La leggerezza di un palloncino

I bambini ci "donano" spunti  e possibilità per leggere i loro comportamenti e farci riflettere sui nostri.

Ed è proprio questo, che mi ha fatto ricordare M. otto anni, alle prese con le sue non facili relazioni in classe. La sua  intelligenza lo porta a riflettere, a pensare ma, alle volte, non è sostenuta pienamente da una consapevolezza emozionale, che lo farebbe essere più efficace con gli altri. 

 "Sai, alle volte in classe mi sento un vulcano pronto ad esplodere" - mi dice - "e, proprio per questo, temo di trasformarmi  nel vulcano che ha distrutto Pompei. Le ho viste le foto di ciò che ha causato, intorno a se stesso, in un libro di storia"

Raccontandomi questo, disegna su di un foglio tanti vulcani ed uno al centro più grande. Lui e i suoi compagni.

Gli faccio notare la preziosità della terra che li unisce e li fa essere un gruppo di vulcani. Forse, parlano tra loro. La terra gli aiuta a comunicare. Chissà, magari laggiù sotto, nelle viscere del pianeta, tutti si nutrono di uno stesso fuoco. 

Ad un certo punto:  "Ho trovato una soluzione…! " lui  grida,  esultante ed entusiasta.

 Io stupita, chiedo "Quale? "

 Lui disegna un omino che si solleva in cielo con un palloncino. "È quest"   - mi dice - .... "Io l'ho trovata".

Rimango davanti a quella immagine e mi ritrovo ad  interrogarmi, come farà mai quell'omino a respirare e sopravvivere con le condizioni atmosferiche che generano i vulcani, e glielo chiedo ma non ho in tasca, in quel momento, la capacità immaginale di quel bambino.

Lui semplicemente risponde "Vedi, ho capito che per sopravvivere ai vulcani che ho intorno e alla forza del mio vulcano, ci vuole questo... un omino e la leggerezza del suo palloncino. Essere leggeri e sorridenti aiuta!"

Rimango stupita e sorpresa di questo “rimando” che solo il recupero di una immagine interiore messa sul foglio a colori, è stata capace di  generare.

Racconto la riflessione del figlio al padre che lo passa a prendere, dopo il laboratorio creativo. Inaspettatamente, si commuove e mi dice "Oggi, mio figlio mi ha fatto capire come devo affrontare le mie giornate faticose: la leggerezza aiuta e ce ne vuole molta!"

Si abbracciano, ed io osservo con gioia quell’incontro.

Ora so, che un omino con un palloncino,  può superare ogni vulcano in azione anche i più difficili, e farli parlare tra loro. 

Pin It
Accedi per commentare

Il ciliegio di Isaac

La storia comincia con un nonno e un nipotino, ma andando avanti nelle pagine la vita di questo bambino, raccontata in prima persona quando ormai lui è diventato adulto, entra in una specie di sogno orribile: è il ricordo di fili spinati dentro un turbine di colori freddi. Fa molto freddo, ci sono neve e fango ovunque, si vede “un lungo inverno che sembra non finire mai”, nei visi tristi, nelle ombre a righe, nelle stelle gialle sopra gli abiti, nelle mani protese in cerca di aiuto, nella ciminiera fumante di un campo di concentramento.Leggi tutto...

Il mondo è tuo

Un albo illustrato per grandi e piccini, che insegna ai più piccoli, e ricorda ai più grandi che, si è liberi di essere e fare quello che si vuole, nonostante la strada non sarà priva di difficoltà che ci faranno crescere.

Leggi tutto...

L’arte di essere normale

L’arte di essere normale, romanzo pluripremiato d’esordio dell’autrice inglese Lisa Williamson, tradotto in 9 lingue, ha dato avvio a un importante dibattito su tematiche LGBT, trattando la storia di un adolescente transgender. 

Lisa Williamson ha lavorato a lungo in un centro di supporto a ragazzi adolescenti nell’ambito dell’identità di genere e ha riportato la sua esperienza personale in questo racconto.

Narrato con estrema semplicità dello stile, ironia e leggerezza, è senza ombra di dubbio una storia forte, su un adolescente transgender in conflitto con la sua identità.

Leggi tutto...