La sensibilità è un dono prezioso

La sensibilità è un dono prezioso: ha occhi, orecchie, mani attente verso il mondo degli altri e verso il nostro. Sa tacere e far silenzio per ascoltare.

 

Frequenta la seconda media ed è un ragazzo molto sveglio e attento e lo incontro in un laboratorio creativo pedagogico.

Alcune sue considerazioni mi fanno riflettere sul senso della vita, come accade ultimamente con molti bambini e ragazzi della nuova generazione.

Dialoghiamo su di una delle tante sue caratteristiche: la sensibilità.

Cerchiamo insieme di confrontarci sul significato del termine che racconta del modo che l’uomo ha di ascoltare attentamente con tutti i suoi sensi e ricevere impressioni da questa esperienza, e lui sorride dicendo che la sente qualità rara.

Lo invito a farsi ancora più chiarezza, rappresentandola in un'immagine. Ne crea i contorni, con atto istintivo, in un disegno.

“Sento di avere un grande occhio che guarda e osserva attentamente tutto, come fosse al di sopra delle parti, e tanti piccoli occhietti sensibili alle sfumature della gente, degli amici, di ciò che mi capita a scuola e a casa. I piccoli occhietti sono attenti e svegli e non perdono nessun dettaglio. L’occhio grande metterà insieme le informazioni ricevute e ne farà qualcosa di buono. Vorrei che molti miei insegnanti ne avessero tanti, di occhi sensibili, per vederci davvero, oltre a insegnarci. Se gli insegnanti amano la loro materia io lo capisco molto bene, perché sono capaci di trasmettere questa passione e i loro occhi diventano dolci. Molto, sulla sensibilità, me lo insegnano gli animali: il mio cane mi fa vedere tutte le sue emozioni ed io le vivo con lui, e ascolta i miei stati d’animo come fossero  suoi. ”

Credo che il ragazzo colga il valore prezioso della sensibilità quale viaggio a colori che elude una realtà solo in bianco e nero; la sensibilità è un superpotere che ci permette di percepire ciò che ad altri sfugge. Personalmente, ho sempre pensato che fosse una specie di anima che si indossa sulla pelle di ogni giorno.

E’ cambiata la sensibilità di tutti noi e dei bambini, con l‘uso delle nuove tecnologie: si è perso il senso dell’incontro di tutti i nostri sensi con il reale, che comunque ritara o ridefinisce la nostra sensibilità; ora la sensibilità resta collegata solo ad un' immagine personale che spesso si ingigantisce e rende ancora più ampia la portata emotiva dei vissuti.

Che dire, poi, delle immagini cruente di violenza, di rabbia, scontri - in televisione, nei videogiochi - che finiscono per rendere i più piccoli insensibili, visto che si sentono costantemente “bombardati” da esse, in ogni occasione della vita, perché sono diventate non l’eccezione, ma la regola?

Si va perdendo la sensibilità dell’incontrarsi, dell’attesa, del rivedersi, perché il nuovo modo di vivere le relazioni passa attraverso la digitazione di messaggi virtuali che vestono le relazioni di nuovi abiti, sempre cambiati velocemente, ma mai visti sino in fondo. Manca la bellezza del vivere “direttamente”, con lentezza, certi stati emotivi, nutrendo la sensibilità del cuore. E così, anche nelle “cose di cuore” la sensibilità cambia.

Camminando, mi capita sempre più spesso di scontrarmi, in città, con qualcuno concentrato sullo schermo del cellulare che, non vedendomi, mi urta. Sono sicura che molto spesso ci comportiamo allo stesso modo, per rispondere ai messaggi che ci giungono sul display, quasi impossibilitati a rimandare a dopo.

Così ci si allontana dalla sensibilità di guardare, osservare, incontrare mentre si cammina, e anche nei luoghi di attesa il cellulare ci priva della possibilità di fare nuove conoscenze o di scambiarsi quattro chiacchere: ognuno si trova in un altrove, non “sensibilmente presente” al qui.

Anche la sensibilità genitoriale, sottile e delicato dialogo con i propri figli, quasi naturale e antica essenza, viene fatta tacere e sostituita dalla ricerca di competenze e prestazioni da genitori perfetti, e cosi, in questa nuova luce educativa, la sensibilità diventa un problema, perché vista come una modalità istintiva che non trova documentazione e bibliografia utile su alcun manuale, e nemmeno in qualche articolo su internet. In quale corso di formazione verrà insegnata?

La sensibilità invita il genitore anche all’ascolto di se stesso, nella consapevolezza che “siamo quello che facciamo ora, non quello che faremo poi”, come esempio concreto per i nostri figli, perché oltre ad ogni modello teorico educativo, noi stessi siamo per loro dei modelli di vita e anche di sensibilità.

Ecco, la riflessione di quel mio giovane amico ha aperto in me importanti interrogativi e se, come si sostiene spesso, “la sensibilità è il più bell’abito che l’intelligenza possa vestire", credo che sia utile potenziarne la presenza in ogni ambito educativo, ascoltandola attentamente nei più piccoli e in noi adulti, se vi è rimasta in dosi buone, per far sì che diventi un dono relazionale. Non dimentichiamoci, inoltre, di essere modelli positivi di grande passione per ciò che facciamo, un tramite vitale di conoscenza, e contributo importante alle nuove generazioni.

Pin It
Accedi per commentare

L'avventura di crescere - una guida per i genitori di oggi

Dal risvolto di copertina:
"L'avventura di crescere, un libro che descrive lo sviluppo infantile a partire dalla nascita attraverso le tappe fondamentali: la scoperta del mondo, la conquista, gli altri, la famiglia, la scuola, l'adolescenza, l'appetito, il sonno, la paura, la violenza, la censura, la religione, il danaro, lo sport ...
Con la sensibilità di chi ha trascorso molto tempo a fianco dei genitori e dei bambini, Bernardi ci aiuta ad affrontare con responsabilità e coerenza, ma soprattutto con elasticità e apertura, tutte le tappe della crescita, ricordando che insieme al bambino anche il genitore cresce.
Un libro generoso e attento, scritto da un medico autorevole, amico dei genitori, fermamente convinto che alle sfide di oggi si possa rispondere puntando sull'educazione, la tolleranza e l'indipendenza del pensiero, rifiutando la violenza e il consumismo, fino alla difficile conquista della libertà".

Un libro di facile lettura, da leggere un pezzo alla volta a seconda delle necessità, o tutto di un fiato (ma sono quasi 500 pagine!). Scritto in un linguaggio accessibile a tutti, molto pratico, rassicurante e anche divertente.
Perchè crescere è una grande avventura, non solo per il bambino, ma anche per il genitore che attraversa con lui territori inesplorati.

Un brano tratto dal libro, sul "valore dell'ostacolo"

La "guerra di indipendenza" del bambino non ha soste. Egli si impegna di continuo a fare da sé, nel mangiare, nel vestirsi e nello spogliarsi, nell'igiene della persona, e non perde occasione per dimostrare che non ha più bisogno di nessuno. Qualche volta, anzi molto spesso, va oltre i limiti dell'opportunità e della prudenza. Allora scattano i provvedimenti restrittivi, le limitazioni, i divieti, gli impedimenti posti dai genitori, e lui, il bambino, può andare su tutte le furie e abbandonarsi a quella serie di reazioni esplosive che abbiamo visto prima. Direi che non è un male, se i genitori ce la fanno a mantenere la calma. Le proibizioni, le frustrazioni in generale, oltre alla tutela dell'integrità personale del bambino, hanno una doppia specifica funzione: quella di fornire al bambino l\'esperienza di un ostacolo cui far fronte, e quella di fargli capire che si può anche perdere una battaglia senza per questo rinunciare alla guerra. Mi direte che all'età di due anni queste cose non si possono imparare. Certo, non impararle nel senso che diamo noi a questa parola, ma si possono "sentire" e accumulare dentro di sè come preziosa esperienza. Un ragazzino che le abbia sempre tutte vinte, che non trovi mai nessuno che gli dica di no, che viva tra persone terrorizzate dalla possibilità della sua protesta, probabilmente crescerà con una personalità piuttosto fragile e disarmata. A combattere si impara presto, o non si impara mai.

Tuttavia, in questo come in ogni altro campo, conviene stare molto attenti a non esagerare. Ho detto che le frustrazioni e le proibizioni, fra l'altro spesso inevitabili, costituiscono un'utile esperienza, ma se un ragazzino subisce decine di proibizioni al giorno, se si sente dire di non fare questo e quello ogni volta che si muove, se è costantemente bersagliato da una pioggia di "no", allora delle due l'una: o si rassegna a subire tutto, a rinunciare a tutto, a sottomettersi a tutto, e andrà incontro a una vita grama di gregario, di suddito, di servo o di padrone e di "caporale", che è la stessa cosa; oppure deciderà che i divieti non hanno alcun valore e rappresentano soltanto una fastidiosa e molesta intrusione, in presenza della quale è meglio far finta di niente e comportarsi da ciechi e sordi.

Occorre dunque, da parte dei genitori, un adamantino autocontrollo. Occorre dare delle proibizioni soltanto quando servono davvero, quindi molto di rado, e occorre che le proibizioni siano sensate e coerenti. E comunque civili e rispettose. Solo in questo caso sono utili. Solo in questo caso aiutano il bambino a crescere come uomo e non, diceva Totò, come caporale.

A conclusione di questo capitoletto, potremmo dire che nel secondo anno di vita del bambino il suo mestiere è quello di dire di no il più spesso possibile, il mestiere dei genitori è quello di dire di no il meno possibile. Paradosso? Non tanto. La parola NO, come si è detto e ripetuto, è per il bambino affermazione di se stesso e della propria indipendenza. Ma non è solo questo. È anche resistere alle pressioni e alle seduzioni dell'ambiente, del costume e della moda, è anche coraggio di mettere in discussione il potere, è anche capacità di scorgere una "seconda dimensione" delle cose e quindi un passo avanti per conquistare una seconda dimensione di se stesso. È un\'avanzata trionfale verso il consolidamento della propria dignità di uomo. Speriamo che il nostro piccolo combattente conservi dentro di sè per sempre la facoltà di dire di no. Certo, nel futuro sarà un "no" diverso da quello che scaglia ora contro i genitori, sarà un "no culturale", un "no" all'ingiustizia, alla sopraffazione e all'egoismo. Non sarà più soltanto opposizione e provocazione, sarà spirito di civiltà e libertà.

autore: Marcello Bernardi

editore: Fabbri Editore

Bianco come Dio

Nicolò è un ragazzo italiano che a vent’anni non ha ancora finito il liceo. Insoddisfatto dalla vita, in perenne conflitto con il padre, è alla ricerca della sua strada

 

Leggi tutto...

Il Segreto dei Bambini Felici

“Perché tanti adulti sono infelici? Pensate a tutte le persone che conoscete, che hanno problemi come la mancanza di fiducia in se stesse, oppure l’incapacità di prendere decisioni, o di rilassarsi, o di fare amicizia. D’altronde spesso si rimane colpiti dall’allegria e dall’ottimismo che alcune persone dimostrano costantemente. Per quale ragione, dunque, alcuni individui sono più sereni e più equilibrati di altri, nonostante le avversità?

Semplicemente, l’infelicità di molte persone deriva da un condizionamento. Durante l’infanzia, queste persone sono state inconsapevolmente condizionate all’infelicità e durante l’età adulta si sono comportate di conseguenza. Leggendo questo libro scoprirete forse che, senza volerlo, state ipnotizzando i vostri figli in maniera tale da indurli a disprezzare se stessi e state creando così, in loro, molti problemi che forse li affliggeranno per tutta la vita. Nondimeno ciò non è affatto inevitabile. Potete insegnare ai vostri figli ad essere ottimisti, affettuosi, valenti, felici e ad avere la possibilità di condurre una vita lunga e prospera.”

Un manuale che darà ai genitori più fiducia in se stessi, rendendoli più forti, più capaci di amare, più rilassati e... più felici.

autore: Steve Biddulph - Illustrazioni A. Stomann

editore: Tea Libri