo l'orario scelto (9.30 o 11.00)

La prenotazione sarà confermata oppure sarà comunicato l'esaurimento dei posti disponibili.