Il ritmo del corpo. Muoversi con consapevolezza

Un libro e un percorso sulla consapevolezza del sé, per sintonizzare il proprio corpo e la propria mente con i ritmi interiori e con quelli dell’ambiente che ci circonda attraverso la pratica costante, perseverante e umile del Daoyin Yangshen Gong, la forma del qi gong diffusasi in Cina negli anni 70 al fine di migliorare la salute e acquisire longevità.

Gli autori del libro, uno insegnante di qi gong e operatore tuina e l’altra fondatrice dell’Associazione Culturale ”Centro per lo Sviluppo Evolutivo dell’Uomo”, raccontandoci la propria esperienza personale maturata da contesti diversi, ci conducono passo dopo passo e con estrema chiarezza in questa dimensione caratterizzata da esercizi fisici armonici e rilassanti di estremo beneficio per la nostra salute, ma anche e soprattutto funzionali ad un recupero della capacità del nostro corpo-mente di ascoltarsi lasciando scorrere le energie vitali.

 

Prima di descrivere capitolo per capitolo le 5 posizioni base del Daoyin che hanno rappresentato per l’autore uno “splendido percorso per entrare in contatto con il corpo e portare la mente in una condizione di serenità e di rilassamento” ci viene suggerito di leggere alcune schede esplicative sull’affascinante mondo del pensiero tradizionale cinese: “Teoria dello yin e dello yang”; “Teoria dei cinque movimenti (wu xing); “Teoria delle sostanze fondamentali (il qi, il sangue, i liquidi, il jing e lo shen ”; “Teoria dei canali energetici”. Il Daoismo sta alla base della pratica ed è infatti l’argomento centrale della Prefazione di Shantena Augusto Sabbadini.     

Ogni posizione ha una precisa corrispondenza con uno degli esagrammi del Yijing (Libro dei mutamenti): essi ”sono una guida ai mutamenti delle cose, ossia sono un orientamento all’irrompere nella vita dell’uomo dell’irregolare, dell’imprevedibile e del caotico”. Si tratta di figure che rappresentano gli infiniti mutamenti dello yang (la forza, la vitalità, il ritmo…) e dello yin (la calma, l’immobilità, il rilassamento…).

Primo passo verso l’”ascolto del corpo” è la respirazione consapevole che ci libera dai pensieri e dalle tensioni ed ogni nostro movimento ci porterà a comprendere meglio le nostre debolezze interiori, i nostri squilibri, le nostre rigidità. Il corpo non mente e se lo sappiamo ascoltare ci dirà molto di quello che siamo e di ciò che stiamo vivendo, i segnali del corpo sono dei doni preziosi che dobbiamo capire per poter star meglio con noi stessi e con gli altri.

Una volta consapevoli delle proprie debolezze bisogna diventare come l’acqua che non conosce ostacoli e si adatta, si lascia andare; si fluisce in un movimento che parte dalla terra e dalle proprie radici e finisce per renderci disponibili ad accettare il dolore e ad aprirci al cambiamento. Occorre sintonizzarsi con i ritmi della natura che procedono sempre in una alternanza di pieno e di vuoto, di caldo e di freddo, di luce e di buio e anche i nostri movimenti devono corrispondere ad un ritmo doppio, inspirare ed espirare, alzarsi e abbassarsi, andare a destra e a sinistra. Terra e Cielo, l’Uomo sta nel mezzo, tra i soffi vitali del qi, non può che armonizzarsi con l’ambiente.

Ogni errore o disarmonia dei vari movimenti viene spiegata alla “luce della consapevolezza” cioè dell’interpretazione dei nodi interiori irrisolti, delle debolezze, degli squilibri, dei legami con le nostre paure o con le esigenze del mondo che domina i nostri cuori e la nostra mente. Si è inclini maggiormente alle caratteristiche del lato femminile (sinistra) o di quello maschile (destra), ci si muove in avanti (futuro) o si sta appoggiati indietro (passato)... Più si procede nelle posizioni più ci si pone di fronte ai limiti della nostra fisicità, non occorre sforzarsi eccessivamente, la leggerezza è la chiave di volta per riuscire.

Chi conosce già il Qi Gong e il pensiero cinese troverà nel libro molti spunti interessanti e originali che derivano da studi approfonditi testimoniati dalla ricca Bibliografia, chi è nuovo a questa pratica potrà apprezzare non solo la spiegazione teorica, ma anche sperimentare personalmente i movimenti grazie all’ausilio del DVD Tutorial che, ve lo possiamo garantire, oltre a essere un’ottima guida, immergerà lo spettatore in un’armonia profonda.

autore: D. Coda Zabetta – E. Martignoni

editore: Edizioni Mediterranee.

Pin It
Accedi per commentare

Città blu città gialla

 

Città Blu e Città Gialla sono vicine e separate solo da un fiume. Una è famosa per i suoi ombrelli variopinti, l’altra per i calzolai che fabbricano scarpe eccezionali.

Gli abitanti hanno sempre vissuto in pace e un ponte permette agli abitanti di passare da una sponda all’altra e tutti andavano d’accordo, finché un giorno non decidono di ridipingere il vecchio ponte che collega le due città: già, ma di quale colore?

Leggi tutto...

Arcobaleno fa la pace

Il pesciolino Arcobaleno e i suoi amici vivono spensierati in fondo all'oceano. Poco lontano, una bella balena blu si lascia cullare dalle onde osservandoli placidamente.

"Perché ci guarda in quel modo?" si chiedono un giorno, insospettiti, i pesciolini.

"Grande e grossa com'è, chissà quanto mangia. E se divorasse tutto quello che c'è in giro?".

Sentendoli parlare così, la balena, che in realtà stava solo ammirando le loro belle scaglie brillanti, s'indispettisce e la sua rabbia non resterà senza conseguenze...

"Dobbiamo fare la pace" decide allora Arcobaleno "perché quando si litiga si finisce per stare male tutti".

Sì, ma in che modo?

Sembrava complicato, ma quanto è semplice fare la pace! Balena e Arcobaleno parlano a lungo. La balena spiega ad Arcobaleno perché si è arrabbiata... i due ridono insieme e trovano un accordo e ben presto nessuno riesce a spiegarsi più perché quel bisticcio sia mai avvenuto.

Le illustrazioni sono ulteriormente abbellite dalle lamine rifrangenti che fanno luccicare le scaglie dei pesciolini.

Per bambini in età prescolare.

Della stessa serie
"Arcobaleno, il pesciolino più bello di tutti i mari" che insegna la felicità nel donare 
"Arcobaleno, non lasciarmi solo!", che insegna a non creare gruppi esclusivi e ad accettare anche coloro che sono diversi da noi.

autore: Isabella Bossi Fedrigotti, Marcus Pfister

editore: Nord-Sud

Bianco come Dio

Nicolò è un ragazzo italiano che a vent’anni non ha ancora finito il liceo. Insoddisfatto dalla vita, in perenne conflitto con il padre, è alla ricerca della sua strada

 

Leggi tutto...