Merenda monocromatica

Tema: giocare con i colori e guardare le cose da punti di vista differenti.

Attività: merenda monocromatica.

Età: qualsiasi. Attività da fare con tutta la famiglia, più si è, meglio è! Opera: L'Atelier rouge, olio su tela, 162 x 130 cm, 1911, MOMA, New York, Autore: H. Matisse.

Genitori Fatti ad Arte invita alla riflessione sul proprio ruolo genitoriale, proponendo l’utilizzo dell’arte e della creatività sempre in modi insoliti. Gli elementi dell’arte vengono impiegati in maniere non convenzionali e i loro significati sono solitamente stravolti e ricontestualizzati a seconda delle tematiche della genitorialità trattate.

 

 

Questa volta vorrei però tornare un po’ alle "origini", ai fondamenti dell’arte, proponendo qualcosa di un po’ più tradizionale, e giocare con leggerezza. Vorrei condividere una riflessione sull’elemento principe dell’arte (o per lo meno, uno degli elementi principali): il colore.

A prima vista, questo può sembrare slegato e lontano dai temi che caratterizzano la genitorialità, ma penso che i colori pervadano così tanto tutti gli aspetti della nostra vita (e soprattutto la vita dei bambini!), che sia utile ed interessante rifletterci in modo giocoso.

Propongo Lo studio rosso (L’Atelier rouge), famosissimo dipinto di Henri Matisse in cui il colore rosso caratterizza praticamente tutta la scena. La stanza nell’immagine finisce perfino con il perdere il suo carattere tridimensionale, acquisendo una piattezza spiazzante. Il rosso pervade l’immagine, la inonda fino a riempirla completamente, creando un effetto quasi surreale.

Tutta l’opera di Matisse è caratterizzata dai colori intensi e vibranti, dalle composizioni cromatiche accese e a volte perfino un po’ ‘violente’. Non a caso l’artista è considerato il precursore ed esponente più importante del gruppo dei Fauves (letteralmente ‘le belve’), chiamati così proprio per la forza e l’aggressività cromatica delle loro opere (in contrasto, all’epoca, con le tonalità più equilibrate e pacate della tradizione pittorica canonica).

I Fauves usavano i colori in maniera innovativa, a volte perfino surreale, per caricare di espressività le loro opere. Il colore era senza dubbio l’elemento fondamentale del loro lavoro ed assumeva significati nuovi ed inaspettati, caricando di forza emotiva le immagini.

Ci sono molti giochi con i colori che si possono fare insieme ai bambini. Riconoscere i colori è sicuramente una cosa molto importante, ma lo è soprattutto saper notare le sfumature: imparare ad affinare la capacità di vedere diverse nuance di colore, di essere consapevoli che esistano. Soprattutto, credo che sia fondamentale avere l’opportunità di riflettere e discuterne insieme, riconoscere il fatto che perfino cose apparentemente così oggettive e tangibili come i colori possono essere interpretate in maniera molto soggettiva: persone diverse possono percepire i colori in modi diversi.

Non mi riferisco solamente a differenze culturali ed ambientali (spesso ad esempio, i colori vengono chiamati con parole che rimandano ad elementi presenti in un contesto di vita particolare ed assumono connotazioni sociali e simboliche molto forti a seconda della cultura in cui ci si trova), ma anche a semplici differenze individuali. Non sto parlando di daltonismo o anomalie visive, ma mi riferisco alla personale esperienza e percezione che ognuno ha dei colori. Capita spesso per esempio, in casa mia, che quello che il mio compagno definisce viola a me sembri nient’altro che marrone.

Giocando con i colori si possono inventare nuovi nomi (un celebre esempio è il famoso International Blue Klein, di cui magari parleremo in un futuro articolo…), si possono usare questi nuovi nomi per creare delle poesie o si possono inventare storie (vi consiglio vivamente il libro di Leo Lionni, Piccolo blu e piccolo giallo- una vera e propria poesia visiva - o anche le variopinte versioni di Cappuccetto Rosso di Bruno Munari).

I bambini sono maestri in questo tipo di giochi e sicuramente sapranno suggerire mille altre possibilità! Quello che vi invito a fare è una merenda monocromatica. L’idea è presa in prestito da Beba Restelli, amica e collaboratrice per molti anni di Bruno Munari. Organizzare una merenda monocolore sembra una sciocchezza, ma ha un impatto visivo ed emotivo fortissimo, su bambini ed adulti. Magari vi sentite particolarmente audaci e volete provare ad organizzare perfino un intero pasto monocolore! Può essere una sfida interessante riuscire a trovare tutti gli ingredienti.

