Inappetente

Quante volte abbiamo sentito una frase di questo tipo ululata da mamme preoccupate, angosciate, in cerca di nuovi preparati che facciano venire fame al pargolo? Dalla pappa reale al fegato di merluzzo, per finire con i composti chimici a conclusione del percorso "aiutiamo il bambino a mangiare!", qualsiasi espediente è buono affinché il pupo mangi di più, mangi quanto la mamma ha deciso debba mangiare. Chiaramente se neppure gli stimolatori dell'appetito funzionano, cominciano le paranoie circa lo stato di salute: sarà celiaco? Anemico? Forse è un pochino pallido. Facciamo delle analisi! 

Difficile rimanere distaccati quando il pupo dice NO alla pappa. Nutrire un bambino diventa una questione di principio, una battaglia della mamma che si sente nell'ordine inadatta, inadeguata, degenere, per non riuscire a portare a termine il compito di mamma: nutrirlo! 

Succede durante lo svezzamento, a un anno quando si introducono i cibi degli adulti, a tre anni all'ingresso nella scuola materna quando scatta la prova-mensa, e ancora avanti negli anni. Per alcune mamme il problema si protrae fino all'età adulta: "Figlio mio (30 anni), come ti sei sciupato, metto su un bel piatto di pasta!" 
Prestiamo attenzione a non cadere in questo genere di trappole, è fin troppo facile.

Nutrire un bambino per molte mamme rappresenta una difficoltà insormontabile. Di quante calorie avrà bisogno in una giornata? Mangerà abbastanza? E giù a cercare cibi nutrienti, gustosi, appetitosi. Ma i bimbi più scafati non ci cascano: "NO non mangio!" E diventa la battaglia del secolo. Da una parte la mamma che forza il pupo, dall'altra un NO secco e una chiusura ermetica della boccuccia in questione.

Vorrei fare una netta distinzione: esistono bambini inappetenti ed esistono mamme apprensive. Nel mezzo, una vasta gamma di possibili combinazioni. Il cibo è una delle armi di ricatto più semplici da utilizzare. E il bambino lo sa, lo percepisce. 

Comprensibile l'apprensione della mamma di fronte a un bimbo che mangia poco (ma anche questo è soggettivo e discrezionale), conosco quella sensazione di inadeguatezza per averla provata, ma a un certo punto occorre davvero staccarsi da certi atteggiamenti che potrebbero compromettere un buon rapporto del bambino con il cibo. Qual è la soluzione? A ognuno la sua. Per me è stata illuminante la dichiarazione del pediatra circa le calorie da assumere quotidianamente: non esiste una quantità indicativa, ogni bambino è diverso, ogni bambino necessita di quantità di cibo differenti. Semplice, semplicissimo, come allattare a richiesta. Perché non ci ho pensato prima? 

Il bambino cresce bene, perché mai preoccuparsi? Un bambino sano sa autoregolarsi, meglio chiarire la questione fin da subito e concentrarsi sul fatto che è in buona salute. 

Cerchiamo di tenere a mente due punti fondamentali: 
- il cibo fornito in eccedenza ora potrebbe portare problemi di obesità in futuro 
- un cattivo rapporto con il cibo può essere causa di disturbi alimentari 

Due buoni motivi per mettersi il cuore in pace e lasciare che il bambino mangi le quantità che desidera, senza che noi mamme insistiamo affinché quel benedetto piatto venga finito. 

Pin It
Accedi per commentare

I figli che aspettano. Testimonianze e normative sull'adozione.

Il mondo è pieno di figli che aspettano di essere figli. Ma essere adottati non è facile, perché non è facile adottare. Eppure si fa, si deve poter fare. Carla Forcolin esplora il territorio in cui si muovono i figli che aspettano, analizza il macroscopico divario che esiste fra la disponibilità ad adottare e le adozioni attuate, scandaglia gli effetti delle nuove leggi, lascia emergere le contraddizioni che ne ostacolano o comunque ne rendono faticosa l’esecuzione.

Leggi tutto...

Il ritmo del corpo. Muoversi con consapevolezza

Un libro e un percorso sulla consapevolezza del sé, per sintonizzare il proprio corpo e la propria mente con i ritmi interiori e con quelli dell’ambiente che ci circonda attraverso la pratica costante, perseverante e umile del Daoyin Yangshen Gong, la forma del qi gong diffusasi in Cina negli anni 70 al fine di migliorare la salute e acquisire longevità.

Gli autori del libro, uno insegnante di qi gong e operatore tuina e l’altra fondatrice dell’Associazione Culturale ”Centro per lo Sviluppo Evolutivo dell’Uomo”, raccontandoci la propria esperienza personale maturata da contesti diversi, ci conducono passo dopo passo e con estrema chiarezza in questa dimensione caratterizzata da esercizi fisici armonici e rilassanti di estremo beneficio per la nostra salute, ma anche e soprattutto funzionali ad un recupero della capacità del nostro corpo-mente di ascoltarsi lasciando scorrere le energie vitali.

Leggi tutto...

George e Sam

Una madre, due figli autistici e il racconto di un intensa quotidianità.

È la storia dell'infanzia di due fratelli autistici, descritta con obiettività e anche ironia. È interessante e illuminante, anche per chi non ha figli autistici; attraverso le parole dell'autrice si colgono tante cose che fanno meditare.

Dall'introduzione:

George e Sam è un libro illuminante. Non ci fornisce quel tipo di riscatto sentimentale che permette di piangere e dimenticare, ma propone e, cosa più impressionante, risponde a una serie di domande importanti che sono valide per tutti noi.

Fino a che punto siamo preparati ad accogliere i nostri bambini?

Siamo in grado di amarli così come sono?

Se la nostra vita non è come ce l'aspettavamo, qual è il modo migliore di viverla?

Charlotte Moore ha le risposte.

autore: Charlotte Moore

editore: Penguin