Stella stellina la notte si avvicina…

Tema: le routine della buona notte

Attività: Le bamboline scacciapensieri

Età: qualsiasi

Opera: Paloma che dorme, olio su tela 1952, collezione privata

Autore: Picasso

Paloma che dorme è un’opera di Picasso che trovo estremamente tenera e piena di dolcezza. È lo sguardo di un padre profondamente innamorato della figlia, uno sbirciare, compiaciuto e rispettoso, in un momento quasi sacro nella giornata della bambina. Paloma è serena, probabilmente avvolta da piacevoli sogni. Anche se il dipinto risale ad un’epoca in cui Picasso aveva già superato da decenni la fase cubista ed era stilisticamente andato ben oltre, la bambina è ritratta in uno stile fortemente influenzato dal cubismo: i volumi sono geometrici e semplificati verso l’astrazione. É possibile comunque ritrovare nell’immagine la morbidezza e la pacioccositá di una bimba di pochi anni. La posizione del corpo è dipinta in modo tale da ritrarre quel totale abbandono e serenità corporea tipici del sonno dei bambini.

Paloma è stata l’ultima figlia di Picasso e si dice che il pittore avesse un debole per lei, una sorta di legame speciale. Questo è sicuramente difficile da confermare, ma si può essere certi della tenerezza con cui Picasso vedeva questa sua ultimogenita.

Il sonno, il riposo, l’ora di andare a dormire…uno dei momenti potenzialmente più problematici delle routine giornaliere. Per i bambini (e a volte anche per gli adulti!) questa parte della giornata è molto delicata, e spesso scatena reazioni negative e ansia. Dopotutto, la notte ed il sonno racchiudono in sé molti ‘dubbi’ ed incertezze archetipiche: il buio, il non essere vigili che determina una certa vulnerabilità, e perfino l’incertezza di risvegliarsi. Non voglio assolutamente creare ulteriori preoccupazioni o amplificare in modo sproporzionato le ansie della sera, ma semplicemente prendere atto di quel groviglio di sensazioni e pensieri inconsci che a volte possono manifestarsi. D’altra parte, sappiamo tutti quanto sia importante assicurare a tutta la famiglia una notte di sonno e riposo tranquillo e quindi di conseguenza l’importanza di vivere il momento dell’andare a letto con serenità.

Queste modalità per avvicinarsi al sonno possono essere varie e diverse a seconda delle età dei bambini, delle abitudini della famiglia e perfino del momento particolare della vita sia dei bambini che della famiglia in generale. È fondamentale istituire delle routine della buona notte che possano agevolare questo momento. Creare dei riti e rituali per preparare la mente ed il corpo al riposo, ma anche per condividere momenti speciali prima di iniziare la notte. Dare la possibilità ai bambini di sentirsi protetti e al sicuro, rafforzando la relazione con i nostri figli, passando un messaggio implicito e silenzioso che confermi il fatto che, nonostante l’arrivo della notte e del sonno, noi ci siamo sempre se hanno bisogno. Questo è vero ad ogni età. Perfino con gli adolescenti. Ad esempio, recentemente mi sono ritrovata a riflettere proprio sulle routine della sera di mia figlia sedicenne. Ovviamente cerco di renderla il più indipendente possibile, senza costringerla ad andare a letto ad un’ora specifica, nonostante ci sia scuola il giorno dopo, sperando che piano piano impari ad autoregolarsi. Sapendo che lei tiene sempre un bicchiere d’acqua per la notte sul comodino, ho iniziato ad adottare un piccolo accorgimento: quando penso che sia ora di andare a dormire, prendo la scusa dell’acqua, e le porto un bicchiere direttamente in camera. Questo mi dà l’opportunità di segnalarle, senza però dirlo apertamente e incorrere in una scenata di ribellione, che è ora di iniziare a prepararsi. Allo stesso tempo ci permette di fare due chiacchiere veloci e darle la buona notte in un modo quasi ‘casuale’. E dopo questo piccolo rituale quotidiano, normalmente poi la luce nella sua stanza si spegne dopo poco.

Mio figlio di dieci anni di solito legge per una mezz’oretta prima di addormentarsi. Quando era più piccolo gli leggevamo noi delle storie. Mesi fa ha passato un periodo un po’ difficoltoso e le difficoltà della giornata si traducevano in ansia ed agitazione nel momento del sonno. Quasi per caso mi sono imbattuta in alcuni esercizi di rilassamento e visualizzazione per bambini (se ne trovano numerosi esempi online, sia su YOUTUBE che in specifici APPs) e gli ho proposto di provare a farne qualcuna insieme. Il risultato è stato strabiliante, poiché questo tipo di esercizi mentali, non solo gli hanno permesso di rilassarsi ed affrontare le cose con meno ansia (e dormire in modo più tranquillo), ma si sono rivelati anche strumenti che ha imparato ad usare autonomamente per calmarsi in momenti di agitazione durante il resto della giornata.

Un’altra pratica creativa, utile per scacciare le ansie e le preoccupazioni dei bambini, è la creazione di un set di Quitapena Munecas (o Worry Dolls, Bambole ‘Scacciapensieri’). Prese in prestito dalle tradizioni del Guatemala, Quitapena munecas sono micro-bamboline (fatte di solito con bastoncini grandi quanto un cerino e fili colorati o ritagli di stoffa) che vengono messe sotto i cuscini dei bambini. L’idea è che il bambino racconta le sue preoccupazioni e le cose che gli creano ansia alle bamboline, le quali, stando sotto il cuscino, poi tengono tutti i problemi lontano dalla mente del piccolo assicurando sonni tranquilli e senza incubi. Una versione umanizzata dell’acchiappasogni degli indiani d’America.