Le regole sono semplici: scegliete un colore e cercate di trovare e creare più cose da mangiare possibili di quel colore. Apparecchiate la tavola con una tovaglia dello stesso colore, usate piatti, bicchieri, posate e tovaglioli di quel colore. Vi accorgerete presto che con alcuni colori l’impresa è più semplice che con altri, ma la cosa interessante sarà scoprire insieme ai vostri bambini (che devono assolutamente essere coinvolti nel gioco fin dall’inizio ed aiutarvi a pianificare la merenda, scegliere gli ingredienti e perfino creare le cose da mangiare…) che esiste una moltitudine di rossi, una miriade di gialli, un’infinità di verdi e blu diversi… Come ho già detto, le possibilità di gioco e di discussione sono infinite - senza parlare dei possibili itinerari - quando si inizia a giocare in modo sinestetico incrociando diversi sensi! E' più ruvido il blu o il verde? Che suono fa il giallo? Di che colore è il mercoledì? Potrei continuare all’infinito, ma forse è meglio rimandare questo tipo di gioco ad un altro articolo. Per il momento, buona merenda!

 

Consigli di approfondimento


Libri:
Leo Lionni, "Piccolo blu e piccolo giallo", Ed. Babalibri

Bruno Munari, "Cappuccetto Rosso, Verde, Giallo, Blu e Bianco", Ed. Einaudi

Beba Restelli, "Giocare con tatto. Per una educazione plurisensoriale secondo il metodo Bruno Munari", Ed. Franco Angeli Editore


Siti web:

Laboratorio di Beba Barestelli:  http://www.laboratoriobebarestelli.it/

Pin It
Accedi per commentare

Padri e Figlie istruzioni per l'uso

"[…] il cuore non deve appartenere al papà. Il cuore di una ragazza deve essere libero. Libero di diritto.
Guai a quei padri "idoli "che rendono impossibile un altro amore. Guai a quei padri così assillanti da impedire di vivere una vita propria. Guai infine a quei padri assenti che costringeranno la figlia a una ricerca lunga tutta una vita."

Leggi tutto...

I bambini nascono per essere felici. I diritti li aiutano a crescere

Il termine "diritto", sempre più presente nel nostro vocabolario comune, è alla base del nostro vivere, per questo è fondamentale che anche i più piccoli ne conoscano il significato, che siano consapevoli che in quanto bambini, hanno dei diritti propri, perché anche "da grandi" ne siano veri promotori.

Le parole di Vanna Cercenà e le immagini di Gloria Francella danno qui una reinterpretazione della "Convenzione sui Diritti dell'Infanzia approvata dall'Assemblea Generale delle Nazioni Unite il 20 novembre 1989, ratificata dall'Italia con legge del 27 maggio 1991 n. 176 depositata presso le Nazioni Unite il 5 settembre 1991".

Data la complessità del testo originale, gli articoli sono stati raggruppati in temi principali: da quelli a carattere più generale a quelli più specifici su identità, famiglia, partecipazione, educazione, protezione, salute, informazione, controllo dell'attuazione. Ognuno di questi argomenti viene sviluppato puntualmente con il riferimento agli articoli - spiegati con termini semplici e comprensibili – e una divertente e arguta filastrocca, di cui le immagini, coloratissime e ricche di particolari, sono il perfetto complemento visivo.

Come gli altri libri-gioco della collana Carte in Tavola, seguendo la numerazione delle schede, si affiancano le immagini fino a formare un'unica grande tavola illustrata: un grande albero su cui "sbocciano" le rappresentazioni dei 20 diritti riportati sul retro.

TEMI TRATTATI: diritto, famiglia, identità, multiculturalità, informazione, gioco, disabilità, salute, uguaglianza, pace, scuola, libertà, genitorialità, Stato.


Cecilia passeggia nel parco

Cecilia è una bambina ipovedente. Il suo uccellino Pilù, che sempre la accompagna, non sa volare. Il mondo intorno a loro è privo di colore, ma una passeggiata nel parco, ricca di stimoli sensoriali e un incontro-scontro inatteso faranno tornare i colori nella sua vita e daranno nuove ali a Pilù.

Leggi tutto...