La sensibilità è un dono prezioso

La sensibilità è un dono prezioso: ha occhi, orecchie, mani attente verso il mondo degli altri e verso il nostro. Sa tacere e far silenzio per ascoltare.

 

Frequenta la seconda media ed è un ragazzo molto sveglio e attento e lo incontro in un laboratorio creativo pedagogico.

Alcune sue considerazioni mi fanno riflettere sul senso della vita, come accade ultimamente con molti bambini e ragazzi della nuova generazione.

Dialoghiamo su di una delle tante sue caratteristiche: la sensibilità.

Cerchiamo insieme di confrontarci sul significato del termine che racconta del modo che l’uomo ha di ascoltare attentamente con tutti i suoi sensi e ricevere impressioni da questa esperienza, e lui sorride dicendo che la sente qualità rara.

Lo invito a farsi ancora più chiarezza, rappresentandola in un'immagine. Ne crea i contorni, con atto istintivo, in un disegno.

“Sento di avere un grande occhio che guarda e osserva attentamente tutto, come fosse al di sopra delle parti, e tanti piccoli occhietti sensibili alle sfumature della gente, degli amici, di ciò che mi capita a scuola e a casa. I piccoli occhietti sono attenti e svegli e non perdono nessun dettaglio. L’occhio grande metterà insieme le informazioni ricevute e ne farà qualcosa di buono. Vorrei che molti miei insegnanti ne avessero tanti, di occhi sensibili, per vederci davvero, oltre a insegnarci. Se gli insegnanti amano la loro materia io lo capisco molto bene, perché sono capaci di trasmettere questa passione e i loro occhi diventano dolci. Molto, sulla sensibilità, me lo insegnano gli animali: il mio cane mi fa vedere tutte le sue emozioni ed io le vivo con lui, e ascolta i miei stati d’animo come fossero  suoi. ”

Credo che il ragazzo colga il valore prezioso della sensibilità quale viaggio a colori che elude una realtà solo in bianco e nero; la sensibilità è un superpotere che ci permette di percepire ciò che ad altri sfugge. Personalmente, ho sempre pensato che fosse una specie di anima che si indossa sulla pelle di ogni giorno.

E’ cambiata la sensibilità di tutti noi e dei bambini, con l‘uso delle nuove tecnologie: si è perso il senso dell’incontro di tutti i nostri sensi con il reale, che comunque ritara o ridefinisce la nostra sensibilità; ora la sensibilità resta collegata solo ad un' immagine personale che spesso si ingigantisce e rende ancora più ampia la portata emotiva dei vissuti.

Che dire, poi, delle immagini cruente di violenza, di rabbia, scontri - in televisione, nei videogiochi - che finiscono per rendere i più piccoli insensibili, visto che si sentono costantemente “bombardati” da esse, in ogni occasione della vita, perché sono diventate non l’eccezione, ma la regola?

Si va perdendo la sensibilità dell’incontrarsi, dell’attesa, del rivedersi, perché il nuovo modo di vivere le relazioni passa attraverso la digitazione di messaggi virtuali che vestono le relazioni di nuovi abiti, sempre cambiati velocemente, ma mai visti sino in fondo. Manca la bellezza del vivere “direttamente”, con lentezza, certi stati emotivi, nutrendo la sensibilità del cuore. E così, anche nelle “cose di cuore” la sensibilità cambia.

Camminando, mi capita sempre più spesso di scontrarmi, in città, con qualcuno concentrato sullo schermo del cellulare che, non vedendomi, mi urta. Sono sicura che molto spesso ci comportiamo allo stesso modo, per rispondere ai messaggi che ci giungono sul display, quasi impossibilitati a rimandare a dopo.

Così ci si allontana dalla sensibilità di guardare, osservare, incontrare mentre si cammina, e anche nei luoghi di attesa il cellulare ci priva della possibilità di fare nuove conoscenze o di scambiarsi quattro chiacchere: ognuno si trova in un altrove, non “sensibilmente presente” al qui.

Anche la sensibilità genitoriale, sottile e delicato dialogo con i propri figli, quasi naturale e antica essenza, viene fatta tacere e sostituita dalla ricerca di competenze e prestazioni da genitori perfetti, e cosi, in questa nuova luce educativa, la sensibilità diventa un problema, perché vista come una modalità istintiva che non trova documentazione e bibliografia utile su alcun manuale, e nemmeno in qualche articolo su internet. In quale corso di formazione verrà insegnata?

La sensibilità invita il genitore anche all’ascolto di se stesso, nella consapevolezza che “siamo quello che facciamo ora, non quello che faremo poi”, come esempio concreto per i nostri figli, perché oltre ad ogni modello teorico educativo, noi stessi siamo per loro dei modelli di vita e anche di sensibilità.

Ecco, la riflessione di quel mio giovane amico ha aperto in me importanti interrogativi e se, come si sostiene spesso, “la sensibilità è il più bell’abito che l’intelligenza possa vestire", credo che sia utile potenziarne la presenza in ogni ambito educativo, ascoltandola attentamente nei più piccoli e in noi adulti, se vi è rimasta in dosi buone, per far sì che diventi un dono relazionale. Non dimentichiamoci, inoltre, di essere modelli positivi di grande passione per ciò che facciamo, un tramite vitale di conoscenza, e contributo importante alle nuove generazioni.

