Forum SaD: SaDafare e da dire

Il Forum Permanente per il Sostegno a Distanza è il più rappresentativo raggruppamento di organizzazioni del settore: con più di 120 associazioni aderenti, ha come principale obiettivo la promozione del Sostegno a Distanza, quale forma solidale di sviluppo tra i popoli.

 

Nato dall’esigenza di rappresentare, a livello nazionale, le organizzazioni che fanno sostegno a distanza e i tanti donatori presenti in Italia, il Forum SaD ha negli anni realizzato alcune azioni importanti. Una delle fondamentali azioni messe in essere è stata la creazione del Censimento Nazionale del settore, importante strumento di informazione e di trasparenza accessibile a tutti; inoltre ha avviato, a garanzia dei donatori, un processo di autoregolamentazione, impegnando le associazioni ad attenersi a dei codici di comportamento quali la Carta dei Princìpi per il Sostegno a Distanza, un codice etico sottoscritto da 130 organizzazioni e la Carta dei Criteri di Qualità SaD, un codice di comportamento a garanzia della qualità del Sostegno a Distanza.

Quest'anno il XVI Forum Nazionale del Sostegno a Distanza si terrà a Torino il 6 e 7 marzo ed affronterà due temi molto attuali del mondo del SaD: da un lato il cosiddetto "SaD di vicinanza", ossia un sostegno fornito alle persone in difficoltà nel nostro territorio, dall'altro la nuova legge della cooperazione internazionale, che riconosce nuovi attori.

Il convegno si svolgerà presso la sala formazione del Comune di Torino nella giornata di venerdì 6 marzo, e presso le sale dell'Open 011 nella giornata di sabato 7 marzo.

Per approfondimenti:

Coperazione Italiana allo Sviluppo: Riforma della coperazione allo sviluppo

ForumSAD. Forum permamente per il Sostegno a distanza

Pin It
Accedi per commentare

Articoli correlati

I No che aiutano a crescere

A prima vista si può pensare che questo libro presenti il "No" come strumento educativo e non come conseguenza di un normale rapporto tra le persone.

Almeno, così pare leggendo la quarta di copertina:
Un neonato strilla, un bambino vampirizza la madre, un adolescente sta fuori fino a notte fonda. Per paura di frustrarli, i genitori spesso rinunciano a educare i figli, a riconoscere i confini tra l'io e il mondo, a controllare gli impulsi, a dominare l'ansia, a sopportare le avversità. Nelle famiglie si creano cosi situazioni di disagio per la semplice incapacità di dire un no. Dovrebbe essere ovvio che in certi casi bisogna dire di no, eppure l'opinione comune è che sia meglio dire di sì. Non saper negare o vietare qualcosa al momento giusto può pero avere conseguenze negative sulla relazione tra genitori e figli, come anche sullo sviluppo della personalità dei bambini.

In realtà, il libro è un'analisi lucida e profonda del comportamento dei bambini dalla nascita all'adolescenza e del loro rapporto con i genitori. I "No" e i limiti non sono solo quelli che il genitore dice al bambino, ma sono soprattutto quelli che il genitore impara a dire a se stesso per favorire la crescita del figlio. Le ragioni del bambino sono sempre tenute in considerazione, come pure l'interazione madre-figlio. I limiti sono anche per la madre, quando non sa accettare che il figlio possa essere diverso da come lei se lo immagina, quando non accetta che possa essere autonomo, o quando interferisce con il ritmo e le sue modalità di apprendimento.

È pieno di ottimi spunti e di buon senso e, a dispetto del titolo, non è affatto un incoraggiamento a una revisione autoritaria del ruolo genitoriale.

autore: Asha Phillips (traduzione L. Cornalba)

editore: Feltrinelli

La musica in testa

Autobiografia del giovane pianista e compositore Giovanni Allevi che intervalla il racconto degli episodi che hanno contrassegnato la propria ascesa al successo con riflessioni filosofiche sulla vita e sull’importanza che l’arte musicale ha esercitato su di essa. Il libro inizia con il primo concerto di Napoli quando a 22 anni  era ancora agli inizi della propria carriera e a vederlo erano solo 5 spettatori e approda ai trionfi conquistati negli Stati Uniti.

 

Leggi tutto...

Il cammino dei diritti

Questo libro illustrato racconta in molto semplice ed immediato del lunghissimo percorso che in tutto il mondo uomini e donne di epoche diverse hanno fatto, nel riconoscimento dei diritti umani. Quando è stato, e dove è stato, che un Paese ha detto no ad una barbaria illuminando la strada non solo ai propri cittadini, ma anche al resto del mondo, perché potesse seguire il suo esempio?

Leggi tutto...