Riflessioni su autismo e genere

Leggendo questo interessante articolo di Nicola Clark sono emerse in me due riflessioni, le condivido nella speranza che possano stimolare un confronto.

Il problema dell’accettazione del proprio modo di essere considerato, nell’ottica dello “specchio” che il mondo esterno ne restituisce. L’autrice condivide il senso di sollievo provato alla conferma della diagnosi che ha implicato un lungo processo emotivo che l’ha portata fino al raggiungimento della risposta.

Essere diagnosticata a 40 anni significa non aver trovato una dimensione interna ed esterna veramente accettabile, non aver smesso di cercare risposte a domande nate dall’osservazione delle differenze, attività che accompagna il lungo percorso della consapevolezza di sé dall’adolescenza in poi.  

 

Mi chiedo: Nicola Clark era una persona diversa senza l’etichetta dello spettro? La considerazione delle sue peculiarità, del suo funzionamento cerebrale è cambiata di fronte alla diagnosi conclamata? A cambiare è stata la considerazione che lei ha raggiunto di se stessa e di conseguenza quella del suo microcosmo nei suoi confronti.

La seconda riflessione è legata, come si evince dalle parole dell’articolo, al genere.  
Donne nel mondo dello spettro autistico: quanto sono riconosciute, quanto si chiede loro di essere omologate alle aspettative?

Gli standard da raggiungere per le donne, considerati essenziali dalle donne stesse, nella gestione delle difficoltà, dell’organizzazione e del problem solving sono alti. Le varie generazioni si sono caricate la responsabilità operativa delle soluzioni per poi lasciare l’illusione della guida ai compagni.

Questo risulta evidente ad esempio se si pensa alla capacità di delegare. In generale le donne non sanno delegare realmente e quando lo fanno si assicurano, nella maggioranza dei casi, che vengano comunque seguite tutte le loro indicazioni come se ci fosse un modo solo di fare le cose. È un’interiorizzazione di un modello arcaico che arriva dalle loro madri e nonne. Si chiede alle donne di fare ma di non comparire, il mondo sommerso possibile solo con la complicità silenziosa del genere femminile edotto alla sottile arte di decidere tutto lasciando tuttavia al marito, compagno o partner, l’illusione di aver guidato e non di aver percorso un tracciato già progettato, che raramente prevede alternative.

Basandoci quindi su questi parametri, una donna “strana” e diversa non trova la giusta collocazione non già nel meccanismo organizzativo del lavoro ma nella considerazione del microcosmo che ospita questo meccanismo. Comprensibile quindi che la diagnosi rappresenti una sorta di assoluzione che rimette nelle giuste caselle ogni elemento.

Ugualmente comprensibile che la diagnosi possa essere tardiva perché l’input continuamente ribadito è: autonomia operativa ed emotiva quanto prima possibile. Questo porta a nascondere le difficoltà.

Dopo la diagnosi però le cose cambiano: un individuo difettoso è accettato nella società molto di più di un normotipico originale, lo stravagante integrato, diceva Sacks, con cui comunicare è più complesso perché il suo uscire da schemi prevedibili, restituisce un senso di precarietà destabilizzante.  

Ovvero potrebbe la diagnosi trasformarsi in un pretesto per giustificare comportamenti non condivisibili o antisociali avendo così la sicurezza dell’assoluzione?

La vera evoluzione allora sarebbe riuscire ad accettarsi come si è, non cercare di raggiungere a tutti i costi gli standard richiesti da una maggioranza di individui non sempre attenti alle sensibilità altrui. Da una consapevole accettazione di sé, e solo da lì, potrebbe partire la modifica dell’ambiente circostante e rendersene conto costituisce già un obiettivo.

 

L'articolo "Autismo e Genere" è stato tradotto da “I was diagnosed with autism in my 40s. It’s not just a male condition” di Nicola Clark

Link: https://www.theguardian.com/commentisfree/2016/aug/30/diagnosed-autism-male-condition-women-misdiagnosed?CMP=fb_gu

Pin It
Accedi per commentare

Il dramma del bambino dotato e la ricerca del vero Sé

A quale prezzo psicologico si ottiene un "bravo bambino"? Di quali sottili violenze è capace l'amore materno? Per l'autrice, il dramma del "bambino dotato" - il bambino che è l'orgoglio dei suoi genitori - ha origine nella sua capacità di cogliere i bisogni inconsci dei genitori e di adattarvisi, mettendo a tacere i suoi sentimenti più spontanei (la rabbia, l'indignazione, la paura, l'invidia) che risultano inaccettabili ai "grandi".

Sono passati diciassette anni da quando è uscita la prima edizione di questo libro, in cui Alice Miller analizza cosa capita dal punto di vista neurobiologico ai bambini che non hanno avuto la possibilità di sviluppare la loro vita emotiva. Non bambini in evidente stato di abbandono, ma piccoli con un'apparente infanzia felice alle spalle. Bimbi che già a un anno sapevano stare senza pannolino, che hanno imparato presto ad accudire i propri fratellini. La strada è riuscire a vivere e a far vivere le proprie emozioni e questo libro certamente aiuta a riviverle, anche chi un bambino dotato forse lo è stato davvero.

autore: Alice Miller (traduzione di M. A. Massinello)

editore: Bollati Boringhieri

Una bambina

Una bella bambina con grandi problemi emotivi e con una grave situazione familiare e di disagio viene accolta in una classe speciale da un'insegnante specializzata a seguire bambini con difficoltà, con fragilità emotiva.

Torey Hayden racconta questa esperienza con grande partecipazione ed emozione; il coinvolgimento per chi legge è davvero grande: si prova rabbia, speranza, apprensione e commozione per i progressi di questa bambina. Il libro si legge tutto d'un fiato e l'empatia che l'autrice mostra per questa bambina è totale. La Hayden è specializzata in psicopatologia infantile e i bambini che descrive nei suoi libri, i "suoi" bambini, sono provati da terribili esperienze di abbandono, violenze sia fisiche che morali. Eppure rimangono pur sempre dei bambini e le loro emozioni ci coinvolgono e ci accorgiamo che sono anche le nostre.

Autore: Torey L.Hayden

Editore: Corbaccio

 

TANDEM, due storie che viaggiano insieme

Si dice spesso che il piacere di leggere cresce leggendo. All'inizio però non sempre le cose sono facili per i piccoli lettori alle prime armi. Diventa quindi fondamentale aiutare i bambini a non spaventarsi davanti ad un libro facendo in modo che invece ne siano attratti sentendo il desiderio di toccarlo, sfogliarlo, leggerlo. Impareranno così che i libri sono contenitori di emozioni che aiutano a fantasticare e noi saremo riusciti a trasmettere il desiderio e il piacere della lettura.

Leggi tutto...