Crescere e cambiare da adulti

Tema: mettersi in discussione e cambiamenti di vita

Attività: pausa riflessiva

Età: per genitori

Opera: A painting too real (Un dipinto troppo realistico)

Autore: Erik Johansson

 

Sono stata latitante per un po’, lo ammetto. Mi ero illusa che fosse semplicemente per mancanza di tempo, con due lavori, i bambini, l’università il ‘tempo per me stessa’, ma mi sono resa conto che era in realtà una pausa riflessiva, un momento interiore complesso. E lo è ancora, ma mi sto forzando a venire allo scoperto.

Poco più di un anno fa mi sono separata, dopo 14 anni di convivenza, quasi 13 di matrimonio, due figli e una miriade di altre cose, belle, brutte e così così. Non mi soffermo sui dettagli né sulle motivazioni di questo cambio di rotta, ma rivolgo l’attenzione alle mie riflessioni di queste settimane.

In questo ultimo anno, non solo ho dovuto mettere e rimettere in discussione le scelte di una vita, le relazioni, i ruoli, i ritmi e le routine quotidiane, ma anche e soprattutto ho dovuto stravolgere e ricostruire a poco a poco (ci sto ancora lavorando!) la mia identità, l’immagine che avevo di me stessa. Come persona in generale, come donna, come mamma e per tutti gli altri ruoli che impersoniamo nella vita di tutti i giorni.

 

In educazione e pedagogia l’attenzione è quasi sempre rivolta allo sviluppo dei bambini o alle problematiche dell’adolescenza. Raramente ci si sofferma a riflettere in modo consapevole sull’impatto che le vicende di vita da adulti hanno sulla nostra esistenza. Sui continui sconvolgimenti e riassestamenti del Sé, del senso della propria vita, dell’immagine che ognuno ha di sé e della propria personalità.

Eppure io inizio a percepire l’essere adulti come una costellazione di crisi adolescenziali!

Mi piace pensare all’educazione come quel processo che permette all’individuo di essere sempre protagonista della propria esistenza. Ma che cosa significa davvero? Essere sempre presenti a sé stessi? Essere sempre consapevoli delle proprie scelte? Riuscire a non essere sbatacchiati di qua e di là dalle vicende della vita?

Non lo so. Me lo sono chiesta spesso e ripetutamente. Soprattutto in quest’anno passato a costruire ed inventarmi una nuova (almeno in parte) vita ed identità. Penso che significhi semplicemente essere consapevoli di ciò che ci accade, evitare atteggiamenti passivi e cercare, seppur nelle difficoltà, di percorrere il sentiero che pensiamo sia giusto per noi. Non significa sempre ‘fare la cosa giusta’, o sapere sempre e comunque quale sia la cosa giusta. Significa essere in grado di interrogarsi costantemente ed avere il coraggio di virare, cambiare rotta se necessario.

Tutto questo a livello personale, come individui. Ma ovviamente è qualcosa che ha fortissime ripercussioni anche sul nostro ruolo genitoriale. Le dinamiche relazionali cambiano. Mutano i punti di riferimento e di conseguenza anche gli atteggiamenti. Si delineano nuovi assestamenti ed orizzonti di senso.

Sto cercando di imparare a relazionarmi con i miei figli in modi nuovi, ho messo in discussione tutto, facendo i conti con quello che c’è stato prima e quello che vorrei ci fosse nel futuro, per me e per loro, cercando sempre di tenere in vista i valori ed i principi educativi ed esistenziali che hanno sempre guidato il mio essere genitore.

La mia nuova vita potenzialmente è un quadro, un interessante paesaggio di mare. Di fatto però questa nuova vita a volte fa acqua da tutte le parti. Sorreggo la cornice, ma l’acqua straborda, cade ed esce incontrollabile, senza che io ci possa fare molto. Proprio come nell’opera di Johansson, surreale, bizzarra, ma estremamente metaforica.

Erik Johansson è un giovane fotografo che combina una sofisticata sensibilità fotografica con una spiazzante poetica surrealista. Il risultato sono delle immagini estremamente suggestive, capaci di prendere alla sprovvista lo spettatore e catturarne l’immaginazione nella loro bizzarra, pulita complessità.

A metà tra ambientazioni Escheriane ed atmosfere Magrittiane, le sue fotografie parlano di disorientamento, metafore di sensazioni ambivalenti e di una pluralità di scenari possibili. Piccoli stralci di poesia visiva che fanno riflettere.

Nessuna attività questa volta. Un po’ per non banalizzare questo tema, e un po’ perché a volte non c’è molto da fare, se non fermarsi ad osservare, riflettere, appendere il quadro e semplicemente aspettare che l’acqua sul pavimento si asciughi...

  

Consigli di approfondimento:

Sito dedicato alle foto di Erik Johansson: Link 

Demetrio Duccio "Elogio dell'immaturità. Poetica dell'età irraggiungibile" Cortina Raffaello Editore

Pin It
Log in to comment

cnadia ha risposto alla discussione #2 05/08/2016 10:46
Ho letto solo adesso questo interessante pezzo di cui cito un estratto.

