Simone de Beauvoir, per la libertà delle donne.

“Quel che è certo è che finora le capacità della donna sono state soffocate e disperse per l'umanità e che è veramente tempo, nel suo interesse e in quello di tutti, che le sia concesso finalmente di sfruttare tutte le sue possibilità."

Ricordiamoci che Simone de Beauvoir è nata nel 1908, ma il suo pensiero ha la forza dirompente di un fiume in piena e le sue idee suggeriscono ancora oggi a noi, donne del XXI secolo, la via per la conquista della nostra libertà senza discriminazioni di nessun genere.

 

Punto di riferimento per il movimento femminista degli anni Settanta, Simone scardina ogni tipo di conformismo o di enunciato che lega la donna a un destino prestabilito, quello di moglie o madre per esempio, proclamando l’assoluta libertà delle donne, indipendentemente dall’appartenenza al genere, di essere quel che vogliono e di scegliere il proprio cammino.

 

Bella, sofisticata, elegante, compagna di vita e di studio di Jean-Paul Sartre (molto innamorati, ma coppia estremamente aperta, liberi entrambi di intrattenere rapporti con altri partner), lei stessa profonda pensatrice e letterata, comunista, atea, esistenzialista, donna indipendente, ama scrivere e lo fa in migliaia di pagine con lettere, saggi, romanzi, racconti, autobiografie.

Negli ultimi 25 anni molti suoi scritti inediti dei Cahiers, del Journal de guerre e delle lettere ai vari intellettuali dell’epoca sono stati raccolti da Sylvie Le Bon, sua figlia adottiva. Simone gira tutto il mondo e scrive molti reportage da paesi lontani, entrando in contatto con Fidel Castro, Che Guevara, Mao Zedong, Richard Wright.

Il suo impegno politico-sociale si intensifica all’indomani del secondo conflitto mondiale. Negli Stati Uniti intrattiene una “liaison transatlantique” con il romanziere americano Nelson Algren durata dal 1947 al 1964. E’ nel 1949 che pubblica in Francia (in Italia uscirà nel 1961) quello che sarà considerato il Manifesto del femminismo“Le deuxième sexe”, considerato uno scandalo nell’alta società.

Lei stessa viene bersagliata da quella che oggi chiameremmo la “macchina del fango”, da parte di una borghesia conservatrice che la dileggia, la etichetta in tutti i modi, la contesta per la sua vita privata. Questa fama ambigua, riportata nei rotocalchi, riemerge nel 2008 (sì, non stupitevi della data!) con uno scatto rubato a Chicago, nel 1952, che la ritrae nuda, di schiena, in bagno nell’atto di sistemarsi i capelli, scatto che conquista la copertina de Le Nouvel Observateur accompagnato dal titolo “Simone de Beauvoir la scandaleuse”.

Evidentemente, ancora nel Duemila, di una donna-filosofa si preferisce mostrare il lato scabroso del suo fondoschiena invece dei presupposti teorici e morali del suo pensiero! Non la nudità del corpo, ma quella dell’esistenza è ciò che coglie con disarmante lucidità la sua filosofia, un’esistenza caratterizzata dall’ambiguità, dall’incertezza, dall’imprevedibilità, dall’instabilità. Proprio nella consapevolezza che ogni azione umana, ogni progetto e anche ogni relazione siano destinati a finire, l’individuo è più disponibile a vivere appassionatamente ogni “istante” gioioso come se fosse l’ultimo.

L’istante gioioso, la felicità effimera, l’emozione del presente sono dati dai sensi, dal corpo che si immerge nel mondo ed è strumento di conoscenza; niente è vietato, niente è impossibile. Più di mille pagine per guardare le donne in tutte le fasi della loro vita, in tutte le situazioni, in tutti i comportamenti. La condizione femminile analizzata sul piano biologico, psicanalitico, economico, storico, mitologico ed evolutivo.

Per la donna occorre liberarsi della rappresentazione che il maschile dà del femminile e discutere da donna anche sulle questioni maschili. Quanti tabù ha saputo scardinare Simone de Beauvoir? Maternità, divorzio, aborto (per questa questione il libro fu inserito dal Vaticano nell’Indice dei Libri proibiti), sessualità omo/etero, prostituzione, diritti delle donne rivendicati nelle piazze e negli articoli perché prendere posizione è il suo imperativo: “Nessuno deciderà per te, neanche il destino”.

