Filmografia. Storie d’amore nell'età in cui tutto sembra possibile.

La messa in scena dell’innamoramento come esperienza di formazione e trasformazione dell’adolescente è sempre stato un tema affrontato da diversi registi nella storia della cinematografia. Il cinema e l’adolescenza hanno qualcosa in comune: entrambi amano accendere le passioni, mettere l’accento sulle emozioni. Dolore assoluto, odio assoluto, amore assoluto, non c’è via di mezzo: solo gli adolescenti possono innamorarsi in modo tale da perdere ogni legame con la realtà, con la morale, con le opinioni dei genitori e costruirsi uno spazio isolato dove vivere l’eternità di quell’attimo della propria vita.

 

Il cinema ha sempre inseguito le rivoluzioni interiori ed esteriori del mondo adolescenziale e anche oggi molti registi hanno saputo intravedere i grandi cambiamenti nelle relazioni tra ragazzi/ragazze ed hanno rappresentato senza infingimenti la trasformazione dei sentimenti e dei comportamenti dei nostri giovani e le nuove difficoltà che devono affrontare i genitori.

Questa filmografia vuole offrire un panorama diversificato sul tema, segnalando film d’autore recenti che diano la possibilità di discutere su aspetti diversi dell’amore giovanile. Certamente questi film vivono essenzialmente del rapporto contrastato tra i due protagonisti, con poche variazioni al topos classico dell’attrazione tra gli opposti; ma accanto a questo ci sono protagonisti che, attraverso l’amore, superano le loro paure o difficoltà, fanno grandi passi avanti nella costruzione della propria individualità e si caricano di un sentimento di esaltante pienezza di vita; altri sono fragili, vivono nelle periferie dove l’amore nasce “nel male”, tra la rabbia, e sembra essere l’unica forma di riscatto; alcuni scoprono, tra turbamenti e indecisioni, che ci si può innamorare di una persona dello stesso sesso; altri procedono a passi incerti nella loro iniziazione affettiva all’interno di realtà familiari non convenzionali ed infine qualche sorriso ispirano alcune commedie, mentre uno spazio è lasciato anche a due titoli provenienti dal genere fantascientifico.

Abbiamo introdotto nella nostra filmografia la novità del giudizio sintetico ricavato dal sito IMDb.   

 

Sing Street

Regia: John Carney. Interpreti: Lucy Boynton, Maria Doyle Kennedy, Aidan Gillen, Jack Reynor, Kelly Thornton – Irlanda, 2016 – Drammatico, 106’ – Rating: PG+13 Trailer

Conor, un ragazzo che vive nella Dublino degli anni Ottanta, cerca di evadere dalla sua complicata situazione familiare e dai problemi economici mettendo a frutto il suo talento nella musica e nella scrittura di canzoni. Quando si innamora perdutamente dell'aspirante modella Raphina, decide di fondare una pop band con unico scopo: conquistare la ragazza.

Voto IMDb: 8,0/10

X+Y (A brilliant young mind)

Regia:  Morgan Matthews. Interpreti: Asa Butterfield, Sally Hawkins, Eddie Marsan, Rafe Spall, Jo Yang, Martin McCann, Christina Low, Percelle Ascott, Alexa Davies – Gran Bretagna, 2014 – Drammatico, 111’ – Rating: PG+13 Trailer in inglese

L'adolescente Nathan, prodigio della matematica e affetto da una leggera forma di autismo, non riesce a farsi capire dalla gente, né tantomeno dalla madre Julie e trova rifugio nei soli numeri. Mister Humphreys, anticonformista e anarchico insegnante che gli fa da mentore e che crede nelle sue capacità, lo sceglie per rappresentare la Gran Bretagna alle Olimpiadi internazionali di matematica. Quando con la squadra parte per Taiwan, Nathan si ritroverà ad affrontare sfide non aspettate, tra cui anche i nuovi e poco familiari sentimenti d'amore nei confronti di Zhang Mei, la sua bellissima omologa cinese.

Voto IMDb: 7,2/10

Cuori puri

Regia: Roberto De Paolis. Interpreti: Selene Caramazza, Simone Liberati, Barbora Bobulova, Stefano Fresi, Edoardo Pesce, Antonella Attili, Federico Pacifici – Italia, 2017 – Drammatico, 115’ – Rating: PG+13 Trailer 

Agnese e Stefano sono molto diversi. Lei, 18 anni appena compiuti, vive con una madre dura e devota, frequenta la chiesa e sta per compiere una promessa di castità fino al matrimonio. Lui, 25 anni, è un ragazzo dal passato difficile che lavora come custode in un parcheggio di un centro commerciale confinante con un grande campo rom. Dal loro incontro nasce un sentimento vero, fatto di momenti rubati e di reciproco aiuto. Il desiderio l'uno dell'altra cresce sempre di più, fino a quando Agnese, incerta se tradire i suoi ideali, si troverà a prendere una decisione estrema e inaspettata.

