Biblioteca Vivente

La Biblioteca Vivente è un'organizzazione portata avanti da diverse associazioni in Italia e nel mondo. Da Milano, Bologna, Verona, Dublino, Manila, arriviamo a Copenhagen (Human Library)  dove nel 1933 l'idea nasce da un ristretto gruppo di giovani come risposta all’aggressione a sfondo razzista subìta da un loro compagno. L’iniziativa ha avuto un enorme successo, e dal 2003 è stata riconosciuta dal Consiglio d’Europa come buona prassi, e come tale incoraggiata.

 

Nonostante la presenza di bibliotecari e un catalogo di titoli da cui scegliere, non si tratta di una vera biblioteca fisica: infatti i libri, che sono in carne e ossa, si spostano ovunque ce ne sia bisogno.

Ebbene sì, i libri di questa stravagante e itinerante biblioteca sono persone fisiche che al lettore non possono altro che regalare le loro esperienze, i loro racconti, emozioni e trascorsi.

Una delle più grandi associazioni che porta avanti il progetto in Italia è ABCittà a Milano.

La preparazione del catalogo è semplice: si costituisce un gruppo promotore, si identifica il pregiudizio sul quale operare il cambiamento, si reclutano i libri umani che vengono formati con alcuni incontri di gruppo.

E' ciò che è successo per l'evento organizzato il 19 dicembre 2015 al Museo delle Culture di Milano quando i visitatori del Museo sono diventati “lettori” di un libro umano per mezz’ora, ascoltando episodi di vita, aprendo un dialogo personale, incontrando persone e mondi inediti.

L’obiettivo è conoscere, senza le barriere di pregiudizi e stereotipi che in ogni caso tutti abbiamo; non si tratta quindi di uno storytelling: quelli messi a disposizione sono pezzi importanti di vita, ma come in ogni libro, è l’interazione lettore-autore a creare ogni volta una storia e un’emozione diversa.

Kazi Tipu, regista cinematografico che arriva dal Bangladesh, racconterà come a Bologna ha scoperto la vita dei suoi connazionali, venditori di fiori; Margarita invece seguirà insieme al suo ‘lettore’ il viaggio dall’Accademia d’arte di Buenos Aires, negli anni bui della dittatura, fino a Montmartre; Lucy comunicherà con ironia la catena di situazioni di spaesamento, di scontri culturali, di incomprensioni che ha affrontato nella sua vita; Sofia spiegherà quanta fatica si fa nel dover sempre rispondere alla domanda “da dove vieni?” se non ci sono tutti i riferimenti per farlo; Stephane comunicherà il disagio di avere una faccia nera, che qui in Italia è troppo scura e nel suo paese d’origine è ormai troppo chiara.

"Nella Biblioteca Vivente i libri umani si rendono disponibili a raccontare episodi della propria storia autobiografica al lettore. è una straordinaria opportunità di entrare in contatto con persone altrimenti sconosciute. L’incontro e il racconto permettono di concretizzare l’unicità della persona che si ha davanti, che smette dunque di essere percepita come il rappresentante di una categoria, ma viene riconosciuta nella sua specificità”, ha spiegato l'assessore alla Cultura di Milano Filippo Del Corno.

Nella realtà quotidiana incontriamo persone e non stereotipi, scambiamo storie con loro e condividiamo esperienze, parliamo delle motivazioni che le hanno determinate. Ma non è facile incontrare persone di culture diverse dalla nostra. Biblioteca vivente mette in contatto persone e culture che altrimenti non si sarebbero conosciute.

Ulderico Maggi, socio e membro del consiglio di amministrazione di ABCittà, ha affermato: “La Biblioteca Vivente è un metodo innovativo, semplice e concreto per promuovere il dialogo, ridurre i pregiudizi, rompere gli stereotipi e favorire la comprensione tra persone di diversa età, sesso, stili di vita e background culturale”.

Quindi possiamo tranquillamente  concludere affermando che la Biblioteca Vivente non è altro che uno spazio d'incontro con pregiudizi che non sappiamo nemmeno di avere, un mettersi in gioco, una sfida contro noi stessi, una scommessa da accettare sempre.

Approfondimenti:

Sito ufficiale di Human Library

Biblioteca Vivente di ABCittà. Si tratta di una Cooperativa sociale che organizza eventi di Biblioteche Viventi, costituendo un gruppo promotore, reclutando e formando potenziali libri umani, organizzando e promuovendo la giornata

All’interno della Biblioteca Crescenzago di Milano viene organizzata la Biblioteca Vivente con lo scopo di  promuovere l’incontro, la conoscenza e il confronto tra le tante culture degli abitanti di Via Padova e dintorni.

A Verona la Biblioteca Vivente è un progetto organizzato e realizzato da Fondazione San Zeno onlus

B.V.BO. – Biblioteca Vivente Bologna è un’associazione di promozione sociale con  sede a Bologna, dove un gruppo di volontari e volontarie in questi anni hanno organizzato numerose Biblioteche Viventi.

Pin It
Accedi per commentare

Requiem per il giovane Borgia

 

Si tratta di un romanzo storico e nello stesso tempo di un avvincente giallo scritto da due giovani autrici milanesi esordienti che hanno svolto approfondite ricerche storiche sulla opulenta e maestosa Roma rinascimentale e le ricche corti italiane, soggiogate dalla morale del tempo, individualista e brutale, tesa al conseguimento dei fini senza curarsi dei mezzi con i quali ottenerli.

La vicenda parte dal brutale omicidio di Juan Borgia, duca di Gandia, figlio prediletto di papa Alessandro VI, al secolo Rodrigo Borgia.

Chi è il mandante dell'assassinio? L'indagine non è facile. È possibile il movente politico (il dominio dei Borgia è inviso alle potenti famiglie romane, agli Orsini, agli Sforza di Milano, a Guido da Montefeltro, ai baroni romani e a molti prelati che disapprovano la scandalosa condotta del papa), ma può essere un movente passionale o può essere maturato nell'ambito familiare....

La scrittura è scorrevole e varia e si presta facilmente ad una trasposizione filmica.

autore: Elena Martignoni, Michela Martignoni

editore: TEA

Città blu città gialla

 

Città Blu e Città Gialla sono vicine e separate solo da un fiume. Una è famosa per i suoi ombrelli variopinti, l’altra per i calzolai che fabbricano scarpe eccezionali.

Gli abitanti hanno sempre vissuto in pace e un ponte permette agli abitanti di passare da una sponda all’altra e tutti andavano d’accordo, finché un giorno non decidono di ridipingere il vecchio ponte che collega le due città: già, ma di quale colore?

Leggi tutto...

Parla con me. Comunicare con i nostri figli è difficile? Consigli, situazioni, soluzioni per un dialogo sereno

Non si può non comunicare e come genitori dobbiamo sempre pensare agli effetti che la nostra comunicazione avrà sui destinatari dei nostri messaggi, cioè i nostri figli. Non esiste solo una comunicazione verbale atta a trasmettere concetti e significati, esiste anche una comunicazione implicita, non verbale, caratterizzata da comportamenti e da atteggiamenti attraverso i quali i bambini percepiscono cosa i genitori pensano di loro e sono il veicolo di emozioni e sentimenti.

 

Leggi tutto...