L’arte di essere normale

L’arte di essere normale, romanzo pluripremiato d’esordio dell’autrice inglese Lisa Williamson, tradotto in 9 lingue, ha dato avvio a un importante dibattito su tematiche LGBT, trattando la storia di un adolescente transgender. 

Lisa Williamson ha lavorato a lungo in un centro di supporto a ragazzi adolescenti nell’ambito dell’identità di genere e ha riportato la sua esperienza personale in questo racconto.

Narrato con estrema semplicità dello stile, ironia e leggerezza, è senza ombra di dubbio una storia forte, su un adolescente transgender in conflitto con la sua identità.

David Piper ha quattordici anni, a scuola è vittima di bullismo e viene emarginato dai compagni, ha un segreto che solo  i suoi due migliori amici sanno. I suoi genitori sospettano che potrebbe essere omosessuale. Ma non lo è. Egli è in realtà una ragazza intrappolata nel corpo di un ragazzo, infatti David vuole solo essere una ragazza.

A scuola arriva Leo Denton, un nuovo studente che ha un solo obiettivo: passare inosservato. Ma ben presto cominciano a circolare voci sulla sua espulsione dalla scuola precedente. E il fatto che la bella e popolarissima Alicia si innamori di lui non aiuta a tenerlo lontano dai riflettori e dai guai. Quando Leo prende le parti di David in un diverbio, tra i due nasce un’inaspettata amicizia. Entrambi gli adolescenti devono affrontare l'ostilità e l'ignoranza, possiamo vedere la loro agonia nel dover nascondere la loro vera identità. 

Libri come questo aiutano i più giovani che passano attraverso le incertezze della crescita a capire che non sono soli, e allo stesso tempo forniscono una storia emozionante con cui affrontare questi temi nelle scuole.

Questo libro è sostenuto da Amnesty International Italia, perché ci ricorda che “Siamo tutti nati liberi ed eguali in dignità e diritti” (Articolo 1 della Dichiarazione universale dei diritti umani), e che dovremmo sempre rispettare e valorizzare le nostre diversità.

La Dichiarazione fu firmata nel 1948, ma ancora oggi, in tutto il mondo, le comunità LGBT  (sigla utilizzata come termine collettivo per riferirsi a persone Lesbiche, Gay, Bisessuali e Transgender) continuano a subire forme di isolamento, discriminazione, abusi e violenze, semplicemente per quello che sono. (…)

La sfida che ci si presenta è molto ampia, è quella culturale che sarà vinta solo quando si sarà compreso pienamente che i diritti umani sono tali proprio perché appartengono a tutti, nessuno escluso, e che i diritti delle persone LGBT sono diritti umani. Amnesty International, attraverso le attività di Educazione ai diritti umani e grazie a libri come L’arte di essere normale lavora per combattere gli stereotipi e i pregiudizi che sono spesso alla base degli episodi di discriminazione e violenza, informando e sensibilizzando le persone affinché tutti siano in grado di attivarsi per far rispettare i propri e gli altrui diritti.”

autore: Lisa Williamson 

editore: Il Castoro

Pin It
Accedi per commentare

Genitori Manipolatori. Riconoscere e fuggire l'amore malato

Sappiamo tutti che colpevolizzare i figli, insultarli o denigrarli in pubblico sono azioni abominevoli, che intaccano l'autostima dei ragazzi, rendendoli insicuri delle proprie sensazioni. Ma a nessuno viene in mente che ciò significhi non amare i figli, né tanto meno essi hanno la percezione di subire un sopruso. 

In effetti non è facile capire dove sta il limite tra un normale sbotto genitoriale, un momento di debolezza o insicurezza educativa e un comportamento persistente di maltrattamento emotivo. La differenza sta nella frequenza e nei modi impiegati per esercitare il proprio potere, instillando sensi di colpa con comportamento spesso insensati e ingiustificati. I genitori di questo tipo sono "manipolatori" patologici, sono quelli che in psichiatria vengono definiti con personalità narcisistica.

Leggi tutto...

Facili da amare difficili da educare

autore: Becky A. Bailey
editore: Apogeo

Noi genitori amiamo i nostri bambini, ma non sempre il loro comportamento. E talvolta neppure la nostra reazione al loro comportamento.Così ci sforziamo di trovare modi o strategie per far sí che i nostri figli facciano esattamente ciò che ci aspettiamo, o desideriamo o riteniamo più giusto per loro, spesso con risultati scarsi o nulli, o a costo di conflitti e sensi di colpa.

Leggi tutto...

Cecilia passeggia nel parco

Cecilia è una bambina ipovedente. Il suo uccellino Pilù, che sempre la accompagna, non sa volare. Il mondo intorno a loro è privo di colore, ma una passeggiata nel parco, ricca di stimoli sensoriali e un incontro-scontro inatteso faranno tornare i colori nella sua vita e daranno nuove ali a Pilù.

Leggi tutto...