Voto IMDb: 6,9/10

 

Fiore

Regia: Claudio Giovannesi. Interpreti: Daphne Scoccia, Josciua Algeri, Valerio Mastandrea, Gessica Giulianelli – Italia, 2016 – Drammatico, 110’ – Rating: PG+13 Trailer

Carcere minorile. Daphne, detenuta per rapina, si innamora di Josh, anche lui giovane rapinatore. In carcere i maschi e le femmine non si possono incontrare e l'amore è vietato: la relazione di Daphne e Josh vive solo di sguardi da una cella all'altra, brevi conversazioni attraverso le sbarre e lettere clandestine. Il carcere non è più solo privazione della libertà ma diventa anche mancanza d'amore.

Voto IMDb: 6,8/10

 

La vita di Adèle (La vie d’Adèle)

Regia: Abdel Kechiche. Interpreti: Léa Seydoux, Adèle Exarchopoulos, Salim Kechiouche, Mona Walravens, Jeremie Laheurte – Francia, 2013 – Drammatico, 179’ – Rating: VM14 Trailer 

La quindicenne Adèle sogna di trovare l'amore della sua vita. Quando incontra Thomas - uno sconosciuto bello e tenebroso che si innamora di lei all'istante - il suo sogno sembra avverarsi. Ma una fantasia erotica inquietante sconvolge la storia d'amore prima che inizi. Adèle immagina, infatti, che la misteriosa ragazza dai capelli blu che incontra spesso per strada la possieda nel suo letto con un piacere travolgente. Non può più negare i suoi veri desideri: a lei piacciono le ragazze. Poi la bellissima e sensuale ragazza dai capelli blu riappare e le si avvicina. Inizia così una storia d'amore appassionata e caotica. Palma d’oro Festival di Cannes.

Voto IMDb: 7,8/10

 

Chiamami col tuo nome (Call me by your name)

Regia: Luca Guadagnino. Interpreti: Armie Hammer, Timothée Chalamet, Michael Stuhlbarg, Amira Casar, Esther Garrel - Italia, Francia, Brasile, USA 2017 – Drammatico, 130’ – Rating: PG+13 Trailer 

Estate 1983. Il 17enne Elio Perlman, è in vacanza nella residenza di famiglia, una villa del XVII secolo situata nel Nord Italia. Il ragazzo trascorre pigramente il tempo tra libri e nuotate e flirtando con la sua amica Marzia, fino all'arrivo di Oliver, 24enne americano giunto sul posto per assistere il padre di Elio nella sua attività accademica e lavorare alla propria tesi di dottorato su Eraclito. Oliver è affascinante e sicuro di sé e, dopo l'iniziale diffidenza di Elio, i due iniziano a passare del tempo insieme. Con il passare dei giorni, Elio sente il desiderio di aprirsi e confidarsi con Oliver fino a stringere un forte legame sempre più intimo e intenso. Tratto dal libro omonimo di André Aciman.

Voto IMDb: 7,9/10

 

Quando hai 17 anni (Quand on a 17 ans)

Regia: André Téchiné. Interpreti: Sandrine Kiberlain, Kacey Mottet Klein, Corentin Fila, Alexis Loret – Francia, 2016 – Drammatico, 116’ – Rating: PG+13 Trailer 

Damien ha 17 anni e frequenta con profitto il liceo. Figlio di un pilota in missione e di una madre dottoressa, da qualche tempo ha un problema. Un problema che ha il volto e il piglio sfrontato di Tom, un compagno di classe che non perde occasione per provocarlo. Figlio adottivo di una coppia che gestisce una fattoria in montagna, Tom ha paura di amare e tiene a distanza chi vorrebbe farlo, come Damien, che con l’adolescenza ha scoperto il desiderio e la sua inclinazione sessuale. Insieme, con il tempo supereranno tutte le incomprensioni di un’età felice ma difficile.

