Dall’Inghilterra con stupore

Dall’Italia, il tradizionale tè delle cinque inglese sembra una specie di sacra istituzione britannica, quasi un’occasione per sentirsi più vicini alla famiglia reale, un po’ come in una favola...è una cosa che si inserisce bene nelle conversazioni e che nell’immaginario italiano è un’opportunità per tirare fuori il servizio buono di porcellana e allenare la gestione della tazza con il mignolo alzato.

 

In un contesto più casalingo invece, non è altro che una specie di merenda fatta un po’ più tardi del solito, bevendo tè e rimpinzandosi di biscotti. Spero di non sconvolgervi troppo rivelando che, in realtà, in Inghilterra il tè delle cinque è la cena, soprattutto per i bambini, che poi vengono mandati a letto rigorosamente prima delle 20. Parlare di tè della sera significa quindi, qui nel Regno Unito, fare riferimento al pasto serale, e spesso non implica assolutamente la presenza della bevanda. Non voglio generalizzare troppo, ma la maggior parte delle famiglie inglesi cena molto presto, tra le 5 e le 6.30. I bambini davvero vengono mandati a dormire così presto e tutti i bravi genitori inglesi sanno che almeno dieci ore di sonno per notte sono garanzia di bambini sani e felici. Peccato che la realtà sia molto diversa. Infatti, anche i bambini Inglesi si svegliano svariate volte a notte e, essendosi addormentati prima delle otto di sera, si svegliano di solito verso le sei del mattino, se non prima.

Ma procediamo esplorando un'altra pratica educativa differente: lo svezzamento. Ho svezzato entrambi i miei figli in modo graduale, con un impegno religioso nell’inserimento di un solo nuovo alimento per volta, bandendo rigorosamente alcuni cibi potenzialmente dannosi perché di difficile digestione e da inserire nella dieta solo e soltanto dopo l’anno di età (fragole, peperoni, lamponi, a volte i pomodori…). Quando mio figlio piccolo aveva poco meno di due anni, ci siamo trasferiti qui in Inghilterra e abbiamo subito iniziato a partecipare a gruppi di gioco e attività mamma-bimbo disponibili in zona. Ho dovuto così fare i conti con una realtà inaspettata: bambini di sei mesi, a volte quasi nemmeno capaci di stare bene seduti da soli, che brandivano filetti di peperone e cetriolo crudo da succhiare e sgranocchiare allegramente per merenda e spuntini. Coooooosa?! Un boom di genitori scriteriati? Eppure, vi assicuro che i bambini crescono tutti più o meno sani e sereni anche qui, senza una particolare incidenza di allergie o intolleranze alimentari.

Altro pensiero pedagogico rivolto ad una fascia d’età leggermente più grande: la scuola qui è organizzata in modo un po' diverso dall’Italia. I bambini iniziano quando hanno circa cinque anni e stanno nella scuola primaria per sette anni. Ogni anno a settembre cambiano classe, ma soprattutto cambiano maestra/o. Le maestre e i maestri lavorano sempre nello stesso anno (e nella stessa aula), è il gruppo di bambini che si sposta e cambia: l’incubo peggiore per i sostenitori (io ero tra quelli!) dell’importanza della continuità nell’insegnamento. Qui è la norma, è una caratteristica intrinseca del sistema scolastico. E anche in questo caso, non ho notato bambini particolarmente traumatizzati o scioccati dal costante cambiamento.

Tutti questi esempi mi hanno fatto pensare molto e mi hanno portato a riflettere sulla relatività culturale di molte delle regole educative vendute come leggi imprescindibili a noi poveri genitori. Pediatri, pedagogisti, psicologi ed esperti di ogni genere bombardano i genitori con una miriade di regole precise e specifiche, assolutamente da non infrangere, pena la rovina irreparabile della vita del bambino. Così, spesso facciamo salti mortali per seguire queste regole, ci flagelliamo con i sensi di colpa se non riusciamo sempre a farlo e ci convinciamo di essere pessimi genitori.

Poi magari capita che ci si trasferisca all’estero, o che si faccia amicizia con una famiglia straniera, e all’improvviso questa bolla immaginaria delle regole imprescindibili scoppia tutt'a un tratto e ci si rende conto che spesso le leggi educative per far crescere un figlio in un modo armonioso, e cosa è giusto e cosa non lo è, non sono altro che costrutti culturali, e quindi non assoluti!

Tutto qui. Una semplice riflessione che mi sentivo di condividere e un invito a prendere le cose con po’ più di leggerezza…

Pin It
Accedi per commentare

L’ora di lezione. Per un’erotica dell’insegnamento

Non sono più rami storti da raddrizzare e nemmeno vasi da riempire i nostri ragazzi che frequentano le scuole, siano esse primarie, secondarie o università . L’insegnante deve recuperare il ruolo che è indicato nella stessa etimologia  della parola “insegnare”, lasciare un segno, un’impronta importante nell’allievo, svincolandosi dal contenuto del sapere, per trasmettere l’amore per il sapere. 

Leggi tutto...

Desiderare un figlio, adottare un bambino

L'adozione di un bambino è una scelta complessa ed articolata che inizia dal desiderio di prendersi cura di un figlio nato da altri. Il nostro lavoro, che ci mette in contatto quotidianamente con questa realtà, ci ha fornito uno spazio privilegiato di osservazione, e ci ha indotte a riflettere su quale ruolo possano svolgere i servizi per sostenere le famiglie adottive. Abbiamo cercato di dare voce a tutti i protagonisti dell\'adozione: i genitori, i bambini, gli operatori, gli insegnanti e gli educatori delle case-famiglia, proponendo una chiave di lettura in cui ognuno possa ritrovare un terreno di confronto e trasformare le peculiarità in risorse.

Autore: Simonetta Cavallie Maria Cristina Aglietti

Editore: Armando

Le favolette di Alice

"Anche se non va nel paese delle meraviglie, l'Alice di Rodari porta a termine straordinari, inaspettati e simpaticissimi percorsi: la sua piccolissima statura le consente infatti di esplorare oggetti e angoli nascosti della vita quotidiana.

In famiglia ormai conoscono la sua predilezione per le avventure imprevedibili e non si stupiscono più delle improvvise scomparse e delle altrettanto prodigiose riapparizioni.

Rodari nascondeva in ognuno dei suoi personaggi un fondo di verità e con Alice il nostro favoloso Gianni sembra valorizzare la curiosità, che è una delle stupende, preziose qualità dell'infanzia."

 

autore: Gianni Rodari

editore: Einaudi Ragazzi