Campi del vento

Una vacanza alternativa per bambini, ragazzi o per genitori con figli, come mezzo di socializzazione e collaborazione, in barca a vela.

 

Dieci ragazzi, coetanei, a bordo di un grande cabinato a vela; un papà con il suo bambino; un gruppo di genitori e figli che naviga alla volta della prossima baia.

Equipaggi. Persone che condividono un luogo e un'atmosfera speciale per un'esperienza unica a contatto con la natura.

 

La storia che si vuole raccontare ha un sapore antico, ci allontana dalla frenetica quotidianità cittadina, fatta di smartphone e tirannici orari, per ricondurci ad un vivere in accordo con i ritmi naturali dettati dal sole. A bordo dell' Eneide, lo stile di vita è un po' fuori dal tempo, e si basa su rapporti solidali di partecipazione.

L'equipaggio è un corpo unico ed i singoli collaborano alla vita di bordo, ciascuno con le proprie attitudini e specificità.

La voglia di scoprire e l'esperienza avventurosa sono i motori delle nostre giornate.

Ci si sveglia insieme al mattino, magari con un bel tuffo! Poi, chi è di turno in cucina provvederà alla colazione; è il momento quindi dei lavori di bordo: ognuno si prende cura dei propri spazi e tutti insieme si pensa a quelli comuni.

Si parte poi alla scoperta dell'ambiente. Con maschera e boccaglio si potranno osservare fauna e flora marina; il mare dell'arcipelgo toscano, come quello corso, riservano sempre meravigliose sorprese anche a chi, come noi, conosce queste isole come le proprie tasche.

Torniamo a bordo e classifichiamo gli organismi, dando un nome a quelle creature che più hanno colpito il gruppo.

Il metodo scientifico è il mezzo più utile se vogliamo conoscere gli ambienti che attraversiamo: formulare teorie a priori, osservare sul campo, per poi verificare con vari strumenti una volta terminata l'uscita.

Se lo stomaco brontola vuol dire che è ora di mangiare, quindi: "datevi da fare, cucinieri!". Dopo aver rassettato, un'oretta di svago e riposo, e siamo pronti per una nuova attività, che non esclude mai il gioco.

Si avvicina l'ora del tramonto, quella più adatta alla riflessione e quindi al diario di bordo, dove riportiamo le esperienze fatte e tutto ciò che ci ispira questo incredibile paesaggio.

Con la cena inizia la serata, momento adatto al confronto: è questa, infatti, l'occasione di parlare di eventuali problemi, di far proposte per i giorni a seguire ed anche di prendere decisioni in modo assembleare.

Sdraiati sul ponte, ci si stupirà di quante stelle ci siano nel cielo e di come sia difficile vederle nelle nostre città; raccontarsi miti e leggende legati alle diverse costellazioni è sempre affascinante.

Tutti a letto! Domani ci aspetta una nuova, intensa giornata. Questa volta andremo a scoprire fauna e flora terrestre facendo trekking nella macchia mediterranea.

La vela è certamente un'attività centrale, con un po‘ di teoria e tanta pratica, conduzione e manovre, nodi e carteggio nautico, perchè apprendere le tecniche tradizionali di navigazione è necessario alla formazione  di un vero marinaio.

Dove si va domani? Lo deciderà il capitano, ma solo dopo aver consultato Nettuno ed Eolo e magari, se terremo bene gli occhi sull mare, potremmo meravigliarci nello scorgere tra le onde un delfino, lo spruzzo di una balena, il salto di un pesce spada.

 

Per saperne di più: Associazione Sportivo dilettantistica "Campi del vento"

Visita il sito web www.campidelvento.com, oppure la pagina Facebook Campi del Vento

 

Pin It
Accedi per commentare

La mia mamma guarirà

Questa è la storia di Alvise un bambino di sei anni e della sua mamma Maria.

Alvise racconta di alcuni episodi di vita quotidiana, l'insorgenza e la progressione della malattia della mamma. Quando la mamma ha i primi malori, Alvise è ancora piccolo e va in prima elementare, quindi vede solo i sintomi, non riesce a collegare fra loro i singoli eventi, ma ascolta con interesse e timore le parole dei genitori e dei medici.

Leggi tutto...

Pane e cioccolato

Nina e Susi sono amiche del cuore, stanno molto bene insieme e hanno molte cose in comune, tranne…il colore della pelle. A scuola tutte le chiamano pane e cioccolato.

Nina sogna una principessa color cioccolato, proprio come lei, ma ha paura di essersi sbagliata perché i suoi compagni dicono che è impossibile: non esiste qui una principessa così. E anche a casa, nel libro di fiabe della mamma, una principessa nera non si trova. Così mamma e papà, insieme alla sua amica Susi organizzano una caccia alla principessa color cioccolato, fanno una spedizione in biblioteca e scoprono che fra le pagine di un libro c'è Akira, una principessa africana, bella e anche coraggiosa.

Questa è l'incantevole storia di una bambina nera, che esprime il suo senso di estraneità in mezzo a gente dalla pelle "bianca come la panna".

Per affrontare un tema delicato come le diverse identità e le varie peculiarità somatiche, è molto utile la chiave di lettura per gli adulti a cura di Mariateresa Zattoni, inserita alla fine del libro, scritto da Lodovica Cima.

Età consigliata dai 6 agli 8 anni

Il libro è inserito all'interno della collana "Parole per dirlo" edita da San Paolo Edizioni, rivolta ai bambini di 6-8 anni. Non sempre è facile trovare le parole giuste per spiegare ai bambini alcuni eventi della vita, situazioni difficili che si incontrano in famiglia, a scuola o con gli amici. Il modo migliore è quello di raccontare loro una storia che gli aiuti a capire ed accettare la novità.

Lodovica Cima vive e lavora a Milano, dove si è laureata in Letteratura italiana comparata alla Letteratura inglese. Ha due figli. Da più di quindici anni lavora nell'editoria per ragazzi, dapprima come redattrice in case editrici librarie (Signorelli, Vita e Pensiero, Cetem, De Agostini, Giunti, PBM Editori) e poi, dal 1996 come autrice/progettista e consulente editoriale. Ha creato e diretto per nove anni la collana di narrativa per ragazzi "La giostra di carta" per Bruno Mondadori Editore. Insegna al Master per L'Editoria istituito dall'Università degli studi di Milano e dalla Fondazione Alberto e Arnoldo Mondadori. Partecipa a giurie di premi letterari riservati ai ragazzi e scrive, oltre a romanzi e fiabe che si trovano in libreria, anche testi scolastici e parascolastici.

Francesca Carabelli, autrice delle illustrazioni, è nata a Roma nel 1969. Ha iniziato la sua attività artistica nel campo dell'animazione e successivamente si è dedicata all'illustrazione per l'infanzia. Ha partecipato a diverse mostre e concorsi. Ha pubblicato i suoi lavori con varie case editrici.

Intervista all'autrice: Lodovica Cima

autore: Lodovica Cima - Illustrazioni Francesca Carabelli

editore: San Paolo Edizioni, 2009

Il mondo è tuo

Un albo illustrato per grandi e piccini, che insegna ai più piccoli, e ricorda ai più grandi che, si è liberi di essere e fare quello che si vuole, nonostante la strada non sarà priva di difficoltà che ci faranno crescere.

Leggi tutto...