In casa con due marziani

A volte mi sembra proprio così.

Una mattina sei seduta al tavolo a fare colazione e dal piano di sopra scende un essere, alto, con un po’ di barbetta ispida, una voce che non riconosci e che non ti dà il bacino del buongiorno.

Si siede e si versa pure metà della tua caffettiera.

 

Dove sia finito il mio bambino con la pelle liscia e la vocina dolce non è dato saperlo: ti ritrovi per casa questo coso che nemmeno lui sa da dove è arrivato.

Perché crescono in fretta per noi genitori, ma come tutti i cuccioli, crescono in fretta anche per loro stessi e non si rendono bene conto di cosa siano, dove vadano e cosa si portino dietro. Ti trovi a discutere sulle uscite serali, sull’acquisto del motorino, sulle ricariche telefoniche. Ti trovi questo coso che ti viene dietro quando ha bisogno di vestiti o scarpe, perché il fatto di averlo vestito come il piccolo lord fino a un momento prima non fa curriculum e non sei più in grado di scegliere nemmeno un paio di mutande, perché adesso vuole solo boxer. Devi abbandonare l’acquisto dei calzini fantasia perché te li ritrovi tutti spaiati causa abbandono negli spogliatoi di tutti i campi da calcio della provincia e non, e poi, il calzino è da sfigato, solo fantasmini, per carità, e solo neri!

Un’altra mattina invece ti svegli, ti dirigi in cucina e sul divano c’è lei, la mia piccina, che però, ehm, occupa tutto il divano, ha i capelli stile medusa, la ciocca viola e sta scambiando whatsapp con il ragazzino conosciuto al campo estivo dell’oratorio, lei che ho vestito come una bambolina ed ora mette solo leggins e felpe informi, porta solo All Star e magari sono pure le mie, lei che mi chiede di comprarle un reggiseno.

Non ce la posso fare …..

Ma poi lui, mentre esce la sera, svuota tutti i rifiuti di casa, umido, secco, plastica, vetro e carta, una meraviglia, lei stende i panni e passa l’aspirapolvere, la televisione non trasmette più solo cartoni e finalmente posso vedere le mie serie tv senza puntare la sveglia alle 2 di notte, anzi, ce le guardiamo insieme e sono le nostre serate sul divano.

Tengono “pulita” e in “ordine” la loro camera, si docciano e si cambiano da soli, a volte anche un po’ troppo, ma non si può avere tutto. Lui va in posta a pagare le bollette o spala il vialetto del garage ed il marciapiede davanti a casa quando nevica, lei va a fare la spesa, se c’è bisogno un piatto di pasta me lo preparano, anche una torta , sia dolce che salata.

Decidi di fare una gita in giornata e non hai più bisogno di un simil-trasloco, non importa se si mangia presto o tardi, vai al mare senza ombrellone e finalmente torni a stenderti sull’asciugamano godendoti un buon libro,  vai in montagna e camminano, anzi, ne vedi solo la schiena perché ora sei tu che arranchi.

Ce la si fa!!!!!!

p.s. e comunque, il bacio della buonanotte è rimasto in vigore ;-)

Pin It
Accedi per commentare

Tommaso e i cento lupi cattivi

E' notte. Una notte nera come la pece. Le raffiche di vento fischiano alle finestre, quasi volessero spalancarle.

Ed è proprio in notti come questa che - feroci e affamati - i lupi cattivi vanno a caccia di bambini... per mangiarseli!

Cento lupi famelici... no, forse erano cinquanta.
Cinquanta lupi assetati di sangue... beh, forse erano dieci.
Dieci lupi mannari... o era soltanto uno? Comunque, con una cacciatrice di lupi esperta come la mamma, si può dormire tranquilli!

Un libro molto bene illustrato, molto bella la scena della mamma che fa tanto rumore con la scopa contro... i bidoni della spazzatura per cacciare i lupi di cui Tommaso, e di conseguenza i suoi fratellini che poco prima dormivano tranquilli, hanno paura.

Molto adatto per i bambini che hanno timore ad addormentarsi!

Età prescolare.

autore: Valeri Gorbachev

editore: Nord-Sud

Il Guerriero di Legno

Cosa siamo senza la nostra storia? Una pianta senza radici.
È così che si sente il Vecchio Albero, Guerriero di legno, quando perde la sua magica capacità di raccontare storie. Un vecchio albero è quanto di più vicino ci sia all'immagine della stabilità, della solidità. Ma se non c'è memoria, non c'è voce, ma solo un grande silenzio. L'albero guerriero non è solo, però: tutti i giovani alberi, che avevano sempre ascoltato i racconti del vecchio albero, diventano a loro volta narratori di storie, testimoni di quella memoria che è stato loro tramandata. Diventano dunque capaci di rigenerare la primavera delle parole dando così sollievo a chi non è più in grado di trattenere ricordi.

