Piccoli lettori consapevoli

Sono tanti i bambini che leggono volentieri, soprattutto durante le vacanze. Certo, non i libri consigliati alla fine della scuola, in edizione scolastica con tanto di linee guida o domande a cui rispondere: quelli di solito vengono snobbati oppure letti malvolentieri qualche giorno prima dell'inizio della scuola.

D'altra parte anche noi desideriamo poter scegliere i libri anche se teniamo in grande considerazione i consigli di chi stimiamo e che conosce i nostri gusti.

E allora che fare con i libri dei nostri ragazzi? Scegliamo noi, dopo esserci fatti magari una cultura sulla letteratura per l'infanzia, ci facciamo consigliare o portiamo i pargoli in libreria e li lasciamo scegliere a ruota libera? 

La letteratura per l'infanzia è sempre stata considerata letteratura minore fino a pochi decenni fa. Era infatti un filone a parte, con un chiaro intento moralistico ed educativo, un intento che la vera letteratura non si sogna neppure lontanamente di avere. È solo da Rodari in poi che anche i libri per bambini hanno avuto un ruolo di tutto rispetto, e il confine tra letteratura per adulti e ragazzi si è fatto via via più labile: si è scoperto che sempre più scrittori "per adulti" possono essere letti anche dai più piccoli e che molti libri per l'infanzia (e di conseguenza autori per bambini) vengono letti dai grandi.

Eppure la tentazione pedagogica ed educativa è forte, quando si tratta di scegliere il libro, dimenticando che prima di tutto un buon libro deve essere scritto bene e divertire; se poi fa pensare e ci arricchisce, questo deve avvenire quasi di nascosto, altrimenti si cade nella trappola scolastica, in cui quasi tutti noi siamo caduti. 

Non sottovalutiamo la capacità di scelta dei nostri figli: certo, saranno attirati dalle figure, dai formati, ma ritengo che a partire dai sette/otto anni siano in grado anche di fare ottime scelte. Forse non sarà sempre così: di fronte a uno scaffale con centinaia di titoli si va in confusione, occorre comunque un indirizzo o un criterio. Ci sono vari modi per aiutarli: oramai quasi tutte le biblioteche hanno sezioni per ragazzi molto fornite e aggiornate. Lì i bambini hanno accesso liberamente ai libri che non vengono disposti per catturare la loro attenzione con il personaggio più in voga in primo piano. 

E noi che ruolo abbiamo in tutto questo? Lo confesso, a me risulta molto difficile non intervenire per niente sulle loro scelte. Allora, quando vado in libreria da sola (rari momenti di somma pace) torno con dei libri dicendo che sono per me o che li devo regalare o che sono per la sorellina (che magari non sa neppure leggere!). Questo suscita una grossa curiosità che implica un'inevitabile lettura di quel libro, che poi influenzerà la scelta futura. In questo modo i bambini imparano a scegliere e a orientare i gusti; anche se nel loro zaino metteranno per primo il libro sull'ultima maghetta di grido ci sarà posto anche per quell'altro, dello stesso autore che hanno scoperto per caso. 

Pin It
Accedi per commentare

Ti mangio!

Mentre si avventura in bici per i boschi, insieme alla sorella Sara, il piccolo Leo viene inghiottito all’improvviso da un grande e pelosissimo mostro: il temibile INGHIOTTONE dei BOSCHI!

Sara, senza perdersi d’animo, si lancia all’impazzata sulla sua bicicletta in un’operazione di soccorso ma proprio mentre sta per raggiungerlo, quel tondo mostro vorace viene inghiottito a sua volta da un mostro ancora più grande: un enorme GNAMMETE ALATO! Sara non si dà per vinta, accelera sulla sua bicicletta, ma mentre sta per raggiungere lo Gnammete Alato, un gigante ACCHIAPPONE MARINO balza fuori dal mare e se lo pappa in un sol boccone!

Ma non può immaginare che un mostro ancora più grande, il celebre SLURPANTE SPINATO, abbia già messo gli occhi su quell’enorme e prelibato... ehm... bocconcino marino!

Come farà Sara a tirar fuori Leo da tutte quelle voraci fauci?! E sembra non esserci mai fine, perché ecco balzar fuori perfino un immenso e affamatissimo ZOMPONE DAI DENTI A SCIABOLA!

Ora basta! Bisogna intervenire! E con astuzia e intraprendenza i due fratellini riusciranno a trovare una soluzione davvero geniale! I mostri, anche quelli più grandi, sono avvisati: mai sottovalutare l’intelligenza, la fantasia e la furbizia dei bambini!

Il libro, TI MANGIO! di John Fardell, edito in Italia dal Castoro, ha vinto come Miglior libro nella sezione “Crescere con i libri” nell’ambito della 4^edizione del premio Nazionale Nati per Leggere (Miglior libro per bambini tra i 3 e i 6 anni, relativo al tema "Il coraggio"), con la seguente motivazione:

Per la scintillante inventiva che dimostra come chi ha coraggio sa tenere gli occhi ben aperti sulla realtà senza chiudere quelli della fantasia.

 

autore: John Fardell

editore: Il Castoro

Narciso innamorato. La fine dell'amore romantico nelle relazioni tra adolescenti

“La realizzazione del proprio Sé”. E’ questo l’obiettivo principale dei genitori di oggi, formare cioè dei figli consapevoli delle proprie capacità, dei propri desideri, fornendo stimoli per una loro crescita felice, autonoma, ricca di relazioni sociali, contatti ed esperienze diverse.

 

Leggi tutto...

Sorella del mio cuore

La vita di due bambine che diventano donne perdendosi e ritrovandosi fra le tradizioni dell'India e le sue contraddizioni. Nate e cresciute insieme si conoscono e si amano profondamente, condividendo gioie, dolori, speranze.

Ma fuori dai muri protettivi della loro famiglia le attendono i segreti del passato e le nebbie del futuro: i fantasmi dei loro padri, i fanatismi dei pregiudizi e dei riti sociali, la fatica quotidiana di una famiglia di sole donne per allevarle e mantenerle, lo spettro del matrimonio combinato e l'incanto del vero amore.

Un romanzo che ci avvicina al mondo affascinante dell'India, che ce ne fa scoprire la magia ma anche le profonde contraddizioni che lo caratterizzano.

La storia ha un seguito, nel libro "Il fiore del desiderio", che si svolge in America dove si perde la magia che caratterizza questo volume, le ragazze crescono e con loro la difficoltà e l'amarezza dei loro destini.

autore: Chitra Banerjee Divakaruni (traduzione Federica Oddera)

editore: Einaudi