Le immagini e le parole sono sorelle nella narrazione dei più piccoli

Ho letto in questi giorni un pensiero che mi ha fatto riflettere:   “L’illustrazione  non è una ciliegina sulla torta delle parole

Ripenso spesso a quando ero piccola, e rivedo il mio amore per i libri e per le illustrazioni.

La mia curiosità era amore per quei disegni grandi, alle volte carichi di particolari che evocavano in me altrettante immagini in risonanza.

 

I bambini sono molto attratti dalle immagini, facendo queste parte del loro linguaggio primario, e attraverso di esse giungono a possibilità di esplorazione e comprensione che sono straordinarie.

Le illustrazioni hanno la capacità di rielaborare in senso cognitivo e affettivo l’esperienza preziosa della narrazione, e aprono una finestra di dialogo tra il mondo interiore e quello esteriore.

L’unione tra immagini e parole/testo rende possibile l’esperienza dell’emozionarsi, ricordare, osservare, conoscere, attraverso la meraviglia, lo stupore e la curiosità.

Se abbiamo osservato un bimbo davanti ad un libro tattile o un libro sonoro che “ vive” tra le sue mani, ci rendiamo conto di come anche l’esperienza sensoriale di un libro e di un'immagine possa essere carica di valori e apprendimenti.

Le immagini sono di solito semplici per i più piccoli, lineari, attente ai contorni, essenziali; si rivelano più complesse per i più grandi, che cercano nell’illustrazione anche lo stimolo o la conferma di ciò che immaginano nella lettura.

Fondamentale resta il ruolo dell’adulto nella condivisione del piacere di leggere e nell’aiuto che esso  può dare nella codifica delle immagini.

Ci sono libri grandi, con illustrazioni cariche di particolari, fatte apposta per esplorare con il dito…nella ricerca a nascondino di storie nelle storie e di personaggi che fanno capolino.

Personalmente, li ritengo di grande utilità interattiva per i più piccini, perché  in quei  testi, alle volte fatti anche solo d’illustrazioni, esistono  tante storie da raccontare che sono testimoni  della “relazione” genitore-bambino e, per questo, più vere, più rivelatrici di un senso profondo.

Nella mia breve esperienza di scrittrice di fiabe, ho trovato che la capacità e la disponibilità dell’illustratore a lavorare insieme allo scrittore sia preziosa, perché il lavoro grafico fa da ponte tra parole ed immagini, per renderle sorelle ed idonee ad accarezzare la sensibilità dei più piccoli, e non lontane dal loro vissuto e dalla loro età.

Non dimentichiamo, poi, che le immagini più preziose sono anche le nostre foto conservate negli album di famiglia (quelle che abbiamo ancora il desiderio di stampare!), da toccare e vedere e che raccontano di bei momenti, di nascite, di avvenimenti importanti, di momenti felici. 

Parlano di vita "vera” e di storie di famiglia da non dimenticare perché preziose.

Invito spesso i genitori a riprendere in mano l’album dei ricordi con i loro figli: emozionare il cuore di tutti allo stesso momento rappresenta ancora una bellissima palestra di apprendimento nella  gioia. Così, il ricordo diventa presente e vive ancora, ridonando emozioni nuove.

Pin It
Accedi per commentare

Una sorellina per Paolino

Presto mamma coniglio avrà un piccolo e tutti sono felici...

Tutti tranne Paolino. Il suo amico Robi l'ha avvertito: i neonati sono una vera catastrofe e Paolino, a dire il vero, preferirebbe avere un criceto, piuttosto che un bebè.

Ma, quando nasce la sorellina, cambia tutto...

Una storia piena di umorismo e tenerezza che parla dei dubbi e delle paure di tutti i bambini, quando arriva a casa un fratellino.

Età consigliata: dai 3 anni.

 

autore: Brigitte Weninger, Éve Tharlet (traduzione di L. Battistutta)

editore: Nord-Sud

Il mondo è tuo

Un albo illustrato per grandi e piccini, che insegna ai più piccoli, e ricorda ai più grandi che, si è liberi di essere e fare quello che si vuole, nonostante la strada non sarà priva di difficoltà che ci faranno crescere.

Leggi tutto...

Guida al consumo critico

"Il consumo critico e grandi campagne di sensibilizzazione hanno indotto varie imprese a imboccare la strada della responsabilità sociale e ambientale. Ma ancora troppe continuano a violare i diritti umani, sfruttando i piccoli produttori del sud del mondo, volendo imporre gli organismi geneticamente modificati, sostenendo regimi oppressivi, finanziando guerre, rifornendo eserciti. Ecco la necessità di informarci per fare sentire alle imprese tutto il nostro peso di consumatori che dicono no a comportamenti irresponsabili. Questa guida aiuta a stabilire su quali prodotti far ricadere le scelte d’acquisto, per indurre le imprese a comportamenti migliori, perché il consumo ha su di esse potere di vita o di morte."

Autore: Centro Nuovo Modello di Sviluppo
Editore: EMI