Riforma scuola dell'infanzia

Grande influsso sulla storia del pensiero pedagogico ha avuto il cosiddetto “metodo Frobel” (1782-1852) che concerne l’azione educativa in età prescolare.  In particolare nei Kindergarten (scuole-giardino) attraverso il gioco il bambino può crescere libero e spontaneamente apprendere ciò che sta fuori e dentro di sé.

Da questo lontano passato arriva forse il rinnovato interesse che oggi si manifesta anche a livello legislativo per la scuola dell’infanzia. Nel nostro Paese la Legge 107/2015 quella più comunemente conosciuta come “Buona Scuola” contiene la legge-delega 181, approvata recentemente dal Consiglio dei Ministri,  per la creazione di “un sistema integrato di educazione e di istruzione dalla nascita fino a sei anni”.

Il punto principale della Riforma riguarda il segmento 0-3 anni, quello degli asili-nido, quello che contiene nel nostro Paese le maggiori criticità, caratterizzate al  Nord dalle lunghe liste d’attesa e al Sud dalla mancanza di servizi per la prima infanzia, mancanza che viene surrogata dagli asili privati e dagli anticipi alla scuola d’infanzia. In  Calabria solo il 2% dei bambini riesce a frequentare il nido, e questo innesta un blocco lavorativo per le madri. L’intenzione è dunque quella di garantire “pari opportunità di educazione, istruzione, cura, relazione e gioco” in un momento economico particolarmente difficile soprattutto per le famiglie con bambini piccoli. I nidi non saranno più servizi a domanda individuale e verranno inseriti all’interno di un percorso formativo complessivo che andrà da zero a sei anni. Lo scopo è quello di creare dei poli dell’infanzia, dove nidi e scuole materne siano affiancate e lo Stato potrà quindi decidere anche di stanziare fondi per aprire nuove strutture. Le insegnanti dovranno essere laureate (laurea triennale in Scienze dell’Educazione ad indirizzo specifico, non retroattivo) e saranno coordinate dal Miur, ma gestite ancora dai Comuni. È prevista la presenza anche di un coordinatore socio-pedagogico con precise competenze.

Un piano ambizioso che vorrebbe far crescere quel 22,4% (dati Istat 2014) dei bambini italiani fruitori degli asili nido, ancora ben lontano da quel 33% posto come obiettivo dall’Agenda di Lisbona per tutta l’area europea. Un piano anche culturale che tende a far comprendere alle nuove famiglie tutti i vantaggi del nido nella crescita psicologica, fisica e sociale dei propri figli, rispetto alle soluzioni più domestiche e familiari.

Non ci resta che aspettare e vedere se la realtà dei fatti sarà all’altezza dei progetti.

Per approfondire:

Link:  Delega 0-6. Legge 107/2015Legge 107/2015

Tg3 Fuori TG il 2/2/ 2017 ha dedicato una trasmissione alla Riforma della scuola dell’infanzia dal titolo “Maestra con laurea”  con la presenza in studio di Claudia Giudici, pedagogista e Presidente Reggio-Children e Anna Fedeli segretario nazionale della Flc-Cgil. Ecco il link per vedere i 14 minuti di questo interessante servizio televisivo. 

Pin It
Accedi per commentare

Il sogno ostinato. Lettere dall'Africa

È la raccolta di lettere che l'autrice ha scritto a familiari e amici durante i suoi soggiorni in Africa come cooperante.

Un'analisi del problema Africa diversa dal solito, non permeata dal solito pietismo misto ad esaltazione che accompagna i racconti delle missioni umanitarie. Al contrario, il libro è molto lucido e critico ma contemporaneamente appassionato e empatico.

autore: Silvia Montevecchi

editore: Terre di Mezzo

L’ora di lezione. Per un’erotica dell’insegnamento

Non sono più rami storti da raddrizzare e nemmeno vasi da riempire i nostri ragazzi che frequentano le scuole, siano esse primarie, secondarie o università . L’insegnante deve recuperare il ruolo che è indicato nella stessa etimologia  della parola “insegnare”, lasciare un segno, un’impronta importante nell’allievo, svincolandosi dal contenuto del sapere, per trasmettere l’amore per il sapere. 

Leggi tutto...

Tommaso e i cento lupi cattivi

E' notte. Una notte nera come la pece. Le raffiche di vento fischiano alle finestre, quasi volessero spalancarle.

Ed è proprio in notti come questa che - feroci e affamati - i lupi cattivi vanno a caccia di bambini... per mangiarseli!

Cento lupi famelici... no, forse erano cinquanta.
Cinquanta lupi assetati di sangue... beh, forse erano dieci.
Dieci lupi mannari... o era soltanto uno? Comunque, con una cacciatrice di lupi esperta come la mamma, si può dormire tranquilli!

Un libro molto bene illustrato, molto bella la scena della mamma che fa tanto rumore con la scopa contro... i bidoni della spazzatura per cacciare i lupi di cui Tommaso, e di conseguenza i suoi fratellini che poco prima dormivano tranquilli, hanno paura.

Molto adatto per i bambini che hanno timore ad addormentarsi!

Età prescolare.

autore: Valeri Gorbachev

editore: Nord-Sud