Un vulcano in eruzione

È una via di mezzo tra gioco ed esperimento, da fare possibilmente all'aria aperta o in balcone, l'ideale sarebbe la spiaggia dove oltre al "vulcano" si può costruire un po' di scenografia intorno.


Cosa serve:

- ghiaia, sabbia o terra per costruire la montagna

In alternativa si può fare un vulcano con il das o la pasta da modellare, sistemandolo su un pannello con una superficie piana.

- bicarbonato di sodio

- aceto

- pomodoro o ketchup

Costruire un vulcano a seconda del posto in cui si svolge il gioco.
Se è in spiaggia, basta fare la montagnetta, se sul balcone o in casa, sistemare un bottiglia di plastica e incollarla su un pannello e successivamente circondarla di terra, sabbia o ghiaia. Anche se si utilizza il das non occorre la bottiglia, a patto che ci sia una base per "accogliere" la lava in eruzione.

Miscelare il bicarbonato con il pomodoro e riempire per metà il "vulcano" (o la bottiglia all'interno del vulcano).
Poi aggiungere rapidamente l'aceto e godetevi l'eruzione!
Il bicarbonato reagisce con l'aceto formando una schiuma che uscirà dal vulcano sembrando proprio lava in eruzione.

Pin It
Accedi per commentare

Il viaggio di Caden

“Quando tocchi il fondo puoi solo risalire”

 

“Il viaggio di Caden” è un romanzo commovente, ma anche divertente, un vero inno alla vita, che racconta la discesa negli abissi della mente del giovane protagonista, Caden, un ragazzo come tanti, affetto da schizofrenia.

Leggi tutto...

La Shoah dei bambini. La persecuzione dell'infanzia ebraica in Italia 1938 -1945

Il Novecento è stato anche il secolo dei bambini, in cui è nata una cultura dell'infanzia, in cui ci si è accorti dell'importanza del vissuto infantile sullo sviluppo della persona, anche da adulta. Eppure o forse proprio per questo, nello stesso tempo, il progetto nazista ha rimosso proprio l'infanzia nella sua specificità, per estirpare le radici di una popolazione. 
L'attenzione ai bambini è necessaria per fondare un futuro di diritti e di pace, eppure anche adesso in tutto il mondo l'infanzia è violata, non rispettata, negata.

Leggi tutto...

Il bambino nascosto. Favole per capire la psicologia nostra e dei nostri figli.

“Sono due bambini nascosti protagonisti di queste pagine: quello che sta dietro ogni comportamento e sintomo infantile e quello che ognuno di noi adulti si porta dentro, proiettandolo spesso inconsapevolmente sui bimbi che ci camminano accanto nella vita.

Il libro vuole aiutare a scoprire attraverso la rielaborazione fantastica di effettive storie infantili come ogni comportamento, dal punto di vista psicologico, si strutturi in maniera del tutto inconscia nel mondo interno fin dai primissimi anni della nostra esistenza.

La fatica di crescere viene analizzata a partire da temi diversi (l’abbandono dell’infanzia, la nostalgia, la perdita, il tradimento, la paura), tutti ugualmente significativi del disagio infantile. Ed è così che la scoperta del mondo interno di un bambino attraverso la riappropriazione delle nostre stesse emozioni di una volta costituisce una valida chiave d’accesso al mondo dei ragazzi, per poterli capire e aiutare meglio”

autore: Alba Marcoli

editore: Mondadori (collana Oscar saggi)