Esiste una “scuola” per genitori?

Esiste una “scuola” per diventare genitori? In un certo senso sì.

I Programmi di educazione dei genitori (Parent Education Programs PEP) hanno lo scopo di migliorare l’assetto genitoriale di una persona.

 

Sono condotti ovviamente da specialisti, pedagogisti o psicologi che abbiano seguito un’attenta formazione in questo settore.

Si rivolgono a gruppi di genitori accomunati dalla stessa caratteristica: coppie che stanno cercando di avere un figlio o lo stanno per adottare; genitori con neonati, bambini piccoli, adolescenti; situazioni in cui la famiglia sta vivendo condizioni complicate e cambiamenti importanti, quali possono essere un lutto, una separazione o il trasloco in un’ altra città.

Gli argomenti, insomma, sono molteplici, basta trovare quello più adatto a noi.

I benefici che ne derivano, stando alle ricerche, sono veramente tanti: diminuiscono gli abusi, i maltrattamenti e gli abbandoni. La coppia si riscopre tale e non è più risucchiata nel vortice della genitorialità, perché si rende conto di essere prima di tutto un uomo e una donna con i loro spazi e i loro tempi.

Grazie all’aiuto di questi programmi, c’è inoltre una maggiore consapevolezza di se stessi e una conoscenza più approfondita e oggettiva dell’età che sta vivendo il proprio figlio. I genitori imparano a guardare il bambino o l’adolescente con occhi diversi, lo riconoscono come soggetto pensante e autonomo, si rendono conto che non è necessario spianargli la strada per farlo crescere bene e soprattutto imparano ad educarlo secondo principi psico-pedagogici universali, adattati però a chi hanno di fronte.

Ognuno di noi è unico e, per tale motivo, ciò che i genitori devono avere ben presente è che i figli non sono una proprietà, non appartengono a noi stessi, ma al mondo e il compito che ci spetta è quello di condurli ad essere indipendenti senza far mai mancare loro il nostro appoggio e aiuto.

I contenuti di questi programmi per genitori, che - precisiamo - non creano padri e madri perfetti, sono progettati per rispettare l’autorità e apprezzare le differenze di ciascun componente della famiglia.

Di Parent Education Programs ne esistono veramente di tutti i tipi; ci sono quelli che cercano di aiutare i genitori di bambini piccoli ad affrontare e a reagire ad un “comportamento problematico”.

Altri mirano a prevenire l’abuso di sostanze negli adolescenti e a rafforzare le capacità genitoriali e il sistema della famiglia. Altri ancora hanno lo scopo di insegnare ai genitori ad individuare l’obiettivo di un comportamento scorretto dei figli e a rispondere in maniera costruttiva ed adeguata.

Concludendo, possiamo dire che non esiste una formula magica per creare genitori perfetti, ma sicuramente imparare a conoscere realmente i nostri figli farà di noi degli individui in grado di saper accogliere tutto ciò che di buono i bambini e i ragazzi sono in grado di dare.

 

"Solo mamma? No grazie" Blog della Dott.ssa Chiara Mancarella

Pin It
Accedi per commentare

Bianco come Dio

Nicolò è un ragazzo italiano che a vent’anni non ha ancora finito il liceo. Insoddisfatto dalla vita, in perenne conflitto con il padre, è alla ricerca della sua strada

 

Leggi tutto...

Genitori in Gioco

Ben 240 attività fisiche, manuali e intellettuali, suddivise in pratiche schede con le indicazioni di fascia di età e tipologia, adatte a tutti i bambini dalla nascita ai 6 anni da svolgere da soli o con i compagni, in casa o all'aperto, questi giochi stimolano l'immaginazione e la creatività dei bambini e rendono più profondo il legame con i loro genitori.

Una guida che, con entusiasmo ed energia insegna ad esplorare, manipolare, far finta che, sporcare la cucina, animare pupazzi e peluche, disegnare su fogli ciclopici, utilizzare materiali insoliti, in compagnia dei propri figli.

Ogni momento trascorso insieme è un'occasione unica per conoscersi meglio e rinsaldare il legame affettivo; attraverso il gioco, si comunicano sensazioni ed esperienze e si apre la porta alla conoscenza del mondo.
I bambini nascono e crescono a una velocità sorprendente. I ritmi frenetici della vita moderna, però, spesso impediscono a mamma e papà, specie se impegnati con il lavoro, di prendere parte ai giochi dei figli piccoli: costretti a lasciarli in compagnia della «baby-sitter» televisione o con giocattoli e videogiochi già pronti, che lasciano poco spazio alla creatività, rischiano di sentirsi inadeguati e smarriti.

Per venire incontro alle esigenze di tutti quei genitori con sempre più impegni e sempre meno tempo libero a disposizione, ma che desiderano essere presenti con costanza e amore nel prezioso e irripetibile periodo della crescita dei figli, questa guida propone una ricca raccolta di attività ludico-didattiche da organizzare in famiglia, tutte ideate e sperimentate in prima persona dalla mamma/autrice: dai giochi all'aperto ai lavoretti di Natale, dal disegno alla manipolazione dei materiali, dall'invenzione di storie agli sporto più classici rivisitati a "misura di bambino".

autore: Alessandra Zermoglio

editore: Sonda

Il mondo è tuo

Un albo illustrato per grandi e piccini, che insegna ai più piccoli, e ricorda ai più grandi che, si è liberi di essere e fare quello che si vuole, nonostante la strada non sarà priva di difficoltà che ci faranno crescere.

Leggi tutto...