DIVERGENT

Ho sempre adorato i libri per gli adolescenti, ma ultimamente ho sviluppato un nuovo amore per una serie in particolare. Divergent, é il primo dell’omonima trilogia di libri di Veronica Roth. Popolarissima tra i giovani, é l’ennesima serie di libridistopici. O almeno credo si dica così...non conoscevo questo termine finché mia figlia Penelope ha iniziato a leggere questo nuovo genere di romanzi. Utilizzando un linguaggio ed una classificazione ‘tradizionale’ potremmo definirli romanzi di fantascienza, con delle sfumature di significato un pò particolari. Ambientati nel futuro, offrono la rappresentazione di una società fittizia nella quale alcune tendenze sociali, politiche e tecnologiche avvertite nel presente sono portate a estremi negativi. Il padre di questo genere potrebbe essere considerato1984(G. Orwell) oFahrenheit 451(R. Brandbury). The Hunger Gamesne é un’altro esempio contemporaneo popolarissimo, già diventato un cult.

 

Tutto questo mi affascina sia personalmente che come genitore ed educatore e mi ha scatenato diverse riflessioni a proposito.

Mi fa innanzitutto pensare alle motivazioni alla base della fortissima passione ed interesse da parte degli adolescenti per questo genere di storie e dei messaggi più o meno impliciti che questo tipo di letteratura passa. Nello specifico di Divergent mi ha proprio entusiasmato questo mix di principi, valori personali umani e una lente di ingrandimento sulla pericolosità della standardizzazione ed eccessiva categorizzazione dei gruppi sociali. Ma anche una figura femminile vincente, indipendente, estremamente in controllo delle proprie scelte e capace di determinare non solo il proprio destino ma anche quello di un’intera società. Non una ragazza maldestra ed impacciata che aspetta di essere salvata dal vampiro affascinante e con i superpoteri di turno (ok, nonostante il tono polemico ammetto di aver letto e divorato anche l’intera serie di Twilight!), ma una personalità estremamente articolata e complessa, una combinazione di punti di forza, debolezze ma soprattutto tantissimo desiderio di riflessione e comprensione di sé, delle proprie capacità e della possibilità di incidere sulla realtà con le proprie scelte ed azioni.

Nel libro poi una miriade di altri messaggi sottesi ed impliciti simboleggianti la condizione dell’adolescente: una fase di iniziazione in cui ogni persona deve passare per prendere in mano le sorti del proprio futuro, decidere chi e cosa vuole essere e quale ruolo giocare nel mondo.

E poi, soprattutto, il concetto di essere divergente, non uniformarsi, utilizzare le proprie capacità, i propri principi e il pensiero laterale, per agire in modo indipendente e ‘cambiare le cose’. Non accettare passivamente tutto quanto ci viene somministrato ma essere protagonisti attivi della propria vita.

Grande entusiasmo, grande energia, grande accento sulla possibilità di fare la differenza, di poter sempre e comunque scegliere, decidere per sé stessi. Positività per ciò che ci attende, per il futuro che sicuramente , grazie alle nostre scelte, sarà positivo e migliore del presente e del passato. Tutti messaggi che sono felice passino nella mente di mia figlia e, si spera, vengano interiorizzati e rielaborati in maniera personale.

Sono un pò preoccupata per l’arrivo a valanga dell’adolescenza in casa mia. Non per il momento (sebbene i cambiamenti si siano già fatti notare prepotentemente –seppur in maniera leggera-). Ma temo per l’incertezza del futuro, per il fatto che non si sa cosa aspettarsi esattamente. E quindi sono in costante ascolto, riflessione continua e ricerca di strumenti che possano supportare mia figlia in questa fase e che passino messaggi positivi, che condivido ma che non sarebbero recepiti nello stesso modo e con lo stesso valore se fossi solo io a comunicarli direttamente. Verso un futuro che deve essere visto come positivo e di sviluppo, nonostante le problematiche del presente, e attraverso le difficoltà di un rapporto genitore-adolescente, penso che un primo, semplice ‘ponte’ possa essere condividere lo stesso tipo di letture. E magari, senza forzare troppo la mano (evitando di ottenere proprio il risultato opposto, cioé la chiusura totale), discuterne insieme ed offrire ognuno il proprio punto di vista e diverse interpretazioni.

Libri come lenti privilegiate attraverso cui sbirciare ciò che cattura l’immaginazione dei nostri figli adolescenti, che li appassiona e fa riflettere, per avvicinarsi su un piano diverso dal solito...

Pin It
Accedi per commentare

Il volo di Sara

In un grigio pomeriggio autunnale la piccola Sara scende dal treno che la porta insieme a tanti altri verso le baracche di un campo di concentramento.

Leggi tutto...

Il ciliegio di Isaac

La storia comincia con un nonno e un nipotino, ma andando avanti nelle pagine la vita di questo bambino, raccontata in prima persona quando ormai lui è diventato adulto, entra in una specie di sogno orribile: è il ricordo di fili spinati dentro un turbine di colori freddi. Fa molto freddo, ci sono neve e fango ovunque, si vede “un lungo inverno che sembra non finire mai”, nei visi tristi, nelle ombre a righe, nelle stelle gialle sopra gli abiti, nelle mani protese in cerca di aiuto, nella ciminiera fumante di un campo di concentramento.Leggi tutto...

L'ombra del vento

"Una mattina del 1945 il proprietario di un modesto negozio di libri usati conduce il figlio undicenne, Daniel, nel cuore della città vecchia di Barcellona al Cimitero dei Libri Dimenticati, un luogo in cui migliaia di libri di cui il tempo ha cancellato il ricordo, vengono sottratti all'oblio. Qui Daniel entra in possesso del libro "maledetto" che cambierà il corso della sua vita, introducendolo in un labirinto di intrighi legati alla figura del suo autore e da tempo sepolti nell'anima oscura della città. Un romanzo in cui i bagliori di un passato inquietante si riverberano sul presente del giovane protagonista, in una Barcellona dalla duplice identità: quella ricca ed elegante degli ultimi splendori del Modernismo e quella cupa del dopoguerra."

Un'ottima opera prima, di questo scrittore che finora si era cimentato solo nella narrativa per bambini; un libro che, uscito in sordina, è diventato un best-seller grazie al passaparola dei lettori. Un romanzo a tratti inquietante, che mescola mistero, Storia e vita vissuta; e che ha, soprattutto, un grande pregio: è sempre coerente alla trama e ai riferimenti. Ogni rimando, ogni indizio, alla fine trova una sua collocazione, ogni mistero ha una spiegazione, ogni rapporto una sua conclusione. Bellissime le descrizioni di una Barcellona cupa, invernale e lontana dall'idea che si può avere di questa città, vittima di un triste dopoguerra ed un ancor più triste strascico del regime. Ancor più belle, seppur drammatiche alcune, le descrizioni delle coppie: coppie di padri e figli, coppie di amici, coppie di fidanzati, e degli intrecci che li legano.

Da leggere d'un fiato, e rileggere con calma una seconda volta.

autore: Carlos Ruiz Zafon

editore: Mondadori