Perché si insegna? Che cosa si insegna?

A queste domande si può rispondere in svariate maniere. 

Si insegna perché amiamo stare assieme ai bambini, perché ci gratifica stare a osservare come il seme gettato nel fertile terreno dell'infanzia germogli e cresca dando, a tempo debito, i suoi frutti.

Si insegna ai piccoli ad acquisire regole di vita, autonomia nel gestirla, li si accompagna all'inizio di un lungo percorso nel quale dovranno imparare a confrontarsi con gli altri, a condividere spazi, cose, affetti e amicizie e si danno loro gli strumenti adeguati per acquisire abilità e competenze... Infine si insegnano cose, quelle che al momento in cui entrano nella scuola ancora non fanno parte del loro bagaglio culturale.

Fino a oggi, vivendo nella realtà di un paese rurale di provincia, sono riuscita a mantenere, e con me le mie colleghe, un atteggiamento di rispetto, di collaborazione e partecipazione nel rapporto con le famiglie. Loro si avvicinavano a noi con fiducia e forti aspettative; noi cercavamo in tutti i modi di affrontare le loro ansie e quelle dei loro piccoli condividendo gli interventi educativi e creando un'atmosfera serena e quanto più possibile vicina a ogni singola esigenza di inserimento, tenendo conto della sensibilità e delle peculiarità di ciascuno.

Quindi abbiamo impegnato, con piacere e dovere, tempo e fatica per elaborare strategie comportamentali, a riorganizzare spazi, tempi e risorse per ottimizzare la nostra offerta formativa. Talvolta è capitato di sentirci dire da altre colleghe: "Siete esagerate!", ma noi abbiamo ignorato l'appunto perché abbiamo sempre creduto fermamente nella validità del nostro operato.

Oggi cominciamo ad avere dei dubbi. Non passa giorno in cui ci vengano rivolte richieste, puntualizzazioni, rimostranze anche offensive dal punto di vista professionale e morale da parte dei genitori. Comprendiamo benissimo le loro paure e insicurezze, ma ci sembra sbagliato l'approccio: si rivolgono direttamente al personale ausiliario che il più del volte non è autorizzato a dare risposte di tipo educativo. Se un bambino affronta un momento di disagio fisiologico, " la colpa è delle maestre che lo sgridano troppo o dei bambini che lo picchiano". Poi si sentono in dovere di istigare i loro piccoli a difendersi da soli (legge del taglione). E danno credito più alle parole dei loro figli che a quelle delle insegnanti.

Molte delle nostre richieste indirizzate a un corretto svolgimento delle attività sono disattese e molte iniziative vengono ostacolate, a volte con maleducazione. Avvertiamo una mancanza di fiducia nei nostri confronti e ci chiediamo come questi genitori possano decidere, comunque, di affidarci i loro figli per un tempo così lungo. 

Se non condividono certe scelte che noi riteniamo educative anche se sembrano esclusivamente organizzative - come per esempio l'inserimento graduale dei bambini di tre anni - riuscendo a bloccare un progetto presentato a giugno, per il quale noi impegniamo ore d'insegnamento aggiuntive, perché continuano ad affidarci parte del progetto educativo dei loro figli?

Le cose peggiorano di anno in anno e nonostante il nostro impegno a rivedere e rivalutare il nostro atteggiamento e i nostri metodi di comunicazione con le famiglie, siamo sfiduciate!

Poi succedono cose, all'improvviso, che danno luce al nostro umore nero come quella che è successa ieri nell'aula del "calendario": lo stereo è acceso e le note della canzone La isla bonita volteggiano nell'aria. Tre bambine, due di quattro anni e una di cinque, ballano e i loro movimenti sono quelli di un balletto che faceva parte della recita di fine anno scolastico 2004/05. Loro non erano inserite nel gruppo che si esibiva in quella danza, ma conoscono i passi benissimo, e ballano! Sono fiocchi di neve, farfalle leggiadre, raggi di sole che delicatamente filtrano fra le nuvole dopo un temporale estivo.

Sono loro la vera ragione per cui continuiamo ad insegnare, a gettare quei semi, per aspettare il risveglio della primavera e assistere, attonite ma appagate, allo sbocciare di quei fiori meravigliosi e unici... nonostante tutto!

Pin It
Accedi per commentare

DIVERGENT

Ho sempre adorato i libri per gli adolescenti, ma ultimamente ho sviluppato un nuovo amore per una serie in particolare. Divergent, é il primo dell’omonima trilogia di libri di Veronica Roth. Popolarissima tra i giovani, é l’ennesima serie di libridistopici. O almeno credo si dica così...non conoscevo questo termine finché mia figlia Penelope ha iniziato a leggere questo nuovo genere di romanzi. Utilizzando un linguaggio ed una classificazione ‘tradizionale’ potremmo definirli romanzi di fantascienza, con delle sfumature di significato un pò particolari. Ambientati nel futuro, offrono la rappresentazione di una società fittizia nella quale alcune tendenze sociali, politiche e tecnologiche avvertite nel presente sono portate a estremi negativi. Il padre di questo genere potrebbe essere considerato1984(G. Orwell) oFahrenheit 451(R. Brandbury). The Hunger Gamesne é un’altro esempio contemporaneo popolarissimo, già diventato un cult.

Leggi tutto...

Il volo di Sara

In un grigio pomeriggio autunnale la piccola Sara scende dal treno che la porta insieme a tanti altri verso le baracche di un campo di concentramento.

Leggi tutto...

Il bambino nascosto. Favole per capire la psicologia nostra e dei nostri figli.

“Sono due bambini nascosti protagonisti di queste pagine: quello che sta dietro ogni comportamento e sintomo infantile e quello che ognuno di noi adulti si porta dentro, proiettandolo spesso inconsapevolmente sui bimbi che ci camminano accanto nella vita.

Il libro vuole aiutare a scoprire attraverso la rielaborazione fantastica di effettive storie infantili come ogni comportamento, dal punto di vista psicologico, si strutturi in maniera del tutto inconscia nel mondo interno fin dai primissimi anni della nostra esistenza.

La fatica di crescere viene analizzata a partire da temi diversi (l’abbandono dell’infanzia, la nostalgia, la perdita, il tradimento, la paura), tutti ugualmente significativi del disagio infantile. Ed è così che la scoperta del mondo interno di un bambino attraverso la riappropriazione delle nostre stesse emozioni di una volta costituisce una valida chiave d’accesso al mondo dei ragazzi, per poterli capire e aiutare meglio”

autore: Alba Marcoli

editore: Mondadori (collana Oscar saggi)