Un tema difficile, quello dell'anziano che per colpa della malattia perde la memoria, raccontato ai bambini con toni poetici, dove traspare il dolore, la malinconia ma con delicatezza e garbo, anche grazie alle splendide illustrazioni che seguono il racconto in perfetta sincronia, intonandosi alle parole. Così la pagina in cui la betulla argentata chiede una storia assume tonalità blu come l'argento, gli oggetti dai colori vivaci appaiono man mano che l'albero li descrive. Perfino il sole con la risata scoppiettante ha i raggi come popcorn. Poi arriva il vuoto e il silenzio della memoria e le pagine si adeguano, nei colori freddi dell'inverno. Non si guarisce, ma molto si può fare, e anche i colori tornano in qualche dettaglio pur rimanendo tenui e delicati.

Nel testo troviamo una felice parallelo tra i libri e il bosco. Nel nostro immaginario i libri hanno molti legami con le foreste, le biblioteche sembrano un po' dei boschi, pensiamo per esempio agli allestimenti nelle manifestazioni per ragazzi dove tantissimi libri sono appesi alle pareti con dei fili e i bambini possono passarci in mezzo, fermarsi e aprirli. 
I libri, infine, ci aiutano là dove la nostra memoria non può arrivare. Anche loro ci salvano dall'oblio e ci guidano nei sentieri del bosco.

Autore: Lorenza Farina - Manuela Simoncelli

Editore: Lineadaria editore

UN DUE TRE SCALA

"UN DUE TRE SCALA" è una nuova collana di libri illustrati per bambini, ideata da Tita e Teatro alla Scala, edita da Skira-Classica, che racconteranno ai più piccoli attraverso un linguaggio adatto a loro, il mondo della musica classica.

Il progetto nasce dall'incontro di testi e immagini ed è pensato per avvicinare i piccoli lettori al mondo della musica classica.

Ogni volume è realizzato con un'innovativa tecnica artigianale "a fisarmonica": leggibile da entrambi i lati, un formato originale, capace di trasformare il libro in un coloratissimo gioco interattivo. Una vera sfida ai supporti informatici ormai alla portata anche dei più piccoli

Libri dinamici e istruttivi (in edizione bilingue, italiano e inglese), che segnano la felice unione tra parole, arte illustrata e musica, grazie anche ai colorati disegni di navigati illustratori per l'infanzia.

Il primo volume "10 e più cose incredibili sulla Scala. Lampadine, uova e leggende a teatro" è illustrato da Brendan Wenzel e curato dal musicologo Marino Mora. Racconta un viaggio alla scoperta di tutti i segreti della Scala, davanti e dietro al sipario.

Il secondo volume "Giuseppino. Come il piccolo Verdi è diventato il grande Verdi" è dedicato all'infanzia di Giuseppe Verdi, nell'anno del bicentenario della sua nascita. Disegni di Gloria Pizzilli e testi di Marino Mora.
Tutti i volumi di "Un due tre Scala" sono in vendita in esclusiva presso La Scala Shop di Milano e sul sito internet www.lascalashop.it

In occasione della presentazione della nuova collana editoriale per bambini "123 Scala",
Skira Classica Srl e Tita, in collaborazione con l'Associazione L'ILOPERA, invitano le famiglie ad un
PERCORSO DIDATTICO al MUSEO TEATRALE ALLA SCALA DOMENICA 26 MAGGIO 2013

I partecipanti saranno condotti dai professionisti di L'ILOPERA attraverso le sale del Museo: alla visita guidata sarà affiancato un coinvolgente percorso didattico di approfondimento sull'opera lirica e sulle arti e i mestieri che la rendono probabilmente la forma di spettacolo più ricca e multidisciplinare che esista.

Potranno partecipare all'iniziativa le famiglie composte da almeno un genitore ed un bambino/ragazzo (fino a 18 anni) per un massimo di 80 persone.
Si potrà scegliere l'orario di ingresso fra i due seguenti (durata della visita 1 ora e mezza):
1. primo gruppo alle ore 9.30 (massimo 40 persone)
2. secondo gruppo alle ore 11.00 (massimo 40 persone)

Per prenotare la visita inviare un'e-mail a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.:
• indicando nell'oggetto "26 maggio"
• indicando nel testo il numero di adulti e di bambini/ragazzi partecipanti
• indicando nel testo l'orario scelto (9.30 o 11.00)

La prenotazione sarà confermata oppure sarà comunicato l'esaurimento dei posti disponibili.