Siamo tutti Homo sapiens sapiens

Viaggi, emigrazione, adozioni internazionali: ogni giorno, eventi come questi ci portano in contatto con persone nate in paesi geograficamente e culturalmente lontani da noi, che spesso ci sembrano molto diverse. Così, ci capita di avere vicini di banco, colleghi di ufficio, amici o conoscenti diversi per il colore della pelle, per la forma degli occhi, del naso o delle labbra, per il tipo e il colore dei capelli. Ma quanto siamo diversi, in realtà? 

La biologia ci dice che apparteniamo tutti allo stesso genere e alla stessa specie,Homo sapiens. Ma spesso sentiamo parlare di "razze" umane. Che cos'è una razza? Potremmo genericamente definire una razza come un gruppo di individui che si distinguono dagli altri della stessa specie per alcuni caratteri trasmissibili alla discendenza. Ma questa distinzione vale anche per la nostra specie? Si racconta che Albert Einstein, invitato a compilare un modulo di immigrazione al suo arrivo negli Usa, alla voce "razza" inserì la risposta "umana". Dunque, le razze umane non esistono? 

L'idea di dividere gli esseri umani in gruppi razziali risale a diversi secoli fa. Già nel XVIII secolo, Linneo aveva suddiviso gli esseri umani in razze distinte, intese come sottospecie, in base a caratteri fisici e a peculiarità di comportamento: per esempio,Homo sapiens americanus si distingueva per la tenacia, mentre Homo sapiens europaeus spiccava per l'inventiva e la vivacità. Seguirono quindi diverse classificazioni, tra cui quella basata sul colore della pelle proposta dall'anatomista tedesco Blumenbach, che riconosceva 5 razze: bianca (caucasica), gialla (mongola), nera (etiopica), rossa (americana) e bruna (malese). Successivamente, il concetto di selezione naturale proposto da Darwin, in cui alcuni leggevano l'idea un "premio" della natura per alcuni gruppi umani, e la pubblicazione di studi anatomici che presumevano di riconoscere in alcune popolazioni un volume maggiore del cervello e quindi una maggiore intelligenza, diedero il via a un sempre più forte "pensiero razzista". E questo pensiero fu usato per giustificare, per esempio, la riduzione in schiavitù di invididui con la pelle nera. 

Negli anni della seconda guerra mondiale, l'idea che la diversità di alcune popolazioni avesse un significato di inferiorità, la distinzione tra "razze buone e razze cattive" e il mito della "purezza della razza" vennero ulteriormente sfruttati per giustificare i crimini del nazismo. La "purezza della razza" dal punto di vista biologico non esiste: il fatto che in un gruppo di esseri umani (o di qualunque altro organismo vivente) quasi tutti gli individui abbiano un determinato carattere, come per esempio i capelli biondi tra i popoli dell'Europa settentrionale, non significa che in quel gruppo tutti gli altri caratteri abbiano la stessa ricorrenza. Al contrario, all'interno di una popolazione esiste sempre e comunque una grande variabilità genetica tra gli individui. Nel caso degli scandinavi o dei tedeschi è stato l'adattamento allo stesso tipo di clima a favorire un'omogeneità per quanto riguarda il carattere "capelli biondi", ma per il resto la genetica ci dice che le differenze tra un abitante di Stoccolma e uno di Nairobi sono irrilevanti. 
Nel XX secolo, si passò a suddividere gli esseri umani in base alla distribuzione geografica, alla lingua e ad altre caratteristiche culturali. Ma tutti questi sistemi hanno in comune un punto debole: gli individui appartenenti ai diversi raggruppamenti, in tutti i casi, sono in grado di incrociarsi e avere figli, e oltretutto hanno numerose opportunità di incontrarsi e mescolare il loro patrimonio genetico.

Oggi, la possibilità di effettuare indagini genetiche sempre più sofisticate ha reso di grande attualità il tema delle razze umane. La notizia sicuramente più interessante, rivelata da studi di geografia genetica, è la conferma che esiste una maggiore differenza genetica all'interno di uno stesso gruppo rispetto a quella che esiste tra un gruppo e l'altro: in altre parole, sono geneticamente più diversi tra loro, per esempio, due italiani che un italiano e un africano presi a caso! L'origine delle differenze di aspetto, come il colore della pelle e i tratti del volto, è relativamente recente dal punto di vista evolutivo, e si deve soprattutto all'adattamento ambientale subito dalle popolazioni negli ultimo 100 mila anni, in seguito alle migrazioni che da un unico nucleo originario, probabilmente africano o mediorientale, hanno portato gli esseri umani a distribuirsi in tutti gli angoli della Terra. 

Oggi, la parola "razza" riferita agli esseri umani viene per lo più correttamente usata come sinonimo di gruppo etnico, cioè di un gruppo di individui originari di una particolare area geografica che si distinguono soprattutto per la cultura, la lingua, le tradizioni e la religione.


(Testo adattato da Albatros- Lezioni e immagini di Biologia di Giuliana Anelli e Elena Gatti, Edizioni Scolastiche Bruno Mondadori)

Pin It
Accedi per commentare

Che forza papà!

Un gruppo di vivaci bambini conversando tra loro riflettono su quanti tipi di papà ci sono al mondo.

Dai loro racconti viene fuori che le tipologie sono le più variegate; ci sono papà che lavorano vicino e quelli che lavorano lontano, quelli che aggiustano automobili e quelli che "aggiustano" animali. Quelli che fanno la spesa, quelli forti, quelli coraggiosi, quelli che sanno fare tutte le faccende domestiche. Poi c'è chi ha due papà, quello biologico e quello di "cuore", ci sono papà che si frequentano tutto l'anno, altri solo nei fine settimana o nel periodo delle vacanze; alcuni singoli altri doppi...

Sarà Mario, che ha un papà single, ad aiutarli a capire che, quale che sia la tipologia del proprio papà, è importante ed unico il forte legame che unisce un padre al proprio bambino.

Una tenera storia da leggere insieme ai bambini, priva di stereotipi, piena d'ammirazione per i diversi tipi di papà, e che fa certamente sorridere e riflettere.

autore: Autore Isabella Paglia - Illustratore Francesca Cavallaro

editore: Fatatrac

L’ora di lezione. Per un’erotica dell’insegnamento

Non sono più rami storti da raddrizzare e nemmeno vasi da riempire i nostri ragazzi che frequentano le scuole, siano esse primarie, secondarie o università . L’insegnante deve recuperare il ruolo che è indicato nella stessa etimologia  della parola “insegnare”, lasciare un segno, un’impronta importante nell’allievo, svincolandosi dal contenuto del sapere, per trasmettere l’amore per il sapere. 

Leggi tutto...

La mia mamma guarirà

Questa è la storia di Alvise un bambino di sei anni e della sua mamma Maria.

Alvise racconta di alcuni episodi di vita quotidiana, l'insorgenza e la progressione della malattia della mamma. Quando la mamma ha i primi malori, Alvise è ancora piccolo e va in prima elementare, quindi vede solo i sintomi, non riesce a collegare fra loro i singoli eventi, ma ascolta con interesse e timore le parole dei genitori e dei medici.

Leggi tutto...