Nel romanzo diviso in tre racconti “Una donna spezzata”, il destino inesorabilmente distrugge i “castelli di sabbia” sui quali tre donne (la moglie, la madre, l’insoddisfatta) avevano fondato la propria esistenza. Il tradimento di un marito, quello di un figlio, l’abbandono in una totale solitudine, è ciò che riserva loro la vita. In un crescendo di sentimenti contrastanti, di analisi introspettive sul loro passato e sulle scelte compiute, si renderanno conto della precarietà degli affetti e dalla delusione impareranno a ripartire per un’esistenza diversa e nuova. Chiaro il messaggio, ancora importante ai nostri tempi se guardiamo la condizione femminile nel mondo: le donne non devono ridurre la loro esistenza ai ruoli che ricoprono, spesso subalterni a quelli maschili.

Devono sciogliere quella tela di ragno che le tiene avviluppate al desiderio inconscio di essere sempre salvate o protette da qualcuno. La sua frase più famosa e citata: “donne non si nasce, lo si diventa”, è di un’attualità disarmante davanti alle lotte che ancora nel terzo millennio le donne devono compiere per raggiungere uguaglianza e diritti in un contesto di crisi finanziaria internazionale che influisce sulla loro vita materiale, ancora una volta unite contro la violenza maschile, il razzismo e la xenofobia, i fondamentalismi, gli stereotipi.

Bibliografia:

Simone de Beauvoir, Il secondo sesso, Il Saggiatore, 763 p.

Simone de Beauvoir, Una donna spezzata, Einaudi, 252 p.

Mauro Trentadue, Vivere, senza momenti morti. Simone de Beauvoir e l'Esistenzialismo, Farina Editore, 52 p.

Pin It
Accedi per commentare

Il ciliegio di Isaac

La storia comincia con un nonno e un nipotino, ma andando avanti nelle pagine la vita di questo bambino, raccontata in prima persona quando ormai lui è diventato adulto, entra in una specie di sogno orribile: è il ricordo di fili spinati dentro un turbine di colori freddi. Fa molto freddo, ci sono neve e fango ovunque, si vede “un lungo inverno che sembra non finire mai”, nei visi tristi, nelle ombre a righe, nelle stelle gialle sopra gli abiti, nelle mani protese in cerca di aiuto, nella ciminiera fumante di un campo di concentramento.Leggi tutto...

Una sorellina per Paolino

Presto mamma coniglio avrà un piccolo e tutti sono felici...

Tutti tranne Paolino. Il suo amico Robi l'ha avvertito: i neonati sono una vera catastrofe e Paolino, a dire il vero, preferirebbe avere un criceto, piuttosto che un bebè.

Ma, quando nasce la sorellina, cambia tutto...

Una storia piena di umorismo e tenerezza che parla dei dubbi e delle paure di tutti i bambini, quando arriva a casa un fratellino.

Età consigliata: dai 3 anni.

 

autore: Brigitte Weninger, Éve Tharlet (traduzione di L. Battistutta)

editore: Nord-Sud

Intelligenza emotiva per un figlio

Questo libro è l'applicazione all'educazione dei figli della teoria che Goleman illustra nel suo famoso saggio "Intelligenza Emotiva".

L'intelligenza emotiva è una facoltà il cui quoziente intellettivo si fonde con virtù morali quali l'autocontrollo, la pervicacia, l'empatia e l'attenzione per gli altri e che, opportunamente coltivata, può permettere a tutti di condurre una vita migliore.

A prima vista può sembrare un manuale, visto che si propone di insegnare ad essere dei buoni "allenatori emotivi" per i figli. In realtà ci sono molti spunti interessanti e informazioni molto utili riguardo le varie fasi dell\'età evolutiva. Gottman divide schematicamente i genitori in quattro categorie: il genitore "censore", modello autoritario per intenderci; il genitore "noncurante", quello che si disinteressa delle emozioni del figlio; il genitore "lassista", che nonostante comprenda il figlio non offre indicazioni di comportamento né aiuta il figlio a risolvere il problema; il genitore "allenatore emotivo" che oltre a comprendere e a rispettare le paure e sentimenti del figlio riesce a porre dei limiti e aiuta a risolvere i problemi.

autore: John Gottam con Joan De Claire (tradotto da A. Di Gregorio e B. Lotti)

editore: BUR Biblioteca Univ. Rizzoli