Voto IMDb: 7,2/10

 

I miei giorni più belli (Trois souvenirs de ma jeunesse)

Regia: Arnaud Desplechin. Interpreti: Quentin Dolmaire, Lou Roy-Lecollinet, Mathieu Amalric, Dinara Drukarova, Cecile Garcia-Fogel, Françoise Lebrun, Olivier Rabourdin – Francia, 2015 – Drammatico, 120’ – Rating: PG+13 Trailer 

Paul Daedalus lascia la sua terra, il Tagikistan. Con sé porterà i ricordi legati alla sua infanzia a Roubaix, alla follia della madre, al fratello Ivan, ai suoi sedici anni, a suo padre - vedovo inconsolabile -, al viaggio in URSS, dove è stato costretto a vivere clandestinamente, ai suoi studi a Parigi e all'incontro con il Dottor Behanzin, da cui è nata la passione per l'antropologia e la filosofia. Ma soprattutto, Paul ricorda Esther, l'amore della sua vita...

Voto IMDb: 6,8/10

 

L’amore che resta (Restless)

Regia: Gus Van Sant. Interpreti: Mia Wasikowska, Henry Hopper, Schuyler Fisk, Jane Adams, Ryô Kase, Lusia Strus, Chin Han, Jesse Henderson, Victor Morris, Colton Lasater – USA, 2011 – Drammatico, 95’ – Rating: PG+13 Trailer 

Enoch, un ragazzo problematico che trascorre i suoi pomeriggi ad imbucarsi ai funerali di sconosciuti, un giorno, durante una commemorazione funebre, incontra Annabel una graziosa ragazza malata terminale. Tra i due nasce una tenera e segnata storia d'amore che colmerà le loro solitudini.

Voto IMDb: 6,8/10

 

Le migliori cose del mondo (As melhores coisas do mundo)

Regia: Laís Bodanzky. Interpreti: Francisco Miguez, Caio Blat, Denise Fraga, Fiuk, Paulo Vilhena, Gustavo Machado – Brasile, 2010 – Commedia, 104’ – Rating: PG+13 Trailer 

Mano  è un ragazzo di quindici anni che adora suonare la chitarra, baciare, ridere con gli amici e andare in bici. Gli avvenimenti repentini della vita ed i momenti di verità della famiglia cambiano il suo modo di vedere le cose. Dovrà cos,ì velocemente, fare i conti con una serie di eventi piuttosto stressanti, ma tutto sommato comuni a molti altri adolescenti: il divorzio dei suoi genitori e l'omosessualità di suo padre, la ribellione del fratello, i conflitti con i compagni, la scoperta della sua sessualità e le gioie e le pene del primo amore.

Voto IMDb: 7,2/10

 

Submarine

Regia: Richard Ayoade. Interpreti: Craig Roberts, Sally Hawkins, Paddy Considine, Noah Taylor, Gemma Chan, Yasmin Paige – Gran Bretagna, 2010 – Commedia, 97’ – Rating: PG+16 Trailer 

Tra le montagne gallesi, il quindicenne Oliver, considerato il ragazzo più strano della scuola, ha solo due ambizioni da realizzare prima del prossimo compleanno: salvare il matrimonio in crisi dei genitori e perdere la verginità. E così, mentre tenterà di tenere lontana la madre dalle braccia di un guru new age scrivendo finte lettere d’amore per risvegliare l’interesse del padre, proverà a conquistare le attenzioni della cinica compagna Jordana, una ragazza con molti problemi sulle spalle, piromane e affetta da eczema. Tratto dall'omonimo romanzo di Joe Dunthorne.

Voto IMDb: 7,3/10

 

Banana

Regia: Andrea Jublin. Interpreti: Marco Todisco, Beatrice Modica, Camilla Filippi, Gianfelice Imparato, Giselda Volodi, Anna Bonaiuto, Giorgio Colangeli, Andrea Jublin, Ascanio Balbo – Italia, 2014 – Commedia, 90’ – Rating: PG+13 Trailer 

Banana è un ragazzino di 14 anni convinto che nella vita si debba a tutti i costi cercare la felicità, almeno per qualcosa, non per tutto. E' per questo che si impegna al massimo per conquistare l'amore di una sua compagna di classe che vuole avere in classe anche l'anno successivo. L'unico modo è aiutarla nell'ardua impresa di salvarsi dalla bocciatura. Per realizzare i suoi desideri sa che può contare solo su sé stesso ed è disposto anche a fare sacrifici, a lottare e soffrire, perché nulla nella vita è semplice da ottenere.