Perché non aiutare i vostri figli a creare il proprio set di bamboline scacciapensieri? Potete usare qualsiasi materiale, tenendo presente che le bamboline possono essere stilizzate, senza avere troppi dettagli…

                                 worrydolls3                                               worry dolls2

La cosa più semplice è arrotolare fili di lana o cotone intorno a del fil di ferro (quello flessibile ricoperto da una plastichina, di solito verde, che si usa per il giardinaggio è l’ideale perché permette ai bambini di modellarlo come vogliono), usando magari delle perline per il viso. Ma anche semplicemente disegnare gli elementi del viso su mollette di legno da bucato e creare i vestiti con dei ritagli di stoffa…

Fidatevi della creatività dei bambini.

Provate ad includere, nelle vostre routine della buona notte, qualche minuto in privato per ‘parlare’ con le bamboline, per raccontare loro le cose che disturbano e preoccupano i vostri bambini. Poi fate in modo che sia il bambino stesso a mettere le bamboline ‘a nanna’ nel loro sacchettino e a riporle sotto il cuscino o anche semplicemente sul comodino, vicino al letto.

e buona notte.

 


Consigli di approfondimento

 

Siti web:

Perché non cercare inspirazione per la creazione delle bamboline scacciapensieri su Pinterest?

O imparare a creare un Acchiappasogni o cucire un Mostro Mangiapaure

 

Pin It
Accedi per commentare

Genitori Manipolatori. Riconoscere e fuggire l'amore malato

Sappiamo tutti che colpevolizzare i figli, insultarli o denigrarli in pubblico sono azioni abominevoli, che intaccano l'autostima dei ragazzi, rendendoli insicuri delle proprie sensazioni. Ma a nessuno viene in mente che ciò significhi non amare i figli, né tanto meno essi hanno la percezione di subire un sopruso. 

In effetti non è facile capire dove sta il limite tra un normale sbotto genitoriale, un momento di debolezza o insicurezza educativa e un comportamento persistente di maltrattamento emotivo. La differenza sta nella frequenza e nei modi impiegati per esercitare il proprio potere, instillando sensi di colpa con comportamento spesso insensati e ingiustificati. I genitori di questo tipo sono "manipolatori" patologici, sono quelli che in psichiatria vengono definiti con personalità narcisistica.

Leggi tutto...

Mi hanno ucciso le fiabe. Come spiegare la guerra e il terrorismo ai nostri figli.

Durante l'osservazione del comportamento di alcuni bambini del suo Centro giochi di Masal, l'autrice - nota psicoterapeuta, rimane impressionata dalla seguente conversazione: "Secondo me dovrebbero dare il permesso agli americani di usare la bomba atomica così ne sganciano una su Bagdad ed è finita la guerra". Un'altro bambino risponde "Io penso che sia sbagliato perchè se butti una bomba atomica su Bagdad uccidi tutta la gente e poi anche...come si chiama..Aladino. Così uccidono tutte le nostre fiabe e non ci sono più fiabe". Dialogo surreale che mette in evidenza un problema molto serio: guerre, massacri di innocenti, armi chimiche, attacchi kamikaze ed eventi naturali incontrollabili: le notizie dei disastri colpiscono grandi e piccini e nessun mass media riserva spazi a loro adeguati per aiutarli ad impadronirsi della realtà.

In questo libro Masal Pas Bagdadi ha intervistato bambini e fermato i loro pensieri e le loro emozioni ma soprattutto ci insegna a stare loro vicini, a rassicurarli e a decodificare le loro paure sui grandi temi della guerra e della distruzione. Ci dice come dirglielo e cosa dirgli, cosa fargli sapere e cosa non fargli vedere, ci mette in guardia contro le difficoltà che si possono incontrare e ci suggerisce come affrontarle.

Un libro per entrare in sintonia con i propri figli, per comprendere i loro ragionamenti e percepire le realtà che possono provvedere al loro fondamentale bisogno di sicurezza.

autore: Masal Pas Bagdadi

editore: Franco Angeli

 

Il bambino perduto e ritrovato. Favole per far la pace col bambino che siamo stati.

“Gli adulti ritengono comunemente di poter pensare e agire in modo libero nei loro comportamenti abituali, mentre in realtà sono spesso condizionati dal bambino che sono stati, con la sua vitalità e creatività, ma anche con le sue realtà irrisolte, che possono interferire con le loro attuali relazioni, quella con i figli innanzi tutto.


Forse nel desiderio di evitare, ai figli, fatiche eccessive, gli adulti a volte spianano loro troppo la strada, impedendogli così di confrontarsi con le difficoltà che invece aiutano a crescere e a rinforzarsi: Altre volte, anche, aspettano da loro quei successi che invece a loro sono mancati e che consolino la loro basa autostima, e questo complica la vita sia a loro che ai figli.


Questo libro vorrebbe aiutare noi adulti, sempre attraverso delle favole costruite su molte storie reali condensate in una, a cercare di evitare che le ombre del nostro passato interferiscano troppo con la nostra relazione con i bambini e i ragazzi condizionandoli eccessivamente e involontariamente nelle loro scelte e nella disposizione mentale con cui affronteranno la vita.”

autore: Alba Marcoli

editore: Mondadori (collana Oscar saggi)