Sara Turetta

So bene che nel mondo ci sono problemi molto più gravi ed importanti che coinvolgono intere popolazioni, ma se è vero che la civiltà di un popolo si misura dal modo in cui tratta i suoi animali, dobbiamo mobilitarci tutti insieme per fermare lo sterminio di cani che si sta perpetrando in Romania. Quella stessa Romania che nel 2007 diventerà a tutti gli effetti un membro dell'Unione Europea; la stessa in cui Ceausescu per ammodernare le città, fece sostituire le casette con giardino da palazzi condominiali, provocando l'abbandono in strada di migliaia di cani. Nessuno pensò a sterilizzarli e nei decenni si sono riprodotti in modo spaventoso. 

Nel 2001 l'allora sindaco di Bucarest, Basescu, oggi presidente della Romania, per risolvere il problema, diede ordine di uccidere il maggior numero possibile di cani randagi.
Inizialmente venivano soppressi con iniezioni letali, ma col passare del tempo e visto l'alto numero di animali da uccidere, si passò a metodi molto più economici ed altrettanto disumani: morte per fame o per sete rinchiusi in piccole gabbie.

Le foto della strage iniziarono a circolare all'estero tra gli animalisti ed arrivano ad una ventottenne milanese, già impegnata nel volontariato: Sara Turetta.

Sara decide di trascorrere le sue vacanze a Bucarest e caricato il suo furgoncino di provviste e materiale medico, parte, pensando di tamponare le emergenze più gravi. Arrivata in Romania si accorge però che la situazione è assai più drammatica di quanto immaginasse: non potrà salvare tutti quei randagi.
L'unica strada percorribile è quella di una sterilizzazione a tappeto; Sara inizia ad intavolare trattative con le autorità mettendo in campo argomentazioni di praticità e di statistiche.
Le soppressioni oltre ad essere crudeli sono completamente inutili vista la facilità di riproduzione in questi frangenti: una cagna va in calore ogni sei mesi, in un paio di anni di randagismo partorisce anche 16 cuccioli, che a loro volta si moltiplicheranno.

Per fortuna George Hansa, sindaco di Cernavoda, una piccola cittadina poverissima nel sud-est del paese, ascolta Sara e, all'inizio del 2002, firma con lei un accordo che lo impegna a cessare le esecuzioni in cambio di sterilizzazioni a tappeto. È così che inizia l'avventura rumena di Sara che dà vita a Save the dogs e insieme ad una giovane veterinaria, contando solo sull'aiuto economico di privati e di associazioni animaliste, ristruttura un edificio fatiscente, dove circa 250 cani trovano finalmente rifugio. L'attività prevalente di Sara è però quella di recuperare cani randagi sul territorio, catturarli con metodi non traumatici e portarli nel rifugio per sterilizzarli, prima di re-immetterli nel loro branco d'origine. Ogni mese riescono a sterilizzare circa 150 animali. L'ottanta per cento sono cani, il rimanente gatti. 

Inoltre si occupa di incentivare le adozioni, portando gli animali anche in Italia, Olanda e Svizzera. Questo progetto in soli tre anni ha ridotto il numero di cani nella città di Cernavoda da 2000 a 400 individui. 
In tutti questi anni la domanda che più frequentemente viene rivolta a Sara è: "Come mai si occupa di cani in un paese dove i bambini sono i primi a soffrire?"
Non credere che lavorare e aiutare gli animali in paesi poveri sia biasimevole. Insegniamo il rispetto e l'amore per altre creature. È un messaggio positivo, non violento, che diffondiamo in un paese dove regna la legge del più forte, dove non c'è giustizia. E i bambini sono i primi a raccogliere questo messaggio.

Recentemente però, a Bucarest si sta approntando una nuova legge che dovrà decidere come gestire il drammatico fenomeno del randagismo canino nel paese. Le alternative sono due: è possibile che a tutti i sindaci rumeni venga imposto di uccidere i cani, interrompendo le sterilizzazioni, oppure si farà marcia indietro sulle uccisioni, optando per le sterilizzazioni in collaborazione con le associazioni. 
Se venisse scelta la prima strada sarebbe la fine del progetto di Save the dogs ed una immensa tragedia per tutti quei cani che finora sono rimasti protetti dal lavoro di Sara e da quello di pochi altri.

