Cecilia passeggia nel parco

Cecilia è una bambina ipovedente. Il suo uccellino Pilù, che sempre la accompagna, non sa volare. Il mondo intorno a loro è privo di colore, ma una passeggiata nel parco, ricca di stimoli sensoriali e un incontro-scontro inatteso faranno tornare i colori nella sua vita e daranno nuove ali a Pilù.

La storia prende spunto da un episodio vero: una bambina non-vedente che incontra per caso la musica attraverso un violoncello. Grazie al suono dello strumento, possiede nuovi occhi per vedere, sentire, relazionarsi con il mondo.

Cecilia, la piccola protagonista, è una bambina ipovedente che fatica a vedere ciò che la circonda in tutto il suo splendore. Il mondo le appare sfocato, grigio, privo di colore. Ha per amico un piccolo pettirosso: Pilù.

Pilù la accompagna sempre, comodamente seduto in una borsa a tracolla perché teme di volare.

Passeggiano così nel parco, inizialmente accompagnati da un piacevole vento. Incontrano Lucio, che offre un palloncino a Pilù per volare; una variopinta farfalla, che sa usare le sue ali; un poco accogliente scoiattolo, che li caccia dal grande albero. Tutti questi incontri, piano piano, permettono alla bambina di riprendere il contatto con ciò che la circonda, e a Pilù di uscire dal suo nido comodo e sicuro. Infine, vicino al fiume, un violoncello lasciato incautamente a terra, fuori da una scuola di musica. Cecilia ci inciampa e, incuriosita, inizia a pizzicarne le corde. La vibrazione che produce lo strumento permette alla bambina di recuperare il contatto con se stessa e di conseguenza con il mondo, ora di nuovo nel suo splendore, e sprona Pilù ad utilizzare le sue ali.

 

Cecilia passeggia nel parco” è il primo titolo della Collana “Orizzonte Scalzo”. Diretta da Claudia Ferraroli, comprende albi illustrati con storie poetiche e leggere, contenitori di domande, con diverse chiavi d’accesso e di lettura, corredati da illustrazioni ricche di stimoli che liberano la fantasia. Strumenti che stimolano l’intelligenza linguistica, spaziale, musicale, intra- e inter-personale, oltre a quella esistenziale.

 

 

Autrice: Claudia Ferraroli

Nasce a Monza (MB) il 13 agosto 1969. Si laurea in Filosofia ad indirizzo psicologico presso l’Università Statale di Milano. Consegue un master triennale con lode in Pedagogia clinica. È iscritta all’albo dei pedagogisti clinici gestito dall’ANPEC (Associazione Nazionale Pedagogisti Clinici). Svolge l’attività di educatrice in svariati ambiti per poi approdare all’insegnamento e alla formazione. Propone laboratori per il recupero delle potenzialità creative. Collabora come pedagogista con diverse cooperative ed associazioni, scrive libri per bambini, a volte illustrandoli, oltre a ideare giochi creativi.

Illustratore: Fuad Aziz

Nato ad Arbil, nel Kurdistan iracheno, nel 1951. Diplomato all’Accademia di Belle Arti di Baghdad nel 1974. Nel 1977 si diploma all’Accademia di Belle Arti di Firenze, città dove vive da oltre trent’anni. Ha presentato le sue sculture in numerose mostre personali e collettive in Italia e all’estero, realizzando opere permanenti in varie città. È autore di numerose mostre di illustrazioni, di testi e illustratore di libri per l’infanzia. Opera nelle scuole di Firenze e provincia all’interno del “Progetto interculturale” e in altre scuole italiane sui vari temi dell’educazione interculturale al racconto. Formatore per insegnanti sull’educazione all’immagine e la creazione di racconti illustrati. Cura la “Collana Colorata” di fiabe dei popoli presso la Biblioteca di Pace di Firenze, di cui è membro e fondatore.

 

 autore: Claudia Ferraroli

illustratore:  Fuad Aziz

editore: Fabbrica dei Segni

 

Pin It
Accedi per commentare

DIVERGENT

Ho sempre adorato i libri per gli adolescenti, ma ultimamente ho sviluppato un nuovo amore per una serie in particolare. Divergent, é il primo dell’omonima trilogia di libri di Veronica Roth. Popolarissima tra i giovani, é l’ennesima serie di libridistopici. O almeno credo si dica così...non conoscevo questo termine finché mia figlia Penelope ha iniziato a leggere questo nuovo genere di romanzi. Utilizzando un linguaggio ed una classificazione ‘tradizionale’ potremmo definirli romanzi di fantascienza, con delle sfumature di significato un pò particolari. Ambientati nel futuro, offrono la rappresentazione di una società fittizia nella quale alcune tendenze sociali, politiche e tecnologiche avvertite nel presente sono portate a estremi negativi. Il padre di questo genere potrebbe essere considerato1984(G. Orwell) oFahrenheit 451(R. Brandbury). The Hunger Gamesne é un’altro esempio contemporaneo popolarissimo, già diventato un cult.

Leggi tutto...

Il viaggio di Caden

“Quando tocchi il fondo puoi solo risalire”

 

“Il viaggio di Caden” è un romanzo commovente, ma anche divertente, un vero inno alla vita, che racconta la discesa negli abissi della mente del giovane protagonista, Caden, un ragazzo come tanti, affetto da schizofrenia.

Leggi tutto...

Sorella del mio cuore

La vita di due bambine che diventano donne perdendosi e ritrovandosi fra le tradizioni dell'India e le sue contraddizioni. Nate e cresciute insieme si conoscono e si amano profondamente, condividendo gioie, dolori, speranze.

Ma fuori dai muri protettivi della loro famiglia le attendono i segreti del passato e le nebbie del futuro: i fantasmi dei loro padri, i fanatismi dei pregiudizi e dei riti sociali, la fatica quotidiana di una famiglia di sole donne per allevarle e mantenerle, lo spettro del matrimonio combinato e l'incanto del vero amore.

Un romanzo che ci avvicina al mondo affascinante dell'India, che ce ne fa scoprire la magia ma anche le profonde contraddizioni che lo caratterizzano.

La storia ha un seguito, nel libro "Il fiore del desiderio", che si svolge in America dove si perde la magia che caratterizza questo volume, le ragazze crescono e con loro la difficoltà e l'amarezza dei loro destini.

autore: Chitra Banerjee Divakaruni (traduzione Federica Oddera)

editore: Einaudi