In educazione e pedagogia l’attenzione è quasi sempre rivolta allo sviluppo dei bambini o alle problematiche dell’adolescenza. Raramente ci si sofferma a riflettere in modo consapevole sull’impatto che le vicende di vita da adulti hanno sulla nostra esistenza. Sui continui sconvolgimenti e riassestamenti del Sé, del senso della propria vita, dell’immagine che ognuno ha di sé e della propria personalità.

Anche io, come l'autrice, ho l'impressione di aver vissuto tutta una serie di crisi adolescenziali che ogni volta mi hanno lasciata svuotata, ma anche ripulita per un nuovo inizio.

Per quanto mi riguarda il problema fondamentale è il voler mantenere il controllo della rotta, mentre a volte semplicemente è impossibile, a volte bisogna lasciarsi andare al vento e limitarsi a dei piccoli aggiustamenti per non finire contro gli scogli.

Io sono convinta che non si smetta mai di crescere, di imparare, di formarsi. La nostra psiche è qualcosa di mutevole e malleabile, e quando si è genitori si cresce assieme ai figli.

A volte effettivamente ci sarebbe bisogno di fermarsi un attimo, mettere i remi in barca, e riflettere su chi si è, dove si va, e soprattutto come, e con chi, ci si vuole andare.

Ma ho l'impressione di non riuscire a vedere da nessuna parte un approdo sicuro, e quindi sono sempre qui in balia del vento che mi sbatacchia di qua e di là, per ora scogli non ne ho presi, almeno non abbastanza grossi da far affondare la nave, ma ho l'impressione di vagare senza meta.
teresina ha risposto alla discussione #3 07/08/2016 09:39
Quando il nostro castello di Lego crolla ci ritroviamo prima spaesati e poi nasce l'esigenza di rimetterlo su.....ma come? Se ci si fossilizza sul tentativo di ricostruirlo più o meno com'era prima, perchè questo ci dà scurezza, penso che commettiamo un grosso errore. Rinnovarsi non è mai facile, le certezze di ieri, anche se alcune volte sono scomode e non ci aggradano completamente, rappresentano la comoda pantofola che ci siamo creati. Ricreare è uno stimolo vitale, io sono una di quelle che fa fatica.....ma poi basta iniziare e mi accorgo che posso percorrere nuovi percorsi

Mettersi alla prova....a volte anche nelle piccole cose del quotidiano possiamo apportare cambiamenti che ci permettono di accettare che si può cambiare....senza la necessità di approdare Cnadia ;) forse l'errore sta nella ricerca del l'approdo sicuro....e parlo anche per me

Io sono Malala. La mia battaglia per la libertà e l'istruzione delle donne

Malala Yousafzai è una ragazza nata in Pakistan nella valle dello Swat. Nel libro descrive con orgoglio la bellezza della sua terra: la natura meravigliosa, la bellezza delle montagne e delle sue acque; racconta con sguardo attento anche la storia del suo paese e del suo popolo: i Pashtun, suddivisi in varie tribù sparse nel Pakistan e nell’Afghanistan dove l’ospitalità e l’onore sono i valori fondamentali. Malala ci racconta della sua famiglia, di suo padre e di sua madre che si sono sposati per amore e non attraverso un accordo stipulato dalle rispettive famiglie.

Il padre, in particolare, figlio di un Imam insegnante di teologia, è un padre diverso dagli altri che usano violenza contro le loro mogli. Suo padre condivide ogni scelta di vita con la propria moglie. Anche il nome Malala fu scelto da lui perché era il nome di un’eroina afghana che nel 1880 incitò le truppe del suo paese che stavano per essere sconfitte dall’esercito inglese: innalzò una bandiera afghana, venne uccisa, ma il suo coraggio servì a vincere una sanguinosa battaglia.

Leggi tutto...

Il viaggio di Caden

“Quando tocchi il fondo puoi solo risalire”

 

“Il viaggio di Caden” è un romanzo commovente, ma anche divertente, un vero inno alla vita, che racconta la discesa negli abissi della mente del giovane protagonista, Caden, un ragazzo come tanti, affetto da schizofrenia.

Leggi tutto...

Rosi e Moussa

Rosi si è appena trasferita in città con la sua mamma, in un grande palazzo, molto alto, pieno di scale e di vicini che sembrano scontrosi. Non si farà mai degli amici, lo sa già!

E invece arriva Moussa: grande giacca, cappello sempre in testa, tanti fratelli, e un cane che in realtà è... un gatto. Il loro incontro nasce con una sfida: salire sul tetto proibito per guardare tutta la città dall'alto – in barba al bisbetico vicino signor Tak.

E dalle sfide, si sa, nascono le migliori amicizie e le avventure più belle.

Una delicata storia di amicizia e multiculturalità, scritta con naturalezza e senza ipocrisie.

Romanzo perfetto per le prime letture.

Autore: Michael de Cock e Judith Vanistandael

Editore: Il Castoro