Il metodo Montessori

"Insegnami a fare da solo"
Questo è, in estrema sintesi, il dogma su cui è costruito il metodo Montessori.
Non va inteso come un invito all'indisciplina, come è stato erroneamente considerato negli anni bui durante i quali Maria Montessori - creatrice dell'omonimo metodo - fu addirittura costretta all'esilio.
Al contrario. Creando un ambiente intorno a lui che lo accolga e lo coinvolga, che lo attragga e lo stimoli, il bambino stesso trova nel rispetto dell'altro (inteso come essere umano, oggetto, pensiero) il fondamento della sua crescita. Ponendo grande attenzione all'arredamento e alla disposizione dell'aula, con angoli separati per i diversi momenti/giochi/funzioni, il bambino trova nella scuola un ambiente familiare e al tempo stesso rispettoso della scansione temporale della giornata. Le aule così organizzate favoriscono una naturale aggregazione in piccoli gruppi per la realizzazione delle attività, ma al tempo stesso stimolano il desiderio di approfondire e condividere le proprie capacità. 


La pedagogia montessoriana rovescia il ruolo dell'educatore, che "non è più colui che trasmette il sapere ma colui che impara il silenzio; invece di insegnare deve osservare; invece della dignità orgogliosa di chi vuole apparire infallibile, dimostra una veste di umiltà". La maestra si pone dunque nei confronti dei bambini su un piano orizzontale e non verticale, limitandosi a mostrare l'utilizzo corretto del materiale per poi "ritirarsi" ad osservare il bambino nel suo processo di avvicinamento, manipolazione ed elaborazione. Si viene così a creare una dinamica di classe nella quale i bambini non sono solo discenti ma compartecipanti. Questo li aiuta a sviluppare una piena coscienza di sé, a sentirsi responsabili ed importanti a qualsiasi età, e favorisce nei più grandi il desiderio di coinvolgere, aiutare e accompagnare i più piccoli. 

Nelle scuole Montessori il bambino è libero di scegliere il materiale e di utilizzarlo per tutto il tempo che desidera, ma sa che di quel materiale vi è un solo esemplare e dunque dovrà averne cura e riporlo dopo l'utilizzo. Allo stesso modo, se il materiale che vuole usare è già utilizzato da un altro bambino, imparerà ad aspettare che l'altro lo riponga al suo posto.

In questo modo, i bambini montessoriani saranno capaci di lavorare individualmente e in gruppo, impareranno ad adattarsi alle regole sociali e a rispettare i tempi e i modi dell'altro da sé.

 

Pin It
Accedi per commentare

Genitori fatti ad arte. Prepararsi all'arrivo di un bambino

Questo libro è un diario, una storia, un prezioso scrigno di suggerimenti, idee, proposte, esercizi, riflessioni che accompagnano e si intrecciano al percorso che ogni donna e ogni uomo fanno nelle 40 settimane di attesa.

Dalla scoperta dell'esistenza di una nuova vita all'emozione del primo vagito.

Leggi tutto...

Insegnare a vivere. Manifesto per cambiare l’educazione

Una grande Riforma dell’educazione o meglio una vera e propria METAMORFOSI (ultima parola del libro) quella  che auspica il grande pensatore contemporaneo Edgar Morin,  oggetto di analisi anche nei suoi due precedenti saggi:  La testa ben fatta e I sette saperi necessari all’educazione del futuro. 

Partendo dalla massima di Rousseau nell’Emilio: “Vivere è il mestiere che voglio insegnargli”,  Morin si richiama anche alla tradizione filosofica greca che insegnava la saggezza della “vita buona” e lo fa proprio  perché individua nell’umanità odierna l’assunzione di un modello di pensiero legato al dominio, alla conquista di potere, all’individualismo sfrenato,  ad un sapere fatto a compartimenti stagni che determina  una iper-specializzazione  che fa perdere la visione d’insieme e ci conduce al mal-essere, all’incomprensione che regna nelle relazioni tra umani.

 

Leggi tutto...

Il libro di tutte le cose

Ho appena finito di leggere questo magnifico libro.

È ambientato in Olanda, il protagonista si chiama Thomas. Lui vive in un mondo tutto suo, si rifugia nella sua testa, perché non accetta la realtà. Lui però la realtà, in una parte della sua testa la conosce. Thomas sa che il padre fa cose sbagliate e che gli preferisce la sorella, che secondo lui ha un cervello di gallina, ma nel corso del romanzo avrà modo di fargli cambiare idea.

Leggi tutto...