Filmografia. I corti animati da non perdere a Natale, 2016

Anche quest’anno, per le feste natalizie, vi proponiamo la visione di 35 cortometraggi d’animazione, molti dei quali vedono come registi dei giovani studenti vincitori di premi provenienti dalle Accademie di arti visive di tutto il mondo.

Sono tantissimi i corti degni di nota presentati nei vari festival internazionali, ma abbiamo voluto limitarci a scegliere tra quelli che circolano liberamente in rete. Basta dunque un click per essere immediatamente proiettati  nel mondo emozionante del cortometraggio animato che indica a grandi e piccini in pochi minuti il senso dell’amore e della felicità, il valore dell’amicizia, del lavorare insieme, dell’autostima, del rispetto e della bellezza delle differenze.

Per i più grandi si può riflettere anche sulla famiglia, sulla consapevolezza del tempo che passa, sulla solitudine, sulla paura, sulla difesa della natura e sui ritmi frenetici della società contemporanea che illude tutti con il suo consumismo.

Una segnalazione particolare per il cortometraggio vincitore dell’Oscar 2016, Bear Story di Gabriel Osorio, che in 10 minuti racconta alle giovani generazioni cosa è avvenuto in Cile durante la dittatura di Pinochet.

Buona visione! 

 

Dust Buddies (USA, 2016, 4:05)

Di Beth Tomashek e Sam Wade del Ringling college of art and design - Rating: +3

Storia di amicizia tra piccoli batuffoli di polvere alle prese con una cattivissima donna delle pulizie. L’amicizia fa superare la paura.

Cortometraggio completo: https://www.youtube.com/watch?v=mZ6eeAjgSZI

 

FluffyMcCloud (Irlanda, 2010, 2:55)

Di Conor Finnegan - Rating: +3

Le vicende di una nuvoletta desiderosa di fare dono del suo bene più prezioso: l’acqua.

Cortometraggio completo: https://vimeo.com/12699638

 

The gift (Giappone, 2016, 5:08)

Realizzato con una tecnica nuovissima chiamata MARZA Movie Pipeline for Unity - Rating: +3

È la storia di una bambina e del suo gioco pupazzo alle prese con mirabolanti avventure per salvare il regalo per mamma e papà un po’ troppo litigiosi.

Cortometraggio completo: https://www.youtube.com/watch?v=XyMQ-cgJrJo

 

Crocodile (Germania, 2015, 3:48)

Di Julia Ocker - Rating: +3

Un coccodrillo ha tutto ciò che ha bisogno per una serata davanti alla TV… ma attenzione ai bastoncini salati.

Cortometraggio completo: https://www.youtube.com/watch?v=F_Q4GVFu_GU

 

Rock, Paper, Scissors (USA, 2016, 1:09)  

Prodotto da Google Android - Rating: +3

Ecco uno spot commerciale che mira a combattere il bullismo e a far capire l'importanza della diversità. Be together. Not the same.

Cortometraggio completo: https://www.youtube.com/watch?v=UL4f1Wg26DA

 

Perfect  Houseguest (Usa, 2015, 1:35)

Di Ru Kuwahata e Max Porter - Rating: +3

Una casa è visitata da un ospite pulito, organizzato e ben educato.

Cortometraggio completo: https://vimeo.com/123696064

 

The present (Germania, 2014, 4:45)

Di Jacob Frey - Raiting: +7

Jake passa la maggior parte del suo tempo a giocare ai videogames in casa, ma sua mamma ha una sorpresa che lo convincerà a giocare all'aria aperta.

Cortometraggio completo: https://www.youtube.com/watch?v=lcsiix8aDJA

 

Apocalyptos (Francia, 2015, 5:42)

Di un gruppo di studenti di una scuola di Valencienne - Rating: +7

Sul  Monte Olimpo, una battaglia tra il giovane Poseidone e il giovane Zeus avrà delle enormi conseguenze sulla Terra abitata dai dinosauri.

Cortometraggio completo: https://vimeo.com/187175030

 

Soar (USA, 2015, 6:14)

Di Alyce Tzue, studentessa all’Academy of Art University di San Francisco - Rating: +7

Quando ci si impegna con tutte le proprie forze, si ottiene tutto ciò che si desidera e anche molto di più.

Cortometraggio completo: https://vimeo.com/148198462

 

One More Page (USA, 2015, 8:44)

Di un team di ragazzi della Northumbria University - Rating: +7

Segue le straordinarie avventure di una ragazzina lettrice. L’importanza della lettura che libera l’immaginazione.

