12 Giugno: Giornata Mondiale contro il Lavoro minorile

Nel 2016 era stato fissato l’obiettivo per la fine delle peggiori forme di lavoro minorile nel mondo dalla Conferenza  globale dell’Aia organizzata dal Ministero del lavoro e degli affari sociali dei Paesi Bassi, in stretta collaborazione con l’ILO (International Labour Organization promotrice in tutto il mondo del movimento contro il lavoro minorile), in cooperazione con l’Unicef e la Banca mondiale (2010). Al consesso internazionale hanno partecipato 450 delegati da 80 Paesi. L’obiettivo non è stato raggiunto nonostante il numero globale dei bambini lavoratori si sia ridotto.

 

Circa 168 milioni di minori in tutto il mondo vengono utilizzati in diversi tipi di lavori, di questi  85 milioni sono sottoposti a forme di lavoro dannose per la salute (dati  ILO 2015), e sono privati di un’educazione:  piccoli schiavi ai quali sono stati tolti i diritti all’istruzione, al gioco, alla salute. In Italia 340mila bambini e adolescenti sono costretti a lavorare (dati  Save the Chidren 2015).

La Giornata Mondiale contro il lavoro minorile 2016 pone l’accento sul lavoro dei bambini nelle catene di produzione dalla realizzazione di un prodotto fino alla sua distribuzione. I processi  produttivi sono divenuti nel tempo sempre più complessi e i bambini sono utilizzati e sfruttati  in diversi settori:  dall’agricoltura alla pesca, dalla manifattura alle miniere, all’edilizia. La maggior parte del loro lavoro è destinato a mercati locali, ma possono produrre beni destinati all’esportazione sui mercati nazionali ed internazionali.  Troviamo bambini all’interno di piccoli laboratori o a domicilio, il loro lavoro è nascosto, difficile da far emergere  e concentrato in quei paesi in cui non esiste una regolamentazione del lavoro e i sindacati sono fragili o inesistenti. Spesso i minori provengono da situazioni famigliari caratterizzate da povertà dove l’adulto non è  in grado di sopperire ai bisogni della famiglia. Per le famiglie povere, il contributo offerto dal  reddito di un  bambino  che  lavora  può  fare  la  differenza  tra  la  fame  e  la sopravvivenza.  Essi sono sottopagati, non hanno nessun tipo di protezione sociale, sono esclusi da forme di istruzione o di educazione professionale. I dati degli ultimi anni confermano che sono proprio le multinazionali più note al mondo ad essere la causa dell’incremento del fenomeno.

L’organizzazione umanitaria internazionale Human Rights Watch (Hrw) ha denunciato con forza in questi mesi il procrastinarsi dello sfruttamento di manodopera infantile nelle grandi piantagioni di tabacco in Indonesia. Secondo il rapporto appena pubblicato da Hrw, i minori, alcuni di soli 8 anni di età, sono esposti a nicotina, maneggiano sostanze chimiche tossiche o usano strumenti pericolosi sotto il caldo torrido nelle piantagioni.

Questa Giornata è un’occasione per fare luce sull’impegno che tutti, a partire dai governi, alle imprese, ai sindacati, ai singoli cittadini devono assumersi nella lotta contro il lavoro minorile e contro gli abusi e i diritti negati sui posti di lavoro in tutti i paesi del mondo ratificando le Convenzioni dell’ILO  che intendono mettere la parola fine alla schiavitù contemporanea  e da qui al 2025 sradicare il lavoro minorile in tutte le sue forme e in tutti i contesti. 

Per approfondire:

ILO (International Labour Organization) promotrice in tutto il mondo del movimento contro il lavoro minorile

Hrw (Human Rights Watch) Organizzazione Umanitaria Internazionale 

 

Pin It
Accedi per commentare

Tecnobarocco. Tecnologie inutili e altri disastri

Leggendo questo libro molti troveranno delle conferme a dei ragionamenti  che spesso sorgono spontanei di fronte a innovazioni tecnologiche che la gente ha subito come traumi e che invece di semplificare l’esistenza  l’hanno resa più complicata. La domanda è quasi sempre la stessa: “Ne abbiamo veramente bisogno?”  Cambiamo ogni due o tre anni sistemi operativi che non comportano necessariamente miglioramenti;  affrontiamo lunghissime telefonate presso enti e aziende, digitando vari codici di accesso col telefono a pulsanti, solo per ascoltare un’alberatura di messaggi vocali che rende impossibile il contatto con un operatore; immagazziniamo una mole immensa di immagini digitali di cui non ricordiamo più niente; compriamo il cellulare di ultima generazione quando per comunicare ci bastava la prima versione.  Mario Tozzi (geologo e noto conduttore di trasmissioni televisive di divulgazione scientifica) e molti altri della sua stessa generazione,  non “nativi digitali”,  hanno vissuto l’epoca in cui si andava in biblioteca a fare le ricerche scolastiche, si usava il telefono con il duplex, ci si muoveva con la mappa geografica, si giocava al biliardino e al flipper, ma soprattutto ci si spostava  con automobili dotate di quel magnifico e comodo aggeggio chiamato deflettore per il quale anche Francesco Guccini nel suo libro “Dizionario delle cose perdute” pensa di  fondare una Lega (Prodeflettore!).

 

Leggi tutto...

I figli che aspettano. Testimonianze e normative sull'adozione.

Il mondo è pieno di figli che aspettano di essere figli. Ma essere adottati non è facile, perché non è facile adottare. Eppure si fa, si deve poter fare. Carla Forcolin esplora il territorio in cui si muovono i figli che aspettano, analizza il macroscopico divario che esiste fra la disponibilità ad adottare e le adozioni attuate, scandaglia gli effetti delle nuove leggi, lascia emergere le contraddizioni che ne ostacolano o comunque ne rendono faticosa l’esecuzione.

Leggi tutto...

Il mare in fondo al bosco

…quella era un città buia fitta di misteri, una città piccola perché un bambino come lui, Paolo, potesse esplorarla e scoprirci dei segreti…

Trovò in terra dei libri, li guardò uno dopo l’altro e a poco a poco riuscì a leggerli. Intanto si accorgeva che quello che stava leggendo riusciva a vederlo anche se non c’erano le figure. “Forse - pensò - sto diventando anch’io un bambino inventato. Sarebbe divertente!”
A un tratto aprì un libro e dalle pagine si alzò una foresta: era un libro animato, di quelli da cui, quando si sfogliano, si vedono saltar fuori castelli, boschi, velieri, talmente belli che sembrano veri. Gli venne voglia di provare a entrarefra quegli alberi. Quella foresta poi era una giungla, certo zeppa di belve, di serpenti di insetti velenosissimi.
Be’ paura o non pauraaveva una gran smania divederla quella giungla, l’idea di passare dal buio di una città pericolosa, al buio di una foresta tropicale, adesso, lo tentava troppo.
Sentì delle voci e un gran correre: lontano nelle strade dei tipi loschi.

Il romanzo è una fantasticheria in cui, con ritmo crescente, compaiono città insidiose, giungle popolate di belve, mari in burrasca, magie luminose, grovigli di strade misteriose. I protagonisti sono bambini, bande criminali, mercanti di schiavi, maghi e mostri orrendi, pirati e scimmie, folletti e coccodrilli.

Età di lettura consigliata: da 4 anni.

autore: Pinin Carpi

editore: Einaudi Ragazzi