I regimi sbilanciati

Per rimanere in linea (e soprattutto sani) la strada da seguire è una sola. La conoscono tutti, è ben indicata, ma troppo scomoda per essere molto battuta: le calorie introdotte nell'organismo devono essere adeguate alle calorie in uscita, mantenendo un'alimentazione che non metta da parte i carboidrati, anzi che punti su questi, secondo il tradizionale modello mediterraneo. È l'unico che si è mostrato in grado di proteggerci da malattie tipiche del nostro tempo come aterosclerosi, cancro, ipertensione e diabete.

Non assolvono questo compito le diete "alla moda". Anzi, puntando quasi tutte sull'esclusione di carboidrati e grassi, possono ridurre un corpo sano (anche se un po' troppo florido) a un vero rottame. Qualche esempio?
I regimi iperproteici affaticano i reni, perché danno all'organismo "energia sporca". Le proteine, del resto, non sono fatte per servire da "benzina", ma per costruire molecole regolatrici e protettive. Il compito di dare energia spetta a carboidrati e grassi; è solo quando questi scarseggiano che le proteine devono "sacrificarsi". Quando questo accade, però, oltre a non svolgere più le funzioni che le competono, la proteina rilascia una scoria tossica, un pezzetto di molecola caratteristico di ogni aminoacido: l'ammoniaca.

La conseguenza è che l'organismo perde più acqua e che i reni devono lavorare di più per eliminare questa scorie. Inoltre, le diete che escludono carboidrati e grassi sono acidificanti, e quindi non molto salutari per l'organismo, per il metabolismo, o per le nostre ossa.

Le diete iperproteiche, inoltre, sono molto grasse, a meno che non siano basate esclusivamente o quasi su prodotti vegetali (soprattutto legumi), perché le proteine negli alimenti si accompagnano quasi sempre ai lipidi.
Così nella carne, come nelle uova e nei formaggi, ci sono proteine, ma anche grassi saturi e colesterolo.

Una dieta iperproteica è quindi essenzialmente una dieta grassa […] e benchè non sia pericolosa per la maggior parte delle persone in buona salute (se condotta per brevi periodi di tempo), non se ne conoscono gli effetti a lungo termine.

L'American Hearth Association, tramite la sua prestigiosa rivista Circulation, ha pubblicato un documento diretto agli operatori sanitari nel quale scoraggia fortemente il ricorso a diete iperproteiche e mette in guardia sui possibili rischi cardiaci, renali, ossei ed epatici.

Per saperne di più

www.pcrm.org


Si ringrazia Andrea Ghiselli per l'autorizzazione alla riproduzione di questo testo, contenuto in "La dieta mediterranea, anzi italiana", Sperling & Kupfer Editori, di Andrea Ghiselli e Lavinia Guffanti.

Pin It
Accedi per commentare

Mauro e il leone

Dei leoni certo bisogna avere paura, sono belve che possono diventare terribili. Ma un giorno, qui, una bellissima ragazza vestita di rosso dà il via a un patto magico fra i bambini e i leoni. È così che un bambino, Mauro, e un poderoso Leone, Ulisse, diventano amici per la pelle. Tanto che, come Ulisse è pronto a tutto pur di aiutare Mauro, anche il bambino si sente pronto a tutto quando è il leone che deve essere aiutato e difeso. Così comincia questa grande storia fittissima di avventure sorprendenti, in un mondo spesso popolato di personaggi infidi e malvagi.

È una storia famosa che ha affascinato moltissimi bambini.
Illustrazioni dell'autore.

Consigliato dai 5 anni

La sottile linea scura

Lansdale Joe R. é un autore americano che spazia dal giallo al western, dall'horror al romanzo storico, dalla satira sociale al romanzo di formazione come 'La sottile linea scura'.

Ambientato nel Texas del 1958 è la storia del tredicenne Stanley, che lavora nel drive-in del padre e mette il naso in un segreto che doveva rimanere celato. In quell'estate avviene "la perdita dell'innocenza" di Stanley, il mondo per lui cambierà per sempre.

La 'sottile linea scura', che segna per lui la scoperta del male, del dolore e della morte insieme con l'esplosione del sesso e la consapevolezza del conflitto razziale, diventa il mezzo con cui l'autore ci fa immergere in quegli anni Cinquanta che sembrano così lontani.

Se avete letto con passione 'Il buio oltre la siepe' di Harper Lee questo è un libro che fa per voi.

Autore: Lansdale Joe R.

Editore: Einaudi

Il mago dei numeri

Un libro da leggere prima di addormentarsi, dedicato a chi ha paura della matematica.

Roberto è un bambino come tanti, che odia la matematica, soprattutto perché non la capisce e gli sembra noiosa. Ma una notte gli appare un mago che lo porta in un mondo affascinante e sconosciuto.

Pian piano Roberto prende familiarità con strumenti matematici che si rivelano divertenti e comincia ad apprezzare quel mondo matematico di cui prima aveva paura. Concetti matematici anche difficili spiegati ai bambini come delle favole.

La matematica è un mostro che fa un po' meno paura.

Per Enzensberger la matematica è un mondo immaginario che riserva continue sorprese ed è capace di colpirti con la sua genialità. Questo libro, scritto per una bambina di dieci anni ma destinato ai lettori di tutte le età, ne è la prova.

autore: Hans Magnus Enzensberger - Illustrazioni di Rotraut Susanne Berner

editore: Einaudi - collana Supercoralli