Narciso innamorato. La fine dell'amore romantico nelle relazioni tra adolescenti

“La realizzazione del proprio Sé”. E’ questo l’obiettivo principale dei genitori di oggi, formare cioè dei figli consapevoli delle proprie capacità, dei propri desideri, fornendo stimoli per una loro crescita felice, autonoma, ricca di relazioni sociali, contatti ed esperienze diverse.

 

 

Questa “scuola dell’amore” realizzata dalla figura materna in primis e che parte nell’infanzia, prosegue anche nella fase adolescenziale e si riflette nel rapporto amoroso tra giovani adulti quando maschi e femmine cercano di recuperare una relazione più attenta ai bisogni del Sé piuttosto che al valore dell’Altro. In questo senso si può affermare che è finita l’epoca dell’“amore romantico” ed è iniziata quella dell’”amore narcisistico”.

In questo saggio, uno dei più importanti psichiatri e psicoterapeuti italiani, Gustavo Pietropolli Charmet, e la dottoressa Laura Turuani ci parlano dei bambini e degli adolescenti di oggi, che saranno i genitori di domani, affrontando molte questioni: la crisi della famiglia tradizionale, la diminuzione delle nascite, la fragilità di una infanzia sempre più competente e fin troppo sollecitata, e per questo “erosa” e “adultizzata”, la precocità puberale e sessuale, l’esigenza di stare sempre in contatto e quindi il nuovo ambiente della rete dei social, il potere preponderante del corpo e della bellezza, la seduzione per le ragazze e il corteggiamento per i ragazzi.

L’analisi teorica è supportata dalla pratica clinica degli autori presso il Consultorio Minotauro di Milano, dove essi si trovano a lavorare in mezzo ad adolescenti. La descrizione dei “casi clinici” accompagna i capitoli dando concretezza alle loro dissertazioni. I ragazzi di un tempo idealizzavano l’amato/a e soffrivano anche di sensi di colpa quando questi interrompeva la relazione, oggi i nostri adolescenti “narcisi”, “fragili” e “spavaldi” non si spiegano la fine di un amore perché ciò che sparisce nella mente dell’amato è il proprio Sé e la fine di un amore si carica di permalosità: “ …gli adolescenti attuali sono molto più propensi a sentirsi offesi piuttosto che traditi dal partner….temono di rimanere umiliati e offesi dalla noncuranza maleducata della persona alla quale hanno consegnato la parte più fragile e intima del Sé….Nell’amore narcisistico prevale quindi nel partner abbandonato una profonda vergogna per l’affronto subìto, con conseguente rabbia e desiderio di vendetta.”

Il libro presenta un’interessante visione dei cambiamenti profondi che avvengono all’interno della trama affettiva dei rapporti di coppia che derivano dal modello educativo che come genitori stiamo costruendo. Per aiutarli veramente dobbiamo conoscere quali siano le ripercussioni psicologiche ed etiche che un tale modello ispirato solo “alla loro felicità” possa avere nel futuro prossimo.

 

 

autore: Gustavo Pietropolli Charmet – Laura Turuani

editore: BUR Biblioteca Univ. Rizzoli   

 

 

Gustavo Pietropolli Charmet è stato primario in diversi ospedali psichiatrici e docente di Psicologia Dinamica all’Università Statale di Milano e all’Università di Milano Bicocca. Nel 1985 con l’appoggio di Franco Fornari e con altri soci, ha fondato l’Istituto Minotauro di cui è stato presidente. Attualmente è docente della Scuola di Psicoterapia dell’Adolescenza ARPAD Minotauro, presidente del CAF Onlus Centro Aiuto al bambino maltrattato e alla famiglia in crisi di Milano e direttore scientifico dell’Osservatorio Giovani IPRASE di Trento.

Dello stesso autore:

  • La fatica di diventare grandi. La scomparsa dei riti di passaggio, Einaudi, 2014
  • Adolescenti in crisi, genitori in difficoltà. Come capire e aiutare tuo figlio negli anni difficili, Franco Angeli, 2016
  • Manuale per genitori e figli sull'orlo di una crisi di nervi, San Paolo Edizioni, 2014
  • La paura di essere brutti. Gli adolescenti e il corpo. Cortina Raffaello, 2013
  • Fragile e spavaldo. Ritratto dell'adolescente di oggi, Laterza, 2010
  • I nuovi adolescenti. Padri e madri di fronte a una sfida, Cortina Raffaello, 2010
  • Psicoterapia evolutiva dell'adolescente. Franco Angeli, 2015
Pin It
Accedi per commentare

La vera storia del pirata Long John Silver

La biografia - raccontata in prima persona - di Long John Silver, il temibile pirata con una gamba sola dell'Isola del Tesoro, fatto sparire da Stevenson nel nulla che riappare ora vivo e ricco in Madagascar intento a scrivere le sue memorie.

E così ci si ritrova - adulti - a leggere una storia di pirati, con lo stesso gusto con cui lo facevamo da bambini, sognando ancora di porti affollati di vascelli, taverne fumose, tesori, arrembaggi, tempeste improvvise.

Ma non c'è solo questo, c'è anche la scoperta del mondo all'epoca della pirateria, i legami con il commercio ufficiale, le condizioni atroci dei marinai, i soprusi dei capitani, il codice egualitario dei pirati, le loro efferatezze e quelle contro cui si ribellavano.

 

Un grande affresco di un'epoca e di un mondo che ha sempre affascinato grandi e piccoli.

autore: Larsson Björn (traduzione K. De Marco)

editore: Iperborea

Genitori fatti ad arte. Prepararsi all'arrivo di un bambino

Questo libro è un diario, una storia, un prezioso scrigno di suggerimenti, idee, proposte, esercizi, riflessioni che accompagnano e si intrecciano al percorso che ogni donna e ogni uomo fanno nelle 40 settimane di attesa.

Dalla scoperta dell'esistenza di una nuova vita all'emozione del primo vagito.

Leggi tutto...

La città dei bambini

La rivoluzione proposta in questo libro è ripensare alle nostre città a partire dai bambini: una città fatta per i bambini è garanzia di una vita migliore per tutti.

Francesco Tonucci è un ricercatore del CNR che ha avviato con il comune di Fano il progetto "La città dei bambini".

Questo libro rivede tutte le priorità della vita di città, dove sono le macchine a farla da padrone. I bambini sono prigionieri delle case, non possono uscire a giocare da soli, non possono andare a scuola da soli. Non vivono la città, perché in realtà le città non sono più vivibili.

Ma considerando il punto di vista dei bambini, contemporaneamente si rispettano anche le altre categorie più deboli: gli anziani, i disabili. Una città pensata per i bambini è in realtà una città per tutti, e il libro ci mostra come e perché. La soluzione potrà sembrare utopica, forse, ma per l'autore è molto più utopico e folle procedere nel cammino senza futuro che le nostre città hanno imboccato. Quella dei bambini è un'utopia concreta, un'utopia sostenibile.

La prefazione è di Bobbio.
L'autore è anche disegnatore, con lo pseudonimo di FRATO.

autoreFrancesco Tonucci

editore: Laterza