Fratelli che litigano

Appena l'intruso comincia a camminare, a pretendere un suo spazio e una sua collocazione nel gioco, fosse solo per rompere la torre appena costruita o per scarabocchiare il bel disegno appena finito, iniziano i problemi veri. Non bastava che pretendesse il tempo che la mamma dedicava a me, ora vuole pure i giochi, i miei giochi! Che rabbia!


Come non capire il fratello maggiore che si scaglia contro il piccolo devastatore?
I litigi tra fratelli, soprattutto se vicini di età, riescono sempre a coglierci di sorpresa: a parte i casi evidenti come quello appena descritto, quasi mai riusciamo a coglierne la dinamica. O meglio, vediamo il lato esteriore superficiale ma, probabilmente, non riusciamo a empatizzare in egual misura con i contendenti.

 


Man mano che i bambini crescono, poi, gli scontri diventano anche verbali, ma non meno violenti. Quanti di noi vengono storditi quotidianamente da lunghi, petulanti battibecchi per le questioni più inutili (ai nostri occhi) ?

Che fare? Credo che la cosa migliore sia quella di non intervenire, se non nei casi in cui è a rischio l'incolumità fisica. Ma anche quando si picchiano è meglio limitarsi a dividere i litiganti senza prendere posizione. Ancora più difficile è non intervenire quando volano parole grosse, questo avviene soprattutto tra sorelle, che fanno più male dei pugni. In questi casi forse è meglio non ascoltare, riservando ad altri momenti un eventuale invito a moderare le parole, spiegando come possono ferire. Se ci fanno arrabbiare, la sfuriata sarà per entrambi, così come le eventuali conseguenze.

Un'idea è anche quella di invitarli a esprimere le loro ragioni, per iscritto se hanno l'età per farlo, oppure a raccontare e a disegnare, se sono più piccini. Questo sarebbe l'ideale, certo, anche se non è facile da mettere in pratica, dato che noi per primi perdiamo la pazienza in quei frangenti.

Ci sono poi i casi in cui il colpevole è molto evidente, l'ingiustizia è palese, la prepotenza anche. Ma visto che nulla succede per caso, forse l'aggressore ha bisogno di maggiore comprensione e, dal suo punto di vista, noi lo consideriamo sempre colpevole (e magari abbiamo anche ragione!).

E così ci tocca pure coccolare l'aggredito quasi di nascosto, dicendo che capiamo benissimo che la colpa non è sua e, allo stesso tempo, cerchiamo di capire il piccolo prepotente, perché la parte del cattivo ce l'ha sempre lui.

È difficile, soprattutto perché sappiamo che i litigi non diminuiscono neppure con queste strategie.
I conflitti, tuttavia, sono necessari per la crescita e, se lasciamo che i bambini si confrontino senza interferire, aumenterà la coesione e la solidarietà tra fratelli. Si alleeranno presto "contro" gli adulti, creando un mondo tutto loro che rappresenta una grande ricchezza e occasione di crescita, patrimonio condiviso dell'infanzia.

 

Segnaliamo la Bibliografia, fratelli si diventa

Pin It
Accedi per commentare

Tecnobarocco. Tecnologie inutili e altri disastri

Leggendo questo libro molti troveranno delle conferme a dei ragionamenti  che spesso sorgono spontanei di fronte a innovazioni tecnologiche che la gente ha subito come traumi e che invece di semplificare l’esistenza  l’hanno resa più complicata. La domanda è quasi sempre la stessa: “Ne abbiamo veramente bisogno?”  Cambiamo ogni due o tre anni sistemi operativi che non comportano necessariamente miglioramenti;  affrontiamo lunghissime telefonate presso enti e aziende, digitando vari codici di accesso col telefono a pulsanti, solo per ascoltare un’alberatura di messaggi vocali che rende impossibile il contatto con un operatore; immagazziniamo una mole immensa di immagini digitali di cui non ricordiamo più niente; compriamo il cellulare di ultima generazione quando per comunicare ci bastava la prima versione.  Mario Tozzi (geologo e noto conduttore di trasmissioni televisive di divulgazione scientifica) e molti altri della sua stessa generazione,  non “nativi digitali”,  hanno vissuto l’epoca in cui si andava in biblioteca a fare le ricerche scolastiche, si usava il telefono con il duplex, ci si muoveva con la mappa geografica, si giocava al biliardino e al flipper, ma soprattutto ci si spostava  con automobili dotate di quel magnifico e comodo aggeggio chiamato deflettore per il quale anche Francesco Guccini nel suo libro “Dizionario delle cose perdute” pensa di  fondare una Lega (Prodeflettore!).

 

Leggi tutto...

La Shoah dei bambini. La persecuzione dell'infanzia ebraica in Italia 1938 -1945

Il Novecento è stato anche il secolo dei bambini, in cui è nata una cultura dell'infanzia, in cui ci si è accorti dell'importanza del vissuto infantile sullo sviluppo della persona, anche da adulta. Eppure o forse proprio per questo, nello stesso tempo, il progetto nazista ha rimosso proprio l'infanzia nella sua specificità, per estirpare le radici di una popolazione. 
L'attenzione ai bambini è necessaria per fondare un futuro di diritti e di pace, eppure anche adesso in tutto il mondo l'infanzia è violata, non rispettata, negata.

Leggi tutto...

Che forza papà!

Un gruppo di vivaci bambini conversando tra loro riflettono su quanti tipi di papà ci sono al mondo.

Dai loro racconti viene fuori che le tipologie sono le più variegate; ci sono papà che lavorano vicino e quelli che lavorano lontano, quelli che aggiustano automobili e quelli che "aggiustano" animali. Quelli che fanno la spesa, quelli forti, quelli coraggiosi, quelli che sanno fare tutte le faccende domestiche. Poi c'è chi ha due papà, quello biologico e quello di "cuore", ci sono papà che si frequentano tutto l'anno, altri solo nei fine settimana o nel periodo delle vacanze; alcuni singoli altri doppi...

Sarà Mario, che ha un papà single, ad aiutarli a capire che, quale che sia la tipologia del proprio papà, è importante ed unico il forte legame che unisce un padre al proprio bambino.

Una tenera storia da leggere insieme ai bambini, priva di stereotipi, piena d'ammirazione per i diversi tipi di papà, e che fa certamente sorridere e riflettere.

autore: Autore Isabella Paglia - Illustratore Francesca Cavallaro

editore: Fatatrac