E qui entriamo in ballo noi: dobbiamo fare qualcosa per dare una mano a Sara. Vi segnalo alcune iniziative alle quali partecipare: regalare una cuccia ad un cane in Romania, acquistare il calendario del 2006 per 8 euro (più 2 per spese di spedizione), si può fare una donazione: 3 euro bastano per un vaccino polivalente e con 8 euro si sterilizza una femmina; 10 possono nutrire un cane per un mese. Basta poco! Come ho scritto all'inizio, sicuramente ci sono cose più importanti ma anche questa merita tutta la nostra attenzione.

Indirizzi utili
Save the dogs and other animals
Via Nenni 5 - 20070 Vizzolo P. (MI) 
Tel 320 6521564
Per i bollettini: ccp 62998497
Per i bonifici su bancoposta: conto n° 62998497 Abi 07601 cab 01600 

Per informazioni
Save the dogs 
Cani Bucarest 
Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 

Pin It
Accedi per commentare

Articoli correlati

L'aggancio

L'incontro casuale in un garage di Cape Town tra una ricca ragazza bianca e un giovane arabo, colto ma povero, mette in moto una serie di eventi inimmaginabili. Abdu, l'uomo del garage, si chiama in verità Ibrahim ibn Musa. È immigrato illegalmente in Sudafrica da un misero paese africano con una laurea in economia. La ragazza è Julie Summers, insofferente al proprio ambiente privilegiato ma culturalmente ristretto.

La loro relazione è sostenuta all'inizio da una forte attrazione sessuale che è quasi l'unico linguaggio comune tra due mondi assolutamente diversi. Ma la loro storia si rafforza al punto che, quando le autorità obbligano Ibrahim a tornare nel suo paese, Julie sorprende la famiglia, gli amici e soprattutto se stessa decidendo di seguirlo come moglie.

In una piccola città sommersa dalla polvere e circondata dal deserto, Julie lotta per essere accettata dalla sua nuova famiglia mussulmana. Ibrahim, intanto, continua a lottare per emigrare ancora, verso gli Stati Uniti. Quando finalmente arriva il momento della partenza, la scelta di Julie sarà ancora una volta sorprendente: decide infatti di restare. Con questo nuovo romanzo, Nadine Gordimer indaga le ragioni dell'amore, esplora l'incontro tra culture diverse e racconta la condizione dei disperati, privati di ogni certezza.

[Descrizione tratta dal sito dell'editore La Feltrinelli]

autore: Nadine Gordimer

editore: Feltrinelli Editore - Universale Economica

 

La vera storia del pirata Long John Silver

La biografia - raccontata in prima persona - di Long John Silver, il temibile pirata con una gamba sola dell'Isola del Tesoro, fatto sparire da Stevenson nel nulla che riappare ora vivo e ricco in Madagascar intento a scrivere le sue memorie.

E così ci si ritrova - adulti - a leggere una storia di pirati, con lo stesso gusto con cui lo facevamo da bambini, sognando ancora di porti affollati di vascelli, taverne fumose, tesori, arrembaggi, tempeste improvvise.

Ma non c'è solo questo, c'è anche la scoperta del mondo all'epoca della pirateria, i legami con il commercio ufficiale, le condizioni atroci dei marinai, i soprusi dei capitani, il codice egualitario dei pirati, le loro efferatezze e quelle contro cui si ribellavano.

 

Un grande affresco di un'epoca e di un mondo che ha sempre affascinato grandi e piccoli.

autore: Larsson Björn (traduzione K. De Marco)

editore: Iperborea

Genitori fatti ad arte. Prepararsi all'arrivo di un bambino

Questo libro è un diario, una storia, un prezioso scrigno di suggerimenti, idee, proposte, esercizi, riflessioni che accompagnano e si intrecciano al percorso che ogni donna e ogni uomo fanno nelle 40 settimane di attesa.

Dalla scoperta dell'esistenza di una nuova vita all'emozione del primo vagito.

Leggi tutto...