Esiste una “scuola” per genitori?

Esiste una “scuola” per diventare genitori? In un certo senso sì.

I Programmi di educazione dei genitori (Parent Education Programs PEP) hanno lo scopo di migliorare l’assetto genitoriale di una persona.

 

Sono condotti ovviamente da specialisti, pedagogisti o psicologi che abbiano seguito un’attenta formazione in questo settore.

Si rivolgono a gruppi di genitori accomunati dalla stessa caratteristica: coppie che stanno cercando di avere un figlio o lo stanno per adottare; genitori con neonati, bambini piccoli, adolescenti; situazioni in cui la famiglia sta vivendo condizioni complicate e cambiamenti importanti, quali possono essere un lutto, una separazione o il trasloco in un’ altra città.

Gli argomenti, insomma, sono molteplici, basta trovare quello più adatto a noi.

I benefici che ne derivano, stando alle ricerche, sono veramente tanti: diminuiscono gli abusi, i maltrattamenti e gli abbandoni. La coppia si riscopre tale e non è più risucchiata nel vortice della genitorialità, perché si rende conto di essere prima di tutto un uomo e una donna con i loro spazi e i loro tempi.

Grazie all’aiuto di questi programmi, c’è inoltre una maggiore consapevolezza di se stessi e una conoscenza più approfondita e oggettiva dell’età che sta vivendo il proprio figlio. I genitori imparano a guardare il bambino o l’adolescente con occhi diversi, lo riconoscono come soggetto pensante e autonomo, si rendono conto che non è necessario spianargli la strada per farlo crescere bene e soprattutto imparano ad educarlo secondo principi psico-pedagogici universali, adattati però a chi hanno di fronte.

Ognuno di noi è unico e, per tale motivo, ciò che i genitori devono avere ben presente è che i figli non sono una proprietà, non appartengono a noi stessi, ma al mondo e il compito che ci spetta è quello di condurli ad essere indipendenti senza far mai mancare loro il nostro appoggio e aiuto.

I contenuti di questi programmi per genitori, che - precisiamo - non creano padri e madri perfetti, sono progettati per rispettare l’autorità e apprezzare le differenze di ciascun componente della famiglia.

Di Parent Education Programs ne esistono veramente di tutti i tipi; ci sono quelli che cercano di aiutare i genitori di bambini piccoli ad affrontare e a reagire ad un “comportamento problematico”.

Altri mirano a prevenire l’abuso di sostanze negli adolescenti e a rafforzare le capacità genitoriali e il sistema della famiglia. Altri ancora hanno lo scopo di insegnare ai genitori ad individuare l’obiettivo di un comportamento scorretto dei figli e a rispondere in maniera costruttiva ed adeguata.

Concludendo, possiamo dire che non esiste una formula magica per creare genitori perfetti, ma sicuramente imparare a conoscere realmente i nostri figli farà di noi degli individui in grado di saper accogliere tutto ciò che di buono i bambini e i ragazzi sono in grado di dare.

 

"Solo mamma? No grazie" Blog della Dott.ssa Chiara Mancarella

Pin It
Accedi per commentare

Jack il puzzone

Immagina la scena: sei in classe, e tutto sembra tranquillo. All’improvviso, qualcuno sgancia una puzza terrificante. Silenzio. Ora immagina questo: tutti si voltano, e danno la colpa a TE!
E’ quello che succede a Jack, ed è la fine: diventa il puzzone più famigerato della scuola. Ma lui non si perde d’animo e chiede aiuto alla scienza. Obiettivo: liberare se stesso e il mondo dalle puzza delle puzze! Chissà che non riesca davvero a brevettare l’invenzione del secolo? Tappatevi il naso e preparatevi a ridere! Una lettura esilarante, accompagnata dalle illustrazioni di AntonGionata Ferrari, Premio Andersen 2007 come miglior illustratore italiano.

L’autore: Raymond Bean è un insegnante di quarta elementare (la classe di Jack!). Questo è il suo primo libro. Uscito come un’autoproduzione, Jack il Puzzone ha scalato le classifiche ed è stato già tradotto in cinque Paesi. Raymond ha sempre sognato di scrivere libri. Nato a New York, nel Queens, prima di insegnare e scrivere, ha lavorato in produzioni televisive e cinematografiche. Ama ridere. Sposato, con un figlio, vive a New York.

autore: Raymond Bean

editore: Il castoro

La mia mamma guarirà

Questa è la storia di Alvise un bambino di sei anni e della sua mamma Maria.

Alvise racconta di alcuni episodi di vita quotidiana, l'insorgenza e la progressione della malattia della mamma. Quando la mamma ha i primi malori, Alvise è ancora piccolo e va in prima elementare, quindi vede solo i sintomi, non riesce a collegare fra loro i singoli eventi, ma ascolta con interesse e timore le parole dei genitori e dei medici.

Leggi tutto...

Stella fata del bosco

Grandi alberi, rocce, animali: il bosco può far paura, soprattutto a un bambino timido e fifone
come il piccolo Sam. Ma Stella, entusiasta e affettuosa, saprà mostrare al fratellino la bellezza
di api e farfalle, lepri e tartarughe, giganti e fate, e fra scambi di battute surreali e irresistibili
lo convincerà ad amare la foresta e tutte le sue creature.

Leggi tutto...