Cortometraggio completo: https://vimeo.com/98908023

 

The small Shoemaker (Francia, 2015, 5:32)

Di La Petite Cordonnier Team - Rating: +7

Il sig. Botte ha un bel negozietto di scarpe a Parigi. Ama il suo lavoro, ma qualcuno lo disturberà… e le scarpe non saranno indifferenti.

Cortometraggio completo: https://www.youtube.com/watch?v=F8kHpJKuxXs

 

First Flight (USA, 2006, 8:00)

Di Cameron Hood e Kyle Jefferson per la Dreamworks - Rating: +7

Racconta la vita di un uomo d’affari meticolosamente organizzata, che all’improvviso viene stravolta dall’incontro inaspettato con un piccolo uccello.  Il corto ci insegna ad amare le cose semplici!

Cortometraggio completo: http://www.dailymotion.com/video/xymqc4

 

Embarked (USA,  2015, 4:23)

Di Mikel Mugica, Adele Hawkins e Soo Kyung Kang - Rating: +7

Dolce storia d’amore tra un bambino e la sua casetta sull’albero.

Cortometraggio completo: https://www.youtube.com/watch?v=y47-gmGvZhI

 

Jinky Jenkins & Lucky Lou (USA, 2014, 4:00)

Di Michael Bidinger e Michelle Kwon - Rating: +7

Pluripremiato corto, ci dice che quando la sfortuna e la fortuna si incontrano possono combinarne delle belle, basta darsi sempre la mano…

Cortometraggio completo: https://www.youtube.com/watch?v=g4PnrN2EdAE

 

Sanjay's Super Team (USA, 2015, 7:00)

Di Sanjay Patel e prodotto dalla Pixar - Raiting: +7

Ha accompagnato il film Il viaggio di Arlo. È ispirato all'infanzia del regista Patel quando viveva il conflitto fra il mondo moderno e le tradizioni Indù che il padre cercava di insegnargli.

Cortometraggio completo: https://www.youtube.com/watch?v=Mimk0WS6jDU

 

An object at rest (USA, 2015, 5:43)

Di Seth Boyden - Rating: +7

La storia di una pietra nel corso dei millenni che trova il suo principale ostacolo nella civiltà dell’uomo.

Cortometraggio completo: https://www.youtube.com/watch?v=xJ1KfDzuAmc

 

Dji. Death Sails (Moldavia, 2014, 5:18)

Di Dmitri Voloshin - Rating: +7

Un marinaio su una zattera si ritrova a guardare in faccia la Morte la quale, in una rocambolesca successione di eventi, le prova tutte per fare bene il suo lavoro.

Cortometraggio completo: https://www.youtube.com/watch?v=sBmlLKzMA_s

 

Clocky (Francia, 2015, 7,18)

Di un gruppo di studenti di ESMA (Ecole Supérieure des Métiers Artistiques) - Rating: +7

Una piccola sveglia è impaziente di suonare per la prima volta. Arriverà in tempo a svolgere il suo compito?

Cortometraggio completo: https://vimeo.com/139107729

 

Lily and the Snowman (Canada, 2015, 2:20)

Della Cineplex - Rating+7

Una bambina costruisce un pupazzo di neve che come per magia si anima e le fa vedere uno spettacolo “fatato”. La bambina per conservare il pupazzo e tenerlo “vivo” lo tiene nel frigorifero del box. Fino a quando la bambina cresce e … Musica dei Genesis “Follow you, Follow me”.

Cortometraggio completo: https://vimeo.com/155987024

 

A loveStory (USA, 2016, 4:06)

Di Chiplote Mexican Grill - Raiting: +7

Sulle note di “I Want It That Way”, dei Backstreet Boys lui ha un chioschetto di aranciata, lei di limonata. Lui vorrebbe mettere da parte dei soldini per invitare lei al cinema, ma si scatena una concorrenza infinita che finisce per far loro dimenticare ciò che veramente conta nella vita. Con il passare degli anni, diventano due imprenditori di successo. Ma sono veramente felici?

Cortometraggio completo: https://www.youtube.com/watch?v=DDG-kumi6Pk

 

Runaway (USA, 2013, 3:36)

Di Emily Buchanan, Susan Yung e Esther Parobek - Raiting: +7

Capita a tutti di affezionarsi agli oggetti. In questa storia un frigorifero animato è triste all’idea di separarsi dal suo proprietario. Piccolo manifesto contro il consumismo.