Voto IMDb: 6,6/10

 

Innamorarsi a Manhattan (Little Manhattan)

Regia: Mark Levin. Interpreti: Josh Hutcherson, Charlie Ray, Bradley Whitford, Cynthia Nixon, Willie Garson – USA, 2005 – Commedia, 84’ – Rating: PG Trailer 

Gabe ha 11 anni e si è sempre e solo interessato di basket e videogiochi. Al corso di karate incontra Rosemary, ragazzina vispa e vivace. Gabe per la prima volta inizia a guardare l’altro sesso con occhi diversi e interessati. E capirà e scoprirà le gioie e le ansie della prima cotta della vita.

Voto IMDb: 7,6/10

 

The spectacular now

Regia: James Ponsoldt. Interpreti: Shailene Woodley, Miles Teller, Brie Larson, Dayo Okeniyi, Kyle Chandler – USA, 2013 – Commedia, 99’ – Rating: PG+13 Trailer 

Sutter Kelly non è quello che si dice uno studente modello. All'ultimo anno di liceo, ama vivere al momento, godersi il divertimento e non ha ancora un piano per il college. Un giorno però si imbatte in Aimee, una studentessa introversa a cui si propone di insegnare a vivere a modo suo. Quando il loro rapporto si intensifica, i confini tra giusto e sbagliato, amicizia e amore, salvezza e corruzione diventeranno sempre più confusi. Tratto dal romanzo: L'attimo perfetto di Tim Tharp.

Voto IMDb: 7,1/10

 

Lo spazio che ci unisce (The space between us)

Regia: Peter Chelsom. Interpreti: Britt Robertson, Carla Gugino, Gary Oldman, BD Wong, Asa Butterfield, Janet Montgomery – USA, 2016 – Fantascienza, 120’ – Rating: PG+13 Trailer 

Durante una missione su Marte, un'astronauta si scopre incinta e dà alla luce un figlio sul Pianeta Rosso, morendo durante il parto. Il ragazzo, Gardner, per via della diversa gravità, ha un cuore debole ed è costretto a crescere su Marte finché, arrivato ai sedici anni, non convince gli scienziati a tentare terapie sperimentali per riportarlo sulla Terra. Qui è in contatto con una ragazza conosciuta online, Tulsa, e spera insieme a lei di ritrovare suo padre.

Voto IMDb: 6,4/10

 

Frequencies

Regia: Darren Paul Fisher. Interpreti: Daniel Fraser, Eleanor Wyld, Dylan Llewellyn, Georgina Minter-Brown, Owen Pugh, David Broughton-Davies, David Barnaby, Timothy Block – Australia, Regno Unito 2013 – Fantascienza, 105’ – Rating: PG+13 Trailer 

In un futuro distopico, un ragazzo e una ragazza si incontrano e si innamorano nonostante non sia ammissibile. In questo mondo, infatti, tutto si basa sulla 'frequenza', che determina il destino di ogni individuo: chi ha una frequenza alta è nato fortunato, sarà sempre nel posto giusto al momento giusto...ma le forze naturali cospireranno sempre contro chi ha una frequenza bassa. Al contrario di Zak, Marie ha una frequenza altissima, così i due decidono di trascorrere insieme un solo minuto all'anno, in modo da evitare conseguenze drammatiche. Per poter stare con lei, però, Zak cercherà fino all'ossessione di cambiare la propria frequenza. Niente di ciò che si conosce sull'umanità e sul destino sarà più lo stesso.

Voto IMDb: 6,8/10

Pin It
Accedi per commentare

Padri e Figlie istruzioni per l'uso

"[…] il cuore non deve appartenere al papà. Il cuore di una ragazza deve essere libero. Libero di diritto.
Guai a quei padri "idoli "che rendono impossibile un altro amore. Guai a quei padri così assillanti da impedire di vivere una vita propria. Guai infine a quei padri assenti che costringeranno la figlia a una ricerca lunga tutta una vita."

Leggi tutto...

”Vorrei scappare in un deserto e gridare…”

Questo libro svolge brillantemente l'importante compito di far conoscere ad un pubblico "laico" un disturbo di cui i mass media parlano spesso, fornendo tuttavia, come accade non di rado, notizie in gran parte inesatte e talora decisamente errate. E’ scritto da un medico pediatra e da un ingegnere, ambedue genitori di bambini affetti da ADHD, quindi da persone che hanno avuto modo di conoscere il disturbo nelle più intime pieghe della sua quotidianità familiare.

Il primo autore, in quanto pediatra, ha arricchito questa conoscenza con le capacità di osservazione e di comprensione derivate dall'esercizio quotidiano della sua professione: una conoscenza partecipe, quale "l'esperto" estraneo non ha. Nello stesso tempo il linguaggio riesce a essere "laico", quindi con la massima comprensibilità per tutti, ma soprattutto per i genitori, cui specificamente si rivolge. A questi pregi si aggiunge la capacità espressiva degli autori, che rende piacevole la lettura.

