A scuola di natura

Trovare occasioni didattiche interessanti durante le vacanze estive è possibile e auspicabile. Nulla come il contatto diretto con un'esperienza naturale dà ai ragazzi la possibilità di apprendere senza nemmeno rendersene conto, ma soprattutto di sensibilizzare le loro giovani menti alle problematiche ambientali che portano sempre più all'istituzione di riserve protezionistiche per la salvaguardia di flora e fauna locale.



Un'esperienza come questa, ad esempio, si può effettuare presso la riserva naturale di Tor Caldara, che con i suoi 44 ettari costituisce uno degli ultimi lembi delle migliaia di ettari di bosco che ricoprivano il Lazio fino agli inizi del 1900. 

La riserva si trova tra Anzio e Lido di Lavinio, al Km. 34,400 della via Ardeatina, e costituisce un esempio di foresta mediterranea a prevalenza di sempreverdi: lecci, che ne costituiscono il 70%, sugheri, erica arborea, corbezzolo; nelle zone più umide troviamo ontani, pioppi, tremuli, farnie. È ricca anche di fauna composta da rettili, anfibi, uccelli, e mammiferi vari. (La foto qui sopra è stata scattata da un giovanissimo visitatore).

All'ingresso del parco viene richiesto di non portare via nulla: né un ramoscello né un pezzetto di sughero magari trovato per terra, per non alterare in nessun modo l'habitat e le abitudini degli animali che vi dimorano in piena libertà. 

Nella riserva sono ospitate, inoltre, decine di esemplari di tartarughe che offrono una simpatica accoglienza a tutti i visitatori. Le numerose sorgenti sulfuree, nelle quali è fatto divieto di bagnarsi, sono dovute alla risalita dei gas vulcanici dalle radici periferiche del vulcano laziale. 

Si possono vedere anche numerosi resti di costruzioni romane e la torre di avvistamento, eretta nel 1560, a difesa dalle incursioni saracene. 

Tor Caldara rimane un'oasi incontaminata dove ritrovano valore quei paesaggi naturalistici che l'uomo non ha fortunatamente ancora intaccato e che preserva gelosamente. 

Gli argomenti da approfondire in modo piacevole e leggero con i ragazzi in un luogo come questo sono moltissimi, dagli aspetti naturalistici - legati soprattutto alla presenza degli animali e ai fenomeni geo-fisici, a quelli storici. 

Riserva Naturale Regionale Tor Caldara

Pin It
Accedi per commentare

Desiderare un figlio, adottare un bambino

L'adozione di un bambino è una scelta complessa ed articolata che inizia dal desiderio di prendersi cura di un figlio nato da altri. Il nostro lavoro, che ci mette in contatto quotidianamente con questa realtà, ci ha fornito uno spazio privilegiato di osservazione, e ci ha indotte a riflettere su quale ruolo possano svolgere i servizi per sostenere le famiglie adottive. Abbiamo cercato di dare voce a tutti i protagonisti dell\'adozione: i genitori, i bambini, gli operatori, gli insegnanti e gli educatori delle case-famiglia, proponendo una chiave di lettura in cui ognuno possa ritrovare un terreno di confronto e trasformare le peculiarità in risorse.

Autore: Simonetta Cavallie Maria Cristina Aglietti

Editore: Armando

L’arte di essere normale

L’arte di essere normale, romanzo pluripremiato d’esordio dell’autrice inglese Lisa Williamson, tradotto in 9 lingue, ha dato avvio a un importante dibattito su tematiche LGBT, trattando la storia di un adolescente transgender. 

Lisa Williamson ha lavorato a lungo in un centro di supporto a ragazzi adolescenti nell’ambito dell’identità di genere e ha riportato la sua esperienza personale in questo racconto.

Narrato con estrema semplicità dello stile, ironia e leggerezza, è senza ombra di dubbio una storia forte, su un adolescente transgender in conflitto con la sua identità.

Leggi tutto...

Bianco come Dio

Nicolò è un ragazzo italiano che a vent’anni non ha ancora finito il liceo. Insoddisfatto dalla vita, in perenne conflitto con il padre, è alla ricerca della sua strada

 

Leggi tutto...