Pin It
Accedi per commentare

Tommaso e i cento lupi cattivi

E' notte. Una notte nera come la pece. Le raffiche di vento fischiano alle finestre, quasi volessero spalancarle.

Ed è proprio in notti come questa che - feroci e affamati - i lupi cattivi vanno a caccia di bambini... per mangiarseli!

Cento lupi famelici... no, forse erano cinquanta.
Cinquanta lupi assetati di sangue... beh, forse erano dieci.
Dieci lupi mannari... o era soltanto uno? Comunque, con una cacciatrice di lupi esperta come la mamma, si può dormire tranquilli!

Un libro molto bene illustrato, molto bella la scena della mamma che fa tanto rumore con la scopa contro... i bidoni della spazzatura per cacciare i lupi di cui Tommaso, e di conseguenza i suoi fratellini che poco prima dormivano tranquilli, hanno paura.

Molto adatto per i bambini che hanno timore ad addormentarsi!

Età prescolare.

autore: Valeri Gorbachev

editore: Nord-Sud

Pane e cioccolato

Nina e Susi sono amiche del cuore, stanno molto bene insieme e hanno molte cose in comune, tranne…il colore della pelle. A scuola tutte le chiamano pane e cioccolato.

Nina sogna una principessa color cioccolato, proprio come lei, ma ha paura di essersi sbagliata perché i suoi compagni dicono che è impossibile: non esiste qui una principessa così. E anche a casa, nel libro di fiabe della mamma, una principessa nera non si trova. Così mamma e papà, insieme alla sua amica Susi organizzano una caccia alla principessa color cioccolato, fanno una spedizione in biblioteca e scoprono che fra le pagine di un libro c'è Akira, una principessa africana, bella e anche coraggiosa.

Questa è l'incantevole storia di una bambina nera, che esprime il suo senso di estraneità in mezzo a gente dalla pelle "bianca come la panna".

Per affrontare un tema delicato come le diverse identità e le varie peculiarità somatiche, è molto utile la chiave di lettura per gli adulti a cura di Mariateresa Zattoni, inserita alla fine del libro, scritto da Lodovica Cima.

Età consigliata dai 6 agli 8 anni

Il libro è inserito all'interno della collana "Parole per dirlo" edita da San Paolo Edizioni, rivolta ai bambini di 6-8 anni. Non sempre è facile trovare le parole giuste per spiegare ai bambini alcuni eventi della vita, situazioni difficili che si incontrano in famiglia, a scuola o con gli amici. Il modo migliore è quello di raccontare loro una storia che gli aiuti a capire ed accettare la novità.

Lodovica Cima vive e lavora a Milano, dove si è laureata in Letteratura italiana comparata alla Letteratura inglese. Ha due figli. Da più di quindici anni lavora nell'editoria per ragazzi, dapprima come redattrice in case editrici librarie (Signorelli, Vita e Pensiero, Cetem, De Agostini, Giunti, PBM Editori) e poi, dal 1996 come autrice/progettista e consulente editoriale. Ha creato e diretto per nove anni la collana di narrativa per ragazzi "La giostra di carta" per Bruno Mondadori Editore. Insegna al Master per L'Editoria istituito dall'Università degli studi di Milano e dalla Fondazione Alberto e Arnoldo Mondadori. Partecipa a giurie di premi letterari riservati ai ragazzi e scrive, oltre a romanzi e fiabe che si trovano in libreria, anche testi scolastici e parascolastici.

Francesca Carabelli, autrice delle illustrazioni, è nata a Roma nel 1969. Ha iniziato la sua attività artistica nel campo dell'animazione e successivamente si è dedicata all'illustrazione per l'infanzia. Ha partecipato a diverse mostre e concorsi. Ha pubblicato i suoi lavori con varie case editrici.

Intervista all'autrice: Lodovica Cima

autore: Lodovica Cima - Illustrazioni Francesca Carabelli

editore: San Paolo Edizioni, 2009

Il bambino nascosto. Favole per capire la psicologia nostra e dei nostri figli.

“Sono due bambini nascosti protagonisti di queste pagine: quello che sta dietro ogni comportamento e sintomo infantile e quello che ognuno di noi adulti si porta dentro, proiettandolo spesso inconsapevolmente sui bimbi che ci camminano accanto nella vita.

Il libro vuole aiutare a scoprire attraverso la rielaborazione fantastica di effettive storie infantili come ogni comportamento, dal punto di vista psicologico, si strutturi in maniera del tutto inconscia nel mondo interno fin dai primissimi anni della nostra esistenza.

La fatica di crescere viene analizzata a partire da temi diversi (l’abbandono dell’infanzia, la nostalgia, la perdita, il tradimento, la paura), tutti ugualmente significativi del disagio infantile. Ed è così che la scoperta del mondo interno di un bambino attraverso la riappropriazione delle nostre stesse emozioni di una volta costituisce una valida chiave d’accesso al mondo dei ragazzi, per poterli capire e aiutare meglio”

autore: Alba Marcoli

editore: Mondadori (collana Oscar saggi)