Il libro dunque parte da esperienze vissute, che però sono state elaborate ed approfondite attraverso il confronto con gli "esperti" e soprattutto da un lodevole impegnativo studio dei dati scientifici esistenti, che vengono correttamente esposti e sono puntualmente aggiornati. Esso rappresenta anche un significativo documento sulle difficoltà in cui viene spesso a trovarsi un genitore di bambino con ADHD a causa delle disfunzioni organizzative e delle insufficienti conoscenze che si trovano anche tra i medici, ampiamente testimoniato da un buon numero di lettere di genitori, non poche delle quali devono far riflettere i medici e in particolare i neuropsichiatri su un certo tipo di errore che è stato a lungo commesso. Un errore che fa parte di uno stereotipo culturale derivante da vecchie teorie o da cattiva interpretazione delle stesse e che si basa sull'assunto "la colpa è sempre dei genitori"! Com'è successo per l'autismo (potremo mai calcolare il danno e la sofferenza che questa impostazione ha provocato nei genitori e di conseguenza nei figli?), ora continua, a volte, per l'ADHD.

Già da anni la letteratura scientifica ha contraddetto queste teorie relativamente all' autismo e all'ADHD, ma evidentemente non tutti si aggiornano. Ben lungi dal negare che tante problematiche del bambino dipendano dall'ambiente e soprattutto da quello familiare, ma bisogna saper distinguere e non imputare allo stato d'ansia riscontrabile nella madre, ad esempio, la causa della patologia del bambino. Questo suggerisce una insufficiente capacità di approfondire i meccanismi della relazione interpersonale e a volte appare un modo del terapeuta di scaricare ad altri le responsabilità: «La colpa è di voi genitori, curatevi voi altrimenti io non posso far nulla per il bambino!». Anche nei casi in cui vi è una responsabilità più o meno ampia dei genitori, l'atteggiamento del terapeuta deve essere diverso, non accusatorio ma, secondo il proprio ruolo, "terapeutico", cioè di indirizzo, di richiamo e di ricerca della collaborazione da parte del genitore.

Più o meno indirettamente il libro mette in luce anche un'altra carenza che a volte si riscontra in alcuni operatori neuropsichiatrici (non solo in Italia): l'insufficiente conoscenza di tecniche terapeutiche in senso lato. Essi sono preparati per un solo tipo di psicoterapia efficace per alcuni disturbi, mentre non hanno evidentemente conoscenza di altre tecniche di intervento terapeutico non farmacologico, efficaci per altri tipi di disturbo. Questo perché è necessaria una maggiore capacità del terapeuta di usare approcci diversi in rapporto a problematiche diverse. Il libro non manca da questo punto di vista di segnalare interventi semplici ma talora molto efficaci di guida ai genitori e agli insegnanti.

Un libro per laici, che sarà utile pure ai medici e agli altri operatori del settore, perché dà un panorama scientificamente corretto dell'ADHD e degli interventi da adottare in favore di coloro che ne soffrono e anche perché riporta, attraverso le lettere dei genitori, una istruttiva esperienza di casi clinici.

autore: Raffaele D'Errico, Enzo Aiello

illustratore: S. Deflorian

editore: AIFA

Anche le cose hanno un'anima

Finalmente una raccolta di racconti per l'infanzia scritta con il cuore. 

"Anche le cose hanno un'anima " di Claudia Volpe non narra di vampiri, fantasmi e mostri spaziali che alimentano gli incubi dei bambini. Solo storie di oggetti comuni, ma con l'anima ed i sentimenti veri di ogni giorno.

Gli oggetti "parlano" ai bambini e così li vedrete giocare e colloquiare, oltre che con i giocattoli, anche con le pentole della mamma, con le mollette, con la frutta Certo, ogni epoca ha dei personaggi particolarmente cari ai bambini e, nel terzo millennio, tra mille sofisticati giochi elettronici e libri che narrano di invincibili eroi spaziali e terrestri e di mostri più o meno spaventosi, io credo che ci sia ancora un po' di spazio per le storie semplici che narrano di buoni sentimenti; passano gli anni, ma il cuore dei nostri bambini rimane sempre lo stesso, in qualsiasi tempo si viva, perché l'essenza più vera dell'infanzia è costituita principalmente di fantasia e teneri affetti. Leggi tutto...