Cortometraggio completo: https://vimeo.com/72205725

 

Three Fools (Danimarca, 2014, 6:31)

Di Snobar Avani e Peter Hausner - Raiting: +7

In cerca di un posto dove mettere radici, tre amici, Blu, Yellow e Green vedono la loro amicizia rovinata dall'avidità  e da una sfrenata competizione. Solo dopo aver distrutto tutte le risorse naturali circostanti nella loro folle corsa scopriranno cosa significa la felicità.

Cortometraggio completo: https://vimeo.com/channels/820951/107233618

 

Bibo (Russia, 2014, 7:21)

Di Anton Chistiakov e Mikhail Dmitriev - Raiting: +10

Racconta di un robot nato per fare compagnia agli esseri umani, ma che invece vive in solitudine e vende gelati all'angolo di una strada per tirare avanti. O almeno così sembra…

Cortometraggio completo: https://vimeo.com/90149475

 

Glued (Israele, 2012, 4:35)

Di un gruppo di studenti della Bezalel Academy of Art - Raiting: +10

E’ la storia di una madre alle prese con il figlio che è letteralmente incollato davanti allo schermo. Dedito ai videogiochi anche quando fuori splende il sole. Lei tenta in ogni modo di farlo uscire.

Cortometraggio completo: https://www.youtube.com/watch?v=rW2g5cwxrqQ

 

Rubato (Francia, 2015, 7:38)

Di ESMA - Raiting: +10

Un vecchio musicista ambulante povero e solo incontra un cane randagio che darà una svolta alla sua vita. Bellissime musiche.

Cortometraggio completo: https://www.youtube.com/watch?v=1D7D3_HFB3o

 

The Wishgranter (USA, 2016, 4:48)

Di un gruppo di animatori della Ringling College of Art + Design - Raiting: +10

Racconta la storia di un piccolo uomo che vive sotto una fontana e ha il compito di far avverare i desideri…

Cortometraggio completo: https://vimeo.com/176780336

 

Kung Fu Romance (Gran Bretagna, 2012, 2:26)

Di Ben Ho, Tunde Jaji e Keith Rowsell - Rating+10

Un giovane si sta allenando in una classe di arti marziali, ma qualcosa non va. E’ distratto dalla bellezza dell’abile figlia del Gran Maestro e per questo viene espulso e mandato a spazzare fuori. Riuscirà a conquistare l’amore della fanciulla e a provare il suo valore?

Cortometraggio completo: https://www.youtube.com/watch?v=3vRDNT3FCv0

 

Il venditore di fumo (Spagna, 2012, 6:27)

Alunni della Escuela de Animaciòn PrimerFrame - Rating+10

Il venditore di fumo non è nient’altro che una persona che crea l’illusione di avere il meglio, abiti nuovi, giocattoli, nuovi, fisico migliore, bellezza, gioventù e potere… ma sono tutte cose senza valore, tutto “fumo e poco arrosto” come cita il vecchio proverbio. Premio Goya 2013

Cortometraggio completo: https://www.youtube.com/watch?v=dwWqMgddes4

 

Cuerdas  (Spagna, 2014, 9:15)

Di Pedro Solís García - Rating+10

Corde è una storia di amicizia, di amore tra una ragazza, Maria, e un bambino particolare. La storia si svolge in un orfanotrofio e quando arriva questo bimbo affetto da paralisi celebrale, Maria vede subito in lui un amico, non un bimbo che non può né camminare, né muoversi e neppure parlare. Ha vinto il premio Goya 2014 come miglior cortometraggio di animazione.

Cortometraggio completo: http://tv.liberoquotidiano.it/video/11649376/Tra-orfanotrofio-e-disabilita--la.html

 

Justino (Spagna, 2015, 3:37)

Dell’Agenzia pubblicitaria Leo Burnett - Rating+10

E’ lo spot che ha sponsorizzato lo scorso anno la Lotteria natalizia di Stato in Spagna, ma ha fatto il giro del web come fosse un corto della Pixar. Parla di una fabbrica di manichini, di un guardiano notturno molto solo e dell'arrivo del Natale.

Cortometraggio completo: https://vimeo.com/146232191

 

The gift (Cile, 2014, 7:44)

Di Julio Pot - Rating+13

Quante parole servono per raccontare una storia d’amore? In questo corto d’animazione (pluripremiato e finanziato col crowdfunding) il regista non ne usa nemmeno una, eppure con semplici tratti delicati, sospeso tra conquista e perdita, dolcezza e malinconia, racconta cosa succede quando ci innamoriamo. Per davvero.

Cortometraggio completo: https://www.youtube.com/watch?v=eOFeSM1E2F0

 

11 paper place (USA, 2015, 6:19) 

Di Daniel Houghton - Raiting: +13

Una storia d'amore tra due personaggi fatti di carta, in un mondo di carta frutto di un malfunzionamento di una macchina da ufficio. Un po’ triste, ma ben fatto.

Cortometraggio completo: https://www.youtube.com/watch?v=owgPGIAfWBM

 

Bear story (Cile, 2016, 10:00)

Di Gabriel Osorio - Raiting: +13

L’orso protagonista, ormai anziano e solo, si guadagna da vivere girovagando per le strade della sua città al fine di trovare un pubblico a cui mostrare un diorama animato che illustra la storia della sua vita: anni prima, prelevato forzosamente dalla sua casa e sottratto all’affetto della sua famiglia, l’orso è stato costretto ad esibirsi in un circo per lungo tempo. L’intento è quello di non far dimenticare ai giovani cileni cosa è accaduto nel loro Paese durante la dittatura di Pinochet. Vincitore dell’Oscar 2016.

Cortometraggio completo: https://vk.com/video244132350_171200778

 

Borrowed Time (USA, 2015, 5:50)

Di Andrew Coats e Lou Hamou-Lahdj - Rating: A

È la storia di un uomo che deve perdonarsi. Fermo sul ciglio di un dirupo, ricorda il passato. E pensa. Al suicidio, a sé stesso, al futuro. Tanta tensione e nemmeno una parola. Molto drammatico, in soli 3 giorni è stato visto da due milioni di persone.

Cortometraggio completo: https://www.youtube.com/watch?v=DCZUWhgWOCY

 

Man (Gran Bretagna, 2012, 3:30)

Di  Steve Cutts - Raiting: A

Racconta lo sfruttamento delle risorse del pianeta da parte degli esseri umani. Alla fine però in qualche modo l’uomo ne pagherà le conseguenze in modi inaspettati.

Cortometraggio completo: https://www.youtube.com/watch?v=WfGMYdalClU

Pin It
Accedi per commentare

Il Guerriero di Legno

Cosa siamo senza la nostra storia? Una pianta senza radici.
È così che si sente il Vecchio Albero, Guerriero di legno, quando perde la sua magica capacità di raccontare storie. Un vecchio albero è quanto di più vicino ci sia all'immagine della stabilità, della solidità. Ma se non c'è memoria, non c'è voce, ma solo un grande silenzio. L'albero guerriero non è solo, però: tutti i giovani alberi, che avevano sempre ascoltato i racconti del vecchio albero, diventano a loro volta narratori di storie, testimoni di quella memoria che è stato loro tramandata. Diventano dunque capaci di rigenerare la primavera delle parole dando così sollievo a chi non è più in grado di trattenere ricordi.

Un tema difficile, quello dell'anziano che per colpa della malattia perde la memoria, raccontato ai bambini con toni poetici, dove traspare il dolore, la malinconia ma con delicatezza e garbo, anche grazie alle splendide illustrazioni che seguono il racconto in perfetta sincronia, intonandosi alle parole. Così la pagina in cui la betulla argentata chiede una storia assume tonalità blu come l'argento, gli oggetti dai colori vivaci appaiono man mano che l'albero li descrive. Perfino il sole con la risata scoppiettante ha i raggi come popcorn. Poi arriva il vuoto e il silenzio della memoria e le pagine si adeguano, nei colori freddi dell'inverno. Non si guarisce, ma molto si può fare, e anche i colori tornano in qualche dettaglio pur rimanendo tenui e delicati.

Nel testo troviamo una felice parallelo tra i libri e il bosco. Nel nostro immaginario i libri hanno molti legami con le foreste, le biblioteche sembrano un po' dei boschi, pensiamo per esempio agli allestimenti nelle manifestazioni per ragazzi dove tantissimi libri sono appesi alle pareti con dei fili e i bambini possono passarci in mezzo, fermarsi e aprirli. 
I libri, infine, ci aiutano là dove la nostra memoria non può arrivare. Anche loro ci salvano dall'oblio e ci guidano nei sentieri del bosco.

Autore: Lorenza Farina - Manuela Simoncelli

Editore: Lineadaria editore

”Vorrei scappare in un deserto e gridare…”

Questo libro svolge brillantemente l'importante compito di far conoscere ad un pubblico "laico" un disturbo di cui i mass media parlano spesso, fornendo tuttavia, come accade non di rado, notizie in gran parte inesatte e talora decisamente errate. E’ scritto da un medico pediatra e da un ingegnere, ambedue genitori di bambini affetti da ADHD, quindi da persone che hanno avuto modo di conoscere il disturbo nelle più intime pieghe della sua quotidianità familiare.

Il primo autore, in quanto pediatra, ha arricchito questa conoscenza con le capacità di osservazione e di comprensione derivate dall'esercizio quotidiano della sua professione: una conoscenza partecipe, quale "l'esperto" estraneo non ha. Nello stesso tempo il linguaggio riesce a essere "laico", quindi con la massima comprensibilità per tutti, ma soprattutto per i genitori, cui specificamente si rivolge. A questi pregi si aggiunge la capacità espressiva degli autori, che rende piacevole la lettura.

Il libro dunque parte da esperienze vissute, che però sono state elaborate ed approfondite attraverso il confronto con gli "esperti" e soprattutto da un lodevole impegnativo studio dei dati scientifici esistenti, che vengono correttamente esposti e sono puntualmente aggiornati. Esso rappresenta anche un significativo documento sulle difficoltà in cui viene spesso a trovarsi un genitore di bambino con ADHD a causa delle disfunzioni organizzative e delle insufficienti conoscenze che si trovano anche tra i medici, ampiamente testimoniato da un buon numero di lettere di genitori, non poche delle quali devono far riflettere i medici e in particolare i neuropsichiatri su un certo tipo di errore che è stato a lungo commesso. Un errore che fa parte di uno stereotipo culturale derivante da vecchie teorie o da cattiva interpretazione delle stesse e che si basa sull'assunto "la colpa è sempre dei genitori"! Com'è successo per l'autismo (potremo mai calcolare il danno e la sofferenza che questa impostazione ha provocato nei genitori e di conseguenza nei figli?), ora continua, a volte, per l'ADHD.

Già da anni la letteratura scientifica ha contraddetto queste teorie relativamente all' autismo e all'ADHD, ma evidentemente non tutti si aggiornano. Ben lungi dal negare che tante problematiche del bambino dipendano dall'ambiente e soprattutto da quello familiare, ma bisogna saper distinguere e non imputare allo stato d'ansia riscontrabile nella madre, ad esempio, la causa della patologia del bambino. Questo suggerisce una insufficiente capacità di approfondire i meccanismi della relazione interpersonale e a volte appare un modo del terapeuta di scaricare ad altri le responsabilità: «La colpa è di voi genitori, curatevi voi altrimenti io non posso far nulla per il bambino!». Anche nei casi in cui vi è una responsabilità più o meno ampia dei genitori, l'atteggiamento del terapeuta deve essere diverso, non accusatorio ma, secondo il proprio ruolo, "terapeutico", cioè di indirizzo, di richiamo e di ricerca della collaborazione da parte del genitore.

Più o meno indirettamente il libro mette in luce anche un'altra carenza che a volte si riscontra in alcuni operatori neuropsichiatrici (non solo in Italia): l'insufficiente conoscenza di tecniche terapeutiche in senso lato. Essi sono preparati per un solo tipo di psicoterapia efficace per alcuni disturbi, mentre non hanno evidentemente conoscenza di altre tecniche di intervento terapeutico non farmacologico, efficaci per altri tipi di disturbo. Questo perché è necessaria una maggiore capacità del terapeuta di usare approcci diversi in rapporto a problematiche diverse. Il libro non manca da questo punto di vista di segnalare interventi semplici ma talora molto efficaci di guida ai genitori e agli insegnanti.

Un libro per laici, che sarà utile pure ai medici e agli altri operatori del settore, perché dà un panorama scientificamente corretto dell'ADHD e degli interventi da adottare in favore di coloro che ne soffrono e anche perché riporta, attraverso le lettere dei genitori, una istruttiva esperienza di casi clinici.

autore: Raffaele D'Errico, Enzo Aiello

illustratore: S. Deflorian

editore: AIFA

I figli che aspettano. Testimonianze e normative sull'adozione.

Il mondo è pieno di figli che aspettano di essere figli. Ma essere adottati non è facile, perché non è facile adottare. Eppure si fa, si deve poter fare. Carla Forcolin esplora il territorio in cui si muovono i figli che aspettano, analizza il macroscopico divario che esiste fra la disponibilità ad adottare e le adozioni attuate, scandaglia gli effetti delle nuove leggi, lascia emergere le contraddizioni che ne ostacolano o comunque ne rendono faticosa l’esecuzione.

Leggi tutto...