#ioloso: Federico e la conoscenza dell’autismo

“Pensavo di essere pazzo, perché avevo tante paure,  di stare con gli altri, anche di parlare.  Allora un giorno ho chiesto ai miei genitori che malattia avessi,  e loro mi hanno detto che non ero malato e mi hanno spiegato cos’è l’autismo. L’autismo non è una malattia, è un modo di essere.  Io sono fatto così.  E sono fatto bene”.  Federico ha 19 anni, vive ad Olbia, in Sardegna,  frequenta il liceo linguistico, recita in una compagnia teatrale,  adora i cani e gli piacerebbe lavorare in una fumetteria.  Un ragazzo come tanti ma con una diagnosi che per molte  famiglie è ancora un macigno.

Il due aprile è la giornata internazionale della consapevolezza dell’autismo e per l’occasione l’associazione Sensibilmente, di cui Federico è vice presidente, ha lanciato insieme all’amministrazione comunale di Olbia la campagna  #ioloso.

Federico sa e con la sua neuro diversità, pur tra le difficoltà, prova a fare i conti e ad essere utile agli altri, quelli che non sanno, che hanno una forma di autismo più grave della sua, che non parlano.

 

E’ stato lui a proporsi per l’incarico direttivo nell’associazione e il suo caso è diventato un esempio virtuoso per chi fa della consapevolezza una bandiera.  “E’ un messaggio importante per l’autodeterminazione che vorremmo raggiungere”,  racconta la presidente Veronica Asara, mamma di due bambini autistici: “Coloro che,  come Federico,  hanno una certa autonomia e consapevolezza possono occuparsi dei diritti propri e di tutti coloro che hanno maggiori difficoltà. Possono e devono diventare protagonisti della loro vita”.

Anche il figlio maggiore di Veronica che è ancora un bambino sa. Perché sapere,  con parole giuste per l’età, e per il livello cognitivo (che può avere, all’interno dello spettro autistico, una grandissima variabilità)  è il primo passo per la costruzione di un’autonomia futura. Perché l’obiettivo è questo:  una vita normale, un  lavoro, una famiglia. Non pomeriggi passati a dipingere ceramiche o fare lavoretti in un Centro diurno.

La campagna #ioloso però rovescia la prospettiva.  A parlare di autismo, nei manifesti affissi sui muri e diffusi sui social network,  non sono i diretti interessati, i ragazzi, le famiglie, ma le persone che vivono intorno che suggeriscono comportamenti inclusivi. Un adolescente, una mamma, un papà, una maestra, un allenatore sportivo.  Cinque testimonial di un rapporto possibile. Edoardo, studente: “#ioloso che il mio amico autistico sembra bizzarro. Ma lo rispetto e lo accetto così com’è”.   Il suo messaggio, diretto anche al contrasto agli atti di bullismo in generale, ha ottenuto in pochi giorni 40.000 visualizzazioni”.  Raffaela, mamma: “#ioloso che il compagno autistico di mio figlio può sembrare un bambino difficile. Ma io lo accolgo senza paura”.  Messaggio chiave contro un’emarginazione che spesso trova terreno fertile nelle paure dei genitori.  Maestra Lucia: “#ioloso che il mio alunno autistico ha modalità di apprendimento diverse. Perciò adeguo il mio lavoro”.  Simone è un giovane istruttore sportivo: “#ioloso che per il mio allievo autistico può essere difficile stare nel gruppo. Ma faccio di tutto per renderlo possibile”. Gianni è un genitore: “#ioloso che il mio amico, papà di un ragazzo autistico, può sentirsi solo e scoraggiato. Ma lui sa che può contare su di me”.

Le persone con disturbi dello spettro autistico sono in aumento, grazie  anche a migliori diagnosi, e perciò, come recita un altro slogan dell’associazione, conoscere l’autismo vuol dire “conoscere chi ti è vicino”.

Lontana anni luce dalla retorica del pietismo, l’associazione va avanti su un doppio binario: la grinta di chi lotta per i diritti e il sorriso di chi punta su un messaggio positivo.  Un terreno fertile per far crescere ragazzi in grado di prendere in mano la propria vita, senza nascondersi le difficoltà ma affrontandole con uno sguardo diverso.  Proprio come Federico: “Qualche volta ci sono problemi, ma bisogna risolverli con calma, respirando e buttando fuori l’aria e piano piano si aggiusta  tutto”.

Caterina De Roberto per Officina Genitori

Pin It
Accedi per commentare

La sottile linea scura

Lansdale Joe R. é un autore americano che spazia dal giallo al western, dall'horror al romanzo storico, dalla satira sociale al romanzo di formazione come 'La sottile linea scura'.

Ambientato nel Texas del 1958 è la storia del tredicenne Stanley, che lavora nel drive-in del padre e mette il naso in un segreto che doveva rimanere celato. In quell'estate avviene "la perdita dell'innocenza" di Stanley, il mondo per lui cambierà per sempre.

La 'sottile linea scura', che segna per lui la scoperta del male, del dolore e della morte insieme con l'esplosione del sesso e la consapevolezza del conflitto razziale, diventa il mezzo con cui l'autore ci fa immergere in quegli anni Cinquanta che sembrano così lontani.

Se avete letto con passione 'Il buio oltre la siepe' di Harper Lee questo è un libro che fa per voi.

Autore: Lansdale Joe R.

Editore: Einaudi

Jack il puzzone

Immagina la scena: sei in classe, e tutto sembra tranquillo. All’improvviso, qualcuno sgancia una puzza terrificante. Silenzio. Ora immagina questo: tutti si voltano, e danno la colpa a TE!
E’ quello che succede a Jack, ed è la fine: diventa il puzzone più famigerato della scuola. Ma lui non si perde d’animo e chiede aiuto alla scienza. Obiettivo: liberare se stesso e il mondo dalle puzza delle puzze! Chissà che non riesca davvero a brevettare l’invenzione del secolo? Tappatevi il naso e preparatevi a ridere! Una lettura esilarante, accompagnata dalle illustrazioni di AntonGionata Ferrari, Premio Andersen 2007 come miglior illustratore italiano.

L’autore: Raymond Bean è un insegnante di quarta elementare (la classe di Jack!). Questo è il suo primo libro. Uscito come un’autoproduzione, Jack il Puzzone ha scalato le classifiche ed è stato già tradotto in cinque Paesi. Raymond ha sempre sognato di scrivere libri. Nato a New York, nel Queens, prima di insegnare e scrivere, ha lavorato in produzioni televisive e cinematografiche. Ama ridere. Sposato, con un figlio, vive a New York.

autore: Raymond Bean

editore: Il castoro

Facciamo i colori!

Se dipingere, colorare e "pasticciare" sono tra le attività preferite di ogni bimbo, immaginate quanto divertimento nel realizzare da soli i propri colori?

Leggi tutto...