Tra il dire e il fare, c'è di mezzo la piscina

Siamo anche noi forse gli stessi genitori che ha incontrato Michele Palazzetti, quelli che si trovano di fronte  ad un giovane.  Gli parliamo, senza spiegare. Ecco un’altra storia di vita quotidiana questa volta all’interno dell’ ”oscuro” mondo adolescenziale.

  

 

 

La sacca e il muso li trascina lunghi. Struscia le scarpe a suola gommata spessa. Quel tanto che basta a far stridere i nervi del genitore. Che lo aspetta da un pezzo dopo la gara, lo guarda e sforzandosi di non infierire sullo sconfitto gli dispensa un bacio, un amorevole buffetto che va liscio (il ragazzo è lesto a mettere la testa, brufoli compresi, fuori tiro) e una perla di saggezza:

“Non eri concentrato”.

 

L’adolescente solleva gli occhi da terra come una piattaforma di razzi terra-aria. Li riabbassa, ma il genitore ha visto e sta in allarme rosso:

 

“Non è mica un novità. Lo sai, ti devi concentrare”.

 

Se in quel preciso istante, il giovane atleta riuscisse a non farsi rapire della frustrazione e dalla rabbia e risfoderando l’aria angelica di quand’era piccolino chiedesse dritto dritto:

“Me la fai la faccia di uno concentrato?”, allora avrebbe vittoria secca a tavolino.

 

Perché, diciamocelo, chi gliel’ha mai spiegato che caspita sia la concentrazione e come si ottenga? Non solo. Chi, tra gli adulti che gli chiedono concentrazione, sa esattamente che cosa sia?

Ho provato a chiederlo a molti genitori.

Qualcuno, stringendo vigorosamente il pugno, m’ha detto:

“La capacità di stare sull’obiettivo”. “Di fare al meglio qualcosa”, ha aggiunto qualcun altro, mentre faceva gli occhi stretti, come a mirare e serrava la punta del pollice con quella dell’indice della stessa mano. “E’ la capacità di non distrarsi”, provano altri ancora, con una figura retorica che poco aiuta a dirimere la questione.

 

E intanto, nella vacanza di significati chiari e di metodi applicabili, i nostri figli rischiano di sentire l’effetto di un fuoco amico che li mitraglia come “inadatti”.

Perché il succo è questo: se non ritengono di dovermi spiegare è perché dovrei già sapere; la concentrazione che mi chiedono la dovrei avere dentro; non ce l’ho; non vado bene.

 

In genere, a questo punto, un buon numero di genitori mi guarda come un clochard guarderebbe il giudice che lo accusasse di falso in bilancio: “Io? Ma che ho fatto?”

Pin It
Accedi per commentare

Basta studiare! Da due prof il metodo collaudato per uscire dall’ansia di compiti, insufficienze e debiti ad uso di genitori e studenti.

Due insegnanti e papà trentenni invitano i genitori dei ragazzi che cominciano a frequentare i 5 anni delle scuole superiori a non abbandonare il loro ruolo attivo ed educativo pensando che i propri figli siano ormai cresciuti abbastanza per correre con le proprie gambe. E no…non bisogna darsi per vinti davanti a questi adolescenti annoiati, borbottanti, insoddisfatti, apatici, sdraiati sui divani o paralizzati davanti a Facebook e WhatsApp. Brutti voti, week end riempiti di compiti, angosce per interrogazioni, bugie, litigi, discussioni sono tutte rappresentazioni di una certa quotidianità e fanno della scuola una vera e propria emergenza educativa per numerose famiglie. Grazie al metodo BiEsse (Bramati e Sanna) è possibile restituire tempo al dialogo, all’ascolto, alla programmazione insieme ai figli.

Leggi tutto...

Il ciliegio di Isaac

La storia comincia con un nonno e un nipotino, ma andando avanti nelle pagine la vita di questo bambino, raccontata in prima persona quando ormai lui è diventato adulto, entra in una specie di sogno orribile: è il ricordo di fili spinati dentro un turbine di colori freddi. Fa molto freddo, ci sono neve e fango ovunque, si vede “un lungo inverno che sembra non finire mai”, nei visi tristi, nelle ombre a righe, nelle stelle gialle sopra gli abiti, nelle mani protese in cerca di aiuto, nella ciminiera fumante di un campo di concentramento.Leggi tutto...

La Shoah dei bambini. La persecuzione dell'infanzia ebraica in Italia 1938 -1945

Il Novecento è stato anche il secolo dei bambini, in cui è nata una cultura dell'infanzia, in cui ci si è accorti dell'importanza del vissuto infantile sullo sviluppo della persona, anche da adulta. Eppure o forse proprio per questo, nello stesso tempo, il progetto nazista ha rimosso proprio l'infanzia nella sua specificità, per estirpare le radici di una popolazione. 
L'attenzione ai bambini è necessaria per fondare un futuro di diritti e di pace, eppure anche adesso in tutto il mondo l'infanzia è violata, non rispettata, negata.

Leggi tutto...