Stella stellina la notte si avvicina…

Tema: le routine della buona notte

Attività: Le bamboline scacciapensieri

Età: qualsiasi

Opera: Paloma che dorme, olio su tela 1952, collezione privata

Autore: Picasso

Paloma che dorme è un’opera di Picasso che trovo estremamente tenera e piena di dolcezza. È lo sguardo di un padre profondamente innamorato della figlia, uno sbirciare, compiaciuto e rispettoso, in un momento quasi sacro nella giornata della bambina. Paloma è serena, probabilmente avvolta da piacevoli sogni. Anche se il dipinto risale ad un’epoca in cui Picasso aveva già superato da decenni la fase cubista ed era stilisticamente andato ben oltre, la bambina è ritratta in uno stile fortemente influenzato dal cubismo: i volumi sono geometrici e semplificati verso l’astrazione. É possibile comunque ritrovare nell’immagine la morbidezza e la pacioccositá di una bimba di pochi anni. La posizione del corpo è dipinta in modo tale da ritrarre quel totale abbandono e serenità corporea tipici del sonno dei bambini.

Paloma è stata l’ultima figlia di Picasso e si dice che il pittore avesse un debole per lei, una sorta di legame speciale. Questo è sicuramente difficile da confermare, ma si può essere certi della tenerezza con cui Picasso vedeva questa sua ultimogenita.

Il sonno, il riposo, l’ora di andare a dormire…uno dei momenti potenzialmente più problematici delle routine giornaliere. Per i bambini (e a volte anche per gli adulti!) questa parte della giornata è molto delicata, e spesso scatena reazioni negative e ansia. Dopotutto, la notte ed il sonno racchiudono in sé molti ‘dubbi’ ed incertezze archetipiche: il buio, il non essere vigili che determina una certa vulnerabilità, e perfino l’incertezza di risvegliarsi. Non voglio assolutamente creare ulteriori preoccupazioni o amplificare in modo sproporzionato le ansie della sera, ma semplicemente prendere atto di quel groviglio di sensazioni e pensieri inconsci che a volte possono manifestarsi. D’altra parte, sappiamo tutti quanto sia importante assicurare a tutta la famiglia una notte di sonno e riposo tranquillo e quindi di conseguenza l’importanza di vivere il momento dell’andare a letto con serenità.

Queste modalità per avvicinarsi al sonno possono essere varie e diverse a seconda delle età dei bambini, delle abitudini della famiglia e perfino del momento particolare della vita sia dei bambini che della famiglia in generale. È fondamentale istituire delle routine della buona notte che possano agevolare questo momento. Creare dei riti e rituali per preparare la mente ed il corpo al riposo, ma anche per condividere momenti speciali prima di iniziare la notte. Dare la possibilità ai bambini di sentirsi protetti e al sicuro, rafforzando la relazione con i nostri figli, passando un messaggio implicito e silenzioso che confermi il fatto che, nonostante l’arrivo della notte e del sonno, noi ci siamo sempre se hanno bisogno. Questo è vero ad ogni età. Perfino con gli adolescenti. Ad esempio, recentemente mi sono ritrovata a riflettere proprio sulle routine della sera di mia figlia sedicenne. Ovviamente cerco di renderla il più indipendente possibile, senza costringerla ad andare a letto ad un’ora specifica, nonostante ci sia scuola il giorno dopo, sperando che piano piano impari ad autoregolarsi. Sapendo che lei tiene sempre un bicchiere d’acqua per la notte sul comodino, ho iniziato ad adottare un piccolo accorgimento: quando penso che sia ora di andare a dormire, prendo la scusa dell’acqua, e le porto un bicchiere direttamente in camera. Questo mi dà l’opportunità di segnalarle, senza però dirlo apertamente e incorrere in una scenata di ribellione, che è ora di iniziare a prepararsi. Allo stesso tempo ci permette di fare due chiacchiere veloci e darle la buona notte in un modo quasi ‘casuale’. E dopo questo piccolo rituale quotidiano, normalmente poi la luce nella sua stanza si spegne dopo poco.

Mio figlio di dieci anni di solito legge per una mezz’oretta prima di addormentarsi. Quando era più piccolo gli leggevamo noi delle storie. Mesi fa ha passato un periodo un po’ difficoltoso e le difficoltà della giornata si traducevano in ansia ed agitazione nel momento del sonno. Quasi per caso mi sono imbattuta in alcuni esercizi di rilassamento e visualizzazione per bambini (se ne trovano numerosi esempi online, sia su YOUTUBE che in specifici APPs) e gli ho proposto di provare a farne qualcuna insieme. Il risultato è stato strabiliante, poiché questo tipo di esercizi mentali, non solo gli hanno permesso di rilassarsi ed affrontare le cose con meno ansia (e dormire in modo più tranquillo), ma si sono rivelati anche strumenti che ha imparato ad usare autonomamente per calmarsi in momenti di agitazione durante il resto della giornata.

Un’altra pratica creativa, utile per scacciare le ansie e le preoccupazioni dei bambini, è la creazione di un set di Quitapena Munecas (o Worry Dolls, Bambole ‘Scacciapensieri’). Prese in prestito dalle tradizioni del Guatemala, Quitapena munecas sono micro-bamboline (fatte di solito con bastoncini grandi quanto un cerino e fili colorati o ritagli di stoffa) che vengono messe sotto i cuscini dei bambini. L’idea è che il bambino racconta le sue preoccupazioni e le cose che gli creano ansia alle bamboline, le quali, stando sotto il cuscino, poi tengono tutti i problemi lontano dalla mente del piccolo assicurando sonni tranquilli e senza incubi. Una versione umanizzata dell’acchiappasogni degli indiani d’America.

Perché non aiutare i vostri figli a creare il proprio set di bamboline scacciapensieri? Potete usare qualsiasi materiale, tenendo presente che le bamboline possono essere stilizzate, senza avere troppi dettagli…

                                 worrydolls3                                               worry dolls2

La cosa più semplice è arrotolare fili di lana o cotone intorno a del fil di ferro (quello flessibile ricoperto da una plastichina, di solito verde, che si usa per il giardinaggio è l’ideale perché permette ai bambini di modellarlo come vogliono), usando magari delle perline per il viso. Ma anche semplicemente disegnare gli elementi del viso su mollette di legno da bucato e creare i vestiti con dei ritagli di stoffa…

Fidatevi della creatività dei bambini.

Provate ad includere, nelle vostre routine della buona notte, qualche minuto in privato per ‘parlare’ con le bamboline, per raccontare loro le cose che disturbano e preoccupano i vostri bambini. Poi fate in modo che sia il bambino stesso a mettere le bamboline ‘a nanna’ nel loro sacchettino e a riporle sotto il cuscino o anche semplicemente sul comodino, vicino al letto.

e buona notte.

 


Consigli di approfondimento

 

Siti web:

Perché non cercare inspirazione per la creazione delle bamboline scacciapensieri su Pinterest?

O imparare a creare un Acchiappasogni o cucire un Mostro Mangiapaure

 

Pin It
Accedi per commentare

Le streghe

Un racconto inquietante che vi farà sapere chi sono le vere streghe.

Non quelle delle fiabe, sempre scarmigliate e a cavallo di una scopa, ma quelle elegantissime, somiglianti a certe signore che probabilmente già conoscete.

Come fare a individuarle?

Bisogna stare attenti a chi porta sempre i guanti, a chi si gratta la testa, a chi si toglie le scarpe a punta sotto il tavolo e a chi ha i denti azzurrini, perchè tutto ciò serve a nascondere gli artigli, i crani calvi, i piedi quadrati, la saliva blu mirtillo: tutti segni distintivi delle vere streghe.

Sapendo questo potrete evitare di venir trasformati in topi!

autore: Roald Dahl

illustrazioni: Quentin Blake

editore: Salani Editore

Il viaggio di Caden

“Quando tocchi il fondo puoi solo risalire”

 

“Il viaggio di Caden” è un romanzo commovente, ma anche divertente, un vero inno alla vita, che racconta la discesa negli abissi della mente del giovane protagonista, Caden, un ragazzo come tanti, affetto da schizofrenia.

Leggi tutto...

Rosi e Moussa

Rosi si è appena trasferita in città con la sua mamma, in un grande palazzo, molto alto, pieno di scale e di vicini che sembrano scontrosi. Non si farà mai degli amici, lo sa già!

E invece arriva Moussa: grande giacca, cappello sempre in testa, tanti fratelli, e un cane che in realtà è... un gatto. Il loro incontro nasce con una sfida: salire sul tetto proibito per guardare tutta la città dall'alto – in barba al bisbetico vicino signor Tak.

E dalle sfide, si sa, nascono le migliori amicizie e le avventure più belle.

Una delicata storia di amicizia e multiculturalità, scritta con naturalezza e senza ipocrisie.

Romanzo perfetto per le prime letture.

Autore: Michael de Cock e Judith Vanistandael

